Giorno: 25 novembre 2013

25 novembre 2013 0

Violenza sessuale, 23enne arrestato a Pontecorvo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un 23 enne di Pontecorvo é stato arrestato questa mattina dai carabinieri in seguito alla denuncia presentata da una 19enne concittadina che sostiene di essere stata violentata dal giovane. I fatti sarebbero accaduti ieri sera nell’auto del 23enne che, secondo la denuncia, avrebbe costretto la ragazza, con la quale aveva un rapporto sentimentale, a subire un rapporto sessuale. Il giovane si é difeso sostenendo che il rapporto é stato consenziente. La procura, dopo il referto medico, ha disposto l’arresto del giovane che é stato ristretto ai domiciliari.

25 novembre 2013 0

II Congresso del Circolo SEL Cassino

Di admin

Da SEL Cassino riceviamo e pubblichiamo: Sabato 23 Novembre 2013, presso la sala della Biblioteca comunale “E. Malatesta”, dalle ore 16, si è svolto il II Congresso del Circolo SEL Cassino alla presenza dell’On. deputato Nazzareno Pilozzi e del componente della segreteria provinciale Giuseppe Fortuna. Il Circolo ha confermato ancora una volta di essere un’importante realtà. Con i suoi 55 iscritti, infatti, SEL Cassino è uno dei circoli più grandi dell’intera provincia. E l’importante partecipazione di iscritti, di simpatizzanti e di ospiti è la dimostrazione della bontà del lavoro svolto in questi anni. Hanno preso parte ai nostri lavori diversi rappresentanti dell’associazionismo, dei partiti politici e del sindacato. Nello specifico: Le ali della solidarietà, Fausto Pellecchia, presidente della No cab, pro Park, Giovanni Morsillo, Presidente provinciale dell’Anpi, Bruno della Corte, presidente della cooperativa il Risveglio, Marcello Iacovella dell’USB, Donato Gatti, Segretario Provinciale della Fiom, Pierluigi Franchitto in rappresentanza del Pd, Oreste della Posta, segretario provinciale del Pdci, mentre il Psi, impegnato in un’assemblea pre-congressuale, tramite messaggi e telefonate, ha augurato un buon lavoro ai compagni di SEL e ha auspicato che molto presto possa esserci un altro momento o occasione di confronto. Il segretario uscente, Angelo Costanzo, è stato il primo a intervenire. Nella sua relazione fiume, Costanzo ha ripercorso le tappe principali del nostro partito, dalla nascita a oggi. Ha ripercorso l’esperienza di Bene Comune e non sono mancati dei messaggi al Sindaco e all’Amministrazione. Ad esempio, quello di far rivivere lo spirito originario della coalizione e di instaurare un rapporto migliore e continuo con il nostro partito (a tutti i livelli); e in generale con le forze politiche che hanno dato vita a Bene comune e a tutte quelle altre (UDC-PD-PSI) che hanno sostenuto Bene Comune al ballottaggio. Costanzo ha replicato alle ingiuste accuse che i consiglieri comunali hanno rivolto all’intero circolo, rilevando come in un partito non si debba mai sfuggire al confronto, anche, e soprattutto, quando si manifestano importanti divergenze. Inoltre, ha replicato all’accusa, ricordando come proprio i consiglieri autosospesi siano stati latitanti durante le numerose riunioni precongressuali e nelle iniziative pubbliche che si sono svolte negli ultimi mesi. Il segretario uscente, infine, ha sostenuto come i partiti non possano trasformarsi in comitati elettorali, poiché, come ci ricorda la Costituzione, devono continuare a essere luoghi di elaborazione programmatica e di discussione politica tra eletti e militanti. A seguire ci sono stati gli interventi di Giuseppe Fortuna (segreteria provinciale), il quale ha esposto il buon lavoro fatto in questi mesi dalla segreteria provinciale, organismo composto, oltre che dallo stesso Fortuna, da Valentina Adiutori e Marco Procino; e dell’ On. Nazzareno Pilozzi che si è soffermato sull’importanza di avere un grande partito di sinistra in questo paese; sulla necessità di adottare politiche che salvaguardino gli ultimi; e sull’importanza di una forte politica di riconversione ecosostenibile. Al termine del lavoro congressuale e dopo i numerosi interventi dei compagni, il Congresso ha eletto all’unanimità il nuovo segretario di Circolo nella persona di Marco Procino e il nuovo Coordinamento cittadino, così composto: Fortunato Redi, Benedetto Truppa, Roberta Costantini, Antonio Potaturo, Ivan Nardone, Luana Abronzini, Bruno Vacca, Veronica Avella, Ezio Fargnoli. E’ stato, inoltre, riconfermato tesoriere Fausto Salera. Ed è stata eletta la commissione di Garanzia, composta da Angelo Costanzo, Marino Giacomobono e Guerino Ventre. Il Congresso è terminato con i ringraziamenti del neo eletto Segretario Marco Procino, il quale ha ringraziato i compagni e il segretario uscente per la fiducia e per il lavoro svolto in questi anni. Procino ha incentrato il suo intervento sul dramma lavoro e sulla volontà, da parte di un giovane, di portare al centro del dibattito politico la precarietà e la disoccupazione, dramma nel quale versano le giovani generazioni. Ha manifestato la volontà di rivolgersi, oltre che ai lavoratori e alle categorie classiche, a tutto quel mondo, sfruttato e sottopagato, rappresentato dai precari, dalle partite ive, dai freelance e dai piccoli imprenditori, nello specifico quelli a conduzione monofamiliare. Infine, il segretario ha posto l’accento a come l’Italia e l’Europa abbiano bisogno di sinistra. E per lavorare in tal senso, quindi, bisogna rafforzare, anche sui territori, i rapporti con tutte le forze politiche del centro sinistra (PD e PSI) e rilanciare il progetto di “Italia Bene comune”, non vittorioso alle urne e affossato dallo stesso Pd con l’elezione del Presidente della Repubblica. Inoltre Procino ha comunicato l’intenzione di voler costruire un’interlocuzione migliore tra partito e Amministrazione comunale. A breve, infine, il neo segretario convocherà il gruppo consiliare composto dagli autosospesi di SEL per verificare se la linea politica uscita fuori dal Congresso di SEL sia la stessa del gruppo. Il Circolo – ha ricordato Procino – è stato, è e sarà sempre un convinto sostenitore del progetto Bene Comune e del suo programma progressista, e lavorerà sempre affinché sia rispettato e attuato.

25 novembre 2013 0

Rapporto Immigrazione 2013: L’impegno concreto con l’apertura di uno sportello ad hoc

Di redazionecassino1

“Credo che, oltre tutti gli aspetti documentati egregiamente ed in maniera scrupolosa questa mattina, vanno segnalate anche le attività complete che, nonostante le poche risorse a disposizione si stanno portando avanti in città sul tema dell’immigrazione.” A dichiararlo è stato l’assessore all’istruzione del Comune di Cassino, Danilo Grossi, nel corso dell’incontro organizzato all’Aula Paucis dall’Università degli Studi di Cassino in cui è stato presentato il rapporto sull’immigrazione relativo all’anno 2013. “L’immigrazione – ha continuato Grossi – spesso in Italia è vissuta con molta ipocrisia, nel senso che è un tema di cui si discute quasi esclusivamente a seguito di grandi tragedie come avvenuto nel caso di Lampedusa. Ecco perché nel fare i complimenti agli organizzatori di questa giornata mi preme sottolineare l’importanza di discutere questo tipo di problematiche quotidianamente in modo da riuscire a trovare le migliori soluzioni per fornire risposte concrete. È quello che come Amministrazione stiamo facendo già da diverso tempo grazie alla proficua collaborazione con diverse realtà del territorio che si occupano del fenomeno. Oltre all’Università mi riferisco ad Exodus o a Ethica con cui anche in passato abbiamo collaborato e lavorato; ricordo ad esempio la tre giorni di ‘Cassino Ethica’ lo scorso anno che ha fornito l’occasione, forse per la prima volta in città, di affrontare il tema dell’immigrazione a 360 gradi sia con un supporto tecnico che pratico. Oltre questo voglio ricordare anche il lavoro svolto nelle scuole, su sollecitazione di molte maestre, per favorire l’integrazione dei bambini immigrati la cui difficoltà principale all’inizio, come si può facilmente intuire è rappresentata dall’apprendimento della lingua italiana. Bene noi ci siamo attivati anche su questo facendo dei corsi per favorire l’integrazione attraverso un progetto che anche quest’anno è stato presentato in Regione di recente per evitare la dispersione scolastica, fornendo una risposta concreta che ci auguriamo possa diventare strutturale. Inoltre è con orgoglio che da qualche settimana abbiamo attivato lo sportello immigrazione, aperto il martedì e giovedì pomeriggio dalle 15.30 alle 18, che rappresenta un ausilio ed un sostegno costante per i tanti immigrati che sono a Cassino. Un servizio concreto ed importante come testimoniano i numeri relativi al primo mese di attività che hanno visto rivolgersi allo sportello tanti immigrati soprattutto per il rinnovo o l’aggiornamento del permesso di soggiorno necessario per trovare lavoro e regolarizzare la loro posizione nel nostro Paese. Ecco credo che questi tre esempi siano il miglior modo per far capire la necessità di un impegno fattivo che sia finalizzato all’integrazione ancor prima che alla discussione e noi vogliamo continuare ad impegnarci per fornire quei servizi necessari a rendere più facile la vita nel nostro Paese ai tanti immigrati che si trovano qui.” L’assessore alle politiche sociali, Stefania Di Russo, intervenuta questa mattina al convegno presso l’Aula Pacis ha aggiunto: “queste iniziative sono lodevoli e fanno capire quanto reale sia il problema dell’immigrazione in Italia. Come Comune noi abbiamo attivato una serie di servizi per favorire l’integrazione anche attraverso il banale disbrigo di pratiche e la compilazione dei moduli in lingua italiana. Detto questo sarebbe opportuno che il Governo giunga ad una legge che regoli questo fenomeno. Magari con la stessa celerità che ha avuto nel caso della normativa contro la violenza sulle donne, trasformando in soli due mesi in legge il decreto presentato lo scorso 14 agosto. Ci aspettiamo altrettanto per quanto concerne l’immigrazione attraverso la ratifica di una legge che non sia eccessivamente restrittiva e che venga seguita anche da un cambio di indirizzo nell’investimento dei fondi per l’immigrazione, destinandoli all’accoglienza piuttosto che al rimpatrio.”

 

25 novembre 2013 0

Successo di pubblico a Lanciano alla presentazione del libro Parliamone Ancora di Palma Lavecchia

Di admin

Si sta svolgendo nel polo museale di Lanciano, la presentazione del libro Parliamone Ancora, il primo romanzo di Palma Lavecchia edito da Edizioni C’era una volta di Roma. L’autrice, tenente dei carabinieri al comando della compagnia di Gaeta, al comando del Norm di Lanciano fino allo scorso anno, ha raccolto nella struttura museale della cittá frentana, circa 200 persone tra le quali anche molti giovani, ed a loro che principalmente l’autrice rivolge il messaggio contenuto nel libro, un invito a confrontarsi per superare i muri interpersonali che, a volte, soprattutto in famiglia sembrano insuperabili. Ad abbellire la sala i quadri della giovane artista locale Francesca Colacioppo. A presentarlo Paola Marrollo. Er am

25 novembre 2013 0

Una denuncia presentata contro il vaccino Gardasil

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

Un nuovo caso che riguarda la salute potrebbe essere oggetto di un’indagine penale con il deposito di una denuncia di una giovane donna di 18 anni per il Gardasil (Sanofi Pasteur MSD) e l’Agenzia per la farmaco francese, che ha accusato questo vaccino contro il cancro della cervice di gravi effetti collaterali sul sistema nervoso centrale.

Marie-Océane è stata vaccinata con il Gardasil a 15 anni, come 2,3 milioni di adolescenti francesi trattati preventivamente contro questo tipo di tumore che colpisce quasi 3.000 persone all’anno.

La prima iniezione, secondo quanto ha dichiarato il suo avvocato Jean-Christophe Coubris, era stato ricevuto dalla giovane il 11 ottobre 2010 e poi il secondo il 13 dicembre. A metà febbraio 2011, sono apparsi i primi segni clinici, tra cui vomito e vertigini che portarono alla sua ospedalizzazione in Dax (Landes), poi presso l’ospedale di Bordeaux, dove accusò la perdita temporanea della vista, sofferenza nel camminare e paralisi facciale.

Secondo Jean-Christophe Coubris, “la diagnosi di sclerosi multipla o encefalomielite acuta disseminata (infiammazione del sistema nervoso centrale, ndr) è stata rapidamente emessa”. Il suo stato si è stabilizzato dall’agosto 2012, ma la ragazza è spesso stanca e vive ora “con la costante paura di uno scoppio di malattia”. Venerdì ha presentato una denuncia penale innanzi al procuratore del Tribunale di Bobigny (Seine-Saint-Denis), dove ha sede la Sanofi per “danni involontari all’integrità della persona umana”.

La denuncia apparsa sui media francesi e belgi, è stata rivolta sia contro la causa farmaceutica, ma anche contro l’agenzia nazionale del farmaco (ANSM). Nella stessa si sostiene, infatti, che ci sia stata una “violazione di un obbligo chiaro di sicurezza e mancanza di conoscenza dei principi di precauzione e prevenzione”.

La ragazza, secondo quanto pubblicato sulla stampa, può contare su una doppia perizia commissionata dalla Commissione regionale per la riconciliazione e risarcimento incidenti medici (RCCI) dell’Aquitania, che ha concluso per la sussistenza di un “nesso causale” tra l’iniezione di Gardasil e la “reazione infiammatoria acuta del sistema nervoso centrale”, che dopo la seconda iniezione era “Decompensated un processo immune”. La Commissione ha tuttavia limitato attraverso una compensazione per Marie al 50% del danno, credendo che potrebbe anche giocare una possibile vulnerabilità genetica.

Sarà una coincidenza o causalità? Ma la Sanofi Pasteur MSD ha contestato le conclusioni di tali riscontri medico – legali.

Secondo il laboratorio, tali valutazioni si basano solo “sulla determinazione della coincidenza temporale tra l’avvenimento e i sintomi della malattia e la vaccinazione”, senza provare il nesso di causalità. Per rimettere in discussione il vaccino, “devi guardare se la malattia è più comune tra un gruppo di giovani ragazze vaccinati su un gruppo di ragazze non vaccinati,” hanno detto fonti mediche della Sanofi Pasteur MSD, ma nessuno studio non ha mai stabilito la “maggiore incidenza”, difendendo la tesi della “coincidenza”. L’utilità del vaccino contro il cancro della cervice è dibattuta in Francia, dove pazienti hanno già citato le commissioni regionali al risarcimento a titolo di responsabilità mediche, per gli assunti effetti collaterali correlati tra Gardasil, lanciato nel 2006.

Sanofi Pasteur MSD, in data di oggi ha quindi negato ufficialmente qualsiasi legame tra Gardasil, il vaccino contro il cancro della cervice dell’utero, e il verificarsi di casi di sclerosi multipla. In un comunicato, l’azienda farmaceutica ha detto che è statoa informata il 18 settembre delle conclusioni della Regionale Commissione Concialition e il risarcimento per incidenti medici ( RCCI ) di a Bordeaux seguito di un reclamo “sulla presenza di molteplici piastre in una giovane ragazza con il venir meno della vaccinazione con Gardasil”. Sanofi Pasteur MSD ” sfida ” le conclusioni del RCCI che ritiene “incompatibile con i dati della letteratura scientifica e l’opinione delle autorità sanitaria nazionale ed internazionale”.” Studi condotti in Francia e in tutto il mondo per valutare la possibile associazione tra vaccinazione contro l’HPV e il verificarsi di casi di sclerosi multipla hanno dimostrato alcun aumento del rischio di sviluppare questa malattia”, dice l’ azienda farmaceutica .

Sanofi Pasteur MSD ” si rammarica del fatto che le conclusioni raggiunte dagli esperti del Comitato, che non si basa su prove scientifiche, screditano la vaccinazione HPV Gardasil e in generale”, dice la nota. Secondo il laboratorio, le conclusioni del RCCI si basano “esclusivamente sulla constatazione di una coincidenza temporale” tra la vaccinazione e la comparsa dei sintomi .

Secondo l’InVS (Istituto nazionale di monitoraggio della salute), meno di un terzo degli adolescenti francesi nel 2011 erano vaccinati contro il cancro della cervice, il 12 ° tumore più comune tra le donne. Tuttavia, dal 2006, ben 5 milioni di francesi sono stati vaccinati con Gardasil. Uno studio statistico è in corso per determinare il numero di casi preoccupanti. Uno studio commissionato dalla Medicines Agency, è stato anche posto alla base della denuncia della giovane donna.

Alla luce di tale denunce che seguono altri casi sospetti, Giovanni D’Agata, presidente dello ““Sportello dei Diritti”, associazione da anni impegnata anche nella tutela della salute, lungi da voler lanciare alcun allarme, si chiede se non sia utile un’indagine conoscitiva a livello europeo per sfatare ogni possibile collegamento con gli effetti collaterali denunciati.

25 novembre 2013 0

Basket: Al Basket Scauri il derby del Golfo, 80-60, battuto il Serapo Gaeta

Di redazionecassino1

Il Bk Scauri fa suo il Derby del Golfo, battendo con il punteggio di 80-60 l’A.B. Serapo Gaeta in una gara che ha visto la squadra di Coach Addessi confermare il suo stato di grandissima forma e una squadra gaetana che ha retto bene il campo per 25’ nella quale ha sciupato molto in attacco e commettendo parecchi errori dalla lunetta; dopo di che è arrivato il break decisivo scaurese, nella seconda parte del terzo quarto, che ha spaccato la gara. il disaggio della situazione del Palamarina ed i problemi alla schiena di Addessi non ci volevano quando si va ad incontrare una squadra che gode di ottima salute.

Nel primo quarto il Bk Scauri inizia subito forte, prova a scappare con un incontenibile Boffelli, ma dall’altra parte del campo c’è Ferraiuolo che segna 16 dei 21 punti dell’ A.B. Serapo Gaeta che chiude i primi 10’ di gioco sotto di 3 lunghezze ( 24-21 per il Bk Scauri). Nel secondo quarto la squadra locale non abbassa i ritmi e quando Boffelli si inceppa, c’è Lombardo a punire dalla lunga distanza; l’ A.B. Serapo Gaeta spreca troppo in lunetta, Addessi e Marrocco ci provano ma al riposo lungo il divario da recuperare aumenta ( 41-33 Bk Scauri). Nella prima fase del terzo quarto si vede un A.B. Serapo Gaeta a due facce: la prima, quella che crea problemi all’attacco locale che ha difficoltà ad andare a segno, la seconda, quella che spreca parecchie situazioni di contropiede in campo aperto. La squadra locale ringrazia e, trascinata da Richotti, piazza un parziale che gli permette di superare la doppia cifra di vantaggio e chiudere i primi 30’ in vantaggio con il punteggio di 59-45. Nell’ultimo quarto il vantaggio si dilata, Boffelli è infallibile, mentre nelle fila biancoverdi, Violo è l’ultimo ad arrendersi. La gara, così, si conclude con la vittoria del Bk Scauri con il punteggio di 80-60, che gli permette di continuare il suo filotto vincente e rimanere sola in testa alla classifica. Per la A.B. Serapo di Coach Miele invece si tratta della terza sconfitta stagionale, da dimenticare in fretta in modo da prepararsi con cura al prossimo incontro casalingo contro la Fox Roma, in programma, al Palamarina, per Domenica 1 Dicembre con inizio alle ore 18.

 

Bk Scauri – A.B. Serapo Gaeta 80-60 ( 24-21; 41-33; 59-45)

 

Bk Scauri: Richotti 14, Boffelli 26, Sfavillante, Granata 6, Saccoccio 13, Guida 7, Lombardo 10, D’Acundo 2, Ciccarelli 2, Tardivi. Coach: Addessi.

 

A.B. Serapo Gaeta: Vagnati 4, Addessi 9, Violo 22, Macera, Nardella, Palmieri 4, Macaro, Siniscalco, Marrocco 5, Ferraiuolo 16. Coach: Miele.

25 novembre 2013 0

Basket Promozione: Seconda vittoria stagionale per la N.P. Gaeta, 74-76 contro Jumbo Formia

Di redazionecassino1
La N.P. Gaeta torna al successo ed, alla settima giornata del campionato di Promozione, batte il Jumbo Bk Formia, alla palestra Fabiani, con il punteggio di 74-76. La squadra gaetana si presenta a questa gara priva di diversi giocatori ed all’ultimo istante anche di Albano, colpito da una forma influenzale.

La gara è stata molto gradevole e giocata punto a punto per gran parte del tempo e, solo nel finale, lo strappo decisivo della squadra gaetana decide l’esito dell’incontro.

La gara inizia bene per la N.P. Gaeta , trascinata da De Vellis; la Jumbo Bk Formia risponde di par suo e, grazie ad un ispirato Riccardelli, riesce a mettere la testa avanti. L’altalena del punteggio continua e alla fine del primo quarto la N.P. Gaeta è avanti con il punteggio di 18-17. Nel secondo quarto, la squadra locale parte forte e prende qualche punto di vantaggio, ma la squadra gaetana risponde bene e con le triple di Tribuzio e Luison ed il solito, prezioso, apporto di Ferligoi, termina il secondo quarto con un solo punto da recuperare ( 36-35 Jumbo Bk Formia). Alla ripresa delle ostilità si vede una N.P. Gaeta ancora pimpante: De Vellis mette in crisi la difesa formiana, Luison da il suo contributo sotto le plancie, anche se il suo quarto fallo costringe Coach Mordacci a toglierlo momentaneamente dal campo; e ciò permette alla squadra locale di trovare più rimbalzi offensivi e quindi di accorciare le distanze: alla fine del terzo quarto il risultato è di 57-58 per la N.P. Gaeta. All’inizio dell’ultimo quarto c’è il break che permette alla N.P. Gaeta di portare a casa l’incontro: break firmato da Tribuzio e Ferligoi al quale cerca di rispondere la squadra formiana che si aggrappa a Marchetti. Nel finale, la mano non trema ai ragazzi di Coach Mordacci, così De Vellis e Luison mettono a segno i tiri liberi decisivi alla vittoria dell’incontro.

La N.P. Gaeta tornerà in campo Domenica 1 Dicembre, quando al Palamarina, con inizio alle ore 20, ospiterà la Virtus Terracina.

Jumbo Bk Formia – N.P. Gaeta 74-76 (17-18; 36-35; 57-58)

Jumbo Bk Formia: Manca, Chirco 4, Gallo 9, Pezone, Casi, Masiello 5, Riccardelli 20, Trinca, Treglia 6, Ianella 9, Favero 7, Marchetti 14. Coach: Ottobre.

N.P. Gaeta: Tribuzio M. 9, Ferligoi 13, Petrillo 2, De Angelis 6, Cipollini 4, Corona 4, De Vellis 26, Luison 12. Coach: Mordacci.

Ufficio Stampa Nuova Pallacanestro Gaeta.

25 novembre 2013 0

Basket: La Virtus TSB Cassino passa anche a Valmontone, 79-95, e resta in alto in classifica

Di redazionecassino1

La BPC Virtus Cassino ha sbancato Valmontone . E’ stata una grande Virtus che non ha tremato mai di fronte ad un avversario coriaceo e mai domo che ha provato sempre a rimanere nel match , ma stasera Raskovic e compagni non erano in vena di concessioni ed hanno fatto valere le propri ragioni espignando un campo difficile al termine di un match complicato alla vigilia dalla voglia dei valmontonesi di interrompere una serie negativa che si autoriproduceva da qualche settimana

La BPC Virtus Cassino è così saldamente al secondo posto a sole due lunghezze dal vertice rappresentato da LUISS e Olimpia Cagliari . E stasera la Virtus ha dimostrato che anche sotto pressione non ci sono sbavature, un squadra tosta che ha reagito al ritorno veemente di Valmontone alla fine del II quarto prima del riposo lungo .

Ma andiamo con ordine .

Al via lo starting five della Virtus Cassino era costituito da Fontana , Ausiello , Trionfo , Raskovie e Bertoldo . Risponde Valmontone con Barruca , Cosentino , Afeltra , capitan Cecchetti e Buscaglione . L’avvio è tutto di marca bianconera , dopo 3 minuti e mezzo i locali conducono  6 a 2 , quando Trionfo con un gioco da tre punti riaccende la Virtus che decide di spingere implacabilmente sull’acceleratore .  La Virtus Cassino piazza un parziale di 12 a 0 , con un ottimo Raskovic sugli scudi . Mancano 3 minuti al termine della prima frazione e Valmontone fa una gran fatica trovare il canestro . Nel frattempo però Cassino si ritrova con Trionfo presto gravato di falli ed allora Vettese decide di far entrare in campo Pignalosa . Il cassinate si presenta sul finale del tempo con una giocata delle sue e tutti capiscono subito che il fromboliere rossoblù è in serata di grazia . La frazione si chiude con Cassino avanti di 9 lunghezze, 24 – 15 .

La seconda si apre sempre all’insegna di Pignalosa incontenibile ( 6 su 9 dal limite dei 3 punti , 4 assist , 4 rimbalzi ed un mostruoso 26 di valutazione finale ) che mette a segno una serie di canestri e di giocate da assoluto fuoriclasse ben coadiuvato stavolta da un ritrovato Raskovic. Il serbo è in serata di vena e lo si vede subito , annichilisce Cosentino e costringe Casadio a limitarlo , senza successo , con Cara , il quale cerca con le cattive di ottemperare al compito assegnatogli dal suo allenatore ma invano . Marko Raskovic , assoluto MVP dell’incontro , sarà capace di segnare con il 67 % in totale dal campo , di recuperare ben 12 rimbalzi e di chiudere l’incontro con un 34 di valutazione a fronte di 30 punti realizzati . La Virtus con i due nel turbo viaggia che è una bellezza , a 5 minuti e 45 secondi dal riposo lungo conduce con 18 lunghezze di margine e tutto sembra facile , fintanto che qualcosa si inceppa nella macchina infernale predisposta da coach Vettese . La Virtus Cassino decide di affrontare la zona predisposta da Casadio con una sequenza impressionante di errori dalla lunghissima distanza . 4 su 17 da tre , e Casadio raggiunge lo scopo. Ad un minuto dalla sirena del II quarto Pignalosa sbaglia un ennesimo tentativo dalla lunghissima distanza e Valmontone è a – 6 da Cassino ( 33 – 39) .  Vettese vuole parlarci su , riordina le idee dei suoi in un time out infuocato per l’entusiasmo rigeneratosi nel Palasport di Valmontone , ed allora la Virtus riparte , 44 a 36 , così termina il quarto .

Dunque partita riaperta e dagli spogliatoi ti aspetti che Valmontone possa recuperare l’inerzia della gara . In effetti così non accade . C’è massimo equilibrio in campo fino a metà della terza frazione allorquando un ottimo Afeltra serve con un assist al bacio Cosentino per il 40 a 50 a favore dei rossoblù cassinati . A questo punto però la Virtus Cassino decide di allungare , aumenta l’intensità difensiva e raggiunge il più 16 a 2 e 55 dal termine della quarta frazione con un gioco splendido siglato con alley oop da Raskovic su servizio di Pignalosa , 63 a 47 . Il solco è segnato , a 50 secondi dal termine del tempo , Bertoldo realizza una tripla che suggella il + 23 per Cassino e virtualmente la partita termina qui ( 72 a 49 ) .

All’inizio della quarta frazione è ancora Pignalosa show , segna e serve assist a go go , immarcabile se non con le brutte , in tutti i sensi . Vettese si compiace per la sua macchina da punti e mette in ghiaccio il match chiamando sul parquet anche gli under a sua disposizione . Cassino stavolta ha vinto perché ha trovato ben 48 punti nell’are avversaria , chiave del match assoluta , grazie a Marko Raskovic .

Cassino così  chiude 85 a 79 , ed espugna Valmontone .

 Adesso si torna tra le mura amiche sabato prossimo . La BPC Virtus Cassino incontrerà alle 18 ,00 al palasport di Atina la Petriana Roma . Vettese gongola ma ammonisce “ Ci siamo complicati la vita da soli senza dubbio alla fine del II quarto quando abbiamo smesso di essere pazienti , quando siamo diventati impazienti e concludevamo frettolosamente azioni su azioni . Ho dovuto invertire al tendenza e allorquando abbiamo ripreso la nostra capacità di controllare il match lo abbiamo ripreso in pugno . Adesso non dobbiamo deconcentrarci , puntiamo dritti sulla Petriana e vogliamo portare a casa i due punti , stiamo entrando nel mese decisivo del girone di andata e noi abbiamo in mente gli obiettivi che intendiamo raggiungere . La Virtus Cassino è lì in alto e vuole restarci . “ 

VALMONTONE: Capotorto, Guadagnini 3, Buscaglione 7, Cara 14, Barucca 4, Samoggia ne, Cosentino 6, Afeltra 28, Cecchetti 14, Casale 3.   All. Casadio

BPC VIRTUS CASSINO: Trionfo 11, Bertoldo 11, Scarpelli, Roffi Isabelli, Fontana 4, De Monaco, Raskovic 30 , Ausiello 10, Speranza 2, Pignalosa 27.   All. Vettese ,  Assistant coach :  Mastrangelo

PARZIALI: 14-25, 36-44, 54-72

Arbitri :BARBIERI MAURO DAVIDE di ROMA (RM) ,  PACCARIE’ ALESSIO di CERVETERI (RM)

MVP : Raskovic .

 

25 novembre 2013 0

Expert Lucarelli N.B. Sora 2000, 22 punti di scarto nel testacoda con Rieti: vittoria numero 8

Di redazionecassino1

La Foresta Rieti sarà anche l’ultima della classe, ma non è certo una squadra materasso, come hanno confermato le sue recenti prestazioni. Nel  PalaCordoni  la Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 ha potuto constatare che i reatini sono squadra degna della categoria e ha dato filo da torcere. Poi la differenza di tasso tecnico tra i due quintetti è emersa e il testacoda ha preso una direzione precisa, quella attesa. La capolista ha così messo in cassaforte la vittoria numero 8 in campionato. Partenza per il Sora che realizza i primi due punti della gara con Papadakis, suoi i primi 5 punti dei volsci. Il solo Petrucci (Rieti) cerca di tenere La Foresta in linea di galleggiamento, ma è la squadra di sorana ad allungare sul 6–9, nel frattempo il Sora aveva effettuato una sostituzione, Delle Cave per Margio. E’ proprio il nuovo entrato commette un fallo di sfondamento e facendo avvicinare i padroni di casa al punteggio, costringendo coach Polidori al minuto di sospensione. Si ritorna  in campo e, dopo un assist vincente  di Rambaldi su Mariani,  si assiste al festival degli errori da ambo le squadre. Squadre che  vanno al riposo sul 8 a  15 per il biancocelesti.

In avvio di secondo quarto è Rieti, con Matteocci e Fabri, a fare la voce grossa, mentre dall’altra parte ci si rilassa un po, concedendo ai padroni di casa l’unico vantaggio della partita (14 -12 al 3’di gioco). A quel punto il Sora  si sveglia  e comincia prendere le  misure ai padroni di casa con Motta, che sotto canestro riceve un fallo dopo aver  realizzato, quindi 3 punti con tiro libero realizzato. La foresta riesce a pungere con il bravo Fabri che  realizza  la  sua seconda bomba da tre del secondo quarto. Rambaldi e Mariani riportano il Sora in vantaggio e il Bravo Motta  si pone in  evidenza  con  delle  buone giocate sotto le plance. Il Sora allunga il divario a +10, chiudendo il quarto sul punteggio di 24 a 34.

Dopo la sosta e il Sora torna sul parquet con una grinta diversa e si dimostra concreto nel pitturato così come dal perimetro. I volsci realizzano un parziale di 5 a 23 che annichiliscono i padroni di casa. De Angelis, Auletta e Cleri prova ad opporsi alla fuga della Expert Lucarelli N.B. Sora 2000, ma Rambaldi, con tredici punti, Delle Cave e Papadakis portano la squadra sul + 28. I reatini restano all’angolo come un pugile messo all’angolo che non riesce più non dico a schivare i colpi, ma che non è quasi nemmeno in grado di capire da dove quei colpi provengono. Il terzo quarto si conclude sul  29 a 57.

Nell’ultimo tempino non accade nulla di sorprendente, al di là dei 18 punti dei padroni di casa, dei 12  degli ospiti, e dei due del Baby Polsinelli, che iscrive anch’egli il proprio nome nel tabellino. Queste le dichiarazioni a caldo di Coach Polidori a fine gara: “L’ennesima vittoria e la prima posizione in classifica mi dovrebbero accontentare  invece sono sempre più preoccupato per  come giochiamo alcuni lunghi momenti delle gare disputate fino ad oggi. Non vedo quei miglioramenti che a questo punto della stagione dovrebbero essere molto più evidenti. Forse sono io che chiedo troppo, forse sono io che pretendo sempre e comunque il massimo dai miei giocatori ma purtroppo  

sono fatto così e veder giocare male la mia squadra mi preoccupa molto. Anche a Rieti abbiamo alternato  giocate offensive e difensive di una certa qualità ad altre che è difficile vedere sui campi di minibasket. L’attenzione scema troppo velocemente e diamo l’impressione di essere una squadra alla quale manca il Tutù e le scarpette rosa per come siamo fragili e inconsistenti. Il primo responsabile sono io perchè non riesco a farmi dare dai miei giocatori quelle qualità che hanno sicuramente. Se non invertiamo velocemente la rotta arriveranno presto le brutte sorprese. Se vogliamo più pubblico al Pala Panico dobbiamo far divertire la gente che viene a vederci altrimenti preferiranno sempre il solito calcio o il solito cinema. Parlare dei singoli? No questo no perchè sono abituato a lavare i panni sporchi in casa. Una cosa però voglio dirla gli unici che mi son piaciuti sono stati Iannarilli e Motta. Martedì nella riunione post gara tenterò, con la solita chiarezza, ancora una volta, di mettere i miei ragazzi davanti alle loro responsabilità. Domani è Domenica godiamoci un giorno di festa da martedì penseremo al Terracina.

Ora alla compagine  sorana attendono due gare interne con  il Basket Terracina e APDB Roma, e  i dirigenti confidano che un numero sempre maggiore di tifosi segua la squadra al PalaPanico di via Trecce.

 

LA FORESTA RIETI – EXPERT LUCARELLI N.B. SORA 2000 47-69

Parziali: 8-15 / 16-19 / 5-23 / 18-12

La Foresta: Fabri 12, Petrucci 8, De Angelis 4, Lilli 0, Massacesi 3, D’Aquilio 0, Cleri 6, Matteocci 11, Ianni 2, Auletta 1; Coach. De                         Ambrosi

Expert Lucarelli N.B. Sora 2000: Motta 6, Rambaldi 30, Mariani 10, Dragojevic 0, Polsinelli 2, Papadakis 13, Fassiotti 0, Iannarili,                                                                  Delle Cave 8, Margio 0; Coach: Ass.Coach: Bifera

Arbitri: Tripi di Roma e Kozul di Roma

 

25 novembre 2013 0

Volley: Lanciano sconfitta dalla Virtus Orsogna

Di redazionecassino1
Pur conquistando un punto la BPER non ritrova ancora il gioco ed anche se porta al tie break le avversarie non ancora sembra aver ritrovato smalto, voglia di vincere e livello di approccio alla partita convincente.

Litterio schiera Di Menno in palleggio Della Valle opposto B Di Mattia e Corzo martelli Di Paolo e M Di Mattia centrali, entreranno in corso Gaeta e Pietrolungo. L’andamento dei set è altalenante, all’inizio la BPER sembra avere servizio e attacco ben registrati, ma nel finale di set si perde e viene recuperata; I set centrali sono appannaggio dell’una e dell’altra squadra, il quarto è combattuto e vede le ragazze frentane vincere in rimonta; la carica delle lancianesi continua nel set decisivo fino al 6 a 1, poi si spegne di colpo e l’Orsogna riesce a rimontare e vincere; la sosta della settimana successiva è importante perchè dovrebbe servire a recuperare le acciaccate Milano e Di Paolo.

BPER VB LANCIANO-VIRTUS ORSOGNA 2-3 20(20′) 25-14(21′) 18-25(21′) 25-21(20′) 12-15(19′)

BPER VB LANCIANO Milano ne, Corzo 15,Di Mattia B 18, Di Paolo 12 D’Amario Della Valle 15, Gaeta 0, Di Menno 1 D’Angelo ne Pietrolungo 0 Di Mattia M 2

1All Litterio

VIRTUS ORSOGNA Di Bucchianico Di Santo Llupo Mastrodicasa Primante Santeusanio Sergio Tovo Trentini Rossetti

1All De Angelis

Arbitri Roio di Pescara e Olivieri di Lanciano