pubblicato il13 gennaio 2014 alle 13:19

Le navi della Marina Militare soccorrono più di 200 migranti. 29 sono bambini

Nella serata di ieri un altro barcone con 202 migranti è stato soccorso da nave Zeffiro.

Il barcone in un primo momento è stato localizzato da un elicottero EH101 della nave anfibia San Marco che ha inoltrato la posizione alla fregata della Marina Militare più vicina per prestare soccorso.

Il comandante di nave Zeffiro, dopo aver raggiunto la posizione dei migranti, constatato il sovrannumero di persone a bordo, quasi tutte prive di dotazioni di sicurezza, ha dichiarato la situazione di emergenza.

Nella serata di ieri sono stati trasbordati su nave Zeffiro 202 migranti che, dalle prime dichiarazioni rilasciate, risultano essere provenienti da Pakistan, Nigeria, Marocco, Palestina, Liberia, Camerun, Siria, Yemen e Tunisia. Tra di loro 157 uomini, 16 donne (di cui tre in stato interessante) e 29 bambini.

Nella giornata odierna i migranti saranno trasferiti su nave San Marco e successivamente trasportati verso il porto di Augusta. Durante il transito, la Polizia di Frontiera presente a bordo della nave anfibia inizierà le attività di raccolta di informazioni, di pre-identificazione e foto segnalazione di tutti i migranti soccorsi in mare.

Inoltre, un ulteriore natante localizzato nella stessa giornata di ieri, su disposizioni del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, è stato soccorso da una unità mercantile in transito che ha preso a bordo 97 persone, di cui 23 donne, e saranno sbarcate nel porto di Pozzallo nella serata di oggi.

Nave San Marco sabato 11 gennaio ha soccorso altri 236 migranti tra cui 28 donne (due in stato interessante) e 57 minori già sbarcati al porto di Augusta da nave Libra.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07