pubblicato il21 febbraio 2014 alle 11:03

La Dia mette le mani sul tesoro di Setola, il boss arrestato a Mignano Montelungo

Personale della Direzione Investigativa Antimafia di Napoli ha dato esecuzione ad un provvedimento di confisca antimafia di beni e consistenze economiche emesso dal Tribunale di S.M.Capua Vetere – Sezione Misure di Prevenzione – su richiesta del Direttore della D.I.A. Arturo DE FELICE.
L’attività si inquadra nell’ambito della strategia investigativa avente come obiettivo la sistematica aggressione dei patrimoni illecitamente costituiti da parte di persone appartenenti ad organizzazioni camorristiche. Nella fattispecie i beni confiscati sono riconducibili a Giuseppe SETOLA, anche se intestati apparentemente a suoi familiari e conoscenti.

faccedivita.it

SETOLA, arrestato nel gennaio 2009 dopo un periodo di latitanza, condannato a diversi ergastoli, si trova attualmente in regime di “carcere duro” in base all’art. 41 bis . Lo stesso, già considerato elemento di primo piano del clan dei Casalesi nella fazione capeggiata da Francesco BIDOGNETTI, alias Cicciotto ‘e mezzanotte, è tristemente noto perché autore di numerosi ed efferati omicidi che hanno insanguinato il litorale di Castel Volturno1 e paesi limitrofi, come quello di Umberto BIDOGNETTI, padre del collaboratore Domenico, avvenuto in data 2 maggio 2008.2

Ma l’evento criminale più efferato di cui Giuseppe SETOLA è stato protagonista è sicuramente la strage di Castel Volturno, episodio che ebbe risonanza internazionale sia per l’efferatezza dell’atto, che per il coinvolgimento di cittadini africani uccisi in modo del tutto casuale. Il raid stragista provocò dapprima l’uccisione dell’esercente di una sala giochi, con una sessantina di proiettili davanti al suo negozio nella popolosa Baia

Verde di Castel Volturno e, poco dopo, di sei cittadini africani contro i quali vennero esplosi in poco meno di trenta secondi, con almeno sette armi da guerra di modello e calibro diverso ben 125 colpi. La peculiarità della condotta del “Gruppo Setola” indusse la magistratura ad indicare fra le aggravanti contestate agli autori degli omicidi, oltre a quella “tipica” del metodo mafioso e del fine di agevolare il clan “dei casalesi”, anche quella di avere agito con finalità di discriminazione ed odio razziale, essendo emerso che la strage denotava un odio indiscriminato del gruppo di Setola basato su un pregiudizio razziale, in ordine al quale si voleva asservire il gruppo di extracomunitari stanziatosi sul litorale domizio alla volontà del clan. La Magistratura individuò nel comportamento del gruppo capeggiato da Giuseppe SETOLA anche la finalità terroristica della strage, poiché l’intento sotteso al fatto omicidiario era suscitare paura nella collettività, con l’obiettivo, indiretto, di indebolire la fiducia della cittadinanza nello Stato.

Le indagini patrimoniali eseguite dalla DIA di Napoli, hanno permesso di accertare la presenza di numerosi beni nella disponibilità di Giuseppe SETOLA e dei parenti fra cui il fratello, Pasquale SETOLA, anche attraverso interposte persone. Tali beni sono stati ritenuti dal Tribunale sammaritano di valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati sia dal predetto che dai prossimi congiunti o persone a lui vicine, giungendo alla conclusione – alla luce anche delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia DIANA Alfonso, Domenico, BIDOGNETTI, Gaetano VASSALLO – che gli stessi siano meri prestanome di Giuseppe SETOLA.

La decisione del Tribunale di S.M. Capua Vetere – Sezione Misure di Prevenzione – presieduto dalla dott.ssa Corinna FORTE, si è basata anche sugli accertamenti di natura patrimoniale supportati dalle investigazioni eseguite nella fase delle indagini di polizia giudiziaria coordinate dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia. Esse hanno dimostrato che il Giuseppe SETOLA reimpiegava i proventi di attività criminose, perpetrate in ragione della sua appartenenza al clan dei CASALESI, in acquisti di beni immobili e di attività commerciali, attribuendo fittiziamente i beni al fratello Pasquale (suo complice in altri gravissimi reati ed illeciti), ad altri familiari e conoscenti per non apparire titolare in proprio e per non correre il rischio di sequestri e di successive confische ad opera dell’A.G., cercando di eludere, in tal modo, le disposizioni in materia di misure di prevenzione patrimoniale.

Il valore dei beni in Confisca, che comprende beni immobili, rapporti finanziari ed aziende, è stimato in circa 5 milioni di euro.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07