pubblicato il10 novembre 2015 alle 13:59

Assunzioni fittizie di stranieri, 17 circhi coinvolti in traffico di immigrazione clandestina

Sotto i tendoni dei circhi avevano costituito una holding per favorire l’immigrazione clandestina. I maggiori circhi sono coinvolti nell’operazione della Polizia di Stato che ha eseguito 41 provvedimenti di “fermo”, emessi dalla Procura della Repubblica di Palermo in tutta Italia, frutto di un’intensa attività investigativa che ha portato alla luce un’associazione dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestinanel territorio nazionale, di cittadini provenienti, prevalentemente dall’India, dal Pakistan e dal Bangladesh,con l’aggravante della transnazionalità.

Ad alcuni componenti dell’associazione sono stati contestati, anche i reati di corruzione di pubblico ufficiale, falso materiale ed ideologico, strumentali al perseguimento dei loro fini.

L’operazione, che su scala internazionaleparte dalla Squadra Mobile di Palermo, sotto la guida del Dr. Rodolfo Ruperti, ha fatto luce su un business milionario che gira attorno al fenomeno dell’immigrazione clandestina.I componenti del network criminale, servendosi anche di meccanismi amministrativi utilizzati impropriamente, grazie alla corruzione di alcuni pubblici dipendenti, hanno tentato di aggirare i vincoli di legge, creando un canale, invisibile ad una lettura superficiale, per garantire a disperati cittadini extracomunitari di varcare illecitamente i confini del nostro territorio.

All’interno dell’associazione criminalerisultano coinvolti anche numerosi impresari, operanti nel circuito circense italiano.

Il sistema, a fronte del pagamento di diverse migliaia di euro, ha garantito a centinaia di cittadini indiani, pakistani e bengalesi di entrare in Italia, tramite la concessione di un visto d’ingresso per ragioni di lavoro, ottenuto, tra l’altro, grazie alla collaborazione di dipendenti corrotti dell’“Assessorato Regionale Siciliano della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro”.

Secondo una stima, finora parziale, sono risultati coinvolti almeno 500 soggetti stranieri, per un giro d’affari di circa 7 milioni di euro.

I numeri dell’operazione danno conto della portata del fenomeno scoperchiato dagli agenti della Mobile palermitana: 41 fermi, nei confronti di 28 italiani, 8 indiani, 3 bengalesi, 1 pakistano, 1 rumeno, decine di indagati, numerose perquisizioni in diversi luoghi, ivi compresi gli uffici ove insiste la sede dell’“Assessorato Regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro”, allo scopo di trovaredocumenti concernenti i flussi di cittadini stranieri;coinvolti oltre 18 circhi e numerosi impresari del settore.

Per comprendere il meccanismo attraverso il quale l’organizzazione riusciva a lucrare grossi profitti e favorire l’immigrazione clandestina di centinaia di stranieri in Italia, è necessario fare cennoalla legislazione in materia di immigrazione ed, in particolare,alla disciplina del cd. “decreto flussi” che regolamenta l’ingresso, in Italia, dei cittadini stranieri, suddividendone, annualmente, l’accesso, per provincia, nazionalità dello straniero e professione.

L’art. 27 del T.U. sull’immigrazione, in deroga a questo meccanismo, consente l’ingresso di lavoratori dello spettacolo, tra i quali gli occupati presso circhi o spettacoli viaggianti all’estero,il personale artistico e tecnico per spettacoli lirici, teatrali, concertistici o di balletto.

In ragione di tale deroga, possono essere assunti “lavoratori qualificati”, nell’ambito delle attività connesse agli spettacoli, a seguito di apposita autorizzazione rilasciata dall’ufficio speciale per il collocamento degli operatori dello spettacolo, previo nulla osta dell’autorità provinciale di pubblica sicurezza (art. 31, D.P.R. n. 394/1999).

sequestro circo polizia1

In ambito nazionale, questo procedimento è incardinato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, mentre per la Sicilia, regione a statuto speciale, è competente a tal uopol’“Assessorato Regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro”.

In questo contesto, emergerebbe la responsabilità di due dipendenti infedeli del predetto Assessorato, tra loro marito e moglie, entrambi sottoposti all’odierna misura restrittiva, unitamente ad altri soggetti indagati.

In particolare,uno dei due, GAMBINO Vito, responsabile dell’Ufficio speciale di collocamento per i lavoratori dello spettacolo, dietro compenso, produceva dei falsi nulla osta al lavoro per prima occupazione o visto d’ingresso cittadini extracomunitari, necessari per ottenere, da parte delle ambasciate, il visto d’ingresso nel territorio nazionale.

Gambino sarebbe, per certi aspetti, figura chiave dell’associazione.

Per l’efficiente funzionamento del sistema era, infatti,necessario un referente all’interno degli uffici pubblici competenti a rilasciare il nulla osta: in relazione all’autonomia riconosciuta all’Assessorato Regionale Siciliano rispetto al Ministero del Lavoro, il referente era stato individuato proprio in GAMBINO Vito, responsabile del citato ufficio regionale.

Più in particolare, sotto il profilo burocratico, gli impresari circensi inoltravano la domanda di assunzione dello straniero al Gambino Vito, il quale predisponeva, purein mancanza dei presupposti, il “nulla osta al lavoro per prima occupazione o visto d’ingresso cittadini extracomunitari”,ex art 27 D.Lgs. 286/98, da parte dell’Assessorato Regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro.

Con questo documento, insieme ad altri certificati, il cittadino extracomunitario otteneva il visto d’ingresso da parte dell’ambasciata italiana.

Al fine di ottenere il provvedimento dell’assessorato erano necessari: copia del passaporto del cittadino straniero, certificato di sana e robusta costituzione, referenze lavorative e nulla osta dell’Ufficio Immigrazione della Questura.

Il Gambino contattava direttamente le Questure siciliane territorialmente competenti, affinchèi nulla osta venissero rilasciati nel più breve tempo possibile.

sequestro circo polizia2

Non trovando percorribile tale strada, il predetto faceva ricorso a due stratagemmi alternativi per realizzare i suddetti documenti: attraverso un falso timbro dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Palermo, oppure emettendo direttamente un provvedimento dell’Assessorato che attestava, falsamente, la presenza agli atti del nulla osta della Questura.

Per ragioni di celerità e di opportunità, anche allo scopo di sveltire le “pratiche amministrative”, in un secondo momento, Gambino avrebbe deciso di mettersi “in proprio” (mantenendo comunque il suo incarico alla regione)ed aprire, contestualmente, una sorta di “ufficio privato” in via Malaspina 167, attraverso il quale ottenere diretti contatti con gli imprenditori circensi.

In questo “nuovo contesto lavorativo” sono stati coinvolti tutti i familiari del dipendente regionale. Gli stretti congiunti dell’uomo avrebbero, tra l’altro, messo a disposizione conti correnti e postepay su cui far confluire le cifre pagate dagli imprenditori circensi

LaSeconda Sezione “Criminalità straniera e prostituzione” della Squadra Mobile, a seguito diattività tecniche, di servizi di appostamento e pedinamento, nonché di numerosi documenti pervenuti dalle Questure di tutta Italia, ha scoperto chei cittadini stranieri intenzionati ad entrare nel territorio nazionale pagassero una somma di denaro,almeno 15.000 euro, ciascuno, ai loro connazionali, autentici procacciatori. Una parte dei soldi veniva spedita in Italia tramite “hawala”, il noto sistema fiduciario di trasferimento internazionale di denaro.

I gestori dei circhi che avevano richiesto i lavoratori dello spettacolo ricevevano somme di denaro in ragione di un prezziario prestabilito: se la persona assunta lavorava effettivamente, l’impresario circense riceveva 3.000,00 euro, se l’assunzione, invece, era meramente fittizia riceveva 2 mila euro.

Giova precisare che sembrerebbe che tutti i circhi coinvolti versassero in precarie condizioni economiche e che, quindi, questo sistema venisse considerato dagli impresari alla stregua di una vera e propria fonte di reddito alternativa.

Gli impresari circensi, detti “circensi”, partecipavano all’associazione come fruitori finali del prodotto: accoglievano i cittadini stranieri i quali, una volta fatto ingresso, nella maggior parte dei casi, non si stabilizzavano, svolgendo l’attività lavorativa, ma facevano perdere le loro tracce, senza neanche contattare gli organizzatori.

Soltanto in qualche circostanza, svolgevano attività lavorativa come “galuppi” (facchini).

Sono stati, pertanto, fermati numerosi impresari del settore.

I circhi coinvolti sono: Circo Sandra Orfei, Circo Lino Orfei, Circo Bizzarro, Circo Città di Roma, Circo Vienna Roller, Circo Martin, Circo di Praga, Circo Cristiani Bros, Circo Karoli, Circo Wigliams Brother, Circo Acquatico, Circo Acquatico Jonathan, Circo Acquatico Splash, Circo Martini, Circo De Blasis, Circo Marinescu, Circo Kumar

Alla esecuzione dei 41 fermi e delle perquisizioni hanno collaborato con la Squadra Mobile di Palermo le Squadre Mobili di Trapani, Agrigento, Catania, Oristano, Catanzaro, Crotone, Salerno, Napoli, Lecce, Latina, Perugia, Roma, Arezzo, Siena, Firenze, Pesaro, Reggio Emilia, Milano, Torino, Venezia ed i Commissariati di Bardonecchia, Canicattì, Città di Castello e Marsala.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07