Giorno: 5 febbraio 2016

5 febbraio 2016 0

Capanno in fiamme ad Aquino, distrutti mezzi agricoli

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Aquino – Un incendio ha distrutto oggi pomeriggio ad Aquino, un capanno contenente diversi attrezzi e mezzi agricoli.

Il rogo è stato segnalato ai vigili del fuoco poco dopo le 16. Sul posto, in via Zammarelli, è arrivata la squadra del distaccamento di Cassino ma le fiamme erano già alte.

All’interno c’era un trattore agricolo, una motozappa e altre attrezzature per lavorare la terra. Il rogo li ha avvolti tutti e in parte li ha distrutti. Non si conoscono le cause che hanno scatenato le fiamme.

Er. Amedei

5 febbraio 2016 6

Montecassino, Grossi: “Rimuovere tutti i cancelli dai suoli pubblici”

Di admin

Cassino – La rimozione del cancello all’Albaneta è solamente il primo passo a che il sacro colle di Montecassino sia fruibile.

Antichi percorsi sono sbarrati da altri cancelli per i quali, Edoardo Grossi, membro della consulta sull’Ambiente di Cassino, chiede lo stesso trattamento giustamente riservato al cancello dell’Albaneta. “Il comune di Cassino, come già detto, – dichiara Grossi – ha fatto un’azione, seppur obbligata dalla legge, ma di grande coraggio, riportando la legalità in un luogo pubblico e che dal 1983 qualcuno ne rivendicava la proprietà. Ora mi aspetto che, con la stessa determinazione, rimuova anche le altre barriere, sul suolo del Demanio dello Stato, che impediscono la libera circolazione a piedi di cittadini, turisti, pellegrini, escursionisti. Per questo motivo questa mattina ho depositato una richiesta di atti al comune di Cassino”.

Er. Amedei

5 febbraio 2016 0

Perde il controllo sulla strada per Montecassino, Mini Cooper abbatte lampione

Di admin

Cassino – Si è schiantato con la sua Mini Cooper contro un palo della pubblica illuminazione nel primo tratto di strada provinciale che sale a Montecassino.

A rimanere ferito in maniera lieve è stato un giovane che ieri sera, poco prima della mezzanotte, ha perso il controllo della vettura finendo per impattare violentemente contro il palo rimasto pericolante.

Sul posto, sono dovuti intervenire i vigili del fuoco di Cassino per mettere in sicurezza il lampione. A causare l’incidente, quasi certamente la velocità sostenuta dell’auto.

Er. Amedei

Nella foto il luogo dello schianto

 

5 febbraio 2016 0

Con la testa nel pallone… finisce in carcere. Tifoso deve scontare pena a 6 anni e 8 mesi

Di admin

Latina – Viene da chiedersi, “come si fa a rovinarsi la vita per il calcio in questa maniera”. Per un 30enne domiciliato a Latina, ma tifoso della Juve Stabia, è stato normale ignorare per ben 8 anni, il Daspo che gli era stato fatto nel 2007.

Un cumulo di pena lo ha colpito e portato in galera. Deve scontare sei anni e 8 mesi di carcere, oltre ad una multa di 15.433 euro. I problemi di giustizia per D.V.F. 30 anni di Castellammare di Stabia ma domiciliato a Latina, sono dovuti alla sua fede calcistica, quella per la Juve Stabia. Non ha mai rispettato il divieto di avvicinarsi agli impianti sportivi o l’obbligo alla firma. Questa mattina è stato arrestato dagli agenti della Digos e della squadra mobile di Latina su ordine di esecuzione pene emesso dalla procura di Torre Annunziata. L’uomo, inoltre, per i prossimi 32 anni non potrà più accedere a strutture sportive ove si svolgono incontri di calcio della compagine della Juve Stabbia.

Ermanno Amedei

5 febbraio 2016 0

Frosinone – Juventus: tavolo tecnico in Questura. Definito il dispositivo di sicurezza

Di redazionecassino1

Frosinone – Si è tenuta questa mattina in Questura l’ultima riunione operativa in vista dell’incontro di calcio in programma domenica al Matusa tra il Frosinone e la Juventus.

Il Tavolo Tecnico – presieduto dal Questore Santarelli – al quale hanno partecipato i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e degli Enti che a vario titolo sono chiamati a concorrere nei servizi di ordine e sicurezza pubblica, ha definito il “ piano di sicurezza” in quella che è forse la partita più attesa della stagione. Nessuna preclusione era stata posta in sede di GOS circa le regioni di provenienza dei tifosi ospiti e pertanto altissima sarà la presenza di tifosi bianconeri “ locali”. Per loro, come è ormai consuetudine per le partite di cartello, è pronta l’area della ex Permaflex da dove verranno accompagnati allo stadio a bordo dei bus navetta. A tal proposito, con la preziosa collaborazione della Società Autostrade e della Polizia Stradale, i pannelli luminosi presenti sulla tratta autostradale interessata saranno “ dedicati” ad informare i tifosi ospiti circa l’uscita consigliata e l’itinerario per raggiungere l’area di raccolta. Sono state ampiamente illustrate le limitazioni alla circolazione stradale in città studiate per assicurare a tutti il massimo standard di sicurezza e limitare al minimo l’impatto sulla città analogamente a quanto avvenuto per il turno infrasettimanale dello scorso mercoledi. In tale ottica sarà ribadito, come per la gara con il Bologna, il divieto di vendita di alcolici e superalcolici negli esercizi pubblici all’interno ed in prossimità dello stadio e tutte le altre bevande dovranno essere consumate in bicchieri di plastica. Infatti, proprio in occasione della partita di mercoledi il personale della Polizia di Stato della Divisione P.A.S.I. impegnato nello specifico servizio antiabusivismo, ha contravvenzionato due esercenti che servivano agli avventori bevande alcoliche non consentite ed in bottiglie di vetro. Inoltre il commercio ambulante itinerante sarà vietato nella zona intorno all’impianto sportivo, in particolare in : viale Mazzini – via Mola Vecchia – via Aldo Moro – via Piave – via Marittima – piazza Caduti di via Fani – viale Kennedy – via Ciamarra – via Fontana Unica – via Superga – piazza Martiri di Vallerotonda.

La presenza della “Vecchia Signora” richiamerà intorno allo stadio tanti simpatizzanti che, non avendo potuto acquistare il biglietto d’ingresso, sperano comunque di poter in qualche modo vedere i loro beniamini.

Pertanto già dalle prime ore della mattinata sarà creata un’area di rispetto intorno allo stadio con il posizionamento di Betafence e transenne e saranno intensificati i servizi di controllo del territorio soprattutto nei punti di accesso al capoluogo al fine di captare tifosi in arrivo e convogliarli presso le località individuate.

Una massiccia presenza di tifosi si prevede, inoltre, anche presso l’Hotel Bassetto di Ferentino, dove la squadra giungerà nella serata di sabato.

Anche qui saranno predisposti accurati servizi di ordine e sicurezza pubblica, ma soprattutto di viabilità sulla S.R. Casilina per evitare pericolosi attraversamenti su un’arteria viaria ad altissima densità di traffico.

Proprio per garantire la sicurezza di tutti coloro, tifosi e non, che si troveranno a gravitare in quella zona sono stati studiati dei percorsi alternativi che saranno disciplinati con l’ausilio della Polizia Stradale, della Polizia Locale di Ferentino e della Protezione Civile.

Sia l’impianto sportivo che le zone adiacenti, soprattutto quelle ritenute più “sensibili”, saranno bonificate con l’ausilio di unità cinofile e specialisti della Polizia di Stato, mentre il controllo dall’alto verrà assicurato dall’elicottero che riverserà le immagini direttamente nella sala GOS dello stadio consentendo di seguire in tempo reale le fasi di afflusso e deflusso delle tifoserie, l’arrivo delle squadre ed il monitoraggio di tutto lo stadio.

Massima sarà l’attenzione nei controlli ai pre -.varchi ed ai varchi, anche con l’utilizzo dei metal detector, pertanto – ha concluso il Questore – viene ribadita la necessità di avvicinarsi alla partita con largo anticipo rispetto all’orario d’inizio dell’incontro.

Tutto è stato organizzato perché l’atteso incontro si svolga senza criticità per l’ordine e sicurezza pubblica, offrendo ai tifosi l’occasione di partecipare ad una sana competizione agonistica cercando di ridurre al minimo i disagi per i cittadini.

5 febbraio 2016 0

Autobus del Cotral esce di strada al bivio di Caprile per un malore dell’autista

Di redazionecassino1

Incidente sulla SS.6, Casilina, nel tratto fra Castrocielo e Roccasecca. in prossimità del bivio per Caprile. Un autobus del Cotral è uscito di strada fermando la corsa nella cunetta laterale destra. Dai primi accertamenti dei sanitari del 118, intervenuti sul posto, sembra che l’incidente del pesante automezzo sia stato causato da un malore dell’autista. Tanta la paura fra i quattro passeggeri presenti sul mezzo che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi, visto anche l’intenso traffico che quotidianamente percorre la Casilina in quel tratto. Forti i rallentamenti alla circolazione lungo il tratto di strada. Sul posto anche i Vigili del fuoco. Il traffico ha subito rallentamenti in attesa che l’automezzo venisse risolto. L’autista è stato ricoverato in codice rosso presso l’ospedale Santa Scolastica di Cassino. Anche i quattro passeggeri sono stati sottoposti ad accertamenti presso il nosocomio della Città Martire. F. Pensabene

5 febbraio 2016 0

Colpito da infarto, 71enne muore a Cassino davanti un centro prelievi

Di redazione

Cassino- Era andato questa mattina presto a Cassino per farsi fare le analisi del sangue, un 71enne originario di Villa Santa Lucia. Purtroppo a stroncare la sua vita un malore improvviso. Aveva deciso di fare un esame del sangue presso una struttura della città martire. Niente lasciava presagire che di lì a poco l’uomo invece sarebbe stato colpito da un infarto. L’anziano infatti, stando al racconto di alcune persone, si sarebbe allontanato dal centro prelievi, probabilmente prima di effettuare l’esame, per dirigersi presso la propria auto. Purtroppo però non è riuscito a far rientro a casa e a nulla sono valsi i soccorsi giunti sul posto a seguito della segnalazione di alcuni presenti. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare. La notizia della sua scomparsa ha lasciato senza fiato il suo paese d’origine, Villa Santa Lucia, dove ancora non si riesce a comprendere una simile tragedia. N. C.

5 febbraio 2016 0

Droga per la movida a Gaeta. La cocaina era la “botta” e la ketamina era “un invito a cena”

Di admin

Gaeta – “Senti, ma puoi veni con Kendi sto con 5 amici a cena pago tutto in anticipo”, erano il codice criptato usato tra consumatori e spacciatori per chiedere cinque dosi di Ketamina. La cocaina veniva indicata invece con il termine “Botta”, la richiesta di aiuto serviva per capire se lo spacciatore era fornito.

E’ quanto hanno decriptato gli investigatori dei carabinieri della compagnia di Formia e della Tenenza di Gaeta, investigando su un ricco filone di spaccio di sostanze stupefacenti con cui, dalla Campania, venivano riforniti i luoghi della movida gaetana e formiana. Gli uomini del capitano David Pirrera e del tenente Massimo Manzi hanno eseguito questa mattina l’arresto di tre importanti fornitori di hashish, cocaina e ketamina. Si tratta dei due albanesi, Flogert Kolici 23 anni e Dhurim Shini 22 anni e dell’italiano Ferdinando Battista 35anni, ben addentrato alla movida del centro storico di Gaeta. I tre permettevano ai loro clienti anche di prendere la droga a credito salvo poi adoperare le maniere forti per recuperare le somme dovute. L’indagine, coordinata dalla procura di Cassino, in occasione di un arresto avvenuto a Gaeta il 29 dicembre 2014. La droga sequestrata e, soprattutto, gli spacciatori arrestati, hanno dato spunti investigativi per lavorare sul filone che ha portato all’operazione odierna. Nel corso dell’indagine, inoltre, sono stati arrestati in flagranza di reato, per traffico di sostanze stupefacenti, 7 soggetti e denunciati in stato di libertà di 26 persone (ritenute responsabili, a vario titolo, di traffico stupefacenti, estorsione, favoreggiamento personale), segnalati alla locale Prefettura 3 assuntori, nonché sono stati sequestrate sostanze stupefacenti di vario genere per 50 grammi di cocaina, 650 grammi di hashish e 50 grammi circa di Ketamina.

5 febbraio 2016 0

Auto in fiamme sull’A1 tra Cassino e Pontecorvo, conducente salvo ma vettura distrutta

Di admin

Cassino – E’ andata completamente distrutta la costosa Range Rover da che questa mattina alle dieci, mentre transitava sul tratto autostradale Roma Napoli tra i caselli di Cassino e Pontecorvo, è stata completamente avvolta dalle fiamme.

Il conducente dell’auto con motore ibrido, al primo segno di fumo, ha accostato e si è allontanato. Le fiamme hanno avvolto la vettura distruggendola completamente nonostante il celere intervento dei vigili del fuoco di Cassino.

5 febbraio 2016 0

Con gli occhi iniettati di sangue, bimba aspetta inutilmente l’oculista al pronto soccorso di Cassino

Di admin

Cassino – Per quattro ore una bimba con occhi iniettati di sangue è stata in attesa di una visita oculistica che non è arrivata.

E’ accaduto ieri pomeriggio al pronto soccorso di Cassino ad una bambina di tre anni con evidenti problemi agli occhi. Dalle tre del pomeriggio, i genitori e la piccola che piangeva disperatamente nella sala d’attesa piena di gente, hanno attesa che arrivasse l’oculista per la visita.

Alle sette, stanchi ed esasperati per la vana attesa, hanno portato via la figlia senza che un oculista potesse visitarla. Quindi sono andati a cercare altrove ciò che avrebbe dovuto dare loro la sanità pubblica.

Ermanno Amedei