pubblicato il21 aprile 2016 alle 22:21

Medici di Cassino fecero spendere 95 mila euro alla Asl per strumento mai usato, condannati a risarcire

Il Cell Saver 5 sarebbe servito per recuperare sangue durante gli interventi. Nonostante la spesa per acquistarlo si preferì continuare a usare sacche

Cassino – Era giugno 2009 quando 95mila euro vennero spesi dalla Asl di Frosinone per dotare il Santa Scolastica di Cassino del Cell Saver 5 e un kit di 100 monouso necessari per l’apparecchio che sarebbe servito per il recupero del sangue in sala operatoria. Il sangue è merce rara, quindi, verrebbe da dire che la spesa era stata ben fatta.

Se non che, però, da luglio 2009 a luglio 2011, nei 59 interventi effettuati nel Santa Scolastica in cui Cell Saver sarebbe potuto tornare utile, non è mai stato utilizzato, preferendo l’utilizzo, invece, di 50 sacche di sangue costate poco meno di 10mila euro.

Una mala gestione che solitamente nel nostro Paese passa inosservata ma non è andata così in questa circostanza dato che la Corte dei Conti  ha condannato tre dirigenti della Asl a risarcire l’azienda per 60mila euro, cioè 20mila euro ciascuna per chi chiese  e chi autorizzò l’acquisto di quello strumento che è risultato inutile.

Er. Amedei

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07