Giorno: 12 maggio 2016

12 maggio 2016 0

Abuso edilizio, denunciate 4 persone a Sant’Apollinare

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Oggi a Sant’Apollinare, i carabinieri della locale Stazione, in collaborazione con la Polizia Locale e con il personale dell’Ufficio tecnico comunale, nel corso di un predisposto servizio volto alla tutela del territorio ed in particolare a contrastare l’abusivismo edilizio, deferivano in stato di libertà per i reati di “esecuzione di lavori edili in assenza del permesso di costruzione e violazione delle norme antisismiche in concorso”, un 74enne, un 57enne, un 52enne ed un 27enne, rispettivamente proprietario dell’immobile, progettista dei lavori, esecutore materiale degli stessi,amministratore unico della ditta esecutrice dei lavori. Gli operanti accertavano che i predetti avevano realizzato alcune opere edilizie in totale assenza del titolo autorizzativo, in particolare avevano effettuato la copertura di un terrazzo con pilastri e travi in cemento armato; un portico in ferro avente dimensione di mq 24 circa; manufatto in muratura di 37,50 circa; un locale in muratura di mq 9,50 circa; un locale in muratura di mq 7,50 circa; un locale in muratura di mq 6,30 circa. Le strutture del valore di 100 mila euro circa, venivano sottoposte a sequestro.

12 maggio 2016 0

Una legge per tutelare le vittime di furti da azioni risarcitorie dei ladri

Di admin

Italia – C’è possibilità, fino al 24 maggio, di poter sottoscrivere la proposta di legge su iniziativa popolare promossa dall’Idv, per la legittima difesa della casa  e dei beni. L’iniziativa è stata lanciata a febbraio si può partecipare recandosi nell’ufficio anagrafe del comune di residenza chiedendo di voler partecipare alla sottoscrizione. Sono circa 200mila le firme raccolte in tutta Italia e il Lazio si è ben distinto.

La proposta di legge si prefigge l’obiettivo di salvaguardare i proprietari delle abitazioni oggetto di furto, quindi, di fatti le vittime dei furti, da una eventuale azione risarcitoria nel caso il ladro si ferisse o peggio, morisse, nel compiere il furto o nel fuggire. Sembra assurdo, ma in Italia c’è bisogno anche di questo se si pensa che non sono sporadici i casi in cui alla vittima del furto venga chiesto un risarcimento danni dal ladro ferito dalla reazione del padrone di casa.

Leggi qui

Una iniziativa che divide. Da un lato c’è chi sostiene che una legge di questo tipo incoraggerà alle reazioni dei proprietari, una corsa verso l’armamento e che, quindi, finirebbe per creare ulteriori problemi. C’è chi invece sostiene che la diffusione delle notizie di episodi in cui i malviventi sono stati risarciti dalle vittime dei furti, sia stata anche una ulteriore arma di ricatto per convincere la gente a subire passivamente incursioni ladresche senza reagire e che, quindi, abbiano incentivato i furti. La cronica carenza di personale di forze dell’ordine che non permette un efficace controllo del territorio aiuta a sostenere la necessità di questa legge. Chi volesse partecipare  può farlo entro il 24 maggio recandosi nell’ufficio anagrafe del comune di residenza.

Er. Amedei

12 maggio 2016 0

Carrozziere-dentista, arrotondava pensione da 500 euro al mese. Indagini su giro di affari

Di admin

Pontecorvo – Il finto odontoiatra, carrozziere in pensione di Pontecorvo, aveva attrezzato il suo ambulatorio medico come qualsiasi altro ambulatorio odontoiatrico legale.

Faceva otturazioni, estrazioni, curava e prescriveva farmaci. Dieci anni prima aveva chiuso la sua partita Iva come carrozziere e per questo percepiva una pensione di circa 6mila euro l’anno, circa 500 euro al mese. Pochi per sopravvivere, quindi aveva di impiegare il tempo libero della pensione con un altro lavoro, quello dell’odontoiatra. Gli affari gli andavano decisamente bene ed è stato proprio il suo successo a portare la Finanza sulle sue tracce.

Il via vai di gente che entrava ed usciva dalla sua villa non è passato inosservato agli uomini del colonnello Massimiliano Fortino. Nessuna tabella che spiegasse quel via vai. I finanziari lo hanno dovuto scoprire entrando e trovando tutte le attrezzature, forse un po’ datate, ma perfettamente funzionanti. La clientela, tra questi anche medici, quasi tutta di Pontecorvo, non immaginava di affidare la propria dentatura ad un dentista abusivo.

Le indagini dei finanzieri adesso sono concentrate nello stabilire il giro di affari del finto dentista, da quanti anni esercitava ed anche a capire come ha fatto ad apprendere i rudimenti per poter intervenire sui denti delle persone.

12 maggio 2016 0

Palazzo comunale evacuato per fuga gas a Frosinone, ma era carcassa animale in putrefazione

Di admin

Frosinone – Palazzo comunale evacuato, questa mattina a Frosinone temendo una fuga gas. L’allarme è scattato alle 8.30 circa, quando comune ha cominciato a prendere vita con il brulicare dei dipendenti e degli utenti.

Un forte odore ha fatto temere che vi fosse una fuga di gas e per questo, in pochi minuti, il palazzo di via VI Dicembre è stato evacuato. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco ma al loro “olfatto esperto”, quell’odore non è sembrato affatto quello degli indicatori del gas.

Una rapida ispezione dei luoghi ha permesso di rinvenire la sorgente del lezzo irrespirabile. Nella parte retrostante della struttura, infatti, è stata trovata la carcassa di un animale morto in fase di decomposizione. Le finestre aperte dai dipendenti per far cambiare aria hanno permesso che i locali si saturassero di puzza che, seppur stomachevole, per fortuna, non era esplosiva. Accertato ciò i dipendenti sono tornati a lavoro con le finestre chiuse fino alla rimozione della carcassa.

Er. Amedei

12 maggio 2016 0

Carrozziere in pensione arrotondava a Pontecorvo facendo il dentista

Di admin

Pontecorvo – Carrozziere pensionato, arrotondava fingendosi odontoiatra. Vi fareste mettere voi le mani in bocca per curare un dente da un carrozziere per auto? A Pontecorvo c’era chi lo faceva. E’ paradossale la vicenda scoperta dalla guardia di Finanza di Cassino che hanno indagato su uno strano via vai di persone in una villetta di Pontecorvo. I militari coordinati dal colonnello Fortino hanno scoperto che parte dell’abitazione era uno studio medico dentistico a tutti gli effetti dove il 70enne esercitava la professione senza avere alcun titolo.

Ne è una laurea, nessuna abilitazione e nessuna autorizzazione per lo studio medico odontoiatrico.

Come ha fatto lui che si era occupato di carburatori, iniettori e cinte della distribuzione ad assumere anche le più rudimentali basi per poter pensare di curare molari o incisivi.

In particolare, il carrozziere – falso dentista aveva realizzato, nel piano seminterrato della propria abitazione, senza ovviamente alcuna targa o insegna all’esterno, uno studio medico odontoiatrico, completo di attrezzature e prodotti, per effettuare visite e cure, nonché con la disponibilità di farmaci che venivano fatti assumere ai propri clienti, ignari della natura assolutamente abusiva dell’attività medica esercitata e del rischio corso per aver ricevuto prestazioni sanitarie da parte di una persona a ciò non abilitata.

Come se non bastasse, nel corso delle operazioni di perquisizione i Finanzieri di Cassino hanno riscontrato significative carenze igienico-sanitarie, con riferimento non solo alle condizioni del locale, al cui interno erano custoditi anche attrezzi per il giardinaggio, ma anche a quelle di conservazione degli strumenti utilizzati per le visite dei pazienti.

Lo studio medico abusivo è stato sottoposto a sequestro e del finto medico è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Cassino per il reato di esercizio abusivo della professione medica.

Le indagini hanno altresì evidenziato che, ovviamente, il falso dentista operava senza dichiarare redditi al fisco e senza aver istituito le prescritte scritture contabili. I relativi accertamenti tesi a quantificare gli imponibili sottratti a tassazione, peraltro

frutto di attività illecita, sono tuttora in corso.

Er. amedei

12 maggio 2016 0

Samanta, il meritato omaggio della stampa locale ad un personaggio positivo

Di admin

Aquino – Onori a Samanta Mariani, la ricercatrice di Aquino che lavora ad Edimburgo partecipando alla ricerca per trovare suove soluzioni mediche per sconfiggere la leucemia. Gli articoli comparso sul settimanale nazionale Cronaca Vera, e i portali IlPuntoaMezzogiorno.it, FaccediVita.it e Alessioporcu.it  hanno appassionato non solo tanti lettori e utenti di internet che l’hanno riempita di complimenti, ma anche tante testate giornalistiche locali, sia cartacee che on line, le quali,  prendendo spunto, l’hanno omaggiata con lusinghieri e numerosi articoli.

Un personaggio positivo, quindi, come purtroppo pochi ce ne sono in giro. La sua passione per la ricerca, ancor più per un lavoro, l’hanno portata lontano da casa.

Nelle interviste ad altri suoi colleghi traspare anche la giustificata rabbia per dover fare all’estero il lavoro per il quale hanno studiato e che potrebbero fare in Italia a vantaggio della collettività. Samanta, garbata anche in questo, ha adoperato parole di speranza pure per il nostro Paese. Brava Samanta.

Ermanno Amedei