pubblicato il19 maggio 2016 alle 22:55

Un esercito di coccinelle per salvare gli alberi di via Roma a Roccasecca

Trattamento biologico contro gli afidi. Intervento naturale e non chimico per proteggere gli alberi

Una nuova modalità di trattamento antiparassitario per gli alberi di via Roma. E’ quella che sta sperimentando l’Amministrazione comunale di Rocccasecca per evitare che le piante possano essere attaccate, ammalarsi e provocare disagi anche ai cittadini e alla circolazione.
Al contrario degli anni passati, è stata adottata una procedura biologica di nuova generazione: anziché le flebo di medicinali, sono state posizionate tra i rami delle coccinelle affinché possano eliminare gli afidi che ammalorano le piante e che generano il fastidioso gocciolamento.
Le coccinelle, infatti, rappresentano un’arma molto efficace contro gli afidi, che attaccano quasi tutte le piante, succhiano la linfa e producono in grande quantità una sostanza zuccherata e appiccicosa chiamata melata, sulla quale si sviluppa un fungo nero.
Le coccinelle, specialmente allo stato larvale, riescono a divorare i parassiti ed evitare che gli alberi si possano ammalare. Ora con questo intervento si cercherà di evitare e risolvere la problematica, comune a tante aree dove è presente vegetazione.
“Si tratta di una modalità innovativa di trattamento – ha spiegato il sindaco Giovanni Giorgio – una modalità che non utilizza medicinali, ma le coccinelle. Dunque, un intervento non di natura chimica ma naturale, nel pieno rispetto dell’albero e dal quale ci aspettiamo che possa garantire la salubrità delle piante ed evitare la presenza di quella fastidiosa sostanza appiccicosa che impregna la strada e le auto, oltre a deteriorare la pianta stessa”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07