Giorno: 7 aprile 2017

7 aprile 2017 0

Ruba nel centro commerciale di Cassino, 27enne in manette

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – La Squadra Volante del Commissariato di Cassino, in seguito a segnalazione della sala operativa, è intervenuta presso un centro commerciale della città, dove una guardia giurata aveva fermato un uomo.

Il vigilante riferiva di aver visto il “cliente” prelevare dagli scaffali una tronchese, poi  utilizzata per rimuovere le protezioni antitaccheggio da un paio di scarpe da ginnastica, che ha provato nel camerino.

Da qui l’uomo, con zaino a spalla,  è uscito dal negozio e si è allontanato, dirigendosi verso la galleria del centro commerciale.

L’addetto alla sicurezza lo ha seguito e bloccato, richiedendo l’intervento della Polizia: nello zaino sono state rinvenute le scarpe ed altra merce non pagata.

Gli agenti hanno accompagnato il ladro presso gli uffici del Commissariato, per gli accertamenti di rito: è un 27enne originario del Piemonte, ma residente in un paese del frusinate, con precedenti penali e di polizia. Per lui è scattato l’arresto.

7 aprile 2017 0

Estorsione e usura tra Velletri e Aprilia: perquisizione e arresti

Di admin

Aprilia – militari del Comando Provinciale Latina, a seguito di un’articolata indagine e dopo aver eseguito numerose perquisizioni, hanno posto agli arresti domiciliari un cittadino albanese accusato di estorsione ed usura.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Latina e condotte dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Aprilia, hanno permesso di accertare che C.P.,  44enne, nel corso di soli sei mesi ha estorto oltre 100 mila euro a diversi soggetti.

L’usuraio, approfittando delle difficoltà finanziarie in cui versavano le sue vittime, principalmente commercianti e piccoli imprenditori, poneva dei tassi d’interesse smisuratamente superiore al tasso soglia stabilito trimestralmente con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, in alcuni casi superiore al 300% del capitale prestato.

Lo schema “criminale”, era studiato in modo da non dare alle vittime la possibilità di affrancarsi dal debito contratto. Infatti, l’usuraio pur utilizzando metodi intimidatori, si mostrava sempre disponibile ad elargire nuove somme di denaro che sarebbero state utilizzate dalle vittime per pagare le rate dei prestiti già contratti: in tal modo gli interessi sul capitale iniziale divenivano sempre maggiori e crescenti.

La delicata attività svolta dai finanzieri della Tenenza di Aprilia, anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche ed ambientali nonché pedinamenti, si è protratta per 6 mesi e ha consentito di ricostruire il modus operandi dell’usuraio che, all’occorrenza, si serviva della collaborazione di altri connazionali per intimidire le vittime.

Le operazioni sono scattate all’alba di oggi 7 aprile con la notifica del provvedimento coercitivo all’usuraio e la perquisizionedella sua villa.

Nel corso della medesima attività sono stati denunciati all’autorità giudiziaria ulteriori tresoggetti di origine albanese coinvolti nei fatti criminali.

7 aprile 2017 0

Contrasto alla movida “irregolare” a Cassino, barista sanzionato

Di admin

Cassino – La movida “irregolare” nel mirino dei carabinieri a Cassino. Dopo le segnalazioni effettuate dai cittadini, in particolar modo quelli residenti nel centro della città martire, son stati incrementati i servizi serali e notturni per controllare in particolare la somministrazione di alcolici ai minori. In tale contesto, sono stati attuati numerosi controlli nei luoghi di aggregazione dei giovani con l’effettuazione di ispezioni presso “bar” e luoghi di intrattenimento, con l’ausilio del personale della SIAE di Cassino, al fine di verificare il rispetto delle norme igienico sanitarie, della normativa sugli orari di chiusura dei locali e delle emissioni sonore.

A tal proposito, a Cassino sono stati controllati alcuni locali tra cui un “Pub” sprovvisto del dispositivo per il rilevamento dell’alcotest a favore della clientela, per cui il proprietario è stato sanzionato con un’ammenda di 400 euro. Inoltre il personale SIAE, intervenuto su richiesta dei militari, ha elevato al titolare del suddetto locale un’ulteriore contravvenzione di 900 euro circa per aver omesso il pagamento della tassa relativa all’esposizione al pubblico del televisore.

Ulteriori controlli verranno svolti anche nei prossimi fine settimana.

7 aprile 2017 0

La Virtus Cassino all’esame Catanzaro, nella 13esima di ritorno

Di redazionecassino1

La tredicesima di ritorno della regular season del Campionato Nazionale di Serie B 2016-17 , girone C, ha in programma, per quanto attiene le sorti del girone C, un succoso anticipo. Quello che andrà in scena sabato 8 aprile , palla a due alle ore 18.30 , al PalaVirtus di Cassino tra i padroni di casa , le “V” rossoblù della Terra di San Benedetto ed i giallorossi calabresi di Catanzaro.

Una gara tutta da vivere tra due formazioni assolutamente in grande condizione psico-fisica che vorranno ben figurare per confermare anche il buon momento messo in mostra nello scorso week end di campionato.

Gli ospiti calabresi infatti hanno sconfitto tra le mura amiche, niente di meno che, la seconda della classe, la Virtus Valmontone; 72-67 , il punteggio finale .

I padroni di casa invece sono usciti sconfitti di una corta incollatura, un solo possesso, 76-73, al termine di una splendida gara sul prestigioso palcoscenico del PalaBarbuto di Fuorigrotta a Napoli, in casa della leader indiscussa del girone C , quel Cuore Azzurro Napoli Basket che dopo aver vinto la Coppa Italia Nazionale di Serie B sta dominando la classifica del girone dall’alto dei suoi 46 punti in classifica.

Una settimana intensa quella appena trascorsa in casa rossoblù. Si perché gli uomini di Vettese hanno dovuto far fronte ad una serie di piccoli contrattempi fisici scorie della battaglia agonistica di Napoli. Una gara molto intensa, tipicamente da playoff, “Ma da ora in poi saranno tutte così” ha commentato il DS dei virtussini cassinati, il dott. Leonardo Manzari “sarà una sorta di escalation agonistica che ci condurrà alla fine del mese allorquando inizierà il primo turno dei playoff. Io devo sottolineare come la nostra Società ha centrato l’obiettivo post season per il terzo anno consecutivo in tre anni di permanenza nella terza serie nazionale ed ovviamente di ciò tutti noi dirigenti siamo estremamente sodisfatti. Di certo è un record da queste parti e ne siamo particolarmente orgogliosi. Adesso sta a noi prepararci a dovere per la post season e queste gare che ci separano alla fine della regular season saranno il giusto viatico; a cominciare dalla gara di sabato, che dovremo affrontare con la giusta carica onde evitare brutte sorprese da parte di una formazione giovane, ben costruita e soprattutto in grado di mettere in difficoltà ogni avversario. Noi da adesso in poi dovremo avere in mente di pensare, e bene, ad una partita alla volta, step by step. Catanzaro è il primo scoglio e sarà una squadra molto tosta da affrontare”, conclude il DS dei cassinati.

E senz’altro il dirigente cassinate ha ragione.

Infatti i calabresi stanno disputando una più che lusinghiera stagione.

Prova ne sia il fatto che Catanzaro è considerata l’ammazza grandi del girone C : dopo Palestrina, anche Valmontone è caduta, come detto, in Calabria nell’ultimo turno ed i giallorossi con questa affermazione si sono assicurati 2 punti d’oro in classifica, con i quali hanno staccato temporaneamente le inseguitrici per l’ultima posizione utile play-off in condominio con la LUISS Roma.

Dicevamo dunque dei calabresi che a tre giornate dal termine della regular season hanno eguagliato il record di punti dello scorso anno in serie B, 28 per la precisione . Lo scorso anno infatti Carpanzano e compagni chiusero la stagione regolare al nono posto, alla soglia della post season, primi tra gli esclusi appunto, con la fatidica quota punti di ventotto.

Quota punti che invece adesso a centoventi minuti dalla conclusione hanno già nel paniere e sono ben decisi a migliorare.

“Dovremo fare molta ma molta attenzione” ha dichiarato coach Vettese “sono in grado di farti male anche con le seconde linee. Hanno dei giovani di grande livello nel roster e soprattutto hanno una ragione in più per far bene: il traguardo della post season”.

Il cammino di Catanzaro comunque non sarà semplicissimo in queste ultime tre partite di regular season. Si partirà dalla trasferta sul parquet di Cassino, squadra che i prossimi avversari della squadra della città martire considerano fortissima e che all’andata impose il suo gioco a Catanzaro e chiuse sul +30.

Rispetto a qualche mese però fa le cose sono cambiate, ma coach Pullano, l’allenatore calabrese teme molto i laziali:

“Se penso alle gare che ancora dobbiamo disputare, bisogna ammettere che non sono facili. In casa con Maddaloni dovremo vincere assolutamente, non ci sono altre possibilità. Cassino è una squadra che purtroppo ci mette in difficoltà, soprattutto sul piano della fisicità. In ogni duello personale hanno sempre un mismatch favorevole e per tentare di portare a casa i due punti dobbiamo cercare di puntare su altri fattori minori che spesso sono quelli decisivi, e le palle sporche devono essere in maggioranza nostre. Non credo che i nostri avversari saranno appagati per la posizione di classifica che probabilmente resterà invariata da qui alla fine, perciò serve concentrazione e voglia di vincere” ha dichiarato alla vigilia della gara il coach giallorosso.

Palla a due prevista per le ore 18:30, dirigerà una coppia lombarda: Jacopo Spinelli di Cantù ed Elena Colazzo di Milano.

 

 

 

7 aprile 2017 0

Omicidio Alatri, il sindaco annulla spettacolo fuochi e vieta musica durante festa patrono

Di admin

Alatri – Niente fuochi di artificio, né spettacolo musicale e luminarie ridotte al necessario per la settimana santa e la festa patronale di San Sisto per rispetto al terribile fatto di Emanuele Morganti.

Lo ha stabilito il sindaco Giuseppe Morini che in una nota scrive:

“In considerazione dei tragici e straordinari fatti accaduti lo scorso 26 di marzo, ho ritenuto opportuno, se non necessario, prendere alcuni provvedimenti relativi alle manifestazioni previste per la settimana Santa e per la festa patronale di S. Sisto. Pertanto, abbiamo deciso che non sarà eseguito il tradizionale spettacolo pirotecnico, di annullare lo spettacolo musicale previsto per la serata di mercoledì 19, di limitare l’accensione delle luminarie al minimo indispensabile e di limitare la presenza delle bancarelle fino alle ore 21.00, le stesse non potranno emettere annunci e musica. Inoltre su proposta diretta della Confraternita sono stati annullati i previsti spettacoli musicali del 23 e del 30 di aprile. Credo che in questo modo si sia rappresentato nel migliore dei modi possibili il sentimento generalizzato dell’intera Cittadinanza, sentimento di dolore e di sgomento, pur tenendo conto della complessa macchina organizzativa che in tempi non sospetti si era già messa al lavoro e non rinunciando alle nostre secolari tradizioni e ad onorare doverosamente il nostro Patrono San Sisto”.

7 aprile 2017 0

Da Velletri la proposta per la marcia della Pace ai Castelli Romani

Di admin
Velletri – “Il rombo della morte non si è mai fermato, echeggia dal cuore del Mediterraneo sospinto dai lamenti dei bambini siriani offesi e uccisi dalla barbarie della guerra”. Lo dichiara in una nota Daniele Ognibene, Presidente del Consiglio comunale di Velletri. “Risuona dai propulsori dei missili che generano morte su morte. Il suono più assordante però è il nostro silenzio, quello delle donne e degli uomini di questo tempo che sembrano assenti, distratti, spaventati, incapaci. Noi tutti che abbiamo una qualsiasi responsabilità dobbiamo fare qualcosa, non una testimonianza sterile scritta sul qualche post, dobbiamo gridare più forte il messaggio di pace, con lo spirito di sempre, quello che l’umanesimo delle nostre origini ci impone. Propongo di organizzare un’imponente marcia della pace che coinvolga: istituzioni, scuole, terzo settore, famiglie, forze politiche, forze sociali, cittadini, immigrati, tutte le persone di buona volontà come grida, quotidianamente, papa Francesco. Una manifestazione concreta che deve servire a riaccendere le nostre coscienze a capire che la guerra è qui, dietro ai nostri confini, a quelli dell’Europa fragile. Una chiamata di pace, un grido di dolore che parte dall’aula del Consiglio comunale e che spero arrivi fin dentro i meandri della nostra complessa e straordinaria comunità vasta che coinvolga tutte le amministrazioni dei Castelli Romani con la costituzione di un coordinamento organizzativo”.
7 aprile 2017 0

Murales di via Ciamarra: prima pennellata alle 11

Di redazionecassino1

Frosinone – Si sono dati appuntamento per sabato 8 aprile, alle ore 11, nella zona dei murales, gli studenti e i docenti del liceo artistico di Frosinone, insieme ad alcuni degli autori dei lavori che facevano parte dell’associazione “Giovani per la città”, sul grande muro di via Ciamarra, che da 22 anni rappresenta uno degli elementi identitari della città capoluogo. Il sindaco, Nicola Ottaviani, insieme agli assessori Rossella Testa e Gianpiero Fabrizi, ha voluto puntare fortemente sul restauro e la riqualificazione artistica e architettonica dell’area, tenuto conto del fatto che i murales rappresentano una delle forme di espressione di arte moderna e contemporanea tra le più diffuse al mondo ed era giusto, dopo anni di erosione delle immagini di via Ciamarra, procedere a riportarle in vita, con il contributo degli istituti di formazione specifica presenti sul territorio. Le attività andranno avanti con la forma dell’alternanza scuola-lavoro nei prossimi mesi e saranno coordinate dal prof. Paolo Culla, unitamente agli altri docenti che hanno dato la disponibilità a contribuire alla realizzazione del restauro, quali i prof. Mario Casalese, Claudio Ceccarelli e Fausta Dumano.

 

7 aprile 2017 0

Slow Food Day 2017 fa tappa a Picinisco

Di admin

Picinisco – Tappa anche a Picinisco, domenica 8 aprile, per Slow Food Day 2017, una iniziativa nazionale che toccherà centinaia di piazze italiane per valorizzare e promuovere un’alimentazione sana e genuina, basata sui prodotti gastronomici tipici dei territori locali, secondo i principi Slow Food le cui “condotte”, cioè riferimenti ed attività locali, potranno essere conosciuti durante la giornata.

L’iniziativa di Picinisco, inserita nelle celebrazioni del Millenario del paese, è promossa da Slow Food Valle di Comino e Slow Food di Cassino in collaborazione con “Un futuro per Amatrice”, per essere vicini alle popolazioni  dei comuni del centro Italia che hanno subito i danni e le sciagure del terremoto dell’agosto scorso.

Nel ricco programma di eventi, infatti, alle 13.00 è prevista la degustazione di piatti di “Amatriciana solidale per Amatrice”.

Ma si parte già al mattino presto, in piazza Capocci, alle ore 8,30, con l’apertura del gustoso mercato di prodotti tipici locali, in collaborazione con l’associazione Valle Comino bio, in cui saranno riuniti produttori certificati biologici con le loro produzioni, dal miele ai formaggi passando per allevamenti di bovini marchigiani e suini casertani; per gli amanti della colazione dalle ore 9.00 ci sarà una Slow breakfast in cui assaggiare prodotti gustosi e ricercati. Per gli amanti del salato invece, dalle ore 11.00 , è stato pensato un Brunch “Slow” dove elogiare la lentezza ed il piacere della convivialità degustando i prodotti del mercato bio abbinati ad un calice di vino. Per i più piccini sempre alle ore 11.00, si svolgerà un laboratorio didattico per l’educazione agli insetti impollinatori ed alle erbe aromatiche e commestibili primaverili condotto da esperti formatori Slow. Lo Slow Food day si concluderà alle 13.00 con la degustazione della famosa pasta all’Amatriciana per la raccolta fondi in favore delle popolazioni terremotate. L’incasso sarà interamente devoluto da Slow Food in favore di progetti sostenibili per risanare il tessuto agricolo dei territori colpiti dal sisma.

“Manifestazioni come queste – spiega il Fiduciario della Condotta, il dottore in scienze gastronomiche Emanuele De Vittoris – consentono di valorizzare e promuovere la gastronomia sana e genuina dei nostri territori, cercando di evitare la loro scomparsa, nonostante l’elevata qualità che da sempre contraddistinguono i prodotti della Valle di Comino. Nel programma della giornata abbiamo inserito anche un momento dedicato all’Arca del gusto, uno straordinario progetto nazionale che caliamo nella Valle di Comino per salvaguardare la biodiversità che ci caratterizza: il gusto e le peculiarità di prodotti come il bottoncino di S. Giuseppe (e di Terelle), gli orapi del Parco, la sfogliatella tradizionale di Roccasecca e Casalvieri, o ancora i fagioli di San Biagio con la comunità di persone che coltivano a livello familiare un fagiolo insediatosi nella loro memoria gastronomica. Ovviamente non mancheranno produttori di Pecorino di Picinisco Dop, il vino Cabernet di Atina Doc e gli autoctoni Maturano, Lecinaro e Pampanaro per citarne alcuni, che rappresentano la nostra storia, cultura e tradizione”.

Entusiasta, il sindaco Marco Scappaticci ricorda che “iniziative come queste sono il volano della nostra economia perché consentono di scoprire le nostre bellezze ambientali e paesaggistiche e le nostre peculiarità gastronomiche e tradizionali, attraverso le quali dare opportunità di sviluppo e di crescita a tutti gli operatori, ristoratori, imprese agricolo-pastorali, attività dell’accoglienza e della produzione di prodotti alimentari di eccellenza. Sono queste le strategie che un piccolo paese come Picinisco deve incentivare per aiutare a superare la crisi economica e valorizzare le proprie risorse naturali, culturali e storiche”.

Appuntamento domenica a Picinisco, quindi, per buongustai, amanti della natura, dell’aria salubre e dei prodotti genuini della Valle di Comino.

7 aprile 2017 0

Picinisco dice no alla riforma dei Parchi

Di admin

Picinisco – No, all’unanimità, del consiglio comunale di Picinisco alla riforma dei parchi, in discussione alla Camera dei Deputati e già approvata al Senato, che prevede l’inasprimento dei vincoli ai territori contigui al Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, come gran parte di quelli ricadenti nel comune di Picinisco.

“Se la riforma dovesse passare anche alla Camera  – evidenzia il sindaco Marco Scappaticci –  sarebbe il suicidio della nostra economia che, nel pieno rispetto della tutela ecologica ed ambientale dell’ecosistema del nostro territorio, si fonda sull’attività delle aziende agropastorali, sul turismo naturalistico e sulla caccia.

Queste attività, e le loro ricadute economiche sul paese, sarebbero gravemente compromesse dall’attuazione dei vincoli sulle aree contigue al Parco, per questo il Consiglio Comunale si è espresso decisamente contro questa prospettiva. Il nostro è un paese montano, e territorialmente emarginato, privo quindi delle tante opportunità di sviluppo economico e sociale su cui possono contare altre comunità, e non possiamo  correre il rischio di vedere minacciate le attività attualmente esercitate nel territorio”.

 Tra l’altro, la riforma sta procedendo senza la cooperazione ed il raccordo con gli enti locali, come previsto invece dalla legge quadro sulle aree protette (394/91).

Per questo, il consiglio comunale ha deliberato che Picinisco “non conferisce alcun assenso alla istituzione, designazione o delimitazione di un’area contigua sul proprio territorio comunale; si oppone alla nuova formulazione già approvata dal Senato e richiede il mantenimento della precedente previsione costituzionale sulla sua costituzione/delimitazione da farsi solo con il consenso/assenso del Comune”.

L’assemblea civica, cosciente dell’importanza di conservare e salvaguardare alcune aree, si e impegnata autonomamente a designare apposite aree Wilderness come a suo tempo già accettate e concordate dalla precedente presidenza del Parco.