Giorno: 17 luglio 2017

17 luglio 2017 0

Aquino: Incidente in via Selvotta, Fiat Ducato sfonda un cancello. Un ferito

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Aquino- Un incidente si è verificato questa sera intorno alle ore 20.45 in via Selvotta. Un Fiat Ducato, condotto da un uomo di origini marocchine, per cause al vaglio, è uscito di strada quasi a ridosso di una curva ed è finito contro il cancello di un’abitazione. Immediatamente sul posto è giunto un mezzo del 118 per prestare cure al conducente del mezzo, rimasto ferito. Sono intervenuti anche i vigili del fuoco del distaccamento di Cassino e i carabinieri. N.C.

17 luglio 2017 0

Piantagione di marijuana di 4 ettari a Cassino, ma è legale

Di admin

CASSINO – Una piantagione di canapa indiana a Cassino. Quattro ettari di terreno coltivato a marijuana hanno fatto scattare l’allarme nelle forze dell’ordine che questa mattina hanno controllato i quattro ettari di terreno nella zona di via San Domenico. Un vero campo di marijuana ma il proprietario ha immediatamente provveduto a mostrare la documentazione che accertava l’uso terapeutico della piantagione.

I controlli effettuati hanno inoltre accertato che il principio attivo rientrava nei valori previsti.

17 luglio 2017 0

Cassino, nei serbatoi di vigili del fuoco di Roma 29mila litri carburante confiscato da Stradale

Di admin

CASSINO – La Procura della Repubblica di Cassino, in applicazione alla normativa vigente che prevede l’affidamento, alle Forze di Polizia e al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, in custodia giudiziale di prodotti energetici sottoposti a sequestro, ha assegnato al Dipartimento dei Vigili del Fuoco di Roma 29.000 litri di combustibile da autotrazione con un autoarticolato,  facenti parte dell’ingente “bottino” confiscato in seguito ad una indagine del 2014. Nell’ambito di una mirata azione di contrasto al dilagante fenomeno del contrabbando di carburante proveniente dall’est europeo, infatti, gli operatori della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino avevano proceduto al sequestro di ben 7 Tir su ciascuno dei quali era trasportato, con le stesse modalità, prodotto petrolifero in condizioni non conformi alla prescritta normativa in materia di accise. La complessa attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cassino, con l’ausilio dei tecnici di laboratorio dell’Agenzia delle Dogane ed imprenditori locali, aveva fatto emergere che il documento che accompagnava le merci durante gli spostamenti presentava delle incongruenze. Inoltre si appurava che l’idrocarburo sequestrato mostrava livelli chimico-fisici che pur discostandosi in maniera pressoché irrilevante dagli specifici standard del gasolio era comunque assimilabile a quelli tipici del gasolio per autotrazione. Il prodotto veniva infatti alterato grazie all’aggiunta di una minima quantità di additivo oleoso leggero, per sottrarlo all’imposizione fiscale delle accise che però aggiungendo pochi litri di benzina, riacquistava le caratteristiche del gasolio per autotrazione. Una volta effettuati tutti gli accertamenti tecnici tesi a verificare la natura del prodotto e definito il quadro investigativo, la Procura della Repubblica di Cassino aveva già assegnato nel 2016 un ingente quantitativo di carburante sequestrato ripartito tra Questura di Frosinone, Vigili del Fuoco di Roma e Polizia Marittima di La Spezia.

17 luglio 2017 0

Aggredisce automobilista e gli porta via l’auto, 27enne arrestato per Rapina

Di admin

FROSINONE – Un 31enne residente nell’hinterland frusinate, alle prime luce dell’alba, sta rincasando, quando, fermo allo stop, a bordo di una Renault Clio di sua proprietà, viene aggredito da un uomo calvo, dallo spiccato accento campano. Il malintenzionato minaccia il frusinate e, strattonandolo, lo spinge violentemente fuori dall’abitacolo, impossessandosi del mezzo e dandosi immediatamente alla fuga. Il 31enne, rimasto a piede, riesce comunque ad allertare le Forze di Polizia che diramano prontamente la nota di ricerca. All’intersezione della S.R. dei Monti Lepini con via Fedele Calvosa, una pattuglia della Sezione di Polizia Stradale di Frosinone intercetta l’auto rubata e la blocca. L’uomo, un 27enne campano ma residente in una cittadina a nord della provincia ciociara e con precedenti di polizia, viene pertanto tratto in arresto in flagranza di reato per rapina. La Renault Clio è stata restituita al legittimo proprietario.

17 luglio 2017 0

Formia: Mariarita Manzo su emergenza incendi “L’ambiente si difende investendo sull’ambiente!”

Di redazione

Riceviamo e pubblichiamo da Mariarita Manzo,responsabile Art UNO MDP, Formia.

“Appuntamento con gli incendi Ogni anno, d’estate, al problema “siccità” si accompagna quello degli incendi. Un fenomeno disastroso che attraversa l’Italia e dal quale non è esente certo il nostro territorio. Un appuntamento che ricorre puntualmente, che non giunge improvviso o inatteso. E che ogni volta, in maniera reiterata, mette a repentaglio il nostro patrimonio naturalistico e paesaggistico e mette in pericolo le abitazioni, le zone agricole, la montagna, l’incolumità pubblica. Anche la montagna appartiene alle nostre risorse più importanti, è parte cospicua e di pregio del nostro territorio e merita, pertanto, di essere tutelata, difesa, valorizzata. L’ordinaria amministrazione non è sufficiente a fare prevenzione adeguata e ad affrontare le emergenze ambientali che, purtroppo, nelle nostre zone, nell’intero comprensorio, si ripetono anche assumendo dimensioni rovinose. Il rogo di Castellonorato e Penitro ma anche egli accadimenti di S.Cosma , di Itri, di questi giorni sono solo alcuni esempi allarmanti di quanto le nostre colline siano indifese e troppo spesso preda di incendi e devastazioni. Davvero importante il supporto dei Vigili del fuoco e della Protezione civile locale , della Forestale che vanno ringraziati per il difficile lavoro che svolgono, ma non sempre sufficiente ad evitare il disastro ambientale. Una proposta di potenziamento delle risorse da mettere a disposizione della tutela ambientale e da destinare in particolare ad un Piano Antincendio fu elaborata e predisposta, nell’ambito dell’assessorato di cui ero responsabile, ma non ebbe possibilità di realizzazione. Non ebbe fortuna politicamente la proposta, ritenuta evidentemente di secondaria importanza e non meritevole di attenzione, tanto da non essere inclusa nella relativa voce di bilancio richiesta. Era invece per noi tutti – quale parte politica rappresentativa di SEL- un punto programmatico importante nell’ambito delle politiche ambientali; avrebbe rappresentato un importante supporto e una integrazione al Piano operativo di emergenza comunale e di protezione civile già esistente , intendeva essere finalizzato in particolare alle emergenze legate agli incendi e per rendere maggiormente incisiva l’azione di prevenzione degli stessi. La sua mancata considerazione è stata tra le ragioni delle difficoltà e delle contrarietà che hanno portato, prima ancora che le cose prendessero la piega che tutti conosciamo, unitamente ad altri importanti motivi di divisione, all’allontanamento dall’esperienza amministrativa a Formia. Nello specifico, si trattava di una proposta, che riteniamo ancora di enorme utilità, e che era stata discussa, concordata e condivisa con il Settore Protezione Civile del Comune di Formia ; prevedeva , tra le altre cose, un piano straordinario di controllo del territorio anche attraverso misure di videosorveglianza, non costosissime, in grado di monitorare e tenere sotto osservazione h24 tutte le aree collinari della nostra città. Non una risoluzione miracolosa ma un metodo sicuramente sperimentato, anche a dire della stessa Protezione Civile, capace di fornire esiti positivi in termini di una maggiore e più efficace azione di contrasto. Sebbene fuori da ruoli amministrativi, crediamo ancora che si possa riconsiderare tale ipotesi, mettendo nell’agenda politica comunale tale delicato tema, in considerazione della gravità che il fenomeno ricorrentemente assume nella nostra città e del rischio incolumità che determina ogni volta . Ribadiamo la necessità di un più vigile lavoro ed investimento sul terreno della difesa del patrimonio boschivo, montano e collinare dalla devastazione che il fuoco sempre determina, nei momenti di maggiore siccità. Anche l’esperienza del Fuoco prescritto , l’anno scorso realizzato in via sperimentale ed informativa con il Parco degli Aurunci , può rappresentare ancora una metodica da non trascurare. Il Comune di Formia vanta la presenza di una struttura molto efficiente di Protezione Civile, attualmente egregiamente coordinata, e che si avvale di volontari competenti e seri, di grande disponibilità: il loro lavoro è meritevole e rappresenta, a giudizio di tutti, e senza retorica, una risorsa irrinunciabile. Li abbiamo visti all’azione a Formia come altrove, in tutte le occasioni di emergenza e di calamità naturali. Ma le risorse umane non bastano se non si accompagnano ad un impiego vero, concreto ed adeguato alle necessità, di risorse economiche, di attrezzature idonee e di progettualità mirate. L’ambiente si difende investendo sull’ambiente!”. Foto d’archivio

17 luglio 2017 0

Sant’Ambrogio tra musica e canto

Di admin

È il titolo del progetto realizzato dall’Amministrazione comunale di Sant’Ambrogio, articolato in 3 eventi culturali e musicali e che si è chiuso ieri sera in piazza San Biagio con la esibizione di artisti tutti locali.

Il 25 Giugno , nella cornice della “ex cappella Sant’Antonio”, si è tenuto un convegno sui valori dello sport al quale hanno partecipato: Raniero Testa, campione di tiro al piattello e gli ambrosiani Marta Faiola, campionessa mondiale di danze latino – americane e Antonio Simeone, virtuosista della fisarmonica e campione nazionale.

Il 9 Luglio è stata la volta della rappresentazione artistica ambrosiana “Principe”, dei maestri Modesto, Pina e Marta Faiola che ha deliziato il folto pubblico con uno spettacolo di alto livello che ha visto alternarsi, sullo splendido scenario del palco naturale di Piazza San Biagio, bambini, giovani e adulti che hanno eseguito danze latino americane e coreografiche.

Venerdì 14 luglio, nella giornata conclusiva, è stata la volta della musica e del canto tutto “made in Sant’Ambrogio”; la corale polifonica “Annibale Messore”, la fisarmonica di Antonio Simeone e la “Ambrosiana band” composta da Rocco Cardillo, Antonio e Lorenzo Simeone, Luigi Di Cicco accompagnati anche da Raffaele e Francesco Artani hanno realizzato uno spettacolo emozionante e davvero unico che si è concluso con l’ascolto dei brani “Un bacio a mezzanotte” e “The Lions sleeps tonight” che gli artisti hanno eseguito tutti insieme coinvolgendo tutto il pubblico presente.

Il Sindaco, Sergio Messore, nel suo saluto, nell’esprimere la soddisfazione per la grande riuscita degli eventi, ha evidenziato che il filo conduttore di questo progetto, realizzato in collaborazione con la Presidenza del Consiglio regionale del Lazio, è stato quello di valorizzare lo straordinario “prodotto” artistico locale e di dare spazio alle realtà di Sant’Ambrogio perché in paese ci sono tanti gruppi artistici che devono essere supportati in quanto patrimonio della comunità.

Ha auspicato che anche da parte dei gruppi e delle associazioni del territorio ci sia una spinta per un maggiore coinvolgimento di questo importante Patrimonio del paese ed ha lanciato una “sfida” a tutti i partecipanti: realizzare in un prossimo futuro, con il supporto dell’Amministrazione comunale, un evento musicale unico a 5 che preveda anche la partecipazione della scuola di ballo e della banda locale.