Giorno: 18 aprile 2018

18 aprile 2018 0

Frosinone, Cisl Fns: Tre agenti feriti da detenuti durante rissa in carcere

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – “Apprendiamo che poco fa un detenuto straniero ha aggredito tre unità di polizia penitenziaria all’interno dell’istituto Casa Circondariale di Frosinone”.

E’ quanto si legge in una nota a firma di Massimo Costantino, segretario Generale Aggiunto CISL FNS. 

“Il personale era intervenuto per sedare una rissa tra due detenuti – Uno di questi ha preso a calci e pugni il personale aiutandosi anche con un manico scopa. Da quando apprendiamo per il personale di polizia penitenziaria è stato necessaria la visita presso l’ospedale della Città. Solo alcuni giorni fa segnalavamo il sovraffollamento nelle carceri del Lazio e le aggressioni nei confronti degli agenti penitenziari. Si rileva come al 31 marzo scorso erano 6.303 i reclusi, nei 14 istituti della Regione, rispetto ad una capienza di 5.257, dunque con 1.046 detenuti in più dei posti regolamentari. Frosinone (+89); ”Sono inoltre da segnalare – aggiunge Costantino – le innumerevoli aggressioni nei confronti del personale penitenziario, dovute anche alla chiusura degli Opg in ambito nazionale che ha portato molti detenuti con problemi psichiatrici nelle sezioni di osservazione psichiatrica delle carceri. Solidarietà  e vicinanza della Fns Cisl al personale coinvolto”.
18 aprile 2018 0

Amministrative 2018 a Velletri, Greci: tra S.T.O.R.I.A. rotatorie e snodo ferroviario, così voglio cambiare la città

Di admin

VELLETRI – La s.t.o.r.i.a. è al centro del programma elettorale di Giorgio Greci, 44 anni, candidato a sindaco di Velletri alle elezioni amministrative del 10 giugno.

Alla testa di un movimento civico, lui che non ha tessere di partito, dice di attirare l’attenzione dei partiti di centro destra, da Forza Italia a Fratelli d’Italia passando anche per la Lega e per altre forze civiche non partitiche.

S.t.o.r.i.a. è un acronimo scelto dal cardiologo e consigliere comunale di opposizione, che racchiude i sei punti cardini della sua proposta amministrativa all’elettorato illustrati, però, per sommi capi perché, dice, il programma deve essere ancora definito nel dettaglio.

“S di sicurezza – dichiara – che significa più illuminazione pubblica nei punti nevralgici della città e della prima periferia; videosorveglianza delle aree pubbliche e nei principali snodi stradali cittadini; significa anche un assessorato proprio alla sicurezza e al decoro urbano che si occupi di gestire anche le relazioni tra l’amministrazione e forze dell’ordine. A lui il compito anche di una relazione semestrale da presentare al consiglio comunale sulle problematiche della città.

T di tranquillità – continua Greci – Una città è tranquilla quando la sanità è vicina ai cittadini e, quindi un sindaco si deve battere in sede sovracomunale per il potenziamento di pronto soccorso e dei reparti del nosocomio.

O di orgoglio – Prosegue –  Orgoglio dei nostri prodotti tipici, del nostro territorio e quindi, inevitabilmente sostenere l’agricoltura dicendo no al mega impianto di smaltimento rifiuti in località 5 Archi.

R di ricchezza, una città è ricca grazie alla promozione dell’artigianato e del commercio, vero motore pulsante. Ogni serranda che si abbassa ed ogni insegna luminosa che si spegne nel centro cittadino rappresenta una ferita per l’intera comunità. Promuovere quindi, con le associazioni di categoria degli artigiani e dei commercianti un piano per rilanciare le attività.

I di inclusione, una città inclusiva se tutela anche le fasce più deboli e se l’amministrazione è loro vicina con servizi sociali funzionanti: penso agli anziani, alle famiglie disagiate e soprattutto ai disabili che non possono usufruire pienamente dei servizi della città a causa delle numerose barriere architettoniche.

A di attrattiva – Termina la sillabazione – Una città è attrattiva se sa far parlare di se con un progetto turistico all’altezza. C’è bisogno di progetto che veda Cesare Ottaviano Augusto ambasciatore di Velletri in Italia e nel mondo con creazione di eventi, spettacoli e feste che siano attrattive e volano per il rilancio della nostra città con creazione di percorsi turistici in cui Velletri sia inserita in virtù di bellezze artistiche e culturali anche e soprattutto sfruttando vicinanza della Capitale d’ Italia”.

Una vicinanza, però, che non è tanto “vicina” se si pensa che si raggiunge Roma con un’ora e 5 minuti di treno o con altrettanto tempo di auto; Latina la si raggiunge in 20 minuti.

“La mobilità e la viabilità, seppure non è compresa in s.t.o.r.i.a. restano una priorità insieme al decoro urbano. Innanzitutto la creazione, anche grazie a fondi europei e regionali, di uno snodo ferroviario in località 5 archi in modo da aumentare sul territorio l’offerta dei treni inserendoci nella tratta ferroviaria Roma Napoli. La Roma Velletri, invece, potrebbe diventare una metropolita veloce con mezzi leggeri. Sulla viabilità, invece è necessaria una corretta programmazione anche per la manutenzione del manto stradale. Le piogge non sono un fenomeno naturale improvviso ma che coincidono nel periodo che va da novembre ad aprile. Tra gli interventi da fare ci sono sicuramente le rotonde a Santa Maria dell’Orto, in via dei 5 Archi, via Rioli e in via di Cori.

Sui parcheggi il ripristino del senso unico in via Bruno Buozzi, con parcheggi a spina di pesce e riduzione del costo del ticket delle strisce blu oltre all’introduzione di un ticket integrato. Inoltre prevedo anche la necessità di rimodulazione del numero di parcheggi a pagamento e non, in particolare nel centro.

Particolare attenzione a postazioni taxi in piazza Garibaldi, i cui conducenti sono costretti a sostare vicino alla fermata degli autobus respirandone gli scarichi”.

Seppure molto è da definire, Greci sembra avere già molte idee da proporre all’elettorato, come ad esempio l’apertura notturna di una farmacia comunale, il miglioramento del servizio scuolabus, un piano panchine per dotare la città di strutture su cui la gente possa sedersi in particolare nei pressi delle fermate dei pullman; la riqualificazione di Piazza Cairoli e piazza Garibaldi. “In questo caso – dice – vanno ripresi i progetti che da dieci anni dormono nei cassetti anche per il recupero delle due fontane.

Inoltre va creato un polo di pronto intervento. La struttura che ospita la protezione civile in via Appia, è adatta per ospitare anche la postazione 118 e la Croce Rossa. Necessario anche individuare un’area da adibire ad eliporto nei pressi dell’ospedale”.

A tutto questo si aggiunge il capitolo sport.

“Serve individuare un’area per la creazione di un centro sportivo polifunzionale realizzato con project financing e fondi pubblici, ma serve anche censire le associazioni sportive e raccoglierle in un albo delle società sportive stimolandole a lavorare in sinergia per creare una polisportiva “Città di Velletri”. Al PalaBandinelli, invece, è necessario rendere gli spalti più accoglienti. Basterebbe poco, inoltre, per rilanciare la classica corsa podistica del Giro delle Vigne e lavorare per dargli una connotazione Nazionale”.

C’è, a suo parere, un errore commesso dall’amministrazione uscente e che si propone di non ripetere?

“La casa di un sindaco è la città, non il palazzo comunale – Conclude Greci – In questi anni c’è stato uno scollamento tra le decisione del palazzo e le esigenze dei cittadini. Ci sarà grande apertura da parte della mia amministrazione sia ai cittadini ma anche alle forze politiche di opposizione nelle decisioni più importanti e cruciali della nostra città. Troppo spesso, come consigliere di minoranza, non mi sono sentito partecipe di decisioni che potevano essere ampiamente condivise in consiglio comunale”.

Ermanno Amedei

18 aprile 2018 0

VIDEO – Preso per i piedi mentre cade dal terrazzo di un palazzo

Di admin

ROMA – Panico, ieri sera in via Lorenzo il Magnifico, per uno straniero che, salito sul cornicione del terrazzo di un palazzo, minacciava di gettarsi di sotto.

Immediatamente sul posto sono arrivati i mezzi dei vigili del fuoco tra i quali un’autoscala, oltre ad alcune volanti della polizia.

Il 25enne si trovava sul parapetto del terrazzo condominiale di un fabbricato di sei piani fuori terra.  Vigili del fuoco e agenti hanno tentato prima di dissuaderlo, poi sono riusciti ad afferrarlo per un piede mentre perdeva l’equilibrio rischiando, volontariamente o involontariamente, di cadere nel vuoto.

Gli operatori dei vigili del fuoco posti sul cestello dell’autoscala, sono riusciti poi a portarlo in salvo.

Ermanno Amedei

18 aprile 2018 0

Anagni: Aggredisce i carabinieri con calci, pugni e insulti. 40enne in manette

Di redazione

Nella serata di ieri, ad Anagni, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia, traevano in arresto per “violenza, resistenza e lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale”, un 40enne di Gorga (RM), già censito per numerosi reati contro il patrimonio. Lo stesso, sottoposto a controllo dei militari all’interno di un bar, allo scopo di sottrarsi agli accertamenti aggrediva gli operanti con calci, pugni e spintoni, rivolgendo loro frasi oltraggiose. Datosi alla fuga, il 40enne veniva raggiunto poco dopo nelle strade adiacenti e trovato in possesso di una dose di grammi 0,5 di cocaina e pertanto, segnalato anche all’Ufficio Territoriale del Governo di Frosinone per uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti. L’arresto al termine delle formalità di rito è stato condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari come disposto dall’A.G., mentre la sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro. Foto d’archivio

18 aprile 2018 0

Picinisco: 52enne nei guai. Aveva accumulato materiali di risulta in maniera abusiva

Di redazione

A Picinisco, nell’ambito di controlli eco-ambientali, i Carabinieri della locale Stazione, con la collaborazione dei colleghi della Stazione Forestale di Atina, deferivano in stato di libertà per il reato di “attività illecita di gestione di rifiuti” un 52enne del luogo, titolare di una ditta boschiva, già censito per analogo reato. Il predetto accumulava su un terreno di sua proprietà, su un’area di circa 30 mq, tra l’altro posta a poca distanza da un rio demaniale, materiali di risulta (plastici, elettrici, cartacei, vernici ed altro), anche senza l’utilizzo di alcuna impermeabilizzazione, derivanti anche dalla sua attività imprenditoriale. L’intera area veniva sottoposta a sequestro penale, in attesa della bonifica e delle determinazioni dell’A.G..

18 aprile 2018 0

Cassino: Furti di Rolex, ulteriori sviluppi

Di redazione

Nel prosieguo delle indagini intraprese a seguito dei furti di orologi “Rolex” (commessi nella giurisdizione della Compagnia di Cassino che portarono in data 21 marzo al fermo di Polizia Giudiziaria di 3 componenti della banda) i militari del N.O.R.M. acquisivano ulteriori due denunce per furti commessi con analogo modus operandi, da una giovane di nazionalità rumena. La donna, tra l’altro già controllata il 20 marzo u.s. nel corso del servizio che portò all’arresto in Roma dei 3 connazionali (in tale circostanza la stessa non fu riconosciuta dalle vittime), si identifica in P.E. 25 romena, già censita per furto con destrezza, nonché moglie di uno degli arrestati. La predetta è stata riconosciuta quale autrice del furto con destrezza di un “Rolex” del valore di circa 6mila euro, perpetrato nella città martire il 16 marzo u.s. ai danni di un 64enne, il quale, mentre si trovava all’interno della propria autovettura era stato avvicinato dalla donna che, con il pretesto di richiedere delle indicazioni stradali, fingendo di ringraziarlo gli afferrava il braccio sfilandogli l’orologio dandosi poi a precipitosa fuga. Analogo episodio si era verificato in data 23 marzo allorquando si era resa responsabile del furto con destrezza di un bracciale in oro, che sfilava dal polso di altra persona dopo averle chiesto di ripararsi sotto l’ombrello della malcapitata. Anche in questo caso, utilizzava la tecnica del ringraziamento per sfilarle il bracciale.

La Procura di Cassino condividendo le risultanza investigative dei militari operanti, emetteva un decreto di fermo di indiziato di delitto per “furto con destrezza in concorso”, che veniva eseguito questa mattina nella capitale. La donna, proveniente da Milano, veniva rintracciata presso la Casa Circondariale di Roma Rebibbia, ove si era recata per far visita al marito ivi detenuto. L’arrestata, è stata associata alla stessa Casa Circondariale – Sezione Femminile, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria mandante del provvedimento. Foto d’archivio

18 aprile 2018 0

Fontana Liri: Non si ferma all’alt dei carabinieri, inseguimento rocambolesco e arresto

Di redazione

Nella giornata di domenica i militari della Compagnia di Sora, nel corso di un servizio coordinato di controllo del territorio, traevano in arresto per resistenza a P.U. un 35enne di Arce con numerosi precedenti per droga. Lo stesso, mentre era guida della sua autovettura non si era fermato all’“Alt” intimatogli da una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Fontana Liri, dando così vita ad un rocambolesco inseguimento dapprima per le vie del paese e poi lungo la SR82 in direzione Fontana Liri. L’inseguimento terminava con successo in loc. San Sossio ove il fuggitivo veniva bloccato e trovato in possesso anche di due dosi di cocaina. Ora, a 48 ore dagli eventi, sono giunti gli esiti degli accertamenti sanitari dell’ospedale di Sora, richiesti dai militari operanti e tesi a verificare l’eventuale assunzione da parte dell’arrestato di sostanze stupefacenti. Il predetto è risultato positivo all’assunzione di cocaina e cannabis e, pertanto, deferito in stato di libertà per guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti. Il documento di guida è stato ritirato e la sua autovettura Fiat Punto sottoposta a sequestro per la successiva confisca. Foto d’archivio

18 aprile 2018 0

Rotatoria via Di Biasio-viale Bonomi, manca solo l’opera del M° Shigeru Saito

Di redazionecassino1

CASSINO – Il Sindaco del comune di Cassino Carlo Maria D’Alessandro ha effettuato, questa mattina, un nuovo sopralluogo ai lavori di messa in sicurezza dell’incrocio tra Via Di Biasio e Viale Bonomi attraverso la realizzazione della rotatoria dove sarà installata l’opera d’arte dello scultore giapponese Shigeru Saito

“Oggi sono stati completati i lavori per la riqualificazione del manto stradale, mentre ieri in serata è stato installato l’impianto di illuminazione della rotatoria. Sono state eseguiti gli accertamenti tecnici e le relative prove che hanno evidenziato la perfetta funzionalità delle strutture posizionate. Sono altresì iniziati i lavori per la realizzazione del parcheggio di proprietà del Comune di Cassino, che sarà adibito per la sosta a pagamento ed adiacente l’ingresso della clinica San Raffaele.

In sostanza i lavori sull’opera procedono a ritmo serrato grazie anche alla professionalità e all’azione molto celere della ditta che sta eseguendo i lavori. Entro qualche giorno saranno completati anche i marciapiedi realizzati per consentire un passaggio sicuro sino alla sede degli studenti dell’Università degli Studi di Cassino.

A fine interventi avremmo sicuramente a disposizione un’opera che andrà non solo ad abbellire la nostra città, ma anche uno svincolo di ingresso e uscita dalla nostra città che garantisce la sicurezza di automobilisti e pedoni.

Torno nuovamente a scusarmi con tutti i cittadini per gli eventuali disagi che si sono e potranno ulteriormente verificarsi da qui al completamento dell’opera e le relative eventuali criticità che ricadranno sul traffico cittadino. Stiamo parlando di improcrastinabili interventi per migliorare la viabilità e la sicurezza in un punto nevralgico di Cassino”.

 

 

18 aprile 2018 0

Piedimonte S.G: Oggi polizia in municipio. Si indaga sulle schede segnate

Di redazione

Piedimonte San Germano- Questa mattina la squadra investigativa del Commissariato di Cassino è stata in municipio a Piedimonte San Germano. Oggetto del blitz, la necessità di far chiarezza sulle 59 schede elettorali risultate segnate da strani simboli, cerchi, quadrati ecc, a seguito del riconteggio compiuto in Prefettura nei giorni scorsi. Le indagini sono infatti in pieno svolgimento e gli investigatori intendono capire cosa sia realmente accaduto nella tornata elettorale del 2017 che ha decretato sindaco l’avvocato Gioacchino Ferdinandi. Lo ricordiamo, il dottor Ettore Urbano, battuto per soli 32 voti, nei mesi scorsi aveva provveduto a presentare un ricorso al Tar e poi al Consiglio di Stato finalizzato ad ottenere il riconteggio delle schede. Nel ricorso veniva chiesto l’accertamento su un numero cospicuo di schede risultate segnate da strani simboli. Dal riconteggio sono emerse ben 59 schede oggetto di anomalia che ora sono state sottoposte a sequestro per ogni opportuna verifica. Contestualmente il sindaco Ferdinandi ha presentato un esposto alla Procura di Cassino chiedendo chiarezza sul fatto ed ipotizzando che quei segni siano stati fatti in un secondo momento. Indagini a tutto corso e clima sempre più teso a Piedimonte.

18 aprile 2018 0

Ad Isernia la droga degli Spada di Ostia: mamma corriere con figli, arrestata la nipote di Roberto

Di admin

ISERNIA – La droga degli Spada di Ostia ad Isernia attraverso giovani mamme che aggiravano i controlli utilizzando i loro figli. Lo hanno scoperto i carabinieri del comando provinciale di Isernia che, questa mattina hanno dato esecuzione ad una Ordinanza di Custodia Cautelare, nei confronti di cinque soggetti appartenenti ad una rete criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nella provincia di Isernia.

Nel corso delle indagini, che hanno portato al sequestro di un considerevole quantitativo di stupefacenti, di diversa tipologia, nonché all’esecuzione di altri tre arresti e dodici denunce in stato di libertà, i Carabinieri hanno accertato che gli indagati si rifornivano della droga presso il litorale di Ostia e che nella conduzione dell’attività di spaccio, portavano con loro i propri figli anche in tenera età, a qualsiasi ora del giorno e della notte, per evitare i controlli.

Una delle persone arrestate, una donna, risulta legata da rapporti di parentela diretta con appartenenti al clan Spada, operante proprio nella zona del litorale di Ostia, al cui vertice vi è lo zio, Carmine Spada, mentre un altro suo zio, Roberto Spada, è salito di recente alla ribalta della cronaca nazionale per la violenta aggressione ad un inviato di una trasmissione della Rai.

Ermanno Amedei