Giorno: 7 giugno 2018

7 giugno 2018 0

Documenti falsi per ottenere rimborsi Irpef, 56 enne arrestato nell’ufficio postale di Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Ha tentato di incassare rimborsi Irpef spettanti ad un siciliano utilizzando documenti falsi ma il colpo tentato all’interno dell’ufficio postale centrale di Cassino non è riuscito e i carabinieri comandati dal capitano Iva Mastromanno lo hanno arrestato. Si tratta di un 56enne residente nel casertano già gravato da vicende penali per reati commessi contro il patrimonio.

L’uomo è stato fermato all’interno dell’l’Ufficio Postale mentre tentava di porre all’incasso dei titoli per rimborsi IRPEF, per un importo di euro 2.390 intestati ad una persona residente in Sicilia, mediante l’esibizione di documenti di identificazione falsificati. Inoltre, all’esterno dell’ufficio è stato bloccato un 31enne di nazionalità albanese, anch’egli residente nel casertano, già gravato da vicende penali per reati commessi contro il patrimonio, il quale veniva deferito in stato di libertà, unitamente all’arrestato, per i reati di tentata truffa aggravata in concorso, ricettazione e sostituzione di persona, poichè trovato in possesso di patente di guida falsificata ed ulteriori titoli per rimborsi Irpef.

L’arrestato, ad espletate formalità di rito, è stato ristretto nelle camere di sicurezza del Comando Compagnia di Cassino, in attesa della celebrazione dell’udienza del rito per direttissima che si terrà domani presso il Tribunale Ordinario di Cassino

7 giugno 2018 0

A colpi d’ascia per scacciare coppietta dal suo terreno, arrestato 56enne

Di admin

PATRICA – Ha preso a colpi d’ascia la macchina con all’interno un uomo e una donna che si erano appartati sul suo terreno.

Per questo, stamattina I carabinieri della stazione di Supino, unitamente al personale del Norm di Frosinone, hanno arrestato un 56enne residente a Patrica e già gravato da vicende penali per furto, truffa, lesioni personali, violenza sessuale, violenza privata, per violenza privata, minaccia aggravata e danneggiamento aggravato.  L’arrestato, brandendo l’ascia, ha infierito nei confronti di una donna ed un suo conoscente, la cui unica colpa sarebbe stata quella di essersi fermata con la propria autovettura all’interno di un terreno di sua proprietà costringendoli, prima attraverso minacce verbali a farli fuggire e, successivamente, con lo stesso arnese  rivolgendo la sua inaudita violenza contro l’autovettura della donna, colpendola ripetutamente e provocando quindi gravissimi danni (foto in alto).

Solo il tempestivo intervento congiunto dei militari operanti, ha permesso che l’animo feroce del soggetto venisse placato e, contestualmente condotto in caserma per le previste e conseguenti formalità di rito e, dopo l’udienza del rito per direttissima, svoltosi nella mattinata odierna presso i competenti uffici giudiziari, lo stesso veniva tradotto presso la sua abitazione, poiché sottoposto alla misura degli agli arresti domiciliari.

7 giugno 2018 0

Sciame di api sceglie lo scooter come alveare

Di admin

ROMA – Inusuale alveare, quello scelto questa mattina da uno sciame di api in piazza Ragusa a Roma. Seguendo la loro regina, gli insetti hanno fatto “mucchio” attorno al manubrio e specchietto retrovisore di uno scooter.

A chiedere l’intervento degli agenti della polizia locale, gruppo Tuscolano, sono stati i passanti e il proprietario del motociclo che, in quelle condizioni, non poteva certamente essere usato.

Gli agenti, anche grazie al supporto dei volontari inviati dalla Protezione Civile, sono riusciti a mettere in salvo le api e liberare il mezzo.

Attraverso l’utilizzo di un’arnia le api sono state prese in consegna dai volontari e saranno impiegate per la produzione di miele, protette in un habitat a loro più consono, lontano dai centri densamente popolati, ove gli insetti avrebbero potuto arrecare danno all’incolumità pubblica.

Ermanno Amedei

7 giugno 2018 0

Studentessa palpeggiata in pieno giorno a Cassino, indagini in corso

Di admin

CASSINO – Sono in corso indagini per verificare il racconto di una studentessa universitaria che nella tarda mattinata di Ieri sarebbe stata avvicinata e palpeggiata da un ragazzo che poi si è allontanato.

L’aggressione sarebbe avvenuta nella tarda mattinata di ieri lungo il percorso che la ragazza copre dal rione Colosseo alla facoltà universitaria che frequenta alla Folcara.

La giovane ha raccontato di essere stata avvicinata da un ragazzo che improvvisamente le avrebbe messo le mani sul seno, palpeggiandola ripetutamente prima di scappare quando la studentessa ha iniziato ad urlare. Gli agenti del commissariato cittadino hanno raccolto la descrizione del giovane, a quanto pare italiano, e lo starebbero cercando.

Ermanno Amedei

7 giugno 2018 0

Con la moglie, la sorella e il cognato a trasportare droga, arrestati a Frosinone – LE FOTO

Di admin

FERENTINO – Le due coppie arrestate a Ferentino LEGGI perchè trovate in possesso di droga, sono sono due coniugi e due convivente, peraltro legate da vincoli di parentela (la donna sposata è infatti la sorella dell’uomo convivente), tutti italiani, eccezion fatta per un albanese, residenti a Ferentino e di età compresa tra i 25 ed i 18 anni.

Si tratta di Jessica di Rauso, 19 anni, Roberto di Rauso, 25 anni, Balliu Myftar, 26 anni, e Carola Riggi, 19 anni.

 

Due pattuglie in abiti civili dell’Arma, che si trovavano all’interno dell’area di servizio “Prenestina” dell’autostrada A1 in rientro dalla capitale, avevano notato tre dei prevenuti muoversi con atteggiamenti sospetti e ripartire di tutta fretta in direzione sud. Gli operanti hanno deciso quindi di procedere ad un controllo, ma l’auto sospetta, una volta affiancata, dopo un primo accenno a fermarsi, ripartiva a folle velocità. Ne scaturiva l’immediato inseguimento da parte dei militari dell’Arma e di una pattuglia della Polizia Stradale, allertata nel frattempo, nel corso del quale l’auto dei malviventi cercava di speronare e far uscire di strada le vetture delle Forze dell’Ordine. Queste, grazie anche ad un ingorgo causato da un incidente, all’altezza dello svincolo di Anagni, sono riusciti finalmente a bloccare l’auto in fuga impedendo sul nascere il tentativo di dileguarsi a piedi dei predetti. Le perquisizioni personali e veicolare consentivano di rinvenire 14 pacchetti di cocaina che erano stati occultati sotto il sedile anteriore del lato passeggero ed alcuni grammi di hashish, nascosti nel portaoggetti. Le successive perquisizioni domiciliari svolte presso le abitazioni dei fermati, permettevano altresì di scovare nell’appartamento della coppia sposata, dove la seconda donna arrestata era in attesa del rientro del marito, altra sostanza stupefacente, vari bilancini di precisione ed addirittura un frullatore utilizzato per “tagliare” la droga. Nel complesso venivano sequestrati 50 grammi di hashish ed addirittura quasi 400 grammi di cocaina che, al dettaglio, una volta mescolata ad altre sostanze, avrebbe fruttato un introito di oltre 90mila euro.

Al termine delle formalità di rito, i due uomini venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Frosinone, una donna presso la Casa Circondariale di Rebibbia e l’altra posta agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo da celebrarsi nella mattinata odierna.

I quattro verranno proposti per l’applicazione di idonee misure di prevenzione.

7 giugno 2018 0

Rapina alla Energas di Supino, dai domiciliari al carcere per due pontini

Di admin

FORMIA – Ieri mattina, i carabinieri di Formia e di Itri, hanno arrestato, un 25enne formiano e un 37enne  di Itri,  entrambi  già sottoposti a regime degli arresti domiciliari, in esecuzione alla misura dell’ordinanza per la carcerazione emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone.

Il Provvedimento scaturisce dalle risultanze investigative, che riconoscevano i prevenuti come autori della rapina avvenuta nel mese di gennaio alla Ernergas di Supino.

Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono stati associati presso la casa circondariale di Cassino.

7 giugno 2018 0

Frosinone, sequestrata auto senza assicurazione ed anche il carro attrezzi che è andato a caricarla

Di admin

FROSINONE – Gli agenti della Sezione Polizia Stradale di Frosinone   fermano, nel centro cittadino, una Volkswagen, con la sola conducente a bordo.

Nel corso  del controllo emerge  che il veicolo è sprovvisto della copertura assicurativa  e la donna  ha la patente di guida scaduta.

Oltre  ad elevare le contravvenzioni,  i poliziotti   procedono anche  al sequestro dell’auto.

Nel frangente la signora  chiede  di contattare il soccorso stradale di sua fiducia:  anche il carro attrezzi è sprovvisto della prevista assicurazione.

Entrambi multati ai sensi del C.d.S. per un importo superiore a 1.700 euro.

7 giugno 2018 0

Tabelloni elettorali ancora esposti in città, Borrelli ironico all’amministrazione: Potete toglierli, non si vota per adesso”

Di admin

– “Il 4 Marzo è passato da un bel pezzo e ad Alatri e ci sono ancora montati i tabelloni per le affissioni della campagna elettorale”.

Lo dichiara in una nota Gianluca Borrelli, consigliere comunale di Opposizione ad Alatri.

“Non è un bello spettacolo e questo credo sia evidente. Domenica scorsa, in occasione di una manifestazione presso il campo di Chiappitto, in tanti si sono lamentati della presenza dei tabelloni che, di fatto, impedivano la vista dell’evento. I tabelloni stanno lì, a Chiappitto a Collelavena e in altre zone. Ora, io capisco che l’Amministrazione abbia impegni importanti, come ad esempio l’oramai noto a tutti “volo” della Città. Capisco pure che l’Amministrazione faccia il tifo per il Pd e che magari sperava in elezioni politiche nazionali ravvicinate. Tranquilli, li potete togliere i tabelloni”.
7 giugno 2018 0

La puntura di Ultimo… alla manfrina tra Google e Commissione UE

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “La Commissione UE si appresta a multare Google per abuso di posizione dominante. I giornali parlano di maxi sanzione miliardaria ma anche stavolta la montagna partorirà un topolino.

È la solita e ben nota manfrina tra multinazionali e Commissione UE. I colossi eludono le leggi con enormi profitti, poi, ogni tanto, vengono beccati, tanto per far vedere e tentare di salvare le apparenze.

Qualunque sarà la sanzione, avranno già guadagnato dieci volte di più. E subito dopo si ricomincia…”.

Ultimo

7 giugno 2018 0

Anche un ammiraglio della Nato nella giuria della settima edizione della “Stozza Cassinate”

Di admin

CASSINO – “Dopo il successo  conseguito con la ‘Stozza Junior’, svoltasi presso il Primo Istituto comprensivo ‘Pio Di Meo’, l’Associazione culturale ‘Vecchia Cassino’ ha replicato  in località S. Antonio a Montecassino con la settima edizione della “Stozza Cassinese””.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“L’edizione 2018 ha avuto  una finestra internazionale grazie alla partecipazione in giura dell’ammiraglio Nato Gilles Humeau. L’ammiraglio francese è arrivato a Montecassino con una delegazione di 25 persone di stanza alla base Nato di Napoli.

La comitiva francese ha preso parte alla manifestazione che, anche quest’anno, ha registrato la partecipazione di cassinati doc saliti nei pressi dell’Abbazia per rivivere, ma soprattutto far conoscere ai giovani di oggi, una delle antiche tradizioni della città. L’iniziativa, che si prefigge di valorizzare ed affermare costumi e tradizioni di una volta, ha celebrato l’inscindibile rapporto tra passato, presente e futuro. Una giornata vissuta all’insegna della natura, solidarietà e amicizia con la “A” maiuscola. Il Comitato dei ‘Saggi per gli assaggi’  ha degustato sei stozze: il classico panino farcito con prodotti e ricette tipiche della cucina cassinese.

I nonni raccontano che, prima e subito dopo la seconda guerra mondiale, i giovani erano soliti salire a Montecassino per partecipare alle cerimonie religiose. Al termine degustavano lungo i viali dell’abbazia, o in località Crocifisso,  la stozza. A ‘giudicare’ le stozze l’Associazione ha invitato, in qualità di amici,  il sindaco Carlo Maria D’Alessandro, Anna Teresa Formisano, Gianrico Ranaldi, l’ammiraglio Gilles Humeau, Angelo Montemitoli e Bruno Mignanelli. Queste le stozze assaporate dai membri del Comitato dei “Saggi per gli assaggi”: “Frittata pane e fantasia”; “Peperone che passione”; “Quel che passa il convento”; “Chella che non se fa chiù”; Stozza contadina”; “Il piacere di mammà”. Sul podio, al termine della gara, sono salite le vincitrici. La medaglia di bronzo è andata ad Alessandra Pittiglio per “Il piacere di mammà”.

La medaglia d’argento è stata attribuita a Sofia e Nunziatina Sambucci, rispettivamente, nipote e nonna che hanno presentato la ‘La stozza contadina’. La medaglia d’oro la giuria l’ha assegnata a Francesca Cirilli che ha presentato “Chella che non se fa chiù”. La cerimonia di premiazione ha visto la presenza di dom Luigi Di Bussolo, segretario dell’AbateDonato Ogliari. La manifestazione ideata dall’Associazione culturale avrà un’ appendice il prossimo 29 giugno. Ieri mattina una delegazione dell’associazione composta dal presidente Antonio Marzocchella e dai soci Marcello Trupiano e Domenica Marinelli  si è incontrata con la direttrice della Casa circondariale Irma Civitareale. Nel corso dell’incontro si è deciso di far svolgere la manifestazione in carcere rovesciando l’organizzazione tradizionale. In pratica le ‘stozze’ saranno preparate dalla direttrice, dagli operatori e dai volontari che quotidianamente prestano servizio all’interno. La giuria ‘I saggi per gli assaggi’ sarà composta dai detenuti”.