Giorno: 9 luglio 2018

9 luglio 2018 0

Rapace investito sull’A1, soccorso e salvato dagli agenti della Polstrada a Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone all’altezza del Km.633, nel territorio del comune di Pofi, in corsia di emergenza, ha salvato un rapace, presumibilmente Biancone (specie protetta), che era stato investito da un veicolo.

Con l’ausilio di un telo, gli agenti sono riusciti a bloccare il volatile e trasportarlo  presso gli uffici della Sottosezione, dove, come da protocollo operativo, richiedono  l’intervento del veterinario della ASL provinciale  al fine di predisporre le immediate  cure.

Successivamente il volatile è stato trasferito presso il centro di recupero animali selvatici sito a Fogliano (Lt).

9 luglio 2018 0

Discarica illegale a Roccasecca, assolto l’ex sindaco Giorgi

Di admin

ROCCASECCA – Assolto l’ex sindaco di Roccasecca. Giovanni Giorgi era sotto processo per gestione illecita di rifiuti e la vicenda riguardava la discarica realizzata durante la sua amministrazione nell’area dell’ex mattatoio. Per quella vicenda l’ex primo cittadino rischiava grosso.

A salvarlo è stato un provvedimento che l’ex primo cittadino prese per cautelarsi dopo il suo insediamento, quello di delegare in maniera ufficiale, le funzioni a cui non assolveva lui in prima persona, come ad esempio quella dei rifiuti.

Questa mattina, quindi, il processo penale presieduto dal giudice Perna, ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato Sandro Salera e lo ha assolto con formula piena.

Ermanno Amedei

9 luglio 2018 0

San Vittore del Lazio, Esce di strada e finisce nel dirupo: muore geometra di San Giorgio

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – Un geometra di San Giorgio a Liri è morto questa mattina poco dopo le 12 a San Vittore del Lazio in un incidente stradale avvenuto sulla provinciale che da San Vittore porta a Cervaro.

L’uomo alla guida di una Suzuki Jimmi è uscito di strada finendo in un dirupo e capottando più volte. Nessuna speranza per il professionista che, all’arrivo dei soccorritori era già morto.

Il geometra C. N. 73 anni, era impegnato nei lavori di ampliamento del vicino cimitero di san Vittore. I carabinieri di Cervaro coordinati dal capitano Ivan Mastromanno stanno ricostruendo l’accaduto per risalire alle cause della tragedia.

Ermanno Amedei

9 luglio 2018 0

Festeggiamenti per la Serie “A” amari per 11 tifosi del Frosinone

Di admin

FROSINONE – Serrate  indagini degli inquirenti della Digos – Squadra Tifoserie –, diretti dal dr. Cristiano Bertolotti, sono scattate subito dopo la finale dei Play Off Serie B, disputatasi al Benito Stirpe,  tra Frosinone e Palermo, e che ha sancito la promozione nella massima serie della compagine locale.

Nel corso del festeggiamenti per la serie A, una cospicua rappresentanza di tifosi  si riservava sul terreno di gioco e una parte degli stessi si portava sotto la curva degli ospiti con atteggiamenti minacciosi.

In quel frangente 11 soggetti, di cui 4 gravati da precedenti anche specifici, si evidenziavano per condotte pericolose sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica e pertanto nei loro confronti sono stati emessi altrettanti provvedimenti di Daspo.

Ad “inchiodare” i supporters intemperanti anche le immagini del sistema di videosorveglianza.

Inoltre 3 soggetti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.

In particolare un 43enne dovrà rispondere di violenza privata in danno di un sostenitore del Palermo, mentre un 29enne è stato denunciato per istigazione a delinquere.

Ad un  tifoso di 27 anni è stata invece contestata la  violazione del Daspo emesso dal Questore di Frosinone nel 2016 e con scadenza nel 2021.

Ulteriori accertamenti sono in corso , anche con la collaborazione della Questura di Palermo, per l’individuazione di alcuni tifosi ospiti che si sono resi responsabili di intemperanze.

(foto repertorio)

9 luglio 2018 0

Da Cassino alle Mainarde la terza edizione del raduno Alfa Romeo

Di admin

CASSINO – “L’Associazione culturale Cassino Classic Car, club federato ASI, domenica 15 luglio 2018 chiama a raduno i collezionisti del prestigioso marchio del biscione”.

Lo si legge in una nota dell’associazione.

“E’ il terzo raduno monomarca ALFA ROMEO che il club cassinate del presidente Agostino De Martino organizza e che nelle precedenti due volte ha fatto registrare un gran numero di adesioni, la presenza di rari e preziosi esemplari di autovetture AR e grande gradimento e divertimento dei partecipanti che hanno apprezzato la bellezza dei luoghi interessati al tour e le superbe proposte enogastronomiche.

Lo storico marchio ALFA (acronimo di “Anonima Lombarda Fabbrica Automobili”) nacque il 24 giugno 1910 e lo stemma della casa automobilistica del Biscione non ha mai modificato radicalmente il proprio marchio che ha come emblema un logo circolare suddiviso verticalmente in due parti. Sul settore sinistro è presente lo stemma di Milano, la croce rossa in campo bianco (simbolo medievale del comune), mentre sul lato destro è raffigurato il serpente visconteo (il “Biscione”).

L’appuntamento per i partecipanti è in Piazza Alcide de Gasperi a Cassino dalle ore 8,30 per l’esposizione statica, le iscrizioni e la colazione offerta dal Club cassinate presso “Lord Cafè”.

Programma: Alle 10.30 partirà la sfilata per le vie cittadine alla volta di Vallerotonda con una sosta-aperitivo presso “il ristoro enogastronomico” nella piazzetta del pittoresco centro delle Mainarde. Quindi la ripartenza alla volta del lago di Cardito sulla tortuosa strada “percorso della memoria della linea Gustav” dove per gli alfisti sarà un piacere ascoltare il tipico sound alfa. Il pranzo a base di prelibatezze locali, soprattutto paste fresche, funghi e tartufi, sarà consumato nel “Ristorante Margherita” con affaccio sulle chiare acque del lago di Cardito. Durante il pranzo si svolgerà la cerimonia di premiazione”.

9 luglio 2018 0

Cassino: Folla di fedeli per la Madonna dell’Assunta

Di redazione

La mattina del 9 luglio ha per Cassino ed i cassinati un sapore speciale. Sa di devozione, forte, tangibile. Sa di amore e di rispetto per la amata Madonna Assunta. Ma più di ogni altra cosa è il giorno della penitenza e del ringraziamento per Lei che mai abbandona i suoi figli, così come fece quando la città era torturata dalla peste e dal colera e quando, dopo i tragici bombardamenti della seconda guerra mondiale, si fece ritrovare intatta sotto le macerie. E così, ogni 9 di luglio, i fedeli si ritrovano silenziosamente davanti la Chiesa Madre per attenderla quando viene portata in processione fino alla Chiesa di San Pietro. Passano gli anni ma la fede si respira in ogni passo ed in ogni preghiera in questo giorno speciale. Anche questa mattina prima che sorgesse il sole erano tutti lì ad aspettarla. Una folla immensa, quasi impossibile da immortalare. Come consuetudine si è tenuta prima la veglia di preghiera, poi questa mattina, è stata dapprima celebrata la Santa Messa dal vescovo Monsignor Gerardo Antonazzo, poi è partita la processione che intorno alle ore 7.00 è giunta nella zona del Colosseo per varcare la soglia della Chiesa di San Pietro. Lì la statua della Madonna resterà fino a domani quando sarà condotta poi alla Chiesa di Sant’Antonio. Nei giorni successivi sarà alla chiesa di San Giovanni e poi di San Bartolomeo. N.Costa

9 luglio 2018 0

“Aggio passat nu guaio” e “Giallo in condominio” il CUT torna al Teatro Romano di Cassino 11 e 18 luglio

Di redazionecassino1

CASSINO – Doppio appuntamento con il Centro Universitario Teatrale di Cassino nel mese di luglio. La stagione artistica del Cut si chiude infatti al Teatro Romano con due spettacoli dal vivo: “Aggio passat nu guaio” in scena l’11 luglio e “Giallo in condominio” il 18 luglio. Due serate all’insegna dell’ironia e della leggerezza che contribuiranno a colorare la rassegna estiva di Cassino Arte con una comicità dirompente. Ad inaugurare questo finale di stagione sarà la farsa dialettale scritta da Anna De Santis e diretta da Giorgio Mennoia, che vuole richiamare in primis l’attenzione di tutti gli anziani del territorio. Lo spettacolo a ingresso gratuito è infatti inserito nell’ambito del progetto “Anziani: memoria e futuro” promosso dall’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Cassino e finanziato dal Consorzio dei Comuni del Cassinate. Attraverso il racconto, il dialogo e l’arte della recitazione gli attori del Cut puntano a far avvicinare i giovani alla generazione dei loro nonni.

Sul palco del Teatro Romano i dieci interpreti regaleranno risate e divertimento attraverso quel genere strettamente legato al teatro dialettale. Torneranno protagonisti quella comicità esplosiva e un po’ scomposta, quel linguaggio chiassoso ma semplice ed efficace, quel modo leggero e amaro di raccontare la realtà. «La caratterizzazione dei personaggi, l’improvvisazione, la precisione nei tempi comici, il linguaggio e l’espressività fuori misura sono gli aspetti principali della farsa cui abbiamo dedicato lavoro e studio durante questo anno accademico – ha spiegato il regista e direttore artistico del Cut Giorgio Mennoia – e il desiderio di riproporre il genere della farsa nasce proprio dalla volontà di arrivare al pubblico in maniera diretta e spontanea».

“Aggio passat nu guaio” racconta la storia del giovane ventenne Antonio Maria che vive con le cinque donne da sempre presenti nella sua vita: la madre Lucia, vedova da molti anni, la nonna paterna Carmela, forte e autoritaria, e le zie signorine, Cesira, Cuncettella e Maria, tutte succubi in un modo o nell’altro della madre Carmela. Nella casa condivisa da parecchi anni per necessità economica si vive nel costante ricordo di Umberto, morto giovanissimo. Molte le sorprese che rivoluzioneranno la tranquilla e strana vita dei sei personaggi accompagnati da segreti, bugie e altre figure presenti nella loro quotidianità in modo divertente e misterioso.

Entrambi gli spettacoli estivi rientrano nel progetto del Cut di promozione e valorizzazione del turismo e dello sviluppo economico del territorio attraverso spettacoli di teatro comico e popolare, musical e varietà per adulti e ragazzi. Come accaduto lo scorso anno, il progetto è stato riconosciuto e premiato dalla Camera di Commercio di Frosinone che ha valorizzato l’idea di promuovere un equilibrio culturale tra spettacolo, turismo e imprenditoria. «Anche in questa stagione l’iniziativa del Cut premiata dalla Camera di Commercio di Frosinone – spiega il responsabile organizzativo Marco Mattei – punta ad offrire a cittadini e turisti presenti sul territorio la possibilità di trascorrere due giornate di spettacolo dal vivo divertendosi in modo intelligente, ma anche quello di far conoscere il patrimonio artistico, turistico, imprenditoriale, storico e archeologico della nostra area geografica».