Categoria: Comuni Provincia di Latina

22 ottobre 2018 0

Ruba farmaci dopanti per rivenderli a sportivi amatoriali, arrestato 38enne corriere farmaceutico

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – Corriere farmaceutico, ciclista amatoria e ladro di farmaci dopanti. questo è l’identikit del 38enne ddi Latina arrestato questa mattina dai carabinieri del Nas di Latina comandati dal capitano Egidio Felice.

I militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti dell’uomo indagata nell’ambito di articolata attività investigativa condotta dal NAS Carabinieri di Latina e coordinata dalla Procura della Repubblica di Latina – Sostituto Procuratore, Dott. Valerio De Luca – a contrasto della diffusione ed impiego di sostanze ad azione dopante.

Il provvedimento, per eseguire il quale sono intervenuti anche i Carabinieri del comando provinciale di Latina, è stato emesso dal G.I.P. del Tribunale di Latina, Dott.ssa Giorgia Castriota, che ha condiviso la sussistenza degli elementi di prova acquisiti nel corso delle attività investigative.

L’indagine, denominata “Free Shopping”, ha posto fine ad una prolungata serie di furti di farmaci, nonché prodotti cosmetici, integratori alimentari per lo sport e dispositivi medici, sottratti fraudolentemente ad un distributore farmaceutico operante nel territorio pontino. L’attività, avviata nel giugno 2018 da una denuncia relativa a molteplici furti in danno di un deposito farmaceutico e supportata dall’utilizzo di specifiche attività tecniche (intercettazioni telefoniche, ambientali e registrazioni audio/video), ha consentito di attribuire le responsabilità delle sottrazioni di prodotti ad un corriere di prodotti farmaceutici che aveva accesso fiduciario nella struttura, il quale li rivendeva personalmente nel mercato illegale.

Un’importante svolta nell’attività investigativa si è avuta nel mese di luglio, in occasione del sequestro di un ingente quantitativo di refurtiva, in larga parte farmaci ad azione dopante, epoietina e somatropina, e per la cura delle disfunzioni erettili nonché di dispositivi medici, prevalentemente costituiti da apparecchi per l’aerosol terapia, pronti per la cessione in canali distributivi clandestini, tra cui piattaforme web, frequentate da sportivi per approvvigionarsi di prodotti idonei al miglioramento delle prestazioni agonistiche. I soli prodotti farmaceutici, il cui valore nominale supera i 30 mila euro, avrebbero garantito, una volta immessi nel circuiti del mercato nero, introiti superiori ai 50 mila euro, anche in ragione della grande appetibilità conferita loro dall’elusione dei prescritti controlli in fase di dispensazione.

La medesima attività d’indagine, inoltre, ha permesso di accertare come l’indagato provvedesse anche a rifornire direttamente alcuni atleti amatoriali altresì assumendo personalmente gli stessi farmaci al fine di alterare le prestazioni agonistiche. Un concreto riscontro a tale ipotesi si è avuto con gli esiti di un controllo antidoping in una gara di ciclismo, svolta nel mese di luglio 2018, in cui sia l’indagato che un altro ciclista amatoriale erano risultati positivi all’epoietina.

Si ricorda che assumere farmaci in assenza di esigenze terapeutiche e controllo medico al fine di conseguire dei risultati agonistici, non solo rappresenta un disvalore per il concetto stesso di competizione sportiva, ma comporta anche dei gravi rischi per la salute.

19 ottobre 2018 0

Vigili del Fuoco, Polverino (Fns Cisl): finanziare equiparazione retributiva o pronti a scendere in piazza

Di admin
LATINA – “Anche i vigili del fuoco di Latina sono pronti a scendere in piazza per rivendicare i propri diritti Come è noto, sulla modifica dell’Ordinamento del CNVVF, il Governo ha recepito solo in parte le indicazioni delle Commissioni Affari Costituzionali del Senato e della Camera”. Lo si legge in una nota di Salvatore Polverino della segreteria Provinciale FNS CISL Latina.

“Soltanto alcuni punti del nostro documento, consegnato alle suddette Commissioni Parlamentari, sono stati accolti dal Governo il 4 ottobre scorso e per tale ragione lo riteniamo insoddisfacente. Tra quelli non recepiti dal Consiglio dei Ministri, il più importante, è quello relativo alla nostra richiesta del completamento dell’equiparazione retributiva (stipendi ed accessori) e previdenziale dei Vigili del Fuoco con gli appartenenti alle Forze dell’Ordine. Per tale principale ragione rivendichiamo una nuova legge delega con specifici finanziamenti economici a copertura della spesa che consenta di poter raggiungere l’obiettivo prioritario della categoria dei Vigili del fuoco. Abbiamo già evidenziato al Governo la necessità che nella Legge di Bilancio ci siano dei finanziamenti volti a garantire la piena equiparazione retributiva e previdenziale del Vigile del Fuoco con il Poliziotto, oltre all’aumento d’organico ed il riconoscimento tramite l’assicurazione INAIL delle malattie professionali specifiche legate al lavoro dei Vigili del Fuoco, nonché le risorse per i rinnovi contrattuali. Nei prossimi giorni valuteremo i contenuti della Legge di Bilancio se questi saranno deludenti, scenderemo in piazza nella prima metà del mese di novembre presso il Parlamento, assieme a tutti coloro che vorranno partecipare alla mobilitazione e lottare per il raggiungimento degli obiettivi più importanti per il personale del CNVVF”.
19 ottobre 2018 0

Rapinavano attività commerciali, arrestate a Latina sette persone

Di admin

LATINA – Nella primissima mattinata di stamattina, la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri di Latina hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Latina dott.ssa Campoli su richiesta del Sostituto Procuratore dott. Valerio De Luca, a carico di sette persone pluripregiudicate, tra cui due donne, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di rapina aggravata, estorsione, spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi.

Le indagini condotte in collaborazione dalla Squadra Mobile e dal Nucleo Operativo della Compagnia dei Carabinieri di Latina, partendo da episodi diversi, sono pervenute allo stesso gruppo criminale, consentendo di contestare ben 6 rapine commesse da commandi a composizione variabile, ai quali prendevano parte, di volta in volta, due o tre degli indagati, tra i quali si trovava spesso una donna, la quale assicurava la sorveglianza rispetto all’eventuale presenza delle Forze dell’Ordine e agevolava la fuga dei complici con l’utilizzo di un’autovettura “pulita”.

Gli obiettivi delle rapine, tutte commesse nel periodo da luglio a novembre 2017, erano Sale Slot, ristoranti e tabaccherie.

Oltre alle rapine vengono contestate ai componenti della banda molteplici attività criminali, tra cui lo spaccio di sostanze stupefacenti; l’estorsione commessa ai danni di un consumatore di cocaina, concretizzatasi con l’appropriazione della sua casa popolare, per saldare pregressi debiti di droga, costringendo la vittima all’indigenza; la detenzione ed il porto di armi in occasione degli assalti negli esercizi rapinati.

18 ottobre 2018 0

Caporalato a Terracina, arrestati due fratelli

Di admin

TERRACINA – Due fratelli di Terracina sono stati arrestati dagli agenti della questura di Latina e da quel del locale commissariato perchè accusati del reato di caporalato. Agli arresti domiciliari su ordine del Gip del tribunale di Latina sono finiti F.F. di 43 anni e A. F. di 47 anni  L’indagine ha preso avvio intorno alla metà di maggio 2018 nell’ambito del progetto “EMPACT THB. Traffico di esseri umani finalizzato allo sfruttamento del lavoro. Action Week 14 – 19 maggio 2018” coordinato dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, finalizzato a contrastare le associazioni per delinquere dedite al traffico di esseri umani, con particolare riferimento allo sfruttamento del lavoro.

Il complesso delle informazioni acquisite nel corso del controllo ispettivo all’Azienda Agricola dei due arrestati, è stato funzionale all’avvio di specifica attività investigativa. Il 16 maggio u.s., infatti, personale del commissariato ha proceduto ad un accesso presso alcuni campi coltivati a cielo aperto ed in serra, ubicati in via II° Macchia di Piano in località Borgo Hermada, riconducibili ai due fratelli , ove erano presenti 7 braccianti agricoli, tra cui un irregolare sul territorio nazionale. Nella circostanza si accertavano le condizione di sfruttamento lavorativo sia per ciò che attiene l’aspetto della manodopera clandestina, sia per quanto riguarda i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato, stante la reiterata condotta, tipica del reato in esame, desumibile dagli indici rilevatori: la sistematica retribuzione dei lavoratori in modo palesemente difforme dai contratti collettivi nazionali o comunque sproporzionata rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato; la sistematica violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie; la sussistenza di violazioni della normativa in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, tale da esporre il lavoratore a pericolo per la salute, la sicurezza o l’incolumità personale; la sottoposizione del lavoratore a condizioni di lavoro, metodi di sorveglianza, o a situazioni alloggiative particolarmente degradanti, con l’aggravante specifica: il numero di lavoratori reclutati sia superiore a tre; l’aver commesso il fatto esponendo i lavoratori a situazioni di grave pericolo, avuto riguardo alle caratteristiche delle prestazioni da svolgere e delle condizioni di lavoro. Gli ulteriori approfondimenti nell’ambito del contesto segnalato, hanno determinato la competente Autorità giudiziaria, che ha concordato con la tesi investigativa, a richiedere l’emissione dei citati provvedimenti restrittivi.

16 ottobre 2018 0

La battaglia di Lepanto, rievocata da 500 anni a Sermoneta la vittoria sui turchi

Di admin

SERMONETA – Grande riscontro di pubblico per la rievocazione storica della battaglia di Lepanto, che da cinquecento anni si tiene a Sermoneta la seconda domenica di ottobre.

Circa diecimila i visitatori venuti da tutto il Lazio per assistere al rientro del Duca Onorato IV Caetani in paese per riabbracciare la moglie Agnesina Colonna e il popolo festante, dopo la vittoria della flotta di Sermoneta nelle acque di Lepanto contro i turchi nel 1571. Per tutta la giornata, per le vie del paese i figuranti hanno mostrato gli antichi mestieri, mentre nel pomeriggio applauditissimo lo spettacolo degli sbandieratori delle Contrade di Cori, dei Trombonieri di Cava de’ Tirreni e della fanfara antica di Paliano. Il corteo si è mosso da palazzo Caetani per arrivare prima al belvedere, poi in Cattedrale per il ringraziamento alla Madonna della Vittoria e infine all’ingresso del paese, dove i Trombonieri hanno simulato l’attacco alle mura di Sermoneta. Nel frattempo, il palio equestre che si è svolto al campo sportivo ha decretato la vittoria dei cavalieri del rione Torrenuova. La manifestazione è stata organizzata dall’associazione festeggiamenti centro storico presieduta da Claudio Velardi e il contributo dell’amministrazione comunale di Sermoneta, in collaborazione con la Pro Loco. La manifestazione è stata all’insegna del “plastic free” e rientra nel calendario di eventi cofinanziati dalla Regione Lazio nell’ambito de “La Regione delle meraviglie”. Un servizio di bus navetta gestito da Gioia Bus ha garantito l’agevole accesso al centro storico ai turisti grazie al collegamento con il parcheggio dell’area mercato.

5 ottobre 2018 0

Scaglia una bottiglia contro la casa di chi le avrebbe rubato il fidanzato, brasiliana denunciata

Di admin

LATINA – Una lite tra donne segnalato ieri pomeriggio in via G.B. Grassi ha fatto arrivare sul posto una volante della Questura di Latina. I poliziotti hanno raccolto le testimonianze di alcune donne, molto agitate, una delle quali sosteneva di essere stata aggredita e minacciata da un’altra donna che si era allontanata in direzione Via Filiberto. La stessa aveva inoltre danneggiato il vetro del portoncino d’ingresso dello stabile, scagliandovi contro una bottiglia di birra.

Gli agenti hanno rintracciato la ragazza presso le Autolinee COTRAL, la quale si è mostrata particolarmente insofferente al controllo di Polizia, ma ha confermato di essersi giunta in Via Grassi alla ricerca di una ragazza responsabile di averle rubato il fidanzato.

La ragazza è stata identificata per Q.M.Y., 19enne cittadina Brasiliana, e denunciata per minaccia e danneggiamento aggravato.

3 ottobre 2018 0

Casa in fiamme ad Aprilia, i vigili del fuoco hanno evitato che l’incendio si propagasse

Di admin

APRILIA – Abitazione in fiamme, questa mattina, in via del Poggio ad Aprilia. L’allarme è stato lanciato alle 8.40 circa e sul posto è intervenuta una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Aprilia.

I pompieri, quindi hanno domato il rogo nato dalla cucina ma che si erano estese a buona parte degli altri locali. Le fiamme, scaturite presumibilmente in modo accidentale, hanno interessato alcuni elettrodomestici e danneggiato parte del tetto in legno. Subito iniziavano le operazioni di spegnimento. L’intervento si è reso necessario per impedire alle fiamme di propagarsi in tutto l’appartamento. Al momento dell’evento all’interno non vi era nessuno..

1 ottobre 2018 0

L’impegno di Matteo Salvini nella vicenda delle Marocchinate

Di admin

LATINA – “Sabato scorso a Latina davanti a migliaia di persone si è tenuta la festa della Lega, ribattezzata la “Pontida del Sud””.

Lo si legge in una nota dell’associazione vittime delle marocchinate.

“Sul palco il segretario del carroccio nonché vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. Nell’occasione il presidente dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate (A.N.V.M.) Emiliano Ciotti e la segretaria Anna Mula hanno donato a Salvini una copia del libro “Le Marocchinate. Cronaca di uno stupro di massa”, che lo stesso Ciotti sta presentando per l’Italia. I due rappresentanti dell’associazione hanno portato alla conoscenza del ministro la vicenda storica e della richiesta di una commissione parlamentare d’inchiesta. Matteo Salvini ha dato sin da subito la sua disponibilità rispondendo che era venuto a conoscenza della vicenda grazie ai parlamentari del carroccio Francesco Zicchieri, Gianfranco Rufa e Francesca Gerardi, anche loro rassicurando nel portare in parlamento e in tutte le sedi opportune questa pagina orrenda che ha interessato le province di Frosinone, di Latina e di molte altre zone italiane. Copia del libro è stato donato sabato sera anche ad altri esponenti politici tra cui l’Onorevole leghista Barbara Saltamartini, presidente della Commissione Attività Produttive, anche lei dando massima disponibilità e invitando a Roma i rappresentanti dell’Associazione”.

27 settembre 2018 0

Sorpreso con 625 grammi di marijuana, arrestato a Fondi giovane di Terracina

Di admin

FONDI – I Finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Fondi, coadiuvati dalle unità cinofile “Bam e Dafil” del Gruppo di Formia, nell’ambito del “Dispositivo di Contrasto ai Traffici Illeciti” predisposto dal Comando Provinciale di Latina, e finalizzato, tra l’altro, anche alla repressione dei reati in materia di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un cittadino italiano residente a Terracina, T.T., di anni 26, per possesso ai fini di spaccio di gr. 625 di marijuana amnesia e hashish. La pattuglia delle Fiamme Gialle, appostata nei pressi dell’intersezione tra la via Flacca e via Sant’Anastasia in Fondi, dopo aver sottoposto a fermo per un normale controllo un’autovettura SMART, notando del “nervosismo” negli atteggiamenti del conducente alla vista dei militari, decideva di intensificare il controllo del mezzo sul quale veniva rinvenuto un quantitativo di sostanza stupefacente pari a gr. 53,150, nonché n. 4 spinelli confezionati. L’operazione proseguiva quindi con la successiva perquisizione domiciliare, ed il rinvenimento di ulteriore gr. 572 di sostanza stupefacente, suddivisa in “panetti di hashish” e bustine della pericolosissima marijuana amnesia, nonché materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente, denaro contante, probabilmente profitto dell’attività illecita. I militari della Compagnia di Fondi, dopo aver contattato il PM di Turno presso la Procura della Repubblica di Latina, Dott. Giuseppe Miliano, procedevano a trarre in arresto il giovane ai sensi dell’art. art.73, comma 1, DPR 309/90 e, quindi, a tradurlo presso la Casa Circondariale di Latina, a disposizione dell’A.G.. La sostanza psicotropa, pari circa gr. 625 grammi, il denaro contante ed il materiale idoneo al confezionamento, venivano sottoposti a sequestro.

26 settembre 2018 0

Incidente stradale a Terracina, auto esce di strada e finisce nel canale

Di admin

TERRACINA – Esce di strada e finisce in un canale che costeggia l’arteria. Così una persona, nella tarda mattinata di oggi, è rimasta ferita nell’incidente stradale avvenuto a Terracina in via Capo dei Bufali in località Borgo Hermada. Il sinistro è avvenuto alle 11 circa e ha visto coinvolta la sola Renault su cui viaggiava il ferito.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ma al loro arrivo il ferito era già stato estratto dall’auto e trasprotato in ospedale. Con l‘autogru, invece, la macchina è stata recuperata e messa in sicurezza.