Categoria: Comuni Provincia di Latina

29 Marzo 2019 0

Latina, sgomberato immobile occupato illegalmente da appartenenti a clan criminale

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina nella mattinata di ieri ha provveduto a sgomberare un immobile ubicato in Via Moncenisio, illegittimamente occupato da appartenenti ad un noto clan criminale del capoluogo, giusto provvedimento di confisca ex art. 2 ter L. 31.05.1965 n. 575 emesso dall’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata.

Tale attività, volta al ripristino della legalità e al recupero delle aree degradate dei centri urbani, è stata concordata in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi in Prefettura ed ha visto coinvolte tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Reparti di rinforzo; presente anche la Polizia Locale e i Servizi Sociali del Comune. Tutto si è svolto con ordine e senza alcun problema sotto il profilo della sicurezza pubblica.

Le operazioni di messa in sicurezza ed inventario effettuate da funzionari dell’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata si sono concluse nelle prime ore del pomeriggio.

foto di repertorio

15 Marzo 2019 0

Chiedono il riscatto per un cellulare rubato. Indagati due minorenni a Formia

Di redazionecassino1

FORMIA – La Polizia di Stato – Questura di Latina, nell’ambito dei servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati contro la persona  nella serata di ieri ha proceduto al deferimento in stato di libertà di due minorenni responsabili di tentata estorsione in concorso.

I due ragazzi, dopo aver sottratto con artifizi e raggiri il telefono cellulare di una ragazza minorenne, mentre si trovava in compagnia di alcune amiche alla Villa Comunale di Formia,  prendevano contatti telefonici con la madre affinché consegnasse la somma di euro 300,00 per rientrare in possesso del bene asportato, concordando il luogo dell’appuntamento.

Gli investigatori del Comm.to di Formia, acquisita la denuncia, hanno predisposto un mirato servizio di appostamento presso il luogo dell’appuntamento dove si sarebbe dovuto svolgere lo scambio, non perdendo mai di vista la donna in attesa del contatto .

All’atto in cui i due giovani hanno consegnato il cellulare, restando in procinto di ricevere il denaro, gli agenti sono intervenuti tempestivamente,  bloccando in flagranza di reato i rei. I due ragazzi, sprovvisti di documenti di identificazione, sono stati accompagnati presso gli uffici del Comm.to di Formia e, ultimati gli adempimenti di rito, affidati agli esercenti la potestà genitoriale, non prima di essere edotti del loro deferimento alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni  di Roma.

14 Marzo 2019 0

Vittime delle Marocchinate, Maenza si impegna a dare nome a strada o parco

Di admin

MAENZA – “Un vero e proprio cantiere aperto quello che porta sin dalla nascita l’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate”.

Lo si legge in una nota dell’associazioneNazionale Vittime delle Marocchinate.

“Negli ultimi mesi come nell’ultimo periodo i rappresentanti dell’A.N.V.M. hanno avuto e hanno tutt’ora un calendario fitto di incontri con le istituzioni di ogni ordine e grado, con associazioni e con tutto il mondo civile che ha preso a cuore la vicenda delle Marocchinate, manifestando vicinanza e collaborazione al presidente Emiliano Ciotti e all’associazione da lui presieduta. Lo stesso Ciotti ha incontrato nella giornata di mercoledì 13 u.s. il sindaco di Maenza Claudio Sperduti. Il primo cittadino del comune lepino, conoscendo a fondo la vicenda delle violenze dell’esercito del C.E.F, si è impegnato e ha dato tutta la sua disponibilità con l’amministrazione da lui capeggiata per portare a breve in consiglio comunale una mozione con lo scopo nobile di intitolare un parco, una strada o una struttura del comune in ricordo delle vittime violentate e uccise dall’esercito franco-algerino. E sempre il comune di Maenza è stato il primo comune in Italia ad aver approvato una mozione in ricordo delle vittime. Il comune di Maenza, tra l’altro, è bene ricordarlo è stato tra i più colpiti della provincia di Latina da tali fatti. In concomitanza della presentazione del libro di Emiliano Ciotti del prossimo 6 aprile a Roccagorga, l’A.N.V.M. con la presenza del sindaco Claudio Sperduti daranno un riconoscimento alla famiglia di una persona, da poco deceduta, che nel 1944 a rischio della propria vita, ha tentato di difendere una donna che stava per essere violentata dalle truppe marocchine. In quell’episodio questa persona fu ferita ad una gamba in modo serio dopo essere stata raggiunta da numerosi colpi di fucile sparati dai soldati del C.E.F. Al termine dell’incontro è stato donato copia del libro al sindaco Claudio Sperduti. Il presidente Emiliano Ciotti e tutta l’associazione ringraziano il primo cittadino ed il comune di Maenza per la collaborazione messa a disposizione e per il bel gesto che ci sarà il 6 aprile”.

27 Febbraio 2019 0

Incidente mortale sulla Migliara 47 a Sezze, la vittima aveva 30 anni

Di admin

SEZZE – La tragedia si è consumata alle 6.30 circa di questa mattina sulla via Migliara 47 tra i Comuni di Sezze e Pontinia, quando a scontrarsi sono state due auto.

Sul posto è immediatamente giunto il personale dei vigili del fuoco di Latina. Uno schianto violentissimo che ha spinto le due auto a decine di metri di distanza fuoristrada, una su un lato e l’altra, tra le fiamme, sull’altro.

I pompieri hanno immediatamente provveduto a domare il rogo che aveva avvolto la vettura. I conducenti di entrambi i mezzi erano già stati fatti uscire dagli abitacolo e soccorsi ma per un 30enne non c’è stato nulla da fare: è morto sul posto. Altri due sono stati trasportati in ospedale e versano in gravi condizioni.

25 Febbraio 2019 0

Formia, controlli serrati della polizia nei luoghi della movida

Di redazionecassino1

FORMIA –  Nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione dei reati sul territorio, disposta dal Questore di Latina  Carmine Belfiore, personale della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. Formia ha intensificato i controlli eseguendo una serie di mirati  pattugliamenti e perquisizioni.

Infatti, nei giorni scorsi, sono state ampiamente battute le zone centrali e le vie periferiche di Formia con controllo dinamico rivolto a persone sospette, soprattutto nei luoghi solitamente frequentati da pregiudicati e spacciatori nonché sono state setacciate le zone della MOVIDA formiana, al fine di prevenire il compimento di attività illecite con contestuale controllo ed identificazione di avventori di alcuni esercizi controllati.

Nel corso delle predisposte attività, personale della Squadra Investigativa sorprendeva in questo centro un pluripregiudicato, appartenente ad una nota famiglia originaria di San Cipriano d’Aversa e da tempo dimorante nel sud pontino che, a bordo della propria autovettura,  guidava con patente sospesa, a seguito di una serie di violazioni al codice della strada e comportamentali.

A tale individuo, condotto negli Uffici di Polizia, veniva ritirata la patente di guida a tempo indeterminato, interessando anche la Motorizzazione Civile di Latina che emetteva un provvedimento di urgenza nei suoi confronti, subito a lui notificato.

Inoltre, prosegue l’attività di contrasto al crimine diffuso con provvedimenti di carattere amministrativo adottati nei confronti delle persone ritenute pericolose . Tra questi strumenti rientrano,  oltre all’adozione   del Foglio di Via Obbligatorio, soventemente emesso a firma del Questore,  anche l’Avviso Orale e la Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza.

20 Febbraio 2019 0

Latina, prosegue l’iniziativa della polizia “Scuole sicure”, al setaccio gli istituti di Terracina

Di redazionecassino1

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina è stata impegnata in preordinati servizi volti al contrasto e alla repressione dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti nell’ambito scolaresco, denominati scuole sicure. Le attività, svolte dagli uomini del Commissariato Distaccato di P.S. di Terracina, coadiuvati dal Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato e dai rispettivi uffici investigativi, hanno riguardato in particolare perquisizioni all’individuazione dei pusher di riferimento tra i giovanissimi. Tra gli obiettivi controllati particolare attenzione è stata dedicata a coloro che, da attività info investigativa, sono indicati come dediti allo spaccio destinato ai giovanissimi frequentatori delle scuole di Terracina. In tale ambito sono stati segnalati alla Prefettura di Latina M.P. 19enne di Priverno e R.C. 18enne di Fondi, entrambi incensurati. Gli stessi sono stati trovati in possesso, rispettivamente di 1,2 grammi di marijuana e 3,1 grammi di hashish.

Peraltro, i servizi straordinari di controllo del territorio hanno permesso di individuare ed identificare due giovani donne di etnia rom che si aggiravano tra le vie di questo centro cittadino e, con fare sospetto osservavano abitazioni private e esercizi commerciali, con ogni probabilità pronte aa entrare in azione. Le stesse, già ricercate da numerose Procure della Repubblica per la notifica di atti inerenti precedenti procedimenti penali per i numerosi furti di cui si erano rese protagoniste, sono state munite di foglio di via obbligatorio con il divieto di fare ritorno nel comune di Terracina per anni tre.

12 Febbraio 2019 0

Latina, la polizia intensifica i controlli antidroga e del territorio

Di redazionecassino1

 

LATINA – Domenica 10 febbraio la Squadra Volante, durante l’attività di controllo del territorio, procedeva al controllo di due ragazzi in Via Tuscolo, i quali hanno spontaneamente consegnato delle bustine che consegnavano spontaneamente agli operatori rispettivamente. La sostanza stupefacente, hashish e cocaina, è stata quindi sottoposta a sequestro. I due giovani italiani, rispettivamente classe ’83 e ‘94 sono stati segnalati alla locale Prefettura per uso di sostanza stupefacente.

In totali i controlli hanno conseguito i seguenti risultati:

12 posti di controllo effettuati 125 persone controllate 165 veicoli controllati 10 contravvenzioni elevate al C.d.S. 2 persone denunciate in stato di libertà 2 persone segnalate amministrativamente alla Prefettura per uso di sostanze stupefacenti

Tali servizi straordinari di controllo del territorio saranno ripetuti anche nei prossimi giorni.

5 Febbraio 2019 0

Gaeta, individuato e denunciato dalla polizia un 60enne, il ‘danneggiatore seriale’ di auto in sosta

Di redazionecassino1

GAETA – La Polizia di Stato – Questura di Latina, a seguito di una articolata attività d’indagine, ha deferito in stato di libertà un pensionato residente in Gaeta (LT), M.A. di anni 60, per danneggiamento aggravato continuato.

Le indagini hanno avuto inizio dal mese di novembre 2018, quando un cittadino si recava presso quell’Ufficio per denunciare svariati atti vandalici in danno dell’autovettura acquistata da poco. Gli accertamenti in centro città effettuati dagli investigatori del Commissariato Distaccato di P.S. di Gaeta, hanno permesso di riscontrare decine di autovetture graffiate, senza distinzione fra nuove o vecchie. Il modus operandi acquisito dalla polizia giudiziaria, consentiva di assumere elementi di prova utili a cristallizzare le responsabilità ed identificare compiutamente l’autore. L’ipotesi più accreditata era che il sospettato, nei giorni feriali, sempre di prima mattina, usciva di casa per una breve passeggiata e graffiava le auto in sosta con un oggetto metallico, apparentemente senza alcun motivo.

Il fenomeno iniziava ad assumere proporzioni preoccupanti, ingenerando un diffuso senso d’insicurezza fra gli abitanti del centralissimo quartiere, scenario degli eventi. Molte delle autovetture ivi parcheggiate, in strada, si è saputo, erano state oggetto di danneggiamenti mai denunciati, avvenuti addirittura nel corso degli ultimi anni, in periodi e con cadenze non meglio definite.

Grazie alla risolutezza del denunciante che ha proficuamente collaborato con i poliziotti, è quindi iniziata l’attività investigativa, con appostamenti e documentazioni video, nel corso della quale è stato immortalato M.A. proprio mentre si accaniva sul veicolo in questione. Dopo aver riverniciato interamente l’autovettura, avveniva l’ennesimo nuovo danneggiamento, l’ultimo prima dell’intervento di questa mattina, quando gli agenti fermavano il responsabile denunciandolo in stato di libertà.

Sono in corso ulteriori accertamenti su casi analoghi.

2 Febbraio 2019 0

Gaeta, polizia in cerca di droga trova reperti archeologici risalenti al 500 a.C.

Di admin

GAETA – Gli agenti di polizia hanno eseguito dei sopralluoghi nel parco Regionale di Monte Orlando, dove era stata segnalata nelle ore notturne la presenza di persone sospette .

Sul posto, all’interno di ruderi abbandonati e solitamente frequentati da piccoli spacciatori, gli uomini del Commissariato Distaccato di P.S. di Gaeta hanno effettuato diversi controlli e, proprio all’interno di uno di questi manufatti, è stata rinvenuta una busta in cellophane  con all’interno dei reperti archeologici in buono stato di conservazione .

Da una prima analisi effettuata da esperti del settore archeologico, i reperti, risultati autentici, di  origine greca, risalenti al 500 a.c., consistono in una coppa denominata KILIX; un’anfora denominata LEBES GAMIKOS; un vaso dal corpo allungato denominato LEKYTHOS.

Appare verosimile ritenere che gli oggetti rinvenuti, di inestimabile valore e per i quali è vietato il commercio, possano essere stati trafugati dall’abitazione di un qualche facoltoso collezionista, il quale li deteneva illegalmente.

I reperti, sottoposti a sequestro, verranno successivamente esaminati da personale della Soprintendenza delle Belle Arti. Sono  in corso ulteriori accertamenti.

31 Gennaio 2019 0

Latina, non consegnava la posta, denunciato dalla polizia un postino

Di redazionecassino1

LATINA – Continuano incessante l’attività di prevenzione e controllo del territorio voluti dal Questore Belfiore in particolare, nella giornata appena trascorsa, la Polizia di Stato con le pattuglie della Squadra Volante ha effettuato numerosi posti di controllo in quelle aree della città solitamente  ritenute più a rischio sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica perlustrando anche quelle zone attenzionate e segnalate dalla cittadinanza per l’aumento di alcune tipologie di reato.

Ieri mattina, nel corso dei citati controlli, un equipaggio della Squadra Volante, a seguito di segnalazione giunta al 113, interveniva in  Via Maira una traversa di via Piave dove, una persona aveva riferito di aver visto un uomo alla guida di una Lancia Y gettare all’interno di un cassonetto dei rifiuti  numerosa corrispondenza postale . Medesime informazioni venivano fornite anche da un addetto alla nettezza urbana, grazie al quale gli operatori di Polizia riuscivano a recuperare tutta la corrispondenza inevasa. Dalle informazioni acquisite e dagli accertamenti effettuati, gli operatori della Polizia di Stato riuscivano a risalire all’uomo che aveva gettato la corrispondenza ed alla società di corrispondenza presso la quale lo stesso lavora. L’uomo, contattato dalla società di spedizione, confermava di aver gettato la corrispondenza senza giustificare il gesto compiuto. Un rappresentante della società di spedizione, pertanto, si portava presso gli uffici della Questura per sporgere denuncia contro il proprio dipendente. Quest’ultimo, rintracciato ed accompagnato presso gli uffici della Questura, veniva identificato per D.E., cittadino italiano del 1971, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. Dopo gli accertamenti di rito il postino infedele veniva sottoposto ai consueti rilievi fotosegnaletici presso la  Polizia Scientifica e denunciato in stato di libertà per soppressione di corrispondenza. Inoltre veniva contravvenzionato perché guidava con patente scaduta.