Categoria: Comuni Provincia di Latina

14 Maggio 2011 1

Manifestazione: “Insieme al mare… per una estate sicura”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Stamane, in località Marina di Serapo, nel tratto di spiaggia libera compreso tra il lido “La Perla” ed il lido “Risorgimento”, si è svolta la 4^ edizione della manifestazione “Insieme al mare … per una estate sicura”. L’iniziativa organizzata dalla Capitaneria di porto di Gaeta in collaborazione con la Società Nazionale di Salvamento e con il patrocinio del comune di Gaeta, ha visto la viva e appassionata partecipazione di circa 250 alunni del !° Circolo Didattico, dell’I.C. Principe Amedeo e dell’I.C. Carducci. Nel corso della manifestazione sono state spiegate le principali regole per la sicurezza in mare: consigli semplici ma fondamentali per evitare situazioni di pericolo in mare. Successivamente sono state effettuate delle simulazioni di soccorso in mare, che hanno visto impegnati i cani di salvataggio della Scuola K9 e le unità navali della Guardia Costiera di Gaeta. Ad accogliere gli alunni ed i professori, vi erano il vice sindaco ass. Di Ciaccio, l’Ammiraglio Grandi della Società Nazionale di Salvamento ed il Capitano di Corvetta Latinista della Capitaneria di porto di Gaeta. [nggallery id=288]

10 Maggio 2011 0

Gaeta perde la Bandiera Blu

Di admin

Gaeta non è più presente nell’elenco delle Bandiere Blu per le acque più pulite e belle. Quest’anno i responsabili della Foundation for Environmental Education non hanno assegnato alla località la bandiera. La Bandiera Blu non identifica necessariamente la località con il mare più pulito ma tiene conto anche di altri fattori. Nel Lazio la mantengono Sperlonga, San Felice Circeo, Sabaudia e Anzio.

22 Aprile 2011 0

Coldiretti Latina, novità per le domande di premio dei produttori di latte

Di admin

La Coldiretti di Latina rende noto che nella compilazione delle domande di premio unico PAC, dell’anno 2010, per la prima volta, è stato contemplato un premio aggiuntivo (art. 68), riservato ai produttori di latte bovino, da erogare, in base alla qualità del prodotto conferito all’industria di trasformazione o per uso alimentare.”Nelle scorse settimane – ha ricordato il direttore provinciale di Coldiretti Latina, Saverio Viola – AG.E.A. (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), ha reso attivo il programma informatico che consente la stampa e l’inoltro delle apposite dichiarazioni da parte di tutti i produttori interessati. Il percepimento del premio (max 15 € per ogni tonnellata di latte, commisurato alle effettive domande che perverranno a livello nazionale) è subordinato al raggiungimento di parametri qualitativi piuttosto alti:c ellule somatiche inferiori a 300.000 / ml.;carica batterica inferiore a 40.000; proteine non inferiori a 3,35%. In subordine – spiega Viola – è ammesso un solo valore tra i tre previsti non conforme, purchè non si superi la soglia delle 400.000 cellule somatiche, 100.000 di carica batterica e proteine non inferiori a 3,20%”. Il programma informatico richiede l’inserimento di almeno 2 analisi per ciascun mese. E’ opportuno che tutti i produttori di latte contattino al più presto il proprio caseificio o l’industria di latte alimentare, per farsi rilasciare un’apposita certificazione comprendente i valori di analisi riferiti all’intero anno 2010 (due analisi per ciascun mese) inerenti le proteine, le cellule somatiche e la carica batterica. Gli uffici zona Coldiretti sono naturalmente a disposizione per la presentazione delle apposite domande agli aventi diritto. Ufficio di indirizzo telefono LATINA Via Don Minzoni 1 0773/696659 APRILIA Via Nettunense 144 06/9275935 CISTERNA V. Oberdan 25 06/9681080 PONTINIA Via Napoli 46 0773/867758 SABAUDIA Via Zara 20 0773/510545 SEZZE Piazzale Stazione FF.SS. Sezze Scalo 0773/887568 PRIVERNO Via T. Rocchigiana 9 0773/902122 TERRACINA Piazza IV Novembre 1 B. Hermada 0773/732034 FONDI Viale Piemonte MOF 0771/511895 FORMIA Via O. Spaventola 0771/267290 MINTURNO Via Appia 1767 Marina 0771/682899

5 Aprile 2011 0

Coldiretti Latina, per la batteriosi del kiwi domani importante riunione

Di admin

Importante appuntamento domani, mercoledì 6 aprile 2011, con inizio alle ore 10.00, a Latina, presso l’agriturismo “Oasi Serena”, in via Macchia Grande 117, a Borgo Bainsizza, organizzato dalla Coldiretti pontina per fare il punto sull’annoso problema della batteriosi del kiwi. “Si tratta – ha detto il direttore di Coldiretti Latina, Saverio Viola, di un appuntamento che porrà in essere un serrato confronto con esponenti della politica regionale, dirigenti della Regione Lazio e del mondo della ricerca”. Oltre ai massimi vertici della Coldiretti pontina, con a capo il presidente provinciale, Daniela Santori, saranno presenti il presidente regionale di Coldiretti Lazio, Massimo Gargano, ed il direttore regionale Coldiretti Lazio, Aldo Mattia, che coordinerà i lavori. La Coldiretti pontina grazie all’imponente mobilitazione dei mesi scorsi ha ottenuto una Legge Regionale sulle fitopatie che ha voluto con vigore e forza impostando, insieme ai tecnici, anche le linee di indirizzo di un provvedimento atteso e davvero importante per dare nuovo slancio e uno scenario di fiducia al settore. “Ora, però – sottolinea Viola – è indispensabile, unitamente alla Regione Lazio, uno sforzo ulteriore per reperire i fondi nazionali e regionali necessari a superare questa grave emergenza”. E’ appena il caso di ricordare che la produzione di kiwi della provincia di Latina rappresenta ben il 24 % di quella mondiale, caratterizzandosi (sommata a quella delle province di Roma e Viterbo) quale unico prodotto di cui la Regione Lazio può vantare un deciso primato a livello nazionale. A Cisterna di Latina, ovvero una delle cittadine dove è piu’ presente la rappresentanza imprenditoriale del frutto, insistono 2000 ettari coltivati, 1750 di kiwi verde e 250 di kiwi giallo; 60.000 le tonnellate prodotte su 96.000 dell’intero Lazio; 2000 sono le aziende presenti sul territorio con un totale di circa 20.000 persone impiegate.”Numeri importanti – ha concluso Viola – che meritano un’attenzione particolare e rispetto nelle scelte e nei tempi di soluzione della grave crisi oltre che ad una riflessione comune scevra da condizionamenti ed in grado di offrire risposte concrete in tempi certi”.

4 Aprile 2011 0

Rocciatori in difficoltà salvati dalla capitaneria di porto di Gaeta

Di admin

Alle ore 14,00 circa due rocciatori (C.S. età 35 anni di Bolzano e P.L. 44 anni di Bolzano) segnalavano alla Capitaneria di Porto di Gaeta che si trovavano in prossimità della grotta del turco nel parco riviera di Ulisse e che non riuscivano a ritrovare il percorso di risalita della parete rocciosa, pertanto erano impediti a riprendere il loro cammino. Valutata la posizione, la Capitaneria di Porto ha ritenuto necessario il recupero via mare ed ha inviato in zona la motovedetta di soccorso cp 856 comandata dal maresciallo Manna. Giunta sul posto, la motovedetta, con grande difficoltà, è riuscita ad avvicinarsi alla parete rocciosa e a recuperare i due rocciatori che pur risultando in evidente stato di agitazione, non necessitavano di cure di pronto soccorso. L’arrivo della bella stagione e quindi delle escursioni non puo’ che comportare un generale invito alla prudenza.

2 Aprile 2011 0

Coldiretti Latina commenta l’aumento delle tariffe in agricoltura

Di admin

L’aumento delle tariffe energetiche è gravoso per le famiglie e per le imprese con un incremento preoccupante dei costi di produzione che in agricoltura fanno segnare, nel corso dei primi mesi del 2011, un aumento medio dell’4,9 per cento con punte del 19,3 per cento per i mangimi e del 6,5 per cento per i carburanti agricoli. Così Saverio Viola, direttore provinciale di Coldiretti Latina che aggiunge:il riferimento che più fa riflettere è quello del rincaro del 2 per centro per il gas e del 3,9 per cento per la bolletta della luce comunicato dall’Autorità per l’energia, sulla base dei dati Ismea relativi a febbraio 2011. L’aumento record delle bollette energetiche colpisce – precisa il direttore della Coldiretti – sopratutto le attività agricole che necessitano del riscaldamento delle serre (fiori, ortaggi e funghi), di locali come le stalle, ma anche per l’essiccazione dei foraggi destinati all’alimentazione degli animali, oltre a quelle che utilizzano il carburante per il movimento delle macchine come i trattori. Solo per effetto dell’aumento record del prezzo del gasolio destinato all’attività agricola si stima per il settore un aggravio di costi stimabile in diversi milioni di euro su base annua. Occorre porre in essere così come Coldiretti in Italia, nel Lazio e nella provincia pontina, sta facendo, serie azioni per mettere in condizione gli imprenditori agricoli di continuare a lavorare e garantire prodotti sani e di certa provenienza anche mediante il proprio progetto per una filiera agricola tutta locale”.

30 Marzo 2011 0

Sosta a Gaeta di Unità Navali della Marina Militare

Di admin

Nell’ambito delle attività istituzionali della Scuola di Comando Navale, dal 31 marzo al 3 aprile sosteranno nel porto di Gaeta tre Unità della Marina Militare Italiana appartenenti al Comando delle Forze di Pattugliamento per la Sorveglianza e la Difesa Costiera (COMFORPAT) normalmente dislocate ad Augusta (SR). Nave CHIMERA, Nave SIRIO e Nave URANIA sono impegnate in una complessa ed articolata attività che ha come scopo il mantenimento del livello di addestramento dei circa 230 uomini di equipaggio e la valutazione di nove Tenenti di Vascello che frequentano la 251^ Sessione della Scuola di Comando Navale. Nove giovani Ufficiali, che hanno circa 13 anni di servizio al loro attivo, affrontano questa impegnativa quanto stimolante esperienza con l’obiettivo di conseguire l’idoneità al Comando Navale. Dalla prossima estate, infatti, assumeranno il primo incarico di Comandante e quindi la responsabilità dell’Unità Navale e del relativo equipaggio che verrà loro affidata dalla Marina Militare Italiana. La Scuola di Comando Navale, attualmente diretta dal Capitano di Vascello Antonio Pasanisi, è una istituzione di elevata valenza formativa, unica tra le Marine di rango della NATO, che vanta una tradizione di 85 anni. La sua lunga storia, iniziata nel 1926 ed interrottasi solo nel corso dei conflitti bellici del passato, è stata caratterizzata da una costante opera di travaso di conoscenze, tradizioni, passione e professionalità verso innumerevoli generazioni di giovani Ufficiali.

23 Marzo 2011 0

Coldiretti Frosinone e Latina: importantissima l’opera dei Nas

Di admin

“L’azione di controllo e vigilanza effettuata dal Nucleo Antisofisticazioni e Sanità è importante per garantire la salute dei cittadini ma anche per tutelare l’immagine del Made in Lazio dal rischio di frodi e contraffazioni che riguardano molti prodotti tipici nostrani”. Così Paolo De Cesare e Saverio Viola, direttori delle sedi di Frosinone e Latina della Coldiretti commentano i recenti dati resi noti dal Capitano Massimo Minicelli, comandante dei Nas di Latina e Frosinone. “Non possiamo non esprimere la nostra profonda e sentita gratitudine per il lavoro e l’impegno dei Nas per la lotta contro le frodi e le sofisticazioni. Grazie alle migliaia di ispezioni effettuate il valore dei cibi e delle bevande sequestrate ha raggiunto un totale di milioni di euro. I settori maggiormente interessati sono proprio quelli delle carni e degli allevamenti ma anche dei latticini e della frutta – aggiungo i due direttori che inviteranno, in modo congiunto, il capitano dei Nas a riceverli per fare il punto della situazione e per concordare utili azioni a contrasto delle frodi alimentari nei rispettivi territori.” D’altronde – hanno aggiunto Viola e De Cesare – Il patrimonio enogastronomico dei nostri territori notoriamente costituisce, per vari aspetti, l’eccellenza nell’ambito di quello nazionale. La varietà e la qualità dei prodotti locali hanno ovviamente reso necessari interventi di tutela, alla base dei quali vi sono, senza dubbio, i riconoscimenti delle denominazioni di origine, conseguenti all’applicazione di specifici parametri stabiliti da rigidi disciplinari di produzione, ed anche le iniziative locali come, ad esempio,quelle riguardanti il km. 0”. La moltitudine di aziende che hanno fatto della lealtà e dell’onestà di intenti la loro forza devono essere tutelate contro quanti vogliono profitti illeciti a discapito degli acquirenti.

Dall’olio di soia spacciato come d’oliva alle mozzarelle fatte senza latte, dal vino contraffatto ai salumi già scaduti ma pronti per la vendita, ai finti kiwi extra-large, solo per citare alcuni degli interventi realizzati nei due territori. Tutte operazioni che mettono in evidenza l’impegno dei Nas al fine di tutelare il consumatore e il lavoro delle imprese agricole che continuano a lavorare con passione ed abnegazione garantendo prodotti di qualità e rintracciabili nei singoli processo produttivi.

13 Marzo 2011 0

Viola e Santori (Coldiretti Latina): “Domani assemblea a Pontinia per lo sciopero del latte. Pronti a proteste eclatanti”

Di admin

“Siamo pronti e non lasceremo nulla di intentato per dare dignità al settore”. Così Saverio Viola, direttore provinciale della Coldiretti di Latina presenta l’assembla dei produttori di latte che si terrà a Pontinia, alle ore 19.00. Dopo la manifestazione di venerdì a Roma la Coldiretti ha chiamato a raccolta gli allevatori per preparare al meglio la mobilitazione e declinare le fasi di una vertenza che si preannuncia particolarmente aspra.“Gli industriali devono riflettere – sottolinea Daniela Santori, presidente della sede Coldiretti di Latina – circa la situazione di oggi nelle stalle. Coldiretti chiede 45 centesimi per litro e gli allevatori sono pronti a lasciare le proprie stalle e far sentire il proprio grido d’allarme. Il costo del pasto delle mucche è cresciuto in percentuale otto volte in piu’ di quello degli uomini con gli alimentari che – spiega ancora Viola – sono aumentati del 2 per cento nello stesso periodo secondo l’Istat. Sono quindi le stalle a subire i primi effetti dei rincari delle materie prime che sotto la spinta delle rivolte in nord africa ha fatto volare i costi di produzione negli allevamenti dove non è piu’ possibile mantenere gli animali con il latte sottopagato. Gli attuali 38 centesimi per litro rappresentano un importo insostenibile per gli allevatori che hanno annunciato lo sciopero del latte con la mancata consegna del latte munto dalla mucche alle industrie che sarà invece utilizzato per alimentare i vitellini. Oltre all’aumento dei costi per il movimento delle macchine come i trattori –spiega il presidente provinciale di Santori – in agricoltura il caro petrolio colpisce sopratutto le attività agricole che utilizzano il carburante per il riscaldamento di locali come le stalle, ma anche per l’essiccazione dei foraggi destinati all’alimentazione degli animali. Coldiretti chiede che sia annullata l’accisa sui carburanti destinati al riscaldamento, come già è avvenuto negli anni passati e annuncia battaglia. 17 per cento è l’aumento dei costi dei mangimi che non permette piu’ di garantire l’alimentazione degli animali. Non tutti tengono conto, inoltre, che il prezzo della benzina alla pompa supera del 316 per cento quello del latte alla stalla. I consumatori pagano il prodotto oltre 1 euro e 60 senza neppure sapere cosa arriva nelle tasche dei produttori. Per questo siamo in mobilitazione e chiediamo attenzione sulla provenienza. Per questo – conclude Viola – domani sera, oltre a decidere circa lo sciopero del latte, così come nelle altre province laziali, non possiamo escludere che saranno ufficializzate eclatanti manifestazioni di protesta. Questo non per creare disagi ma per far comprendere agli industriali che questa volta non potranno prenderci in giro”.

13 Marzo 2011 0

Trova un petardo lo raccoglie e esplode, 15enne perde la mano

Di admin

E’ accaduto ieri sera verso le 22 a Minturno, in provincia di Latina. Il 15enne era in compagnia di alcuni amici nella zona del campo sportivo. Ha trovato il petardo, lo ha quindi raccolto provocandone lo scoppio. Immediatamente gli amici hanno chiamato i soccorsi e un’ambulanza lo ha portato in ospedale dove il padre, medico di guardia, gli ha prestato soccorso. Ma nonostante la tempestività nell’intervento i chirurghi non sono riusciti a salvargli la mano.