Tag: alcool

19 novembre 2017 0

Alcool anche ai minorenni, chiuso bar ad Isola Liri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ISOLA LIRI – Il Questore di Frosinone ha emesso il provvedimento di sospensione dell’autorizzazione amministrativa all’esercizio pubblico nei confronti del titolare di un bar di Isola Liri. La chiusura dell’attività è stata disposta per un periodo pari a 15 giorni, per motivi di ordine e sicurezza pubblica. A motivare l’adozione del provvedimento anche “segnalazioni” circa la violazione amministrativa per la somministrazione di alcolici ai minori di 16 anni ed il non rispetto delle ordinanze comunali. L’adozione dell’atto vuole essere un chiaro segnale per chi, anche nell’esercizio di un’attività commerciale, non rispetta le regole nonché la puntuale risposta della Polizia di Stato al bisogno di sicurezza dei cittadini.

21 ottobre 2017 Non attivi

Controlli nel cassinate: giovani fermati fra droga e alcool

Di redazionecassino1

La serata dello scorso venerdì ha visto gli agenti della Polizia di Stato impegnanti nei controlli sul territorio di Cassino, interessati gli esercizi commerciali, i pub e la stazione ferroviaria dove, fra l’altro, i militari hanno rinvenuto alcuni grammi di sostanza stupefacente, abbandonata alla vista degli stessi. Particolare attenzione è stata dedicata alle aree del centro cittadino, dove è più alta la frequentazione da parte dei giovani, più sensibili al consumo di alcool e stupefacenti nel pieno della movida cassinate.

Ed è stata proprio una giovane cassinate ad essere fermata dal personale del Commissariato di Cassino, in collaborazione con le unità antidroga della Squadra Cinofili di Nettuno, sorpresa alla guida della propria auto con 10 grammi di hashish celati nel reggiseno.

La donna, 25enne, è stata segnalata alla Prefettura di Frosinone per detenzione ad uso personale di sostanza stupefacente con contestuale ritiro della patente di guida.

Gli stessi agenti hanno poi denunciato in stato di libertà un cittadino senegalese, poiché trovato in possesso di 10 grammi di marijuana, già divisa in bustine pronte per essere spacciate e un bilancino di precisione. Il tutto è avvenuto a San Giorgio a Liri all’interno di una cooperativa per l’accoglienza dei rifugiati.

Un altro giovane, questa volta di Galluccio, è stato infine denunciato in stato di liberta per guida in stato di ebbrezza, in quanto sorpreso alla guida della propria autovettura con un tasso alcolemico di 1,30g/l,  quindi oltre il doppio del limite consentito.

Giulia Guerra

2 ottobre 2017 0

Weekend di controlli per la Polizia Stradale contro l’uso di alcool e droghe alla guida

Di redazionecassino1

Frosinone – Nella notte dello scorso weekend gli agenti della Polizia Stradale di Frosinone hanno svolto uno specifico servizio di prevenzione  e contrasto alla guida in stato di ebbrezza alcolica e sotto l’influenza di sostanze stupefacenti o psicotrope.

I controlli sono stati effettuati nei pressi del  chilometro 5+900 della S.R. 156 dei Monti Lepini, arteria stradale interessata sempre da traffico intenso.

Nel corso dell’ attività sono stati controllati 54 utenti,  di cui 3  contravvenzionati in quanto  trovati  alla guida in stato di ebbrezza.

Un veicolo è stato sottoposto a  sequestro amministrativo, mentre sono state ritirate   4  patenti  ed 1 carta di circolazione,  per un totale di 40 punti decurtati.

La Polizia di Stato invita a riflettere  sul reale pericolo, troppo  spesso sottovalutato, soprattutto dai giovani, che si corre nel mettersi alla guida sotto l’effetto di alcol o droghe  e del reale rischio a cui si espone la propria vita e quella degli altri.

L’alcol e gli stupefacenti infatti  vengono annoverati tra le sostanze “psicoattive”, in grado cioè di alterare le funzioni neuro-psichiche della persona, quindi la capacità di concentrazione, la capacità di attenzione e i tempi di reazione.

2 gennaio 2013 0

Allarme alcolismo giovanile, 14enne di Cassino rischia il coma etilico

Di redazione

H rischiato il coma etilico ad appena 14 anni. E’ accaduto questa notte a Cassino che un ragazzino, durante una festa a casa di amici, ha cominciato a bere ogni genere di alcolico fino a notte fonda, quando alle 4 è stato soccorso dagli operatori del 118 che lo hanno letteralmente strappato dal coma etilico. Un episodio preoccupante se non fosse altro per la giovane età del protagonista della vicenda. Un segnale chiaro, qualora ve ne fosse bisogno, dell’allarmante fenomeno dell’alcolismo dilagante tra giovanissimi che si somma a quello dell’uso di sostanze stupefacenti. er. Amedei

12 settembre 2012 0

La Asl in strada a Lanciano contro l’alcolismo

Di admin

Si rinnova l’impegno della Asl Lanciano Vasto Chieti nella lotta all’alcolismo: in occasione della serata d’apertura dei festeggiamenti dedicati alla Madonna del Ponte, dal pomeriggio di domani, 13 settembre, e fino a notte inoltrata, il Servizio di alcologia del Ser.T di Vasto sarà presente con i propri operatori in Corso Trento e Trieste a Lanciano con uno stand informativo per sensibilizzare il grande pubblico presente sui rischi connessi con l’eccessivo consumo di alcol. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Prefettura di Chieti, la Polizia stradale di Lanciano e la Croce rossa italiana di Lanciano. Gli operatori presenti nello stand saranno a disposizione di tutti coloro che vorranno informarsi sui rischi per la salute legati a un eccessivo consumo di alcol e distribuiranno kit monouso per la misurazione del tasso alcolemico nel sangue.

«Il nostro impegno contro l’abuso di alcol – sottolinea Fernando Fantini, responsabile del Ser.T di Vasto – si basa innanzitutto sulla prevenzione e sull’informazione rivolta ai cittadini, in particolare quelli più giovani; per questo il nostro Servizio di alcologia rappresenta ormai una presenza fissa in tutte le principali occasioni di festa e di aggregazione giovanile del territorio. Per tal motivo i festeggiamenti del settembre lancianese da anni rappresentano un momento importantissimo per diffondere il nostro messaggio di prevenzione e di tutela della salute».

13 agosto 2012 0

Alcol e guida, pesante condanna per chi non riesce a soffiare nell’etilometro

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Mano pesante della Giustizia per l’automobilista ubriaco che non riesce a soffiare per la seconda volta nell’etilometro dopo essere stato sottoposto al primo esame che aveva verificato un’alta presenza di alcol. A sottolinearlo è Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” in un momento, quale quello delle ferie di ferragosto, in cui s’intensificano i controlli sulle strade italiane e quotidianamente vengono sorpresi dagli agenti di polizia stradale migliaia di cittadini alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti specie nelle vie contigue a locali e discoteche.

Nel caso in questione, la IV sezione penale della Corte di cassazione, con la recente sentenza n. 27940 del 12 luglio 2012 ha confermato la condanna per la sanzione più grave prevista dall’articolo 186 lettera c) del codice della strada che attualmente prevede l’ammenda da euro 1.500 a euro 6.000, l’arresto da sei mesi ad un anno, nonché la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni e la confisca del veicolo se lo stesso appartiene all’automobilista sorpreso in tale stato.

Sulle strade nostrane accade, infatti, soventemente che colui che si trova alla guida accetti di sottoporsi al controllo dell’etilometro salvo poi pentirsi quando viene sorpreso in stato di ebbrezza all’esito del primo soffio nell’alcol test, con conseguente comportamento inadeguato per l’effettuazione del secondo esame obbligatorio che dev’essere praticato a distanza temporale di almeno cinque minuti dal primo.

Nella fattispecie, in particolare, l’automobilista fermato dalla polizia in pesante stato di ebbrezza alla prima prova con l’etilometro, ma che non era riuscito a ripetere il controllo, era stato condannato in sede d’appello per la violazione del citato articolo 186 lettera c) ed aveva proposto ricorso per Cassazione avverso tale decisione.

Il collegio di piazza Cavour ha confermato la condanna inflitta in secondo grado.

“La guida sotto l’influenza dell’alcool”, infatti, così recita il titolo dell’articolo in questione, attualmente prevede tre diverse ipotesi sanzionatorie proporzionali alla quantità di alcol assunto. Com’è noto, però è ancora possibile che gli agenti di polstrada accertino lo stato di alterazione in base ai sintomi rilevati. E questo non determina necessariamente l’individuazione della fattispecie sanzionatoria più leggera, peraltro attualmente depenalizzata.

La decisione in commento, spiega Giovanni D’Agata, è un’ulteriore conferma che mettersi alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti è un pericolo per gli altri e per se stessi anche quando si è fortunati a non provocare incidenti.

Non resta che consigliare a quei gruppi di giovani che comunque non ne vogliono fare a meno, di procedere ad una turnazione nel mettersi alla guida individuando preventivamente chi dovrà essere il conducente per la serata che dovrà mantenersi completamente sobrio.

9 dicembre 2011 0

Alcol: stop alle sbornie grazie ad una pillola (giusto in tempo per Natale)

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: I postumi di una sbornia indotta da alcol saranno un ricordo del passato grazie ad un nuovo rimedio a dire degli scienziati americani. Una singola dose di Blowfish può eliminare in appena 15 minuti tutti i sintomi innescati da una notte di bevute pesanti, come nausea, vomito e stanchezza. A darne notizia è Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” La pillola effervescente è disponibile online, contiene500 milligrammi di aspirina, 60 milligrammi di caffeina e un antiacido per placare lo stomaco sconvolto. La sua commercializzazione è appena stata lanciata negli Stati Uniti e in caso di successo saranno vendute in Europa e quindi anche in Italia già dall’anno prossimo. Incredibilmente la formula innovativa non è frutto del lavoro degli scienziati, ma fu scoperto da un ex finanziere tale Dottoressa Alex Brenna, che ha scoperto la ricetta dopo aver provato ripetutamente la cura su centinaia di soggetti ubriachi. L’inventrice laureatasi ad Harvard, ha dichiarato: ‘Ho iniziato questa ricerca come in una missione per trovare qualcosa che di veramente seria che poteva essere assunta al mattino dopo aver bevuto. Dopo alcune ricerche, ho trovato una combinazione che ha risolto il problema in modo veloce. Ho iniziato a condividerlo con i miei amici, ma poi sempre più persone hanno continuato a chiederne sempre di più. ” Il prodotto è stato approvato dalla US Food and Drug Administration (FDA) ritenendolo sicuro per il mercato. Chi soffre di una sbornia sono tranquillamente prendere due compresse effervescenti, che consentono di aiutare a ‘ripristinare prontezza mentale o veglia quando si verifica la stanchezza o sonnolenza associati con i postumi di una sbornia.’ Nonostante lo slogan del prodotto, ‘ Padroni della notte. Salviamo il giorno ‘ l’inventore nega che il trattamento promuove il “ binge drinking “ e non vuole assolutamente incoraggiare un uso eccessivo dell’alcol. La quantità di aspirina contenuta in compresse come il farmaco comunemente provoca bruciori di stomaco e altri sintomi di irritazione dello stomaco come indigestione, dolore, nausea e vomito.

11 agosto 2010 0

Alcool ai ragazzini, parla il padre della ragazza in coma etilico

Di redazione

Un problema, quello dell’alcool somministrato a giovanissimi che, a Lanciano è stato portato alla ribalta dalla denuncia di un padre che, sabato sera, era stato chiamato dall’ospedale perché la figlia di appena 14 anni, è caduta in coma etilico dopo aver bevuto un cocktail di super alcolici. Ebbene, la legge parla chiaro e vieta ai baristi di vendere super alcolici a minori di 16 anni. La ragazzina era in compagnia di una coetanea e un amico. Alle 23, circa, dopo aver bevuto in un bar del centro, si è sentita male fino a svenire nella villa comunale. A quel punto i due amici, spaventati e, probabilmete ubriachi, sono scappati lasciandola in coma su una panchina. “Mia figlia si è ripresa bene – ha raccontato il padre che alcuni giorni dopo il fatto ha sporto la denuncia ai carabinieri – ma quello che sta succedendo in città mi inquieta ed è necessario porre rimedio. I bar somministrano i super alcolici con troppa leggerezza ai ragazzini. Ho sentito che per farsi concorrenza hanno adottato iniziative preoccupanti come quella di far pagare un euro per un “cicchetto”. Per guadagnare pochi euro si mette a rischio una intera generazione di Lancianesi”.

11 agosto 2010 0

Alcool ai ragazzini / 1, due baristi denunciati

Di redazione

Un sabato sera come tanti, in cui ragazzini come tanti si recano in uno (in questo caso, due..) dei tanti bar del centro di Lanciano per sorbire quello che, in gergo, viene chiamato “cicchetto”, e altro non è che una bevanda alcolica. Una, due, tre.. quelle che si riesce a buttar giù, cercando di rimanere lucidi il più possibile, meglio che si può. Ed è accaduto così che una ragazzina di appena 14 anni qualche giorno fa ha avvertito, dopo aver bevuto la seconda bevanda alcolica della serata, un forte malore ed ha perso i sensi, arrivando in ospedale in uno stato di coma etilico. Da qui, la denuncia del padre e l’avvio delle indagini da parte dei CC della locale Stazione, che hanno potuto ricostruire ogni passaggio di quella sera e verificare che due gestori di bar hanno servito a lei e alla sua amichetta coetanea delle bevande che la legge vieta loro di somministrare. E così sono stati deferiti presso la Procura della Repubblica di Lanciano F.D.M. e L.P., rispettivamente apprendista cameriere e titolare di due esercizi pubblici situati nel centro di Lanciano. Entrambi si sono, infatti, resi responsabili del reato di cui all’art. 689 c.p. “somministrazione di bevande alcoliche a minori di anni 16”.

12 maggio 2010 0

Droga e alcool, due uomini denunciati dai carabinieri

Di redazione

Nella serata di ieri, militari del Nucleo Operativo della Compagnia carabinieri di Lanciano, durante uno specifico servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno denunciato alla Procula della Repubblica di Lanciano G.F. 44 anni di Frisa (Ch), il quale, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 1 grammo di hashish. La successiva perquisizione domiciliare consentiva di rinvenire ulteriori 8 grammi di hashish e 1 grammo di marijuana. Nel corso della notte, invece, personale dell’aliquota Radiomobile, impegnati in un servizio di controllo del territorio e della sicurezza stradale, denunciavano all’A.G. tale M.V., 31 enne nato ad Ortona e residente a Rocca San Giovanni, il quale, dalle verifiche esperite con apposito apparecchio etilometro, risultava avere un tasso alcolemico eccedente la norma. Dall’inizio dell’anno sono 46 le denunce effettuate dalla Compagnia di Lanciano per guida in stato di ebbrezza: un numero consistente che è sostanzialmente indice del giro di vite che i carabinieri di Lanciano stanno dando ad un problema dilagante e che vede protagonisti soprattutto i giovani, talvolta refrattari a recepire il pericolo che può celarsi anche dietro un solo bicchiere di vino e a ritenersi immuni da pericoli di sorta.