Tag: coltivava

7 agosto 2018 0

Coltivava marijuana nei vasi di gerani a Fiuggi, arrestato 31enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FIUGGI – I carabinieri di Fiuggi, hanno arrestato per coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 31enne del luogo già censito per reati contro il patrimonio ed in materia di armi.

I militari comandati dal marescioallo Raffaele De Somma, che già da alcuni giorni stavano attenzionando l’uomo, nella giornata di ieri hanno deciso di fare irruzione all’interno della sua abitazione ove hanno rinvenuto tre grosse piante di canapa indiana di circa 1,20 metri ognuna, che l’uomo coltivava in una serra in giardino, nonchè 15 grammi di hashish e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente.

Successivamente gli stessi militari si sono recati a Torre Cajetani, ove l’uomo domicilia unitamente alla sua compagna e al figlio di questa, trovando ulteriori 8 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish, detenuti per uso personale dal 22enne figlio della convivente, segnalato per tale violazione alla Prefettura di Frosinone.

L’attività si è conclusa quindi con il sequestro di 1,8 chili di canapa indiana, 23 grammi complessivi di hashish e materiale per il confezionamento.

In mattinata l’arresto è stato convalidato con l’obbligo di presentazione alla p.g. due volte alla settimana.

27 ottobre 2017 Non attivi

Coltivava cannabis in casa, sei piante e oltre 2 kg di hashish, arrestato dai carabinieri un 34enne di Supino

Di redazionecassino1

Supino – Nell’ambito dei servizi antidroga disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, che hanno già consentito il sequestro di 8 kg di hashish nel comune di Alatri, nel corso della mattinata odierna, a Supino, i militari della locale Stazione traevano in arresto per coltivazione illecita di cannabis indica, un 34enne del luogo, già censito per reati della stessa indole. I militari dell’Arma, d’iniziativa, eseguivano una perquisizione presso l’appartamento del giovane, dove lo stesso aveva creato in una stanza, una vera e propria serra per la coltivazione intensiva della marijuana, con lampade alogene, specchi ed umidificatori. Nella circostanza venivano rinvenute sei piante di cannabis, alte circa 150 cm l’una e del peso complessivo di oltre 2 kg. Lo stupefacente, unitamente al materiale rinvenuto veniva sottoposto a sequestro, mentre l’arrestato ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, in attesa del rito direttissimo.

Foto repertorio

5 maggio 2017 0

Albano Laziale – Coltivava marijuana in casa, 64enne arrestata

Di admin

ALBANO LAZIALE – E’ stato il forte odore acre di marijuana a tradire la donna di 64 anni che, nella tarda serata di ieri, è stata arrestata dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castel Gandolfo. Per lei l’accusa è di produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, giunti sotto casa della donna a Cecchina di Albano Laziale a seguito di alcune segnalazioni, hanno da subito sentito un forte odore di marijuana provenire dall’abitazione.

Così è scattato il blitz e, dopo aver fatto irruzione nell’appartamento, i Carabinieri si sono trovati di fronte ad una vera e propria coltivazione di canapa indiana. Infatti, oltre a ventuno piante di marijuana per un peso complessivo di circa 700 grammi, i militari hanno rinvenuto due serre artigianali complete di lampade fluorescenti per favorire la crescita delle piante. Un vero e proprio “laboratorio della droga” dove ovviamente non mancavano bilancini di precisione e vario materiale per confezionare lo stupefacente.

Dopo l’arresto, l’insospettabile donna è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari in attesa del processo.

9 ottobre 2009 0

Coltivava marijuana sul terrazzo, arrestato

Di redazione

­I carabinieri di Isernia, a conclusione specifica attività d’indagine, hanno segnalato alla competente Autorità Giudiziaria un giovane ritenuto responsabile di “coltivazione illegale sostanze stupefacenti”. In particolare al termine di una serie di accertamenti ed a seguito di perquisizione domiciliare, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno trovato presso il domicilio del medesimo, alcune piante di marijuana, coltivate sul terrazzo e sottoposte a sequestro.

9 settembre 2009 0

Coltivava marijuana in giardino, arrestato un 22enne

Di redazione

Invece dei gerani, nel giardino, coltivava marijuana. lo hanno scoperto i carabinieri di Frosinone che hanno arrestato per coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti F.D., 22enne di Amaseno (Fr). Nel corso della perquisizione venivano rinvenute nel terreno di pertinenza del domicilio del giovane 6 piante di marijuana alte circa 250 centimetri, sottoposte a sequestro. L’arrestato è stato tradotto in carcere a Frosinone.

29 agosto 2009 0

Coltivava droga da vendere ai vacanzieri

Di redazione

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone hanno individuato, in una zona boschiva di Frosinone, Bosco Faito, una porzione di un fondo, apparentemente in stato di abbandono, ove effettivamente risultavano messe a coltura piante di marijuana. Dopo un attento servizio di appostamento per sorprendere “sul fatto” i responsabili dell’illecita coltivazione gli uomini del Capitano Giovanni De Luca dopo aver circondato la zona, sono entrati in azione avendo sorpreso un individuo, intento ad annaffiare la piantagione. Dall’approfondita ricognizione del sito hanno scoperto una vera e propria foresta di piante di marijuana, moltissime delle quali alte quasi tre metri, per un peso complessivo di circa 32 Kg. Alcune piante risultavano già avviate verso l’essicazione e pertanto pronte per l’ottenimento di marijuana da destinare al mercato ciociaro. La piantagione, che è stata estirpata e sottoposta a sequestro, avrebbe consentito la produzione di vari chilogrammi di sostanze stupefacenti da immettere sul mercato locale dello spaccio, per un ricavato di svariate migliaia di euro che sarebbero finite nelle tasche dei “pusher” della zona. L’operazione riveste una particolare valenza, tenuto conto che al maggiore afflusso di persone nella provincia ciociara, tipico del periodo estivo, consegue la maggiore possibilità di smercio di sostanze stupefacenti. A finire in manette è stato un 50enne del luogo sorpreso, dagli uomini del Colonnello Giancostabile Salato mentre innaffiava la coltura illegale. La sostanza stupefacente dopo le analisi di rito sarà destinata al macero a cura degli Enti a ciò preposti.

17 agosto 2009 0

Coltivava marijuana in casa, 29enne in manette

Di redazione

La lotta agli narcoagricoltori in Abruzzo si fa sempre più serrata. In questo periodo matura la marijuana e le coltivazioni, ovviamente illegali, sono l’obiettivo delle forze dell’ordine. I militari della Stazione Carabinieri di Atri (Te), agli ordini del Maresciallo Aiutante Giuseppe Talamo, a mezzogiorno di oggi, hanno portato a termine una importante operazione di servizio, traendo in arresto un giovane residente in provincia di Napoli, ma da qualche tempo domiciliato nella cittadina abruzzese, con l’accusa di detenzione al fine di spaccio di stupefacenti. Si tratta di Lubrano L., 29enne, già noto alle forze dell’Ordine per fatti di giustizia. Le indagini nei suoi confronti erano iniziate alcuni giorni fa quando i militari erano venuti a conoscenza che tra i giovani consumatori di droghe leggere del luogo, girava della Marijuana che si diceva venisse coltivata nella zona. Sono iniziate quindi le ricerche per localizzare il luogo dell’eventuale piantagione, indagini rese ancor più difficoltose dal fatto che le piante erano coltivate in vasi all’interno dell’abitazione occupata proprio dal 29enne. Ma la professionalità e la tenacia dei Carabinieri di Atri ha consentito di individuare il luogo ove era detenuto lo stupefacente così i militari hanno fatto irruzione nell’appartamento rinvenendo due piante di marijuana alte circa mezzo metro, rigogliose ed interrate in altrettanti vasi, il tutto sottoposto a sequestro. Il giovane, dopo le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo.

13 agosto 2009 0

Coltivava marijuana in casa, arrestato dai Carabinieri

Di admin

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile diretti dal Luogotenente Antonio Longo, nella mattinata di ieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato di detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio un 28enne di Mosciano S.A.. Le indagini nei suoi confronti erano iniziate alcuni giorni fa quando i militari erano venuti a conoscenza che tra i giovani consumatori di droghe leggere di Mosciano S.A., girava della Marijuana che si diceva venisse coltivata nella zona. Sono iniziate quindi le ricerche per localizzare dove si trovasse la piantagione, rese difficoltose dal fatto che le piante erano detenute all’interno di vasi e dentro l’abitazione occupata dal 28enne. Ma l’opera di ricostruzione dei movimenti dei giovani consumatori, ha permesso ai militari di individuare il luogo ove era detenuto lo stupefacente. Così ieri pomeriggio hanno fatto irruzione nel suo appartamento, rinvenendo alll’interno 4 piante di marijuana alte circa mt.1,80, nonché 22 grammi di haschish già suddiviso in dosi, tutto sottoposto a sequestro. I Carabinieri stanno vagliando anche la posizione di due altri giovani che dividevano l’appartamento con il giovane, per verificare un loro possibile concorso nel reato contestato. Dopo aver trascorso la notte nella cella di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Giulianova, nella tarda mattinata di oggi l’arrestato verrà processato per direttissima dai giudici del Tribunale di Teramo.

8 luglio 2009 0

Coltivava canapa, 25enne in manette

Di admin

I Carabinieri della stazione di Navelli, coordinati dal M.O. Giulio D’Avenia hanno tratto in arresto un venticinquenne incensurato di Collepietro per coltivazione di canapa indiana. Da diverso tempo i militari tenevano d’occhio il giovane che in orari insoliti variabili dal tardo pomeriggio alla sera inoolatrata si recava presso il cimitero della cittadina. Ieri sera hanno deciso di vederci chiaro: si sono appostati per osservarne i movimenti e il venticinquenne dopo aver prelevato dell’acqua dalla fontana del cimitero si è recato in un terreno incolto adiacente. Lo hanno così sorpreso ad innaffiare una pianta di canapa indiana di tipo “indica”, alta circa un metro e ben occultata dietro un muro a secco. Successivamente la perquisizione dell’abitazione ha consentito di rinvenire tutto il necessario per produrre lo stupefacente: fertilizzante, antiparassitario e contenitori per il travaso delle piantine nelle variefasi della crescita.