Tag: compagno

4 maggio 2018 0

Cassino: Finisce in manette dopo aver tentato di uccidere il compagno

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

È finita in manette la donna che questa n mattina ha accoltellato il compagno dopo una lite. I Carabinieri del NORM della Compagnia di Cassino hanno infatti tratto in arresto in flagranza di reato per “tentato omicidio” M.L. 29enne di Civitavecchia (RM) residente nella città Martire, già censita per reati inerenti agli stupefacenti. I carabinieri sono intervenuti dopo che un vicino di casa della coppia aveva lanciato l’allarme. Il fatto si è verificato in un appartamento sito in via Arigni. Probabilmente a scatenare l’ira della donna, un diverbio nato per futili motivi. È finita così con il colpire violentemente con un coltello a serramanico il compagno 26enne convivente. Il giovane, medicato dai sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale “S. Scolastica” di Cassino per la ferita da taglio ricevuta alla schiena all’altezza del rene destro, è stato giudicato guaribile in giorni dieci. Il coltello veniva sottoposto a sequestro e l’arrestata, dopo le formalità di rito, veniva accompagnata presso la propria abitazione agli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

13 dicembre 2017 0

Calci, spintoni e minacce, la donna finisce in ospedale e il compagno 40enne denunciato dalla polizia

Di redazionecassino1

Cassino – Una voce femminile allerta il 113 del Commissariato di Cassino  per segnalare una violenta  lite con il compagno.

Lei una giovane mamma, lui un 40enne, entrambi della Città Martire, “protagonisti” dell’ennesima triste vicenda.

Calci e spintoni, nonché  minacce:  la donna finisce in ospedale per l’aggressione subita. La Squadra Volante interviene e denuncia l’uomo, che dovrà rispondere di minacce e lesioni.

La Polizia di Stato invita sempre le donne vittime di violenza  a non nascondersi dietro il muro del silenzio, ma segnalare sempre ogni tipo di abuso, sia fisico che psicologico.

Dall’inizio dell’anno la Polizia di Stato ha uno strumento in più per poter intervenire, con l’adozione del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) da parte di tutte le Questure d’Italia.

La procedura   consente agli equipaggi di Polizia, chiamati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano stati altri episodi in passato nello stesso ambito familiare.

Tutto questo attraverso una procedura che prevede la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, consentono di tracciare situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenze reiterate.

 

 

23 novembre 2017 0

Maltrattamenti in famiglia, giovane donna denuncia ex compagno e suocera

Di redazionecassino1

Cassino – Ancora una triste storia di maltrattamenti, minacce di morte, violenze fisiche e psicologiche: lei una giovane mamma vittima dell’ ex compagno e dell’ex suocera. L’uomo, dopo la fine della relazione, non si rassegna ed ossessiona la donna con telefonate, mettendo in atto anche un comportamento aggressivo ed assillante, con appostamenti sotto l’abitazione della malcapitata.

Una sera addirittura prende a martellate il portone d’ingresso. In queste sue “follie” il violento ha la complicità della madre: anche lei si rende responsabile di atti aggressivi. Le minacce sono all’ordine del giorno, anche nei confronti dei congiunti della vittima.

Stanca di subire queste vessazioni  nonostante terrorizzata dalla situazione, la donna decide di  rivolgersi al Commissariato di Cassino e denunciare i suoi aguzzini. Maltrattamenti in famiglia, atti persecutori, minacce di morte, in concorso, sono i reati di cui dovranno rispondere madre e figlio, rispettivamente di 70 e 36 anni.

11 febbraio 2017 0

Ruba il telefonino ad un compagno di scuola a Cassino e si scaglia contro gli agenti di polizia

Di admin

Cassino – Manette per uno studente ventenne di Cassino che si è reso responsabile del furto di un telefonino. Il giovane che frequenta un Istituto Scolastico della città martire, dopo aver sottratto l’apparecchio ad un suo compagno, ha reagito contro i poliziotti intervenuti su richiesta del Responsabile della scuola.

Il giovane, nonostante i ripetuti tentativi di condurlo a più miti consigli posti in essere sia da parte degli agenti che degli stessi docenti, ha prima insultato gli operatori di Polizia e poi cercato addirittura di scagliarsi contro di loro che lo hanno bloccato e condotto in Commissariato.

Dovrà rispondere di resistenza, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, nonché di furto e porto abusivo di oggetti atti ad offendere trovati nel suo zainetto.

28 novembre 2016 0

Spara ai cinghiali, colpisce compagno di caccia, 56enne denunciato per lesioni

Di admin

San Giovanni Incarico – Un cacciatore di 56 anni di San Giovanni Incarico è stato denunciato dai carabinieri della compagnia di Pontecorvo per lesioni personali colpose.

I fatti che si contestano all’indagato sono avvenuti sabato pomeriggio in un’azienda faunistica venatoria di San Giovanni Incarico e a farne le spese è stato un compagno di caccia di 63 anni.

Il denunciato, nel corso della battuta di caccia, nel tentativo di sparare a due cinghiali, avrebbe esploso due colpi dalla propria carabina che hanno raggiunto accidentalmente il torace del compagno di caccia.

Il ferito è stato elitrasportato all’Umberto I di Roma e ancora oggi i medici non hanno sciolto la prognosi.

13 novembre 2016 0

Spara al cinghiale ma centra l’addome di un compagno di battuta. Muore cacciatore

Di admin

Viterbo – Questa mattina, poco dopo le 11 circa,  i Carabinieri della Stazione di Graffignano  sono intervenuti  nella zona boschiva di  quella località Cordigliano, dove poco prima si è verificato un incidente  di caccia, a seguito del quale è deceduto un pensionato di sessantasette anni, residente a Civitella D’Agliano.

Dai primi accertamenti svolti dai militari pare che, l’uomo, impegnato in una battuta di caccia al cinghiale, sia stato attinto all’addome da un colpo di fucile esploso accidentalmente da un settantaquattrenne, facente parte della stessa squadra.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118 e personale dei Vigili del Fuoco di Viterbo, sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Operativo e  Radiomobile della Compagnia  di Viterbo per i rilievi tecnici.

25 aprile 2010 0

Ritorsione amorosa, brucia l’auto al nuovo compagno della ex

Di redazione

Non avrebbe accettato la relazione dell sua ex con un altro uomo e, per questo, arebbe dato fuoco alla macchina del suo avversarioin amore. E’ accaduto questa notte a Sant’Elia Fiumerapido (Fr) dove i carabinieri comandati dal capitano Adolfo Grimaldi e dal capitano Francesco Maceroni hanno stretto le manette ai polsi di Giovanni Di Mambro di 37 anni e del suo aiutante Benedetto Di Ponio 21 anni. I due, mediante benzina, avrebbero distrutto la vettura del rivale in amore di Di Mambro. I carabinieri, subito dopo l’incendio, hanno iniziato una indagine e sono arrivati ai due arrestandoli per incendio in concorso e associati al carcere di Cassino. Erm. Amedei