Tag: comunione

18 maggio 2018 0

I migliori regali di prima comunione per maschio: come sceglierli

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ATTUALITA’ – Come ogni anno, è iniziato il periodo delle comunioni ed è per questo motivo che, una delle domande che si pone, riguarda proprio i regali più consoni per questa occasione. Si tratta di un giorno importante nella vita di un ragazzino e, pertanto, fare un bel regalo equivale a creare un ottimo ricordo della giornata.

Quali sono, quindi, i migliori regali per una prima comunione? Ecco una serie di utili idee da riutilizzare nel momento in cui ci si ritrova a dover fare un acquisto di questo tipo.

Verranno elencati regali più classici, ma anche alcune idee innovative da prendere in considerazione per fare un dono che, senza dubbio, rimarrà impresso nella memoria di chi lo riceve.

Se si vuole andare sul sicuro, senza il rischio di fare una brutta figura, si può optare per uno di quei classici regali che da sempre si ricevono in occasione di questa ricorrenza. Qualche esempio?

C’è chi regala una edizione della Bibbia ben fatta e molto curata, da conservare nel corso degli anni come ricordo della giornata, ma c’è anche chi regala un rosario, sempre per rimanere in tema religioso. Altri pensieri molto quotati sono le statuine a forma di angelo, magari in argento o in porcellana. Vanno per la maggiore anche i gioielli, da sempre un grande classico di questa ricorrenza. Solitamente si regalano collane, bracciali, o ciondoli rappresentati angeli o qualche figura religiosa.

Questi sono i regali più classici, che resistono anche al passare degli anni. Tuttavia, ci sono anche idee più moderne da prendere in considerazione, per essere al passo coi tempi e per far piacere al ragazzo che deve ricevere il dono in questione. Una idea regalo estremamente originale è il pupazzo da preghiera. Si tratta di un piccolo peluche che, a mani giunte, accompagna il piccolo nella sua preghiera quotidiana. Si possono scegliere tartarughe, leoni e molto altro ancora. Il peluche ha un costo molto contenuto, ma è anche un’idea unica e originale.

Se, invece, si desidera fare un regalo importante al bambino che fa la prima comunione, allora l’idea vincente è quella di acquistare una bella auto per bambini. Lo diciamo subito: non si tratta di certo di un regalo a tema religioso, ma possiamo dire con certezza che qualsiasi bambino adorerebbe ricevere questo dono per la propria prima comunione.

Naturalmente, l’auto per bimbi va scelta con accuratezza. Innanzitutto, deve essere sicura, omologata e di qualità. Se si vuole avere una vasta scelta a propria disposizione, allora il suggerimento è quello di andare ad acquistare il tutto sul sito online GiordanoShop, che mette a disposizione diversi modelli, con prezzi e caratteristiche differenti. In questo modo, quindi, si potrà scegliere quello più indicato in base alle proprie esigenze e a quelle di colui il quale deve ricevere il regalo.

Anche questa è una idea per un regalo apprezzato, sebbene non sia l’unica! Vanno per la maggiore in questo periodo anche i regali tecnologici, come gli smartphone, anche se è utile ricordare che, in quella fascia di età, questi device devono essere usati con la supervisione dei genitori.

Queste sono le idee migliori, alcune classiche e altre un po’ più originali e al passo con i tempi, per fare dei regali memorabili per la prima comunione di un bambino. Si ha, quindi, molta scelta, ma è bene ricordare che il regalo perfetto è quello che viene fatto, oltre che in base all’occasione, anche in base a quella che è la personalità di chi lo riceve. Solo in questo modo, infatti, il bimbo ricorderà sia il dono che chi lo ha fatto con estremo piacere!

12 maggio 2010 0

Prima Comunione… ma quanto mi costi?

Di redazione

Maggio è il mese dei matrimoni, ma anche delle Prime Comunioni, quel Sacramento che per la Chiesa cattolica avvicina i ragazzi all’Eucarestia, la loro prima volta in cui ricevono Gesù. Se l’aspetto religioso è sicuramente il più importante e suggestivo, ve ne sono, tuttavia, altri, più materiali e consumistici, in altri termini economici e sicuramente meno spirtuali, per le famiglie che hanno uno dei loro pargoli impegnati in questa importante festa. Quanto costa alle famiglie la Prima Comunione dei loro figli? Le voci che compongono il bilancio di questa festa sono numerose, dal vestiario per ciascun componente della famiglia. Una delle prime ‘dolenti note’ perché i prezzi variano e lievitano notevolmente se si scelgono capi firmati o ci si accontenta di modelli più economici. In ogni caso, tuttavia, sotto questo aspetto le cifre che si è costretti a sborsare variano fra i cinquecento e i mille euro, per una famiglia media di quattro persone, fino a salire oltre queste cifre. Una voce che incide in misura rilevante sul badget è certamente quello delle bomboniere il cui prezzo può variare, a meno di particolari richieste esclusive, fra i quindici e anche i trenta euro per ciascun pezzo. Il numero di queste poi, a sua volta, varia ed è legato al numero degli invitati al banchetto. Già perché è proprio questa la voce che maggiormente incide e dove le famiglie non badano a spese. Sotto questo aspetto, infatti, oltre al prezzo per ciascun partecipante al pranzo, la voce che incide è rappresentata dal numero degli invitati. In alcuni casi si può raggiungere la cifra di cento, ma anche oltre, di partecipanti al banchetto. I prezzi per ciascun commensale posso variare fra sessantacinque ed i settanta euro, per raggiungere, nel caso dei locali particolarmente ‘alla moda’ o più esclusivi anche i novanta e i cento euro a persona. A conti fatti, quindi, la spesa per ciascuna famiglia in occasione della Prima comunione si può stimare, ma il calcolo è sempre approssimativo ed arrotondato per difetto per i motivi di cui abbiamo detto, intorno ai tremila, cinquemila euro. Cifre che incidono notevolmente sui bilanci delle famiglie e, in tempi di crisi economica ed occupazionale per il nostro Paese, non sono pochi. Ma si sa, per i figli e per le feste importanti…non si badano a spese! Felice Pensabene