Tag: consegna

16 agosto 2018 0

Piedimonte S.G, Ritardi nella consegna della corrispondenza. Il sindaco scrive a Poste Italiane

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sono numerose le segnalazioni di quello che si sta trasformando in un disservizio a Piedimonte San Germano. Il riferimento è ai ritardi nella consegna della corrispondenza ai cittadini da parte di Poste Italiane. Per tale ragione, il sindaco Gioacchino Ferdinandi ha deciso di mettere nero su bianco e scrivere a Poste Italiane per chiedere che il servizio venga in qualche maniera potenziato per evitare disagi all’utenza. Di seguito il testo della missiva. “Scrivo in qualità di Sindaco del Comune di Piedimonte San Germano a fronte di numerose segnalazioni ricevute in tal senso dai miei concittadini. Tengo a precisare che in questa mia lettera non intendo esporre un reclamo formale, ben sapendo che ogni singolo cittadino – utente può esporre in maniera circostanziata il proprio caso segnalando i disservizi riscontrati attraverso Raccomandata A/R o mediante la procedura telematica prevista da Poste Italiane. Intendo piuttosto instaurare un dialogo costruttivo, nello spirito di una proficua collaborazione inter – istituzionale volta a garantire la centralità del cittadino – utente con l’obiettivo di assicurare alla cittadinanza il miglior servizio possibile. In tal senso vi informo che da parte dei miei concittadini mi giungono sempre più numerose segnalazioni di disservizi e ritardi nella consegna della corrispondenza. Come ben sapete un tale stato di cose può avere numerose conseguenze spiacevoli. La corrispondenza, infatti, oltre le comunicazioni inter – personali può riguardare numerosi aspetti della vita quotidiana e professionale dei cittadini: dai rapporti con gestori di servizi (idrico – elettrico etc) ai rapporti con enti creditori ( Comuni, Agenzia Entrate, Agenzia Riscossione), fino alle relazioni con eventuali clienti, fornitori o istituti di credito. La ricezione in ritardo della corrispondenza, quindi, implica ritardi nei pagamenti, piuttosto che nella consegna di merci o nell’erogazione di servizi e preclude la possibilità di opporsi con efficacia in caso di pagamenti non dovuti, errori di calcolo o morosità. Per quanto concerne nello specifico il nostro comune è appena il caso di ricordare che a partire dal 2014, per esigenze di riorganizzazione aziendale è stata decisa la soppressione dello sportello postale di Piedimonte Alta, lasciando attivo nel territorio comunale un unico sportello postale. Mi risulta, inoltre , che nel periodo estivo i dipendenti addetti alla consegna della corrispondenza nel territorio comunale siano ridotti a due, uno dei quali in servizio part – time. Ferma restando l’assoluta libertà di Poste Italiane di prendere le decisioni più opportune in tema di organizzazione aziendale, ritengo che un tale stato di cose determini disservizi ingiustificati ai danni dei cittadini – utenti. Nella convinzione che il vostro interesse primario, come del resto il mio, sia quello di garantire ai cittadini – utenti un servizio sempre più efficiente ed efficace, vi chiedo di attivarvi, per quanto è di vostra competenza, allo scopo di porre fine ai disservizi evidenziati”

30 gennaio 2018 0

Picinisco: Truffa on line. Si fa ricaricare la postepay ma non consegna la merce

Di redazione

A Picinisco, i militari della locale Stazione, a conclusione di attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà, per truffa, un 50enne residente a Milano, già censito per analoghi reati. L’uomo, tramite un annuncio su un noto sito internet, aveva concordato, con un giovane del luogo, la vendita autoricambi. Ma la merce non è stata mai consegnata al destinatario nonostante la vittima avesse versato un anticipo del pagamento, ovvero la somma di € 230 su una carta “postepay” intestata allo stesso.

12 gennaio 2018 0

Cassinate truffata on line, compra un telefono ma niente consegna: denunciata romana

Di admin

CASSINO – Un telefonino a prezzo interessante cattura l’attenzione di una acquirente dell’e-commerce; una cliccata ed il prodotto è nel  carrello virtuale. Effettuato il bonifico bancario come indicato nell’inserzione, la donna, trascorsi i necessari tempi tecnici per la spedizione, inizia a sospettare di essere stata raggirata e si rivolge al Commissariato di Cassino.

Da tempestivi e necessari accertamenti, emerge che il conto corrente incriminato è stato chiuso da una nota azienda di elettronica per identità fraudolenta e che attualmentel’intestatario di quelle coordinate bancarie  è un 44enne originario della Romania e residente in provincia di Roma. L’uomo dovrà rispondere del reato di truffa.

La Polizia di Stato invita sempre ad effettuare acquisti in sicurezza ricordando “Quando compri online, pensa offline”:

– utilizzare, se possibile,  le app ufficiali per completare l’acquisto – questo semplice accorgimento permette di evitare i rischi di “essere indirizzati” su siti truffaldini o siti clone che potrebbero catturare i dati finanziari e personali inseriti per completare l’acquisto (phishing);

– scegliere sempre una spedizione tracciabile ed assicurata, oltre che controllare i dettagli della transazione e le modalità di consegna;

– evitare l’acquisto d’impulso legato a offerte speciali, tipica proposta commerciale di molti attori dell’e-commerce che offrono, ad esempio, prodotti in stock limitati o con prezzi scontati per un tempo definito;

– ricordare sempre che il primo passo per acquistare in sicurezza è avere sempre un buon antivirus con l’ultima versione sul proprio dispositivo informatico;

– aggiornare all’ultima versione disponibile il browser utilizzato per navigare, perché ogni giorno nuove minacce possono renderlo vulnerabile.

13 ottobre 2017 0

Centro Anti violenza del Comune, chiusura del corso di formazione e consegna gli attestati

Di redazionecassino1

Cassino – Cerimonia di chiusura del corso di formazione, iniziato a settembre, riguardo la prevenzione e gestione della violenza di genere. Un progetto che aveva come obiettivo primario quello di potenziare il Centro Anti violenza del Comune di Cassino.. Presso la sala Restagno sono stati consegnati gli attestati di frequenza a tutti i 60 partecipanti: “Abbiamo scritto un’altra bella pagina che riguarda il sociale nella città di Cassino. Ma non finisce qui – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Sociali, Benedetto Leone -L’attività didattica promossa dai Servizi Sociali del Comune di Cassino, l’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale e la società Format aveva lo scopo di formare operatori di primo ascolto per sportello del centro Antiviolenza. Un provvedimento che abbiamo voluto sostenere per potenziare questa struttura e renderla sempre più al passo con i tempi.

Il corso si articolato in dieci lezioni da due ore ciascuna in cui sono stati trattati i temi fondamentali dell’argomento, le iniziative socio sanitarie che potrebbero intraprendersi nei casi specifici e gli aspetti legali e strumenti giuridici a tutela delle donne in sede civile e sede penale.

A curare i moduli didattici sono state: la Prof. Fiorenza Taricone, l’Avv. Roberta De Feo, la Dott.ssa Silvia Crolla e le Dott.sse Adele Gentile e Valentina Giordano”.

“La strada che abbiamo intrapreso in questo settore, grazie al lavoro dell’assessore Leone – ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – nonostante le sterili polemiche di qualcuno, è quella giusta e il Comune di Cassino è stato tra i precursori di un nuovo approccio per affrontare questa importante e delicata tematica.  Infatti, il mese scorso, dopo la partenza del corso in questione fu proprio il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, parlando della violenza di genere, a rimarcare l’importanza di un potenziamento di tutti i centri anti violenza del territorio. Cosa che possiamo tranquillamente affermare la nostra amministrazione ha iniziato con largo anticipo”.

I partecipanti del corso ora dovranno svolgere anche 20 ore di stage presso lo sportello di ascolto del centro antiviolenza del comune di Cassino.

8 giugno 2017 0

Incontro fra D’Alessandro e i vertici di Acea per stabilire le modalità di consegna dell’acquedotto

Di redazionecassino1

Come da convocazione imposta dall’Ato 5, presso la segreteria tecnico operativa si è svolto, nel pomeriggio di ieri, l’incontro con i vertici di Acea alla presenza del Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, del Responsabile dell’Area Tecnica e del segretario generale per discutere delle sorti dell’acquedotto della città di Cassino.

“Abbiamo parlato delle modalità di consegna – ha detto il primo cittadino – che si effettuerà ufficialmente il 1 di Luglio. Quindi il promo semestre 2017 sarà fatturato ancora dal Comune di Cassino. Nell’ultima settimana di giugno e nella prima settimana di luglio saranno effettuate le letture dei contatori, mentre entro il 30 settembre dovrà essere definiti, attraverso la costituzione di un’apposita commissione formata dai rappresentanti del Comune, di Acea e dell’Ato, sia il ristoro relativo ad Acqua Campania che un piano di rientro del debito che l’ente ha accumulato dal 2006 fino ad oggi per non aver versato i canoni di depurazione. Attualmente risultano accantonate le somme relative al 2016 e parte del 2015. Mentre dal 2006 a parte del 2015 nulla risulta essere stato accantonato dalle precedenti amministrazioni. Purtroppo questo costituisce un debito forte da parte del Comune, di cui dobbiamo prendere atto, causato sempre dall’inerzia di chi in qualche modo ci ha preceduto.

Inoltre ho chiesto l’impegno di Acea per aprire uno sportello polifunzionale dedicato all’utenza al centro di Cassino in grado seguire da vicino tutti i processi e le eventuali criticità che riguarderanno il passaggio al nuovo gestore. E’ un atto fondamentale anche perché la nostra città è un punto di riferimento per il Lazio Meridionale e quindi Acea non può sottrarsi ad allestire un ufficio distaccato facile da raggiungere con tutti i mezzi anche dai comuni limitrofi. In ultima istanza ho chiesto la redazione di un piano di investimenti che dovrà essere pronto prima della consegna dove Acea dovrà prendere un impegno serio e concreto sugli interventi da realizzare sulla rete idrica della città di Cassino. Un aspetto importantissimo quest’ultimo su cui non transigeremo.

Nell’incontro è stata comunque manifestata da entrambe le parti la volontà di risolvere tutti i contenzioni in essere tenendo ben presente che quello che conta è riuscire a garantire un servizio adeguato a tutti cittadini”. Ha concluso il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro.

 

5 giugno 2017 0

203° anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri.Consegna degli encomi. Tutti i nomi della provincia di Frosinone

Di redazione

Anche a Frosinone questa mattina si è tenuta la celebrazione del 203° Anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri. L’Arma dei Carabinieri festeggia, infatti, in questi giorni, i suoi 203 anni di storia sempre caratterizzata dall’incessante, silenzioso ed umile sacrificio di donne e uomini che donano la propria vita per salvaguardare la convivenza civile, soccorrere le popolazioni e ridare loro serenità e fiducia. Durante la cerimonia si è proceduto alla consegna di riconoscimenti concessi quale prima attestazione di merito ad alcuni militari dell’Arma prescelti fra numerosi episodi che hanno visto protagonisti i Carabinieri della provincia di Frosinone in un quadro di intensa attività operativa, ricca di risultati e frutto del corale impegno di tutti i Reparti che si sono particolarmente distinti in attività di servizio:

Encomio semplice del comandante interregionale al defunto capitano Grimaldi Adolfo, già comandante della compagnia di cassino:

“evidenziando spiccata professionalità, notevole acume investigativo e assoluta dedizione, dirigeva, partecipandovi personalmente, complessa indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale responsabile di associazione per delinquere finalizzata alle rapine”.

L’operazione si concludeva con l’arresto di 15 persone, il deferimento di ulteriori 8 e il sequestro di 3 pistole sceniche.

Province di frosinone, napoli e caserta ottobre 2012-dicembre 2014 ”.

Encomio semplice  del  comandante  interregionale  al lgt. Quadrale Vincenzo, masups Salato Gennaro, v.brig. Cichelli Marino Adriano e v.brig. Mancini Biagio, addetti a nucleo operativo e radiomobile della compagnia  di cassino:

“evidenziando spiccata professionalità, notevole acume investigativo e assoluta dedizione, fornivano determinante contributo a complessa indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale responsabile di associazione per delinquere finalizzata alle rapine”.

L’operazione si concludeva con l’arresto di 15 persone, il deferimento di ulteriori 8 e il sequestro di 3 pistole sceniche.

Province di frosinone, napoli e caserta ottobre 2012-dicembre 2014.

   Encomio semplice  del  comandante  della  legione  lazio  al  lgt.  Pizzotti Angelo, lgt. Di Mario Massimo, masups Messore Santino, masups Vona Massimiliano, brig. Valeriani Mario, brig. Froiio Giuseppe e brig. Grieco Alfonso comandante e addetti a nucleo operativo e radiomobile della compagnia di frosinone:

“dando prova di elevatissima professionalità, eccezionale acume investigativo e non comune senso del dovere, conducevano complessa attività d’indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale che, assunto il controllo di un complesso residenziale occupato abusivamente, aveva costituito una rilevante rete di spaccio di sostanze stupefacenti, protetta da sistemi di videosorveglianza e complici esterni.

L’operazione si concludeva con l’arresto di 12 persone, nonché con il sequestro di droga di diverso genere, armi, 3 appartamenti, 5 autovetture e 47.000 euro, provento dell’illecita attività.

Frosinone agosto 2014 – gennaio 2016”.

 

Encomio semplice del comandante interregionale al lgt. Bottone Donato e app. Sc. Caporusso Filippo, comandante e addetto della  stazione di roccasecca:

“avuto contezza di una rapina commessa ad un supermercato, con elevato spirito d’iniziativa, predisponevano un posto di controllo, intercettando 5 malviventi in fuga a bordo di autovettura”.

Dando prova di elevatissima prontezza operativa e ferma determinazione, costringevano, utilizzando l’arma lunga in dotazione, i rapinatori ad arrestare la marcia ed arrendersi.

L’operazione si concludeva con l’arresto dei malfattori, il sequestro di una pistola e il recupero dell’intera refurtiva.

Casalvieri e roccasecca 15 febbraio 2016.

 

Encomio semplice del comandante interregionale all’app. Sc. Arduini Gerardo e all’app. Sc. Fiorini Fabio addetti rispettivamente alle stazioni di alatri e vico nel lazio:

“dando prova di elevatissima prontezza operativa, spiccate capacità professionali e coraggio, al termine di concitato intervento bloccavano due malviventi responsabili di una rapina in danno di un esercizio commerciale.

L’operazione di concludeva con l’arresto dei prevenuti, il sequestro di una pistola compendio di furto e con il recupero dell’intera refurtiva.

Alatri, 1° ottobre 2016”.        

 

 

Al termine della cerimonia il Comandante Provinciale ha infine consegnato, come segno di riconoscenza per il contributo fornito alla cerimonia, due targhe commemorative ai giovani rappresentanti del Liceo Musicale “Bragaglia” di Frosinone e dell’Istituto Professionale  Alberghiero di Fiuggi. 

31 marzo 2017 0

Da Chia nel Lazio fino a Bruxelles a piedi per la consegna di Progetti di rilancio del territorio

Di redazionecassino1

“Tutto a piedi. Partirà da Chia, nel Lazio e raggiungerà Bruxelles a piedi. Lungo la strada le associazioni di volontariato, del Terzo Settore gli consegneranno i progetti da loro elaborati e che condurrà, portandoli in mano, fino al Parlamento Europeo. Questa l’iniziativa che nei prossimi mesi vedrà impegnato Marco Saverio Loperfido, Guida Ambientale Escursionistica AIGAE.  “In questi 6 mesi non cammineremo soltanto bensì mapperemo, ovvero coglieremo dal territorio informazioni su come andare da un paese all’altro senza passare da strade principali e trafficate. Faremo descrizioni dei sentieri trovati, fotografie, appunti sonori, tracciati gps e un diario di bordo. In poche parole mapperemo un pezzo d’Europa, attraversando l’Italia, l’Austria, la Germania, la Francia,il Lussemburgo e raggiungendo sempre a piedi il Belgio”. Lo ha annunciato Marco Saverio Loperfido, Guida Ambientale Escursionistica AIGAE (unica Associazione di Categoria Professionale riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della L.4/2013), fondatore del portale AMMAPPALITALIA che ha già censito e registrato più di 1000 sentieri percorribili sul territorio italiano, presentando il progetto oggi alla stampa, presso le “Scuderie” di Palazzo Chigi-Albani di Soriano nel Cimino.  L’intero itinerario di sentieri e birghi che percorrerà a piedi dal 1 Maggio. Marco non sarà solo in questa grande avventura perché lo accompagneranno la futura moglie Marina ed il cane Bricco. Marco, Marina e Bricco, percorreranno 2400 km, attraverseranno 179 città di cui 71 in Italia, ma saranno in 7 rifugi ed entreranno in Parchi Nazionali, Oasi, Riserve Naturali. Il tutto passando per Todi, Venezia, Belluno, Innsbruck, Strasburgo e Lussemburgo. Le vie individuate saranno esclusivamente sentieri e strade secondarie, passeranno per borghi e città e si potranno intersecare con itinerari già esistenti, come la Via Romea, La Via di San Francesco, la Monaco-Venezia.

“Ben 2400 km a piedi – ha proseguito Loperfido – attraversando gli Appennini, le Alpi, perché il nostro è un tentativo di considerare l’Europa un unico paese, perché crediamo che l’Europa sia composta di piccoli centri e perché sarà un viaggio nel paesaggio del nostro continente. Durante questi mesi di cammino vogliamo incontrare gli europei, scoprire passo, passo come cambiano i territori, conoscere le realtà locali e da loro farci consegnare documenti che testimonino della loro vita concreta e delle difficoltà dell’operare nel Terzo Settore. Vogliamo portare questi documenti, a mano, come fossimo dei Postini di una volta, al Parlamento Europeo, sperando che portarli in questa maniera sia un valore aggiunto. Sarà anche un viaggio in compagnia del nostro cane, delle sue esigenze e del suo particolare sguardo sul mondo, cioè quello degli animali. Crediamo nel viaggio a piedi come cambiamento del sé e del mondo, della propria individualità, come della nostra società. Per questo ci mettiamo in cammino. Nell’era della velocità e della fretta andare a piedi è ormai diventato un gesto rivoluzionario. Vogliamo stringere la mano agli italiani che abitano nelle grandi città e piccoli borghi ma farlo ugualmente con gli altri popoli in Austria, Germania, Belgio, Francia, Lussemburgo. Incontreremo e documenteremo le tradizioni di tutti. Individuare e tracciare un percorso tra un borgo e l’altro significa ridare ai paesi il ruolo storico che da sempre hanno, cioè essere luoghi di ospitalità, luoghi di posta, dove riposarsi, rifocillarsi, trovare tranquillità dal viaggio. Significa incentivarne il ripopolamento e l’economia locale. Molto più dei semplici sentieri per turisti (che partono da un punto e arrivano in un altro per poi tornare alla macchina parcheggiata), i percorsi che si snodano da borgo a borgo non sono caratterizzati solamente dall’ottica turistica, ma creano le basi conoscitive e strutturali per un radicale cambiamento della maniera di esperire il territorio e il mondo”.

Un grande appuntamento reso possibile grazie al progetto Paese Europa patrocinato dal Mibact, dal Comune di Soriano nel Cimino ed anche da AIGAE e sarà realizzato grazie alla collaborazione di Wwoof Italia, Amavido.de, Co.Mo.Do.Annulli Editori e all’esperienza di Alfonso Prota e della Banda del Racconto per la documentazione sonora

L’intero diario giornaliero di Marco, Marina e Bricco sarà sul blog Paese Europa

Il tutto sarà consultabile giornalmente all’indirizzo www.ammappalitalia.it/paese-europa, nonché sui social network dove si potrà seguire in diretta il loro percorso e contattarli in diretta.

Arrivo il 18 Ottobre al Parlamento Europeo  .

“Arriveremo a Bruxelles il 18 Ottobre– ha concluso Marco Loperfido – al Parlamento Europeo al quale consegneremo i progetti e le proposte che i cittadini europei ci daranno lungo la strada”.

 

6 marzo 2017 0

Frosinone – L’Accademia di Belle Arti inaugura l’anno accademico e consegna il diploma honoris causa a Danilo Rea

Di Antonio Nardelli

Frosinone – Le note del pianista jazz Danilo Rea, musicista di grande talento la cui musica è apprezzata da un pubblico vastissimo anche al di là dei confini di una ristretta cerchia di cultori, hanno aperto l’anno 2016/17 dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone. A Rea è stato conferito il diploma Accademico di Secondo Livello Honoris Causa in Nuove Tecnologie dell’Arte per il profondo l’impegno profuso nel diffondere l’arte della musica.

Alla cerimonia sono intervenuti il Direttore Generale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dott.ssa Maria Letizia Melina, il Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone Prof. Luigi Fiorletta, il rappresentante del Ministero dell’Università e della Ricerca nel Consiglio di Amministrazione, dott. Gianluca Grossi, nonché il Prefetto dott.ssa Emilia Zarrilli, il Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, ed il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonio Pompeo.

Il direttore dell’Accademia di Belle Arti, dopo i saluti, ha donato alla dott.ssa Melina il simbolo dell’Accademia, la bocca di Michelangelo in bronzo. Successivamente ha fatto ingresso in sala il musicista jazz Danilo Rea, accolto dagli applausi del numeroso pubblico presente.

Tra i più poetici e creativi pianisti jazz in Italia, Danilo Rea, attraverso i tasti bianchi e neri del pianoforte, messo a disposizione dalla casa musicale Vicini, si è infatti raccontato con grande generosità al pubblico presente e con altrettanta prodigalità ha suonato, improvvisato, si è messo a disposizione dei suoi ascoltatori per spiegare cos’è per lui l’arte della musica, per raccontare quell’emozione che lo ha portato a fare della sua passione il suo mestiere e che tutt’ora continua ad essere la stella polare del suo lavoro. Una carrellata di opere che ha regalato emozioni in uno spettacolo insolito e mai banale, dove gli istinti di Rea sono stati lasciati liberi di creare suoni e melodie forti.

Uno spazio musicale dinamico in cui l’improvvisazione è stata la protagonista indiscussa, Danilo Rea, ha infatti incantato il pubblico con un medley per solo pianoforte di brani celebri, regalando al pubblico alcune delle pagine più belle della sua carriera artistica. Rea da sempre sostiene con forza che l’improvvisazione del jazz oggi debba assolutamente attingere dal consolidato e popolare repertorio della canzone italiana, del rock, insomma di tutte quelle fonti davvero note al grande pubblico. Il musicista ritiene che la musica sia un’emozione che parte dal cuore e conta quel che si riesce a trasmettere. Al termine della sua performance musicale, Danilo Rea ha ricevuto dalle mani del direttore Luigi Fiorletta il Diploma Accademico di Secondo Livello Honoris Causa in “Nuove Tecnologie dell’Arte” tra gli applausi del pubblico, il presidente Ennio De Vellis gli ha invece donato l’artistica sculture in bronzo a tiratura limitata simbolo dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Il prossimo appuntamento con l’Accademia di Belle Arti è con il Progetto di ART AND FOOD DESIGN a cura della prof. Emanuela Zicoschi con l’archi-chef-designer Carlo Olivari suddiviso in due incontri, il primo l’8 marzo, il secondo è invece fissato per il 16 marzo prossimo, mentre a fine marzo tornano gli appuntamenti con “I Giovedì dell’Accademia”.

23 febbraio 2017 0

Coltellate davanti al bar di Aprilia, si consegna 19enne accoltellatore

Di admin

Aprilia – Accoltella un 26enne davanti ad un bar ad Aprilia e si da alla macchia per quattro giorni. Oggi, il 19enne si è consegnato, accompagnato dal suo avvocato, alla procura della Repubblica di Latina che nel frattempo aveva emesso un decreto di fermo nei suoi confronti.

I fatti risalgono a domenica scorsa quando, a seguito di una furibonda lite in via Albo Moro, il 19enne di Aprilia e il 26enne di Lanuvio sono venuti alle mani e, poi, alle coltellate. Ad avere la peggio è stato il 26enne rimasto a terra gravemente ferito dai fendenti.

I carabinieri di Aprilia comandati dal colonnello Ingrosso, giunti sul posto, dopo aver prestato soccorso al giovane ferito, hanno iniziato ad indagare arrivando ben presto al nome di Daniele O., l’accoltellatore. Erano sulle sue tracce quando, oggi, si è consegnato alla giustizia.

Foto Repertorio

14 febbraio 2017 0

“Scuola di squadra”, Zingaretti ad Alatri per consegna attrezzature sportive al “Pietrobono”

Di admin

Alatri – E’ prevista per la mattinata di domani 15 febbraio la visita del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presso il Liceo Scientifico “L. Pietrobono” di Alatri per la consegna delle attrezzature sportive, nell’ambito del progetto “Scuola di squadra”.

Il Liceo, nello scorso mese di aprile, ha inviato la propria candidatura ed è stato ispezionato dai responsabili regionali e scelto per la qualità dell’insegnamento delle scienze motorie.

Unitamente alle attrezzature sportive, verrà consegnata una stampante 3D che inaugurerà un progetto sulle nuove tecnologie , in rete con l’ ISS Pertini.

Nella foto i docenti del progetto: Rondinara, sabatucci, Vinciguerra