Tag: prima

23 luglio 2018 0

E-commerce: Prima di acquistare, controlla online!

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ATTUALITA’ – Per necessità o sfizio, acquistare prodotti e servizi è diventata ormai un’attività quotidiana. Due sono le regole da seguire: controllare la qualità dei prodotti e il prezzo, in particolare se lo stesso prodotto è venduto da diversi negozi e rivenditori. Il consiglio, prima di acquistare qualsiasi cosa, è quello di controllare online. Siti web come almigliorprezzo.eu raccolgono e recensiscono prodotti di varia natura, indicando allo stesso tempo dove trovare il prezzo più basso online.

Quali prodotti posso controllare per risparmiare online?

Ci sono alcuni prodotti che meglio si prestano all’acquisto online e soprattutto che sono soggetti a prezzi ed offerte estremamente vantaggiose. In particolare sul sito web almigliorprezzo.eu è possibile monitorare diverse categorie merceologiche, tra cui gli elettrodomestici e i prodotti per il fai da te, abbigliamento, scarpe e accessori, ma anche tutto il necessario per le mamme, bambini e neonati. Non solo: cartoleria e prodotti di cancelleria, accessori e strumenti per il fitness, navigatori e tutto il necessario per auto e moto.

Perché controllare online prima di acquistare?

In cosa consiste il controllo online prima dell’acquisto? Una volta individuato il prodotto che intende comprare, sia esso un capo di abbigliamento o un elettrodomestico, è consigliabile cercare lo stesso prodotto o la stessa categoria di merce su almigliorprezzo.eu. Qui troverete recensioni e confronti che vi illustreranno in modo dettagliato caratteristiche e peculiarità del prodotto in questione. Ma soprattutto vi mostreranno dove acquistare al prezzo più basso per risparmiare online.

I vantaggi del controllo online

Il controllo online prima di effettuare un acquisto è una buona pratica da mettere in atto che possiede almeno tre vantaggi:

descrizione dettagliata del prodotto; recensione con punti di forza, peculiarità e confronti; indicazione del miglior prezzo disponibile;

Non è finita qui. Grazie al costante aggiornamento del sito web e alle recensioni dettagliate, potrete farvi un’idea non solo del prodotto che intendete acquistare, ma dell’intera categoria merceologica. Potrete quindi avere una panoramica completa che vi indirizzerà nella direzione giusta per acquistare il migliore prodotto al miglior prezzo disponibile sul mercato. Per evitare sorprese e godere di un risparmio economico.

18 luglio 2018 0

Comune e Università pronti ad un accordo per la prima rete wi-fi a Cassino

Di redazionecassino1

CASSINO – Grazie al Comune di Cassino e all’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale sarà realizzata la rete digitale in wi-fi in alcuni luoghi sensibili della città. Proprio ieri la giunta comunale ha approvato il protocollo di intesa che i due enti sono pronti a stipulare ispirandosi al principio di sinergia operativa sempre più efficace in Città. Si potrà realizzare l’impianto che sarà in parte in fibra ottica e, solo per le sezioni finali, in wi-fi. In questo impianto sarà subito diffuso il segnale Eduroam (Education roaming) che consentirà l’accesso alla rete a banda ultra larga GARR non solo a tutti gli studenti, i docenti, il personale dell’Università di Cassino e delle altre Università Europee consorziate alla rete Eduroam ma anche a studenti, docenti e personale di tanti Istituti scolastici della Città che sono già connessi attraverso UniCasNet.

L’infrastruttura consentirà di realizzare la prima rete digitale comunale con dispositivi progettati per consentire anche la gestione di altri segnali per la connettività gratuita per tutti i cittadini. “Si tratta di un protocollo di intesa che durerà 20 anni e che è il frutto del lavoro di tanti mesi a stretto gomito con il CASI (Centro di Ateneo per i Servizi Informatici)- ha detto Paola Verde già assessore all’Innovazione del Comune di Cassino- e che consentirà ai cittadini e non di Cassino di avere subito il segnale Eduroam, e, poi, gratis un servizio wi fi nelle piazze principali, nel centro, nella villa comunale, nel Campus Universitario. L’obiettivo è quello di attuare un’ ”offerta integrata” di servizi pubblici al cittadino, in modo da implementare la città intelligente (smartcity), con la gestione integrata e protetta dei dati personali, di sistemi di pagamento informatizzati, di infrastrutture territoriali quali il wi-fi pubblico, la fibra ottica, i pannelli di comunicazione digitali, le strutture per la info-mobilità e per la sicurezza. Un primo elemento essenziale per costruire il futuro digitale in Città”.

” Lavoriamo per consentire la valorizzazione, la razionalizzazione e l’integrazione di investimenti e risorse attivati dai numerosi soggetti, sia pubblici che privati, che offrono servizi digitali ai cittadini, per garantire il principio di economicità di gestione anche in ambito digitale. -ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Il servizio di wi fi gratuita nei luoghi più importanti della nostra città rappresenta una forma di crescita non indifferente per Cassino.

Ci siamo già candidati ad estendere la rete via via in tutta la Città con le risorse della Comunità Europea attraverso il progetto WIFI4EU che è ancora in fase di assegnazione. Le grandi potenzialità della rete potranno essere a disposizione di chiunque e le nostre piazze potranno essere usufruite, quindi, anche diversamente. Diamo nuova vita agli spazi pubblici attraverso processi innovativi in grado di sfruttare canali di aggregazione ed in grado di far crescere la nostra comunità. La collaborazione con Unicas è davvero vincente anche, e soprattutto, sulla frontiera dell’Innovazione “.

“Sono veramente soddisfatto perché riusciamo a realizzare un obiettivo che mi ero prefissato dall’inizio del mio mandato: azzerare le distanze tra università e città. Consentire ai nostri studenti e docenti di navigare in città come se fossero nel campus e’ un grande risultato.” ha dichiarato il Magnifico Rettore, prof. Giovanni Betta. “Il personale del CASI ed il suo Presidente, prof. Francesco Tortorella, hanno lavorato affinché potessimo realizzare una infrastruttura che garantisce in modo diffuso i nostri servizi più innovativi. Ringrazio davvero tutte le persone del Comune di Cassino che si sono adoperate per cogliere una preziosa opportunità di sinergia e collaborazione”.

14 giugno 2018 0

Emiddio De Santis buona la prima, il navigatore cassinate esordisce da pilota

Di redazionecassino1

CASSINO – Debutto alla guida per l’esperto navigatore cassinate Emiddio De Santis, il rappresentante della scuderia campana LM Motorsport ha partecipato alla terza edizione dello Slalom di Sezze svolto domenica scorsa in provincia di Latina.

Più che positivi i tempi fatti registrare nelle tre manche della gara, un ritmo costante per conoscere al meglio la vettura, la DR 1 che, in coppia con il Presidente della scuderia Marco Limoncelli, viene usata nel Campionato Italiano Rally. Tempi che hanno permesso la conquista del primo posto di classe N1400, a pochi secondi dai tempi fatti registrare da vetture di categorie superiori.

Presente ovviamente alla gara il Presidente della scuderia, non solo per dispensare consigli al suo “fido” navigatore, ma anche in veste di apripista d’eccezione della manifestazione, deliziando con la sua guida il tanto pubblico presente a bordo strada con una potente Porsche Cayman S da oltre 300 Hp.

Tanta la soddisfazione a fine gara per De Santis: “Voglio ringraziare Marco Limoncelli per avermi concesso questa bellissima occasione, era da tempo che volevo salire sul sedile di sinistra, posso ritenermi soddisfatto del risultato, ho pensato soprattutto a conoscere la macchina senza forzare troppo il ritmo, il mio ruolo è quello del navigatore ma spero un giorno di guidare in un rally, nel frattempo vorrei partecipare ad una delle prossime gare in zone, magari lo slalom di Formia organizzato dall’Ausonia Corse di Fortunato Varone, che si svolgerà nel mese di Luglio”

 

 

24 maggio 2018 0

Class Action contro Aqualatina, prima ordinanza che condanna la multinazionale

Di redazionecassino1

ROMA – Primo successo per il pool di avvocati cassinati e pontini impegnati nella Class Action nei confronti di AcquaLatina S.p.A. Dopo la prima udienza delle scorse settimane, è arrivata una prima ordinanza che recepisce le motivazioni del Comitato di avvocati che diciara l’inammissibilità dell’intervento nella Class Action spiegato da UTILITALIA, Federazione delle Imprese Ambientali, Energetiche ed Idriche, a supporto di Acqualatina S.p.A. e condanna la multinazionale al pagamento delle spese legali, in questa prima fase.  Lo si legge in un comunicato stampa emesso dal Comitato degli avvocati.

“In data odierna il Tribunale di Roma, con propria ordinanza, ha dichiarato l’inammissibilità dell’intervento nella Class Action spiegato da UTILITALIA, Federazione delle Imprese Ambientali, Energetiche ed Idriche, a supporto di Acqualatina S.p.A. e condannata la stessa al pagamento delle spese legali di questa prima fase.

La motivazione, molto articolata e giuridicamente inappuntabile, ha recepito in toto le argomentazioni esposte dal Comitato Avvocati. La stessa ordinanza costituisce un importante precedente nel panorama giurisprudenziale italiano, in ordine allo strumento dell’azione collettiva di classe, fino ad oggi sottoutilizzato e che, invece, ha, evidentemente, delle indubbie potenzialità per la tutela dei diritti dei consumatori/utenti che vanno valorizzate.

L’udienza di discussione per la pronuncia sull’ammissibilità della Class Action è stata, quindi, aggiornata al prossimo 20 Giugno 2018 alle ore 13:30.

Gli avvocati del Comitato, nell’esprimere la propria soddisfazione per questo positivo passaggio processuale, auspicano la medesima sorte per la ben più importante decisione del 20 Giugno e ribadiscono il valore etico dell’azione giudiziaria nei confronti di quello che, statistiche alla mano, si è rivelato, il peggiore gestore idrico d’Italia”.

Avv. Massimo CLEMENTE

Avv. Vincenzo FONTANAROSA

Avv. Christian LOMBARDI

Avv. Patrizia MENANNO

Avv. Orazio PICANO

Avv. Chiara SAMPERISI

Avv. Annamaria ZARRELLI

 

18 maggio 2018 0

I migliori regali di prima comunione per maschio: come sceglierli

Di admin

ATTUALITA’ – Come ogni anno, è iniziato il periodo delle comunioni ed è per questo motivo che, una delle domande che si pone, riguarda proprio i regali più consoni per questa occasione. Si tratta di un giorno importante nella vita di un ragazzino e, pertanto, fare un bel regalo equivale a creare un ottimo ricordo della giornata.

Quali sono, quindi, i migliori regali per una prima comunione? Ecco una serie di utili idee da riutilizzare nel momento in cui ci si ritrova a dover fare un acquisto di questo tipo.

Verranno elencati regali più classici, ma anche alcune idee innovative da prendere in considerazione per fare un dono che, senza dubbio, rimarrà impresso nella memoria di chi lo riceve.

Se si vuole andare sul sicuro, senza il rischio di fare una brutta figura, si può optare per uno di quei classici regali che da sempre si ricevono in occasione di questa ricorrenza. Qualche esempio?

C’è chi regala una edizione della Bibbia ben fatta e molto curata, da conservare nel corso degli anni come ricordo della giornata, ma c’è anche chi regala un rosario, sempre per rimanere in tema religioso. Altri pensieri molto quotati sono le statuine a forma di angelo, magari in argento o in porcellana. Vanno per la maggiore anche i gioielli, da sempre un grande classico di questa ricorrenza. Solitamente si regalano collane, bracciali, o ciondoli rappresentati angeli o qualche figura religiosa.

Questi sono i regali più classici, che resistono anche al passare degli anni. Tuttavia, ci sono anche idee più moderne da prendere in considerazione, per essere al passo coi tempi e per far piacere al ragazzo che deve ricevere il dono in questione. Una idea regalo estremamente originale è il pupazzo da preghiera. Si tratta di un piccolo peluche che, a mani giunte, accompagna il piccolo nella sua preghiera quotidiana. Si possono scegliere tartarughe, leoni e molto altro ancora. Il peluche ha un costo molto contenuto, ma è anche un’idea unica e originale.

Se, invece, si desidera fare un regalo importante al bambino che fa la prima comunione, allora l’idea vincente è quella di acquistare una bella auto per bambini. Lo diciamo subito: non si tratta di certo di un regalo a tema religioso, ma possiamo dire con certezza che qualsiasi bambino adorerebbe ricevere questo dono per la propria prima comunione.

Naturalmente, l’auto per bimbi va scelta con accuratezza. Innanzitutto, deve essere sicura, omologata e di qualità. Se si vuole avere una vasta scelta a propria disposizione, allora il suggerimento è quello di andare ad acquistare il tutto sul sito online GiordanoShop, che mette a disposizione diversi modelli, con prezzi e caratteristiche differenti. In questo modo, quindi, si potrà scegliere quello più indicato in base alle proprie esigenze e a quelle di colui il quale deve ricevere il regalo.

Anche questa è una idea per un regalo apprezzato, sebbene non sia l’unica! Vanno per la maggiore in questo periodo anche i regali tecnologici, come gli smartphone, anche se è utile ricordare che, in quella fascia di età, questi device devono essere usati con la supervisione dei genitori.

Queste sono le idee migliori, alcune classiche e altre un po’ più originali e al passo con i tempi, per fare dei regali memorabili per la prima comunione di un bambino. Si ha, quindi, molta scelta, ma è bene ricordare che il regalo perfetto è quello che viene fatto, oltre che in base all’occasione, anche in base a quella che è la personalità di chi lo riceve. Solo in questo modo, infatti, il bimbo ricorderà sia il dono che chi lo ha fatto con estremo piacere!

11 maggio 2018 0

Class action contro Acqualatina, prima udienza al Tribunale di Roma

Di redazionecassino1

CASSINO – Prosegue la lotta dei cittadini del Pontino contro Acqualatina attraverso un gruppo di legali cassinati e pontini. Si è tenuta, infatti, mercoledì 9 maggio, a Roma dinanzi la X Sezione del Tribunale ordinario, la prima udienza per la declaratoria sull’ammissibilità o meno della Class Action intentata contro Acqualatina s.p.a. dal Comitato Avvocati. Il Comitato di legali,ha chiesto di intervenire in giudizio, a sostegno del gestore, con un atto depositato solo ieri, l’associazione Utilitalia – Federazione delle Imprese Ambientali, Energetiche ed Idriche esclusivamente in relazione a due questioni sollevate (costo del trasporto e partite pregresse) dagli attori, attesa l’importanza, a livello nazionale, dell’eventuale precedente giurisprudenziale che si dovesse formare e che potrebbe riguardare tutti i gestori idrici per restituzioni/risarcimenti di centinaia di milioni di euro.

Gli avvocati del Comitato hanno eccepito l’inammissibilità dell’intervento e il Tribunale, all’esito dello scioglimento della riserva su questo aspetto, fisserà a breve una nuova udienza per decidere se dichiarare o meno ammissibile la Class Action.

Questa, che è la prima Class Action nei confronti del gestore idrico Acqualatina, ha provocato una forte reazione da parte dei responsabili tanto da indurre l’organismo unitario dei gestori, evidentemente preoccupati di un eventuale esito per loro negativo, ad intervenire nella procedura.

Tanto ci rafforza nella convinzione della bontà dell’iniziativa intrapresa dal Comitato e nella determinazione di assistere al meglio tutti gli utenti che ci hanno conferito il mandato per ottenere il ristoro ma anche la dignità dopo gli ingiusti patimenti dei mesi scorsi.

Avv. Massimo CLEMENTE

Avv. Vincenzo FONTANAROSA

Avv. Christian LOMBARDI

Avv. Patrizia MENANNO

Avv. Orazio PICANO

Avv. Chiara SAMPERISI

Avv. Annamaria ZARRELLI

26 aprile 2018 0

Riaperta la biblioteca a Piedimonte S.G, prima giornata della cultura

Di redazione

È stata riaperta oggi la biblioteca comunale di Piedimonte San Germano. Uno spazio dove tutti potranno liberamente e gratuitamente consultare o chiedere in prestito dei volumi, assistiti da un addetto, e usufruire anche della luminosa e spaziosa sala lettura. La biblioteca si trova nei locali della struttura polivalente di via Decorato ed è aperta tre volte a settimana. La riapertura della biblioteca coincide a Piedimonte con la prima giornata della cultura. Proprio oggi, infatti, prima del taglio del nastro, c’è stato un convegno tutto dedicato all’importanza della lettura, della cultura e dei libri durante il quale sono stati coinvolti i ragazzi delle scuole medie che hanno raccontato la propria esperienza con la lettura. È stato per l’occasione presentato anche il libro “il regalo dell’Olmo” di un ex bibliotecario provinciale, Antonio Camilli. Un volume che è stato illustrato anche agli alunni delle scuole medie per riflettere sull’importanza degli alberi e del rispetto della natura. Hanno preso parte all’incontro la dirigente scolastica dell’istituto comprensivo di Piedimonte, la professoressa Maria Rosaria Graziani, il dottor Mario Bellini, endocrinologo, docente di informatica biomedica presso Uniclam ed ex assessore alla cultura, poi gli amministratori comunali Leonardo Capuano, Marialisa Tomassi, Vincenza De Bernardis e Nunzio Di Palma, il sindaco di Gioacchino Ferdinandi e il sindaco di Aquino Libero Mazzaroppi. Presenti anche l’ex assessore Mario D’Alessandro, il comandante della polizia municipale Antonio De Luca, Elio Solla e delegazioni di alcune associazioni locali. Ha moderato il dibattito Natalia Costa.

1 marzo 2018 0

Cassino: Emozione per la Prima giornata delle Vittime Civili delle Guerre e dei conflitti nel mondo

Di redazione

Emozionante la prima giornata delle Vittime Civili delle Guerre e dei conflitti nel mondo che si è tenuta a Cassino. Una giornata straordinaria quella che si è tenuta domenica, 25 febbraio, presso l’Aula Pacis di Cassino. L’associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, sezione provinciale di Frosinone, insieme al Comune di Cassino ha realizzato la prima edizione della Giornata delle Vittime Civili delle Guerre e dei Conflitti nel mondo, istituita grazie ad una legge dello Stato su iniziativa dell’Anvcg. La manifestazione ha visto la partecipazione, al fianco del presidente provinciale, il cavaliere Giovanni Vizzaccaro, del sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, del vicepresidente nazionale dell’Anvcg Aurelio Frulli e del prefetto di Frosinone, sua eccellenza Emilia Zarrilli. Una giornata in cui si sono susseguite testimonianze, appelli alla costruzione di una cultura di pace senza mai scendere nella retorica. I rappresentanti delle istituzioni hanno saputo toccare la complessità dell’argomento con parole vere, autentiche e non impastoiate di frasi fatte. La cerimonia è stata inaugurata dalla rappresentazione teatrale della Filodrammatica don Bosco, della Parrocchia di San Pietro Apostolo, curata da Patrizia Velardi. Poi, attraverso le parole del presidente della sezione provinciale, Giovanni Vizzaccaro si è entrati nel vivo della giornata. Alle parole del presidente Vizzaccaro ha risposto con forza il sindaco D’Alessandro che si è fatto promotore di un progetto di recupero della storia locale insieme agli studenti di ogni ordine e grado. Per far comprendere meglio chi sono le vittime civili di guerra è stato proiettato un filmato, documentato da Antonio Nardelli, che raccoglie alcune testimonianze con il coordinamento del presidente Vizzaccaro. La parola è passata al prefetto Zarrilli che è stata toccante nel suo intervento. Le conclusioni sono state affidate al vicepresidente nazionale Aurelio Frulli che ha voluto omaggiare il prefetto con un simbolo dell’Anvcg. Una giornata intensa, ricca di emozioni, resa ancora più toccante dallo scambio generazionale con gli studenti dell’istituto San Benedetto che hanno collaborato alla manifestazione. La giornata è stata moderata da Pierluigi Di Raddo e da Paola Caramadre. Tante le autorità civili e militari che hanno preso parte alla manifestazione testimoniando la vicinanza all’Anvcg. Al termine della manifestazione, dall’Aula Pacis si è mosso il corteo verso il monumento alle Vittime Civili di Guerra in piazza Marconi dove hanno sfilato il gonfalone della città di Cassino e i labari delle associazioni combattentistiche. Il Comune e l’associazione hanno deposto una corona in memoria di tutte le vittime. Il momento è stato reso ancora più solenne dalla preghiera officiata da don Gabriele della parrocchia di Sant’Antonio e dal sottofondo musicale della banda Don Bosco – Città di Cassino diretta dal maestro Marcello Bruni e dal picchetto d’onore dell’80esimo Rav.

2 febbraio 2018 0

Class Action contro Acqualatina, prima udienza il prossimo 7 maggio al Tribunale di Roma

Di redazionecassino1

Cassino –  Una Class Action contro Acqualatina S.p.A. è stata promossa da un gruppo di avvocati, l’iniziativa era stata annunciata qualche tempo fa, ora è diventata realtà. Il prossimo 7 maggio 2018 si terrà la prima udienza dinanzi al Tribunale di Roma per la valutazione dell’ammissibilità della Class Action intentata dal Comitato Avvocati in rappresentanza di tutti gli utenti di Acqualatina Spa che negli ultimi anni stanno soffrendo le conseguenze nefaste della pessima gestione dell’erogazione dell’acqua.

L’azione di classe intrapresa ha lo scopo di accertare le responsabilità del gestore e ottenere un risarcimento il più equo possibile per il ristoro dei danni materiali e psicofisici subiti da tutta la popolazione.

Molto tempo è occorso per la raccolta della imponente documentazione a sostegno dell’azione, per la sua catalogazione e implementazione, con l’obiettivo di fornire al Tribunale, sin da subito, prove inoppugnabili della sua fondatezza.

Pur essendo un’azione innovativa e complessa sotto il profilo oggettivo e soggettivo, confidiamo nell’accoglimento della domanda anche per il valore educativo che da questo può derivarne. L’azione, al di là del risarcimento e delle restituzioni richieste, pur importanti, mira ad indurre il gestore a cambiare definitivamente rotta e a porre al primo posto le esigenze primarie dei cittadini.

È evidente che qualunque risarcimento dovesse essere riconosciuto dal Tribunale, esso non potrà mai ripagare gli utenti delle immense sofferenze patite ma potrà rappresentare solo simbolicamente il riconoscimento della lesione di un diritto costituzionalmente protetto.

Nel sottolineare la peculiarità dell’azione di classe, il Comitato invita i soci di minoranza di Acqualatina Spa (i Sindaci di tutti i 35 comuni), nell’ambito del proprio diritto di controllo, ad intraprendere senza indugio l’iter perché venga disposta una ispezione dell’amministrazione, ritenendo fondato il sospetto che siano state compiute gravi irregolarità nella gestione che possono anche arrecare danno alla società stessa. Tale possibilità esula dall’azione di classe e può essere proposta esclusivamente dai soci.

Il Comitato Avvocati tiene a precisare che l’azione intrapresa è meramente tecnico/legale e di assistenza in giudizio, per cui rifugge nel modo più assoluto da qualunque strumentalizzazione politica che di essa se ne volesse fare.

A titolo informativo si rappresenta che i proponenti l’azione di classe rappresentano ben dieci comuni dell’Ato4, con una percentuale pari al 40% di residenti formiani, un 30% di residenti gaetani, un 13% di residenti fondani, e, dato non trascurabile, il 7% di essi è non residente ma proprietario di abitazione titolare di utenza in uno dei suddetti comuni. Segno questo della estensione geografica del fenomeno.

Si ringraziano tutti coloro che hanno collaborato, nell’ombra e silenziosamente, alla raccolta del materiale, dei dati, delle informazioni, alla creazione e tenuta del sito web, al supporto informatico e logistico, oltre che al sostegno morale. In particolare, corre l’obbligo di ringraziare per tutti il Prof. Maurizio Barbieri, docente di Idrogeochimica presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università La Sapienza di Roma che, a supporto dell’azione, ha redatto per conto del Comitato una perizia di grande pregio e a titolo completamente gratuito.

Da domani il Comitato Avvocati, avendone avuto formale incarico, inizierà ad occuparsi della Class Action per gli utenti di Ventotene che, pur lamentando questioni diverse, riconducono al comune denominatore della gestione lucrativa, poco trasparente e inefficiente di Acqualatina S.p.A.

Avv. Massimo CLEMENTE

Avv. Vincenzo FONTANAROSA

Avv. Christian LOMBARDI

Avv. Patrizia MENANNO

Avv. Orazio PICANO

Avv. Chiara SAMPERISI

Avv. Annamaria ZARRELLI

 

11 gennaio 2018 0

Centenario della Prima Guerra Mondiale e le 48 vittime di San Vittore censite

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – “Una sede locale dell’Associazione nazionale combattenti e reduci ed un censimento certosino che ha portato all’individuazione finora di 48 concittadini che persero la vita per la Patria durante la prima guerra mondiale”.

Lo si legge in una nota del Comune di San Vittore del Lazio.

“Il Centenario di quell’immane conflitto, celebrato in tutta Italia, diventa a San Vittore del Lazio occasione per riesumare la memoria e presentare un accurato progetto che porterà gli eredi dei combattenti locali in terra friulana, per ricevere una medaglia commemorativa e partecipare ad una toccante cerimonia. Questo il sunto del convegno che l’amministrazione guidata dalla sindaca Nadia Bucci ha voluto tenere presso la Sala consiliare assieme ai vertici provinciali dell’Ancr, in primis al presidente, cavalier Pompeo Terrezza. Proprio la prima cittadina ha esordito, precisando come il lavoro di ricerca anagrafica per individuare i sanvittoresi immolatisi sulle pietraie del Carso sia stato affidato a due solerti cittadini, Renata e Giuseppe Vendittelli”.

“A loro il compito di ricostruire l’albero genealogico dei nostri caduti. Lo scopo – ha detto nella nota  la Bucci rivolgendosi ad una interessata e folta platea e dopo un accurato preambolo storico – è condurre una delegazione in Friuli a ritirare le medaglie; entro pochi mesi verremo coinvolti in questo progetto che non prevede assolutamente spese a carico delle famiglie destinatarie delle onorificenze. Ma come amministrazione stiamo seguendo anche una seconda direttrice progettuale: aprire a San Vittore una sede locale dell’Ancr che metta insieme gli intenti di ex ed attuali facenti parte di FFAA e FFOO”.

Il presidente Terrezza ha illustrato poi le finalità statutarie dell’Associazione, ripercorrendone in breve la storia fin dagli esordi con le sezioni pioniere di San Giorgio al Liri e Guarcino, assieme al Segretario Giovanni Inglese. “Scopo dichiarato – ha detto nella nota – è quello di coinvolgere anche i giovani e le scuole in un progetto che non vedrà solo la consegna di medaglie agli specifici eredi dei soldati, ma anche alla memoria per quanti dovessero essere individuati in seguito”.

A quel punto la sindaca Bucci ha letto, uno ad uno, i nomi dei soldati già individuati assieme al patronimico. La proiezione di un filmato pilota che illustrava le modalità protocollari della cerimonia di consegna delle medaglie, la messa e la benedizione ha chiuso un incontro interessantissimo, in cui la Grande storia ha incontrato la grandezza dei ‘piccoli’ uomini che la fecero.