Tag: punto

16 agosto 2018 0

Muore dopo essere stato punto dalle api. Tragedia a Paliano

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Non c’è stato nulla da fare per un apicoltore questa mattina a Paliano. L’uomo di circa 60 anni è morto a causa delle punture di api. Stando alle prime informazioni, erano le ore 07,30, quando M.D. si trovava nei pressi dell’allevamento di api. Mentre stava svolgendo normali operazioni sul sito, indossava la tuta protettiva da apicoltore. Probabilmente a causa di un foro sullo speciale indumento, le api si sarebbero introdotte e lo avrebbero punto. Per l’uomo è sopraggiunta la morte e nulla è stato possibile per evitare il peggio. L’apicoltore è infatti morto sul posto. Foto d’archivio

8 agosto 2018 0

Sostieni Il Punto a Mezzogiorno, basta anche un caffè al mese

Di admin

IL PUNTO A MEZZOGIORNO – 

Undici anni di attività, undici anni a cercare notizie, a verificarle, a proporvele in maniera tempestiva e nella forma più efficace possibile, senza giri di parole per evitare ogni condizionamento, lasciando a voi, sulla base di dati forniti dalla cronaca, la possibilità di formarvi un’idea.

Perchè è necessario pagare l’informazione

Mai un solo soldo provento da qualsiasi forma di finanziamento o contributo pubblico, una informazione a costo zero, con un minimo di supporto economico da alcune inserzioni pubblicitarie. Ma quel contributo è veramente esiguo, non sufficiente a farci crescere implementando il sistema, migliorandolo e investendo maggior tempo per la ricerca di notizie.

Per questo chiediamo a voi lettori, e non a Stato, Regioni, Province o Comuni, un contributo di qualsiasi entità esso sia. Fosse anche il valore di un caffè. Pochi euro saranno per noi fondamentali e ci permetteranno di rimanere un organo di informazione libera ed estranea alle logiche dei finanziamenti pubblici.

Per questo, chi volesse contribuire gratificando il nostro lavoro, può farlo con versamenti, lo ripetiamo, fosse anche solo di un euro, sostenendo Il Punto a Mezzogiorno con una donazione volontaria.

Grazie Il Punto a Mezzogiorno

Puoi farlo con Bonifico intestato ad Ermanno Amedei codice Iban: IT65Q0760105138282904282908

oppure con Paypal

7 febbraio 2018 0

Sportello amianto a San Vittore, un punto per affrontare tematiche sul tema

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – “Uno sportello di consulenza sul delicatissimo tema dell’amianto: come smaltirlo, quali preventivi migliori per operare concretamente e perfino come comportarsi in caso di malattie derivanti dal contatto con esso, con indirizzi, referenze mediche e legali sui casi censiti in Tribunale e comparazioni delle possibilità diagnostiche. Il comune di San Vittore del Lazio e l’amministrazione guidata dalla sindaca Nadia Bucci hanno in animo di stipulare uno specifico protocollo con lo Sportello Amianto Nazionale”.

Lo si legge in una nota del comune di San Vittore del Lazio.

“Il progetto è nato con l’intento di uniformare un flusso di conoscenza tra le associazioni finalizzato a formare ed informare attraverso servizi a territorio, cittadini,  lavoratori e pubbliche amministrazioni. ‘Una informazione altamente qualificata dunque – ad affermarlo l’assessore Amilcare D’Orsi, che ha fortemente caldeggiato l’iniziativa – che consentirà ai residenti di San Vittore del Lazio, ove se ne creassero le necessità contingenti, di affrontare il problema sotto tutti i punti di vista che una tematica così delicata implica. Ritengo che questa iniziativa possa costituire davvero un passo avanti nella gestione di tematiche complesse legate alla presenza di amianto-asbesto-eternit sul territorio comunale – ha concluso D’Orsi – proprio perché quegli argomenti investono ambiti di varia natura che hanno bisogno di una razionalizzazione. Come amministrazione abbiamo già deliberato in questo senso ed entro pochi giorni sul sito del Comune sarà visibile e cliccabile il relativo link’”.

29 marzo 2017 0

I TITOLI – la giornata di oggi raccontata da Il Punto a Mezzogiorno

Di admin

I titoli di oggi – La giornata di oggi è stata caratterizzata da una tragedia, quella che ha macchiato di sangue la superstrada Cassino Formia a Pignataro

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/incidente-stradale-mortale-sulla-superstrada-cassino-formia/

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/incidente-stradale-mortale-la-vittima-e-di-pignataro-e-non-aveva-ancora-30-anni/

La tragedia è stata preceduta da un altro incidente che ha San Vittore ha ridotto in fin di vita un maresciallo dei carabinieri

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/incidente-stradale-a-san-vittore-maresciallo-dei-carabinieri-in-gravi-condizioni/

Sempre a Cassino, si scopre che dal Carcere due detenuti affiliati alla Camorra avevano iphone

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/cassino-collegati-con-la-camorra-dal-carcere/

Alatri, invece, non si rasserena la difficile situazione che si è cdreata con la morte di Emanuele e si scopre che

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-castagnacci-era-stato-arrestato-a-roma-il-giorno-prima-liberato-il-venerdi-mattina/

ed anche che gli avvocati difensori sono minacciati

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-alatri-i-buttafuoiri-tra-gli-indagati-per-rissa-minacciati-gli-avvocati-difensori/

Ad Anagni in tre sono denunciati per inquinamento ambientale

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/anagni-inquinamento-ambientale-tre-persone-denunciate/

Bella l’esperienza di 600 cassinati che incontrano Papa Francesco

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/papa-benedetto-xvi-benedice-leffige-di-santantonio-scortata-da-600-cassinati/

e la generosità dei carabinieri che donano alla Caritas…

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/cassino-450-capi-di-biancheria-donati-alla-casa-della-carita-dai-carabinieri/

A domani

28 marzo 2017 0

I titoli – Il Punto della mattinata

Di admin

I carabinieri fanno visita (per educare) alla Innocenzo III di Gavignano

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/educazione-alla-legalita-carabinieri-tra-gli-alunni-della-innocenzo-iii-di-gavignano/

Ma alle prime luci dell’alba arriva la notizia della svolta belle indagini dell’omicidio di Alatri

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-alatri-scattano-a-roma-le-prime-due-manette/

e i motivi per cui i due si trovassero a Roma

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-i-fermati-e-salvati-dalla-rabbia-della-gente/

Alle 11 comincia la conferenza stampa e il procuratore De Falco svela dettagli sulla vicenda

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-il-procuratore-de-falco-ragazzo-per-bene-ucciso-per-motivi-banalissimi/

e l’inquietante ipotesi che si è fatta sul motivo di quel pestaggio

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-ipotesi-inquietante-luccisione-di-emanuele-per-dimostrare-forza-criminale/

Per fortuna non solo brutte notizie e una civetta rimette il buonumore

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/civetta-incastrata-salvata-dai-vigili-del-fuoco/

Le truffe, riuscite o tentate, sono sempre in agguato

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/tentano-di-truffare-unintera-scuola-di-frosinone-tour-operators-denunciati/

Ci siamo tuffati poi in un successo sportivo pontino

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/latina-il-campione-di-nuoto-alessandro-marchiella-ricevuto-in-comune-dal-primo-cittadino/

e in un appello del Consiglio Nazionale dei geologi

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/un-geologo-in-ogni-comune-lappello-del-consiglio-nazionale-dei-geologi-per-la-sicurezza-del-territorio/

27 marzo 2017 0

I titoli – Il Punto del pomeriggio

Di admin

Truffatori scatenati ad Aquino ma i carabinieri ne arrestano uno http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/truffatori-scatenati-ad-aquino-i-carabinieri-ne-arrestano-uno/

Intanto sulla vicenda dell’omicidio di Alatri il Prefetto…

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-il-prefetto-convoca-il-comitato-per-la-sicurezza-provinciale/

Questo mentre al terzo giorno di attesa volge al termine, sale la tensione in centro

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-terzo-giorno-di-attesa-tensioni-in-centro/

Intanto a Vallecorsa si parla di cyberbullismo

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/cyberbullismo-a-vallecorsa-il-sostituto-commissario-tiziana-belli-incontra-gli-alunni-dellistituto-comprensivo/

27 marzo 2017 0

I titoli, la mattinata del Il Punto a Mezzogiorno

Di admin

Resoconto della mattinata. Abbiamo aperto con la tragedia stradale di Anzio http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/tragedia-della-strada-ad-anzio-20enne-muore-in-incidente-altri-due-sono-feriti/

A fondi, invece, i danni di un incendio a autorimessa di camion sono ingenti http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/disastro-di-fuoco-a-fondi-incendiati-tre-camion-e-due-rimorchi/

Ad Alatri continuano le indagini per far luce sull’omicidio di Emanuele Morganti, ma la Paura tappa la bocca. http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-la-paura-che-tappa-la-bocca

Intanto in cerchio si stringe attorno a quattro persone http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-alatri-il-cerchio-si-stringe-attorno-a-quattro-nomi/ e il sindaco Morini annuncia la giornata di lutto cittadino e annuncia la fiaccolata di Mercoledì oltre ad elogiare l’efficienza della videosorveglianza http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-sindaco-videosorveglianza-riprende-pestaggio-domani-lutto-cittadino/

Ma la notizia è che non tutti si sono tirati indietro mentre Emanuele veniva massacrato http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-alatri-amico-di-emanuele-si-e-gettato-sul-suo-corpo-per-tentare-di-salvarlo/

Ma la vita va avanti e a Castrocielo va in scena “le tre Pechere viziuse”

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/castrocielo-in-scena-la-commedia-tre-pechere-viziuse-a-cura-della-compagnia-teatrale-castrum-coeli/

e ad Isernia i carabinieri vanno a caccia di droga

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/droga-controlli-a-tappeto-dei-carabinieri-nella-provincia-di-isernia-con-unita-cinofile/

9 luglio 2010 4

Il Punto a Mezzogiorno aderisce allo sciopero contro la legge “bavaglio”

Di redazione

Il Punto a Mezzogiorno aderisce allo sciopero dei giornalisti contro la legge “Bavaglio” limitando al minimo l’aggiornamento del quotidiano on line. Il titolo principale della Home page rimarrà questo fino allo scadere della protesta. Le notizie di cronaca, ma solo quelle più rilevanti, saranno inserite nei titoli sottostanti. Questo il comunicato della Fnsi che spiega le ragioni dello sciopero “I giornalisti italiani sono chiamati ad una forma di protesta straordinaria che si esprimerà in un “rumoroso” silenzio dell’informazione nella giornata di venerdì 9 luglio, contro le norme del “ddl intercettazioni” che limitano pesantemente il diritto dei cittadini a sapere come procedono le inchieste giudiziarie, infliggendo gravi interruzioni al libero circuito delle notizie. Quanti lavorano nel settore della carta stampata si asterranno dalle prestazioni nella giornata di giovedì 8 luglio, per impedire l’uscita dei giornali nella giornata di venerdì. Tutti gli altri, giornalisti dell’emittenza nazionale e locale, pubblica e privata, delle agenzie di stampa, del web, dei new media e degli uffici stampa non lavoreranno nella giornata di venerdì. Free lance, collaboratori e corrispondenti si asterranno dal lavoro secondo le modalità previste per la testata presso la quale prestano la loro opera. I giornalisti dei periodici, infine, si asterranno dal lavoro venerdì 9, ma assicurando, già da ora, la pubblicazione sui numeri in lavorazione delle proprie testate di comunicati sulle motivazioni della giornata del silenzio. Lo sciopero è una protesta straordinaria e insieme la testimonianza di una professione, quella giornalistica, che vuole essere libera per offrire ai cittadini informazione leale e la più completa possibile. Una protesta che si trasforma in un “silenzio” di un giorno per evidenziare i tanti silenzi quotidiani che il “ddl intercettazioni” imporrebbe se passasse con le norme all’esame della Camera, imposte sin qui dal Governo e dalla maggioranza parlamentare. Molte notizie e informazioni di interesse pubblico sarebbero negate giorno dopo giorno fino a cambiare la percezione della realtà, poiché oscurata, “cancellata” per le norme di una legge sbagliata e illiberale che ne vieterebbe qualsiasi conoscenza. Giornalisti, ma anche gli editori e migliaia di cittadini, da mesi denunciano le mostruosità giuridiche del “ddl intercettazioni”. Sono state anche avanzate proposte serie per rendere ancora più severa e responsabile l’informazione nel rispetto della verità dei fatti e dei diritti delle persone: udienza filtro per stralciare dagli atti conoscibili le parti relative a persone estranee e soprattutto alla dignità dei loro beni più cari protetti dalla privacy; giurì per la lealtà dell’informazione che si pronunci in tempi brevi su eventuali errori o abusi in materia di riservatezza delle persone; tempi limitati del segreto giudiziario; accessibilità alle fonti dell’informazione contro ogni dossieraggio pilotato. Nessuna risposta di merito. Lo sciopero, con la giornata del silenzio, è espressione di indignazione, di partecipazione, di richiamo responsabile a principi e valori che debbono valere in ogni stagione. Lo sciopero è un momento della protesta e dell’azione incessante che proseguirà, fino al ricorso della Corte europea di Strasburgo per i diritti dell’uomo, qualora la legge fosse approvata così com’è. Lo sciopero è anche segnalazione di un allarme per una ferita che si aggiungerebbe ad un sistema informativo che patisce già situazioni di oggettiva difficoltà e precarietà non solo per la crisi economica, ma anche per una politica di soli tagli che rischiano di allargare bavagli oggi altrimenti invisibili. L’informazione è un bene pubblico, non è un privilegio dei giornalisti, né una proprietà dei padroni dei giornali e delle televisioni, né una disponibilità dei Governi. E per i giornalisti non è uno sciopero tradizionale contro le aziende, ma un atto di partecipazione e di sacrifico della risorsa professionale per la difesa di un bene prezioso, dei cittadini, proclamato con un silenzio che vuol parlare a tutti”.

24 aprile 2010 0

Rapina a mano armata al Punto Snai, in manette 28enne

Di admin

Nella serata odierna in Frosinone, un uomo armato di pistola irrompeva all’interno del Punto SNAI di Via Marittima e, dopo aver esploso un colpo d’arma da fuoco, asportava dalla cassa mazzette di danaro in contante da 50 e 20 euro per un totale di circa 1.500,00 euro. Il rapinatore dopo aver arraffato il danaro si dava a precipitosa fuga, perdendo nella circostanza anche una scarpa marca “puma”, successivamente rinvenuta dai militari operanti. L’immediato intervento dei militari della Compagnia di Frosinone, che cinturavano la zona come da predisposti piani antirapina, permetteva il rintraccio e la cattura dell’uomo indentificato in C. V., classe 1972 del luogo, pluripregiudicato già censito per analoghi reati. Al momento dell’arresto, avvenuto in una soffitta di un edificio di Viale Spagna dove si era rifugiato, l’uomo aveva ancora in mano la pistola a tamburo (matricola abrasa) con all’interno del caricatore ancora 7 proiettili da 8 mm (l’8° fatto esplodere al momento dell’irruzione).

26 gennaio 2010 0

Dopo sisma, il cratere del sisma è edificabile in ogni punto

Di redazione

Non ci sono, nel “cratere sismico” aquilano porzioni significative di territorio in cui sia da escludere l’edificabilità, né dissesti superficiali e cavità sotterranee, pure diffuse, sembrano aver contribuito in termini di pericolosità alle accelerazioni del moto del suolo subite dal capoluogo abruzzese. Sono alcune delle risultanze dello studio di microzonazione sismica dell’area aquilana avviato nel mese di maggio 2009, che consente ad oggi di avere della zona un quadro conoscitivo tra i più approfonditi a livello nazionale e che sarà illustrato giovedì 28 gennaio, alle ore 11,00 a L’Aquila, presso la Sala Stampa della Scuola della Guardia di Finanza di Coppito. Gli studi di microzonazione sismica consentono di caratterizzare il territorio in prospettiva sismica, individuando i differenti livelli di pericolosità sismica locale legati alle caratteristiche litostratigrafiche e morfologiche dell’area e a fenomeni di instabilità e deformazione permanente, quali frane, fratturazioni superficiali e liquefazioni del terreno. Sono quindi molto importanti nella pianificazione del territorio e nella fase di ricostruzione dei centri abitati dopo un terremoto. Lo studio, promosso e coordinato dal Dipartimento della Protezione civile con la Regione Abruzzo, ha visto il coinvolgimento di circa 150 ricercatori e tecnici di 9 Università italiane (L’Aquila, Chieti-Pescara, Genova, Politecnico di Torino, Firenze, Basilicata, Roma “La Sapienza”, Roma Tre, Siena), di 8 istituti di ricerca (CNR, INGV, AGI, RELUIS, ISPRA, ENEA, OGS, GFZ-Postdam), nonché di Regioni e province autonome (Abruzzo, Lazio, Emilia-Romagna, Toscana e Provincia di Trento). I risultati dello studio saranno resi disponibili sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.it).