Tag: sciame

7 giugno 2018 0

Sciame di api sceglie lo scooter come alveare

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROMA – Inusuale alveare, quello scelto questa mattina da uno sciame di api in piazza Ragusa a Roma. Seguendo la loro regina, gli insetti hanno fatto “mucchio” attorno al manubrio e specchietto retrovisore di uno scooter.

A chiedere l’intervento degli agenti della polizia locale, gruppo Tuscolano, sono stati i passanti e il proprietario del motociclo che, in quelle condizioni, non poteva certamente essere usato.

Gli agenti, anche grazie al supporto dei volontari inviati dalla Protezione Civile, sono riusciti a mettere in salvo le api e liberare il mezzo.

Attraverso l’utilizzo di un’arnia le api sono state prese in consegna dai volontari e saranno impiegate per la produzione di miele, protette in un habitat a loro più consono, lontano dai centri densamente popolati, ove gli insetti avrebbero potuto arrecare danno all’incolumità pubblica.

Ermanno Amedei

2 giugno 2018 0

Sciame d’api tra gli invitati ad un matrimonio a Cassino

Di admin

CASSINO – Non certamente invitatate, a migliaia si sono ritrovate, inattese, alla cerimonia di un matrimonio che si è svolta nella tarda mattinata di oggi nella chiesa di Sant’Antonio in piazza Diamare a Cassino.

Eleganti ma inaspettate, le api sono comparse all’improvviso seguendo la loro regina e depositandosi come una sciarpa.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Cassino che, a loro volta, hanno chiesto l’intervento di un apicultore per far sciamare le api e portarle in un luogo sicuro, probabilmente un alveare.

Ermanno Amedei

 

31 marzo 2017 0

Maxi sciame d’api si parcheggia in vicolo Verdi a Cassino

Di admin

Cassino – È primavera anche in Vicolo Verdi a Cassino dove un grosso sciame di api si è radunato sul tronco di un albero nell’area di parcheggio a ridosso di via Rossini.

Migliaia di insetti, ciascuno con il proprio pungiglione a difesa dell’ape regina, sono alla ricerca di un posto sicuro dove realizzare l’alveare.

Preoccupati soprattutto per i pungiglioni, i residenti hanno chiamato i vigili del fuoco i quali, a loro volta, hanno chiesto l’intervento di un apicoltore. Le api sono protette e preziose per i produttori di miele.

Ermanno Amedei 

25 ottobre 2009 0

Terremoto, lo sciame sismico “cammina” nel centro Italia

Di redazione

Nove scosse di terremoto, dalle 7,52 di questa mattina, alle 18,51 di questo pomeriggi, con un magnitudo compreso tra il 2 e il 2,9, hanno scosso i monti rietini. Lo sciame sismico è però iniziato ieri mattina con altre due scosse. Non sono segnalati danni ma sembra che il fenomeno che ha caratterizzato per circa una settimana la Ciociaria, si sia spostato più a nord senza però lasciare il centro Italia. In questo periodo quindi, il tringolo L’Aquila, dove le scosse continuano, la ciociaria e il Rietino, sono sotto stretta osservazione da parte dei geologi dell’INGV. Er. Am.

16 ottobre 2009 0

Terremoto, continua lo sciame sismico

Di redazione

Ancora una scossa di terremoto, ancora paura tra la gente. Ieri sera, alle 22.59, un movimento tellurico di magnitudo 2,4 è stato registrato nell’ormai nota zona compresa tra il Cassiante e il Sorano. COntinua così lo sciame sismico iniziato, con una certa frequenza, almeno una settimana, fa rinvigorendo nella gente la paura per il terremoto dopo la tragedia de L’Aquila.

9 ottobre 2009 0

Sciame sismico, la protezione civile è in stato di allerta

Di redazione

Situazione di allerta per la Protezione Civile regionale nella zona del sorano e della Valle di Comino, in provincia di Frosinone, colpita da alcuni giorni da uno sciame sismico contraddistinto da un susseguirsi di scosse frequenti ma di modesta entità. Gli uffici del Genio Civile di Frosinone e Cassino, insieme al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, su indicazione della Protezione Civile regionale, sono a disposizione dei sindaci dei 20 comuni interessati per i controlli su edifici pubblici e privati, con l’obiettivo di individuare eventuali danni. Monitorate in particolare le scuole, che per provvedimento dei sindaci rimarranno chiuse fino a lunedì. Inoltre sono state sospese le partenze di squadre di volontari della provincia di Frosinone, già programmate, per l’Abruzzo e sono state concentrate nelle zone colpite dallo sciame per l’assistenza alla popolazione, con punti informativi e di conforto anche notturni. In collaborazione con il dipartimento nazionale di protezione civile sono stati posizionati sistemi di monitoraggio per alcuni edifici pubblici della zona e numerosi accelerometri per la misurazione ponderata di eventuali altre scosse. La Sala Operativa Regionale della protezione civile, in costante contatto con il dipartimento nazionale, è in servizio 24 ore su 24 e a disposizione dei cittadini attraverso il numero verde 803.555.

9 ottobre 2009 0

Terremoto, un’altra scossa ma lo sciame rallenta

Di redazione

Lo sciame sismico che sta interessando parte della provincia di Frosinone sembra essere meno frequente. Una scossa è stata registrata alle 4.45 con un magnitudo pari a 2,1. L’epicentro sembra essere sempre lo stesso, la valle di comino dove oggi e per alcuni giorni, alcuni comuni hanno preferito chiudere le scuole La scossa precedente, almeno tra quelle di magnitudo significativo, cioè ch raggiungono almeno il valore due, risale ad almeno 13 ore prima. Intanto la provincia di frosinone è tra le quattro zone che destano maggiore preoccupazione sismica in Italia.Le altre sono Frusinate, i Monti Reatini, l’Aquilano e il Mugello.

8 ottobre 2009 0

Sciame sismico, chiuse le scuole in tre comuni

Di redazione

Mentre continua lo sciame sismico nella valle di Comino, uno scossa di magnitudo 2.4 è stata registrata alle 15.33 di oggi, nei comuni di Broccostella, Campoli e Posta Fibreno, da domani e, fino a martedì i plessi scolastici rimarranno chiusi per precauzione. Si tratta di scuole materne, medie ed elementari.

8 ottobre 2009 0

Sciame sismico, parlano i tecnici della protezione civile e dell’Ingv

Di redazione

Nessuno può dire con certezza se lo sciame sismioco che sta i8nteressando Sorano e Cassinate siano un avvertimento per scosse più forti. Lo dicono a chiare note i responsabili della protezione civile e i tecnici dell’istituto nazionale di Geofisica di Roma. “Non siamo in grado di prevedere terremoti e, allo stato attuale, neanche nella condizione di poter dire se questo sciame sismico, che manteniamo comunque sotto controllo come tutti gli altri in Italia, sia da considerare normale o preoccupante”. A parlare è un addetto spampa della sala situazione della protezione civile di Roma. “Lavoriamo in sinergia con l’Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia proprio per mantenere il più possibile monitorate queste situazioni”. Stesse domande le abbiamo poste ai tecnici della sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e vulcanologia di Roma: “Il fenomeno é monitorato. Vediamo cosa succede studiando anche la micro attività, quelle scosse cioè che non vengono percepite dalle popolazioni perché di magnitudo molto basso e che sono frequenti nella zona proprio perché è zona sismica”. Chiediamo allora se questa attività di eventi sismici di magnitudo superiore, cioè il ripetersi frequentemente di terremoti veri e propri sia normale oppure no. “E’ normale che una zona sismica abbia questo tipo di sismicità, – rispondono i tecnici dell’Ingv – poi se da questa situazione possa esserci un fenomeno sismico più potente, questo non possiamo saperlo. Sappiamo però che la zona tra il sorano ed il cassinate è sismica e classificata come di fascia uno, cioè la più attiva delle tre fasce con cui classifichiamo il territorio nazionale, per cui viene monitorata attentamente”.

8 ottobre 2009 0

Sciame sismico, l’associazione Codici chiede verifiche agli edifici pubblici

Di redazione

“Le ultime due scosse sismiche di magnitudo 3.5 e 3.4 – si legge in un comunicato dell’associazione Codici – sono state registrate questa notte in provincia di Frosinone dall’Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia. Nelle ultime 60 ore, gli eventi sismici importanti sono stati numericamente 9 con magnitudo da 1,8 a 3,5 , ma i rilevamenti dell’istituto nazionale di Geofisica attestano oltre 110 fenomeni nell’area interessata. Nonostante dalle verifiche della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone o cose e al di la dell’importanza della non prevedibilità di questi eventi – dichiara Luigi Gabriele, Segretario CODICI Provincia di Frosinone- riteniamo auspicabile che gli organismi preposti si attivino in maniera coordinata per verificare quanto gli enti locali dell’area siano preparati per i piani di emergenza straordinaria e la loro eventuale organizzazione in caso di eventi disastrosi. Considerando che il numero di comuni interessati è decisamente elevato e che il numero degli abitanti della zona indicata risulta superiore a 100.000 abitanti, invitiamo la Protezione Civile a verificare lo Stato degli edifici pubblici interessati dal sisma”.