Tag: stalker

7 settembre 2018 0

Entra in casa della ex e si fa trovare in mutande, poi la aaggredisce. Arrestato stalker

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FIUGGI – I carabinieri di Fiuggi, in collaborazione con quello del N.O.R.M.-Aliquota Radiomobile del superiore Comando Compagnia di Alatri, hanno posto fine ad una storia di “stalking” che ha visto vittima una 46 enne del posto, di cui si erano occupate solo ieri le cronache giornalistiche locali (quando l’ex convivente della vittima era stato denunciaato), traendo definitivamente in arresto il 32 enne del capoluogo ciociaro poiché colto nella in flagranza di reato di atti persecutori, violazione di domicilio aggravata e violenza privata nei confronti della sua ex convivente. I militari comandati dal maresciallo Raffaele De Somma, già allertati dalle pregresse e reiterate denunce della donna, l’ultima delle quali risalenti ad appena due giorni fa, sono interveniti presso l’abitazione della stessa che, rientrata in casa, vi ha trovato l’ex convivente che, dopo aver divelto la grata di protezione della finestra e rotto il vetro della stessa si era fatto trovare dalla donna in mutande. La vittima, impaurita, ha tentato una prima volta di comporre il numero di emergenza dei carabinieri, ma l’uomo le ha strappato il telefono dalle mani non consentendole di chiedere aiuto. La forza della disperazione e la paura hanno però permesso alla donna di reagire colpendo l’uomo al volto e con tale repentina azione, è riuscita a riprendere il telefono e, quindi, componendo il numero d’emergenza 112 riusciva a richiedere aiuto.

I militari dell’arma, che già monitoravano la situazione ed avevano predisposto l’abitazione della donna tra gli obiettivi da attenzionare, sono giunti in pochi minuti sul posto sorprendendo lo “stalker” a poche decine di metri dalla casa mentre tentava di dileguarsi. L’uomo, condotto in caserma, dopo la formalizzazione della denuncia da parte della vittima, è  stato dichiarato in stato di arresto e tradotto presso la casa Circondariale di Frosinone a disposizione della competente A.G.

16 marzo 2018 0

Stalker 37enne del Capoluogo denunciato per minacce e molestie alla ex compagna

Di redazionecassino1

FROSINONE – Un’altra triste vicenda che vede “protagonista”, suo malgrado, una giovane donna, che subisce molestie e minacce dal suo ex compagno.

Nei confronti dell’uomo, un 37enne dell’hinterland frusinate, era stato emesso anche l’ ammonimento del Questore.

Incurante del provvedimento , lo stalker aveva continuato a porre in essere comportamenti  tali da generare un forte stato di ansia e di paura nella “sua” vittima.

Gli agenti della Squadra Volante della Questura, dopo l’ennesima condotta reiterante di comportamenti analoghi, lo hanno deferito all’Autorità Giudiziaria per atti persecutori.

La Polizia di Stato, da sempre in prima linea nella campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere con il progetto “Questo non è amore”, invita le donne vittime di violenza fisiche e psicologiche a denunciare i loro “aguzzini”.

 

10 gennaio 2018 0

Stalker tra donne a Terracina, l’amica la respinge e lei ne diventa l’incubo: denunciata 36enne

Di admin

TERRACINA – Gli Agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Terracina, dopo una complessa attività investigativa, hanno dato esecuzione alla Misura cautelare personale nei confronti di una terracinese di anni 36, che prevede il divieto di avvicinamento alla parte offesa ed ai suoi prossimi congiunti, in quanto resasi responsabile del reato di atti persecutori (stalking).

La vittima anch’essa una coetanea del luogo, legata alla “stalker” da un pregresso rapporto di amicizia, si era rivolta alla Polizia di Stato dopo che per circa due anni era stata costretta a subire reiterati atti persecutori.

La vicenda ha avuto inizio circa due anni fa, periodo in cui la “stalker” dichiarava alla propria amica di nutrire nei suoi confronti un forte interesse sentimentale che andava ben oltre la loro amicizia.

Quest’ultima, legata ad un giovane da una relazione sentimentale, manifestava il proprio disinteresse nei confronti dell’amica che, da quel momento, attuava una serie di condotte persecutorie che generavano un perdurante stato di ansia alla vittima stessa ed al fidanzato.

La “stalker”  in preda ad un forte sentimento di gelosia minacciava l’incolumità della coppia prospettando “raid punitivi” dai quali avrebbero avuto gravi conseguenze.

Contestualmente iniziava la messa in atto di comportamenti insistenti ed intrusivi finalizzati a perseguire le proprie vittime a cui si aggiungevano i pedinamenti che generavano un forte stato di pressione psicologica e di “controllo”. In alcuni casi la destinataria della Misura cautelare giungeva fin sotto l’abitazione del “rivale in amore” ove si appostava ed in una circostanza,  non vedendolo giungere, citofonava per verificarne la presenza.

Frattanto ai numerosi messaggi inviati sia telefonicamente che con social network, nei quali la “stalker” continuava a dichiarare il proprio interesse sentimentale, seguivano minacce anonime che grazie all’attività investigativa sono state ricondotte alla stessa indagata.

L’attività investigativa consentiva di dare riscontro alle numerose querele presentate dalla vittima. In particolare venivano effettuati servizi con personale ed auto di copertura ed eseguiti accertamenti tecnici grazie ai quali è stato possibile verificare i pedinamenti della “stalker”.

La vicenda aveva l’epilogo sperato con l’accoglimento delle richieste della Polizia giudiziaria, fatte proprie e formulate dal P.M. Dott. Gregorio Capasso, che il G.I.P. del Tribunale di Latina Dott.ssa Laura Matilde Campoli disponeva nei confronti dell’indagata per i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari.

Alla stessa è fatto divieto di avvicinarsi all’abitazione ed ai luoghi frequentati dalla vittima e dai prossimi congiunti con l’obbligo di mantenere una distanza minima di 500 mt ovunque si trovino e con il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo.

6 ottobre 2017 0

Frosinone: Un’ossessione che diventa pericolosa, la Polizia denuncia uno stalker

Di redazionecassino1

Frosinone – Una denuncia per stalker, ancora una. Un’ ossessione può essere molto pericolosa e subdola se gli atti persecutori provengono da una persona con la quale ci sono, o ci sono stati, legami profondi.

Stavolta è successo a due donne, residenti nella provincia di Frosinone,  madre e figlia, che si sono rivolte alla Polizia per  denunciare le persecuzioni e gli atti intimidatori a loro rivolti da un giovane uomo ben conosciuto da madre e figlia in quanto trattasi dell’ ex compagno della figlia.

La triste storia, purtroppo, ha avuto inizio circa un anno fa, quando a seguito di numerosi e violenti litigi, la ragazza ha deciso di allontanarsi dal compagno.

Da  allora l’ ossessione del ragazzo nei confronti della ex non ha avuto tregua, tanto da arrivare a perseguitare e minacciare anche la madre della ragazza.

Infatti, sebbene il ragazzo sia già interessato da un provvedimento  che gli impedisce ogni tipo di contatto con la ex compagna, nonché il divieto di avvicinamento alla stessa, lui, imperterrito, continua a minacciare di morte sia la ex compagna che sua madre.

Le due donne, disperate, si sono rivolte alla Polizia di Stato temendo seriamente per la propria vita dato che i cellulari di entrambe  continuano ad essere tempestati  da decine di chiamate e messaggi vessatori.

La vicenda era già nota ai poliziotti delle Volanti: il nominativo dello stalker era già presente nella checklist come da protocollo  E.V.A. (Esame delle Violenze Agite).

La procedura consente, infatti,  agli equipaggi di Polizia, allertati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano verificati altri  episodi nello stesso ambito familiare, per cui anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, e “tracciare” situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenza reiterate.

 

21 luglio 2017 0

Stalker in rosa a Cassino, denunciata 50enne che molestava ex fidanzato 31enne

Di admin

CASSINO – Molesta l’ex fidanzato 31enne e, per questo, una donna 50enne di Cassino è stata denunciata.

L’uomo si è dovuto rivolgere agli uomini del locale commissariato quando non ha più sopportato la pressione della donna che non si rassegnava alla fine della storia e che cercava di recuperarla con continui sms, telefonate insistenti e morbose tali da turbare la normale vita del 31enne.

Dopo le verifiche è scattata la denuncia per la stalker.

12 novembre 2016 0

Stalker a Cassino, picchia la ex e le strappa via ilo telefono cellulare

Di admin

Cassino – Stalker in manette a Cassino. A finire in manette, arrestato dai carabinieri, è un 41enne del posto che da tempo era diventato l’incubo della sua ex fidanzata.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, oltre che per le violenze anche per motivi legati allo spaccio di droga, ha affrontato ancora una volta la donna picchiandola violentemente e strappandole il telefono di mano quando lei ha tentato di chiedere aiuto.

I carabinieri della Radiomobile sono arrivati comunque arrestandolo per rapina impropria e stalking.