Tag: tonnellata

7 marzo 2017 0

Mezza tonnellata di hashish sequestrata a Ceprano

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ceprano – Mezza tonnellata di hashish è stata sequestrata questa mattina dalla polizia stradale della sottosezione di Frosinone lungo il tratto dell’autostrada Roma Napoli che attraversa il territorio di Ceprano.

Il controllo coordinato dal sostituto commissario Fabrizio Di Giovanni, comandante della sottosezione, è scattato alle prime luci dell’alba.

Il mezzo guidato da un uomo, è stato fermato dalle pattuglie e, all’interno, sono stati rinvenuti circa 500 chili di sostanza stupefacente. L’uomo alla guida del mezzo è stato arrestato e i dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella Sottosezione di Frosinone.

 

30 gennaio 2017 0

Mezza tonnellata di marijuana sulla rotta Adriatica, arrestati due trafficanti albanesi

Di admin

Lecce – La marijuana torna solcare il mar Adriatico ma trova la guardia di Finanza. In seguito all’inseguimento in mare, al largo di San Cataldo, tra il potente mezzo dei trafficanti e quelli aeronavali delle fiamme gialle, sono stati sequestrati 506 chili di droga e arrestati dio due trafficanti albanesi.

Il dispositivo di sorveglianza aeronavale delle Fiamme Gialle, che pattuglia senza sosta le acque del basso Adriatico ha intercettato, nella tarda mattinata di ieri, un’imbarcazione carica di sostanza stupefacente che dirigeva verso le coste del leccese.

Gli assetti aeronavali del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari e del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto, che svolge funzioni di Centro di Coordinamento Locale Frontex per l’operazione “TRITON”, sono stati indirizzati verso l’obiettivo permettendo ai finanzieri di sorprendere i trafficanti che, come da copione, hanno cercato di darsi alla fuga e, nel vano tentativo di acquisire maggiore velocità e sfuggire alla cattura, si sono liberati di tutto il carico gettandolo in mare. Iniziava, quindi, un breve e movimentato inseguimento condotto dalle unità aeronavali del Corpo, che si è concluso poco dopo con l’abbordaggio dell’imbarcazione a circa 25 miglia al largo di San Cataldo (LE). A bordo erano presenti due soggetti.

Il mezzo utilizzato per l’illecito traffico, un gommone lungo 7 metri, con un potente motore fuoribordo, è stato portato agli ormeggi della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Otranto e sequestrato. Gli scafisti, B.H. 48 anni e EN. di 30 anni, entrambi di Valona, sono stati arrestati per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti e posti a disposizione della locale Autorità Giudiziaria. La marijuana recuperata e sequestrata dai finanzieri anche dal mare, era confezionata in 28 colli di varie dimensioni, tutti recuperati in mare, del peso complessivo di 506 kg. La Guardia di Finanza sottrae un’altra fornitura di un ingente quantitativo di droga al mercato clandestino, che avrebbe fruttato al dettaglio oltre 5 milioni di euro all’organizzazione criminale. Attivata anche in questa circostanza la ormai consolidata collaborazione operativa ed investigativa con le Autorità di polizia albanesi, tramite il Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo. Con questa ennesima operazione delle Fiamme Gialle, sono quasi 6 le tonnellate di marijuana, trasportate via mare, sequestrate nel mese di gennaio di quest’anno. Proseguirà incessante la sorveglianza al confine meridionale dell’Unione Europea, da parte delle unità aeronavali del Corpo, per contrastare i traffici illeciti perpetrati tramite rotte marittime.

22 gennaio 2010 1

Quintali di sapone e una tonnellata di cemento sparsi sulle corsie dell’A1

Di redazione

Uno pulisce, l’altro sporca, è ciò che viene da pensare in merito a quanto accaduto questa mattina sul tratto di autostrada Roma Napoli in direzione Sud, tra i caselli di Castrocielo e Cassino. Alle 6 il primo episodio: un autoarticolato si è schiantato contro lo spartitraffico della terza corsia. Il conducente avrebbe riferito che sarebbe stato costretto ad una brusca sterzata per evitare di investire un grosso cinghiale che attraversava la strada. Nello schianto però, l’autocarro ha perso alcuni quintali di merce destinata ai supermercati. Si tratta di detersivi, candeggina, sapone liquido e materiale di questo genere che, in gran quantità, è finito sparso sulle corsie di entrambi i sensi di marcia. Per evitare che la schiuma rendessa viscido l’asfalto e mettesse a rischio la circolazione sono intervenutio i vigili del fuoco. Alcune ore dopo, prima delle 11, a Cassino, per una dinamica diversa, un autoarticolato che trasportava cemento in polvere caricato poco prima in una azienda di Aquino, ha perso una tonnerllata di materiale sull’asfalto. Evidentemente i bancali non erano ben ancorati. L’intervento dei tecnici dell’Autostrada ha impedito la chiusura del casello di Cassino. Ermanno Amedei

4 settembre 2009 0

Una tonnellata di sigarette di contrabbando sequestrate dalla GdF

Di redazione

Dopo il sequestro di oltre una tonnellata effettuato alla fine di agosto dalla guardia di Finanza di Aversa (Ce), il nuovo mese si apre con un ennesimo intervento delle stesse fiamem gialle che ha portato al sequestro di circa 1.200 kg di sigarette di contrabbando. Nell’ambito dei consueti controlli che vengono effettuati lungo le arterie stradali è stato sottoposto a controllo, prima dell’uscita del casello autostradale di Napoli est, un furgone Renault Master sul quale viaggiava un cittadino di nazionalità ucraina. Ad insospettire i militari delle fiamme gialle normanne sono state le sospensioni del mezzo particolarmente ribassate che evidenziavano un eccessivo carico anche per un furgonato. All’atto dell’apertura del portellone posteriore, infatti, i finanzieri si sono visti quasi sommersi da stecche di sigarette che erano state poste sfuse per riempire il vano bagaglio fino ad occuparne ogni minimo spazio. Al termine delle operazioni sono infatti risultate stipate nel furgone 98 casse da 10 kg e circa 220 kg di bionde sfuse. Il cittadino ucraino, M.D. di anni 29 è stato tratto in arresto e associato presso la casa circondariale di Poggioreale a disposizione dell’A.G. napoletana. L’intervento rappresenta un altro duro colpo inflitto alle organizzazioni criminali che stanno tentando di reintrodurre il contrabbando nell’hinterland napoletano e nell’agro aversano. Il mancato danno subito dall’erario con l’intervento dei baschi verdi del Gruppo di Aversa è superiore ai 150.000 euro tra imposte doganali e Iva. L’organizzazione criminale cui il prezioso carico era diretto ha visto pertanto sfumare un introito “nero” pari a circa 250.000 euro.