I segreti di due vite spezzate dalla follia

29 Aprile 2009 Off Di Comunicato Stampa

In poche ore di follia si è consumata una tragedia che ha distrutto la vita di Bruno Condelli di 32enne e di Grazia Gioviale di 18 anni entrambi di Potenza. La verità (Guarda la video notizia) di cosa sia realmente accaduto, probabilmente, non emergerà mai dato che i due sono entrambi, drammaticamente morti, lei a Tito, in provincia di Potenza, lui tre ore dopo sull’A1 a Castrocielo (Fr) in seguito ad un rocambolesco incidente. Quello che resta sono solo la certezza della loro morte e che ad uccidere la ragazza siano state coltellate alla gola; il resto sono solo ipotesi. Ipotesi che sia stato lui a sferrare quelle coltellate nella mansarda di Tito dove i due fidanzati si incontravano, (e per questo i carabinieri di Potenza lo stavano cercando), ipotesi che lui, dopo aver tamponato il tir a Castrocielo, sia uscito dalla sua auto per cercare la morte gettandosi sotto un altro camion. Per questa vicenda, le procure, quella lucana e quella cassinate, hanno aperto due distinti fascicoli: a Potenza la magistratura lavora sul caso di omicidio volontario della ragazza; a Cassino invece è stati indagato per omicidio colposo il conducente del camion che si è trovato di fronte il 32enne investendolo ed uccidendolo. Il corpo di lui è nell’obitorio di Cassino ed oggi verrà sottoposto ad autopsia.

Condividi