Tag: dalla

14 Ottobre 2019 0

Il dipendente si distrae e cliente ruba 300 euro dalla cassa, arrestato 45enne

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SAN GIORGIO A LIRI -I carabinieri di San Giorgio a Liri, hanno arrestato un 45enne del posto per furto aggravato. L’uomo, approfittando di un momento di distrazione dei dipendenti di un centro commerciale del luogo, ha sottratto da una delle casse la somma di 300 Euro in contatti per poi darsi alla fuga con la sua bicicletta.

Poco dopo si è recato presso lo stesso esercizio commerciale il Comandante della locale Stazione Carabinieri il quale, libero dal servizio, appurato quanto accaduto poco prima si è messo immediatamente alla ricerca del malfattore riuscendo a rintracciarlo poco dopo e recuperando l’intera somma restituendola all’avente diritto.

Il 45enne dichiarato in arresto e, come disposto dal Pubblico Ministero di turno, ristretto presso la camera di sicurezza della Compagnia di Pontecorvo, in attesa del rito direttissimo.

9 Ottobre 2019 0

Fondi, denunciati dalla polizia titolare di un panificio e di azienda agricola con lavoratori ‘in nero’

Di Comunicato Stampa

FONDI (LT) – Continua incessante l’attività di monitoraggio degli Agenti del Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Fondi, che unitamente al personale specializzato dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, sede di Latina, hanno dato attuazione, su direttiva del Sig. Questore di Latina Dr.ssa Rosaria Amato, ad un dispositivo di controllo presso alcune aziende site nel territorio del Comune di Fondi. Durante tali servizi sono state sottoposte a verifica diverse aziende, in particolare è stata controllata una ditta operante nel settore della panificazione, ove prestavano la propria attività lavorativa n. 5 addetti, tutti di nazionalità straniera, uno dei quali è risultato privo di qualsiasi tipo di documento e di permesso di soggiorno. Per tale motivo il titolare della ditta, A.N., di anni 25, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Latina, mentre il cittadino indiano, M.D. di anni 31, è stato munito di decreto di espulsione dal territorio nazionale. Tra i numerosi controlli effettuati, è stata posta l’attenzione su di una azienda agricola, ubicata in zona “Rinchiusa”, il cui titolare, S.G. di anni 57, residente in Fondi, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Latina, per la violazione del testo unico che disciplina l’immigrazione, avendo impiegato due cittadini extracomunitari, S. M., nato in India il 27/12/1988 e D. R. K., nato in India il 05/11/1987, entrambi in Italia senza fissa dimora, privi di qualsiasi documento di riconoscimento e di permesso di soggiorno, i quali venivano muniti di decreto di espulsione dal territorio nazionale. Infine, sono state sottoposte a controllo, altre tre aziende del settore Agricolo della zona “Salto di Fondi”, nonché una azienda del settore del rimessaggio di barche, sita in zona Selvavetere, le quali al momento non hanno fatto riscontrare irregolarità dal punto di vista giuslavoristico.

Foto di repertorio

25 Settembre 2019 0

Frosinone, minore allontanatosi dalla casa famiglia, i carabinieri lo ritrovano a casa del nonno

Di felice pensabene

FROSINONE – I servizi sociali del Comune di Frosinone, su ordinanza del Tribunale dei Minorenni di Roma, in data 23/11/2018 collocavano L.M. (nato a Frosinone il 2004) presso la comunità alloggio per minori di Caivano (NA). L’interessamento dei servizi sociali discende da problematiche afferenti i rapporti familiari, essendo stati i genitori sospesi dalla relativa potestà. Il ragazzo si allontanava volontariamente dalla struttura in data 04/09/2019 senza alcun preavviso e senza avere al seguito nessun cellulare. Le ricerche venivano diramate dalla Tenenza di Caivano, a seguito di denuncia di allontanamento presentata dalla responsabile di quel centro. Numerose le Forze di Polizia interessate all’attività. Le indagini atte a rintracciare il giovane si indirizzavano oltre che nella zona di Napoli, anche nel perugino, dove abita la madre, e nella Provincia di Frosinone, Comune dove risiede il padre. I numerosi accessi presso l’abitazione del padre davano esito negativo ma la diuturna ed efficace azione informativa del personale della Stazione Carabinieri di Frosinone consentiva di concentrare le ricerche nel vicino Comune di Giuliano di Roma dove i militari di quella Stazione, incontrato il nonno del ragazzo nella Piazza principale del paese, gli chiedevano notizie del nipote. L’uomo pur lamentandosi della scomparsa dello stesso, teneva un atteggiamento rilassato che insospettiva i Carabinieri. Questi, pertanto, decidevano di procedere ad una ispezione presso la sua abitazione dove, infatti, ritrovavano il ragazzo, il quale affermava di trovarsi lì solo dalla mattina odierna e non faceva riferimento alcuno a dove avesse trascorso i giorni precedenti. Il ragazzo si trova in ottime condizioni di salute ed è stato collocato presso una comunità “di Frosinone, in attesa di ulteriori decisioni da parte del Tribunale dei Minorenni di Roma.

FOTO DI REPERTORIO

19 Settembre 2019 0

Frosinone, individuato dalla polizia scientifica l’autore del furto in un ristorante del centro. Denunciato un albanese

Di felice pensabene

FROSINONE – Nella serata di ieri gli operatori della Squadra Mobile della Questura di Frosinone hanno denunciato un cittadino albanese per il furto avvenuto la notte tra il 15 ed il 16 settembre nei locali del Ristorante “Tittino”, situato in pieno centro. Nella circostanza delittuosa sono stati asportati vini pregiati, generi alimentari e 60 euro del fondo cassa. Il personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica della Questura, che nell’immediatezza del fatto ha effettuato i rilievi, ha proceduto alla comparazione delle impronte rinvenute e, una volta avuto un riscontro dal database, visionando le registrazioni delle telecamere che avevano immortalato l’autore del reato, ha potuto effettuare un confronto tra le immagini dei due soggetti che sono risultati essere la stessa persona. Alla luce di quanto emerso, gli agenti della Squadra Mobile hanno richiesto e ottenuto dal Sostituto Procuratore del Tribunale di Frosinone un decreto di perquisizione e durante l’esecuzione della stessa hanno trovato nell’abitazione dell’uomo un orologio del tutto simile a quello indossato dal malfattore durante il furto. Il cittadino straniero era già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

19 Luglio 2019 0

Pescatore multato dalla Guardia costiera di Formia, trasportava il pescato con un mezzo non idoneo

Di felice pensabene

FORMIA – L’attività di monitoraggio e controllo lungo la filiera della pesca svolta dai militari della Guardia Costiera di Formia ha consentito di individuare una grave violazione delle norme igienico sanitarie realizzata da un pescatore professionista.

Questa mattina un pescatore della locale marineria che normalmente sbarca il proprio pescato nel porto di Formia, è stato bloccato dal personale della Guardia Costiera mentre era intento a trasportare prodotti ittici. Circa 80 kilogrammi di cannolicchi, il prodotto caricato su un automezzo non idoneo al trasporto di prodotti alimentari.

I militari della Guardia Costiera, dopo una mirata azione di vigilanza, sono, così, intervenuti fermando il trasportatore dei prodotti ittici, e dopo gli accertamenti di rito con il personale dell’Asl Latina – distretto di Formia – Minturno, hanno provveduto a contestare al trasgressore un verbale amministrativo di 1.000 Euro per violazione del Regolamento (CE) n. 852/2004 che stabilisce i requisiti igienico sanitari minimi da rispettare.

Il prodotto ittico trasportato, essendo ancora in vita e tenuto conto del fatto che lo stesso era obbligatoriamente diretto ad un centro di stabulazione prima di essere ammesso alla vendita al dettaglio, è stato dal personale sanitario della Asl ritenuto idoneo alla commercializzazione e quindi restituito al pescatore professionale.

25 Giugno 2019 0

Cagnolino utilizzato per chiedere l’elemosina sequestrato dalla polizia locale

Di Ermanno Amedei

ROMA – Ieri mattina una pattuglia del I Gruppo Trevi della Polizia Locale Roma Capitale è intervenuta in zona Monti, a seguito di una segnalazione sulla presenza in strada di un piccolo cane in condizioni precarie, tenuto da una persona senza fissa dimora che stava svolgendo attività di accattonaggio. Gli agenti individuato l’uomo, ed il cucciolo risultato privo di microchip, hanno provveduto ad applicare il regolamento sulla tutela degli animali, che punisce chi effettua accattonaggio sul territorio capitolino con “queste modalità” prevedendo l’immediata confisca dell’animale. La persona senza fissa dimora, un trentacinquenne di nazionalità romena, ha inoltre rifiutato l’assistenza alloggiativa offerta. Grazie all’intervento della pattuglia è stato possibile non solo togliere dalla strada e salvare da sorte incerta il cagnolino ma anche evitare la permanenza presso il canile municipale. Una delle operanti, colpita dalla tenerezza del piccolo, di circa tre mesi, ha infatti subito mostrato interesse nei suoi confronti fornendo la propria disponibilità a prendersene cura. Dopo la verifica delle condizioni del cucciolo da parte del personale della Pet in Time, il veterinario della Asl di zona ne ha autorizzato l’affidamento all’agente. In questo modo Sole – questo il nome che le è stato dato – ha potuto trovare una nuova famiglia.

17 Giugno 2019 0

Torna dalla vacanza in Spagna e trova i carabinieri ad aspettarlo in aeroporto

Di Ermanno Amedei

FIUGGI – Finiscono le ferie, rientra in Italia e, appena mette piede a terra in aeroporto a Fiumicino, trova i carabinieri che lo arrestano.

Il 18enne di Fiuggi, è passato così dalla spiaggia di una località spagnola, alle “cure” di una comunità educativa nella provincia di Viterbo. Ad eseguire l’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal Tribunale dei Minorenni di Roma sono stati i carabinieri della stazione di Fiuggi comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo nei confronti del diciottenne, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacenti in concorso, quando era ancora minorenne.

L’esecuzione della misura cautelare rientra nella più vasta ed articolata attività investigativa condotta da Carabinieri e Finanzieri della città termale nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata Synergie che ha sgominato una banda dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nell’aria nord della provincia di Frosinone e che ha portato all’arresto di 10 persone due dei quali minori nonché il sequestro di oltre 15 chili di droga tra hashish e marijuana è la somma contante di oltre 40mila euro.

12 Giugno 2019 0

Ruba in Autogrill “La Macchia”, arrestata dalla Polstrada la moglie manager di un noto cantante anni ’70

Di felice pensabene

FROSINONE – Nella mattinata odierna gli uomini della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone nei confronti di O.N. , 77 anni, moglie manager di un noto cantante anni “70, ritenuta responsabile di un furto avvenuto il 3 maggio scorso all’interno dell’Autogrill La Macchia Ovest di Anagni.

Le indagini sono state avviate a seguito del furto di un Hoverboard della Ducati Corse, articolo in edizione limitata, esposto nei locali dell’Autogrill, del valore di circa 200 Euro.

Lo scooter elettrico era stato asportato da una donna che si era introdotta nel market impossessandosi dell’attrezzo e portandolo all’esterno eludendo i dispositivi antitaccheggio. La stessa donna si era poi introdotta in un’autovettura con due uomini a bordo che la attendevano nel parcheggio esterno dell’Autogrill.

Con l’aiuto delle immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza dell’area di servizio la polizia stradale è riuscita a risalire all’auto con la quale la donna, con precedenti penali specifici si era allontanata lungo l’autostrada in direzione sud, insieme al figlio ed al marito artista, per raggiungere una località della Puglia ove era in programma un’esibizione canora.

La perquisizione dell’abitazione romana della coppia aveva permesso pochi giorni dopo di rinvenire e sequestrare l’Hoverboard rubato.

La donna si trova ora agli arresti domiciliari e dovrà rispondere di furto aggravato in concorso con il figlio che risulta il proprietario dell’auto utilizzata per allontanarsi dal luogo del furto.

foto repertorio

30 Maggio 2019 0

Rubavano merce alimentare dalla scuola di Fiuggi in cui lavoravano, arrestati tre tecnici dell’Alberghiero

Di Ermanno Amedei

FIUGGI – Rubavano all’interno della scuola in cui lavoravano a Fiuggi; per questo i carabinieri hanno arrestato tre tecnici dell’istituto Alberghiero Buonarroti. Le indagini sono scattate a seguito di  una serie di ammanchi che si verificavano da tempo all’interno della scuola. Ieri sono stati arrestati in flagranza di reato per furto aggravato in concorso, un 39enne di Sant’Elia Fiumerapido; un 65enne di Sant’Apollinare ed un 60enne di Coreno Ausonio, assistenti tecnici presso il predetto Istituto Scolastico.

I tre, in qualità di responsabili dei magazzini delle cucine dell’Istituto, in concorso tra loro, approfittando del loro ruolo e della disponibilità dei locali e dei materiali in loro uso, sottraevano diversi alimenti quali pasta, olio e carni di vario genere nonché materiale vario da cucina consistente in bilancia elettronica, scatole in plastica ed utensili vari. Gli stessi venivano sorpresi dai militari operanti all’uscita dell’Istituto Scolastico nel mentre caricavano le proprie autovetture con il materiale sopracitato asportato del valore di alcune centinaia di euro che veniva interamente recuperato e restituito al Dirigente Scolastico.

Gli arrestati, espletate le formalità di rito, venivano condotti presso le rispettive abitazioni in regime degli arresti domiciliari.

20 Maggio 2019 0

Tenta di rubare in un’abitazione, sorpreso dalla proprietaria fugge, arrestato dai carabinieri

Di felice pensabene

PONTECORVO – Ieri personale del N.O.R.M.- Aliquota Operativa del locale Comando Compagnia Carabinieri, nell’ambito di un servizio per il controllo del territorio e finalizzato a contrastare la commissione dei reati predatori, traeva in arresto un 24enne  di nazionalità macedone e residente a Roccasecca, ( già gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio, contro la persona, in materia di sostanze stupefacenti) poiché resosi responsabile del reato di “tentato furto aggravato”.

In particolare l’uomo, nel tentativo di perpetrare un furto, si introduceva  all’interno di un’ abitazione sita in Pontecorvo ma, sorpreso dal proprietario della casa, si dava a precipitosa fuga dileguandosi a piedi nelle zone circostanti. I militari operanti, allertati dalla vittima, intervenivano prontamente sul posto, riuscendo a rintracciare  il malvivente nelle vie adiacenti e procedendo così al suo arresto.

Inoltre, nel medesimo contesto operativo, lo stesso, veniva anche  segnalato alla Prefettura di Frosinone poiché,  a seguito della perquisizione personale,  veniva trovato in possesso di un involucro contenente grammi 2,24 di  sostanza stupefacente del tipo “hashish”, sottoposto a sequestro. Ad espletate formalità di rito, così come disposto dalla competente A.G., l’uomo veniva accompagnato presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza del rito direttissimo.

foto di repertorio