Incendia case e poi scappa, ritrovato in un pozzo il corpo di Antonio Masci

24 Novembre 2010 Off Di Comunicato Stampa

Si è tolto la vita gettandosi in un pozzo nei pressi delle abitazioni che aveva dato alle fiamme. Antonio Masci, pensionato, 75 anni di Monte San Giovanni Campano, era ricercato perché si temeva che potsse compiere quel drammatico gesto. L’uomo, nel corso della notte, aveva dato fuco ad appartamenti e aveva sparato colpi di fucile in preda ad un raptus di follia omicida che lo ha portato ad uccidere se stesso. Infatti il suo corpo è stato rinvenuto in un pozzo alto circa 18 metri nella frazione Colli. A recuperare la salma sono stati i vigili del fuoco di Sora che l’hanno imbragata e tirata in superfice. Pare che nella testa dell’uomo vi fossero dei fori, per cui non si esclude che possa essersi sparato prima di gettarsi nel pozzo. A spingerlo alla follia, a quanto pare, il processo per usura che aveva in corso a causa delle denunce di alcuni conoscenti, a cui ha bruciato la casa.

Condividi