Categoria: Monte San Giovanni Campano

11 Giugno 2019 0

Esplosione in comune a Rocca di Papa, al vaglio la posizione di tre operai molisani

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROCCA DI PAPA – Le indagini per risalire al disastro avvenuto ieri mattina a Rocca di Papa, dove una violenta esplosione causata da una fuga di gas ha distrutto il palazzo comunale ferendo 16 persone tra cui il sindaco ed alcuni bambini, ruotano attorno a tre operai di una ditta molisana a cui un’altra ditta di Monte San Giovanni Campano aveva affidato i lavori di carotaggio.

Pare che il cantiere servisse a monitorare le cavità sottostanti il piano viario per stabilire il rischio di cedimenti e, durante la trivellazione, sarebbe stato tranciato o danneggiato un tubo del gas.

L’ipotesi su cui gli investigatori stanno lavorando è quella secondo la quale i tre, dopo essersi accorti del danno, si siano deliberatamente allontanati almeno 40 minuti prima dell’esplosione. Ribadiamo, è solamente un’ipotesi su cui gli investigatori stanno lavorando. I tre, infatti, sarebbero stati fermati dai carabinieri diverse ore dopo il disastro, nel territorio di Isernia.

Ermanno Amedei

Esplosione in Comune a Rocca di Papa, tre indagati per disastro colposo ma non sono gli operai

13 Marzo 2019 0

Infortunio sul lavoro a Monte S. Giovanni C., grave elettricista caduto dalla scala

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Ha fatto un volo di circa quattro metri sbattendo violentemente la testa. In questa maniera, oggi pomeriggio, si è gravemente ferito un elettricista 53enne a Monte San Giovanni Campano.

Il libero professionista stava lavorando nel capannone di un’azienda istallando delle plafoniere dalla cima di una scala. L’impatto con il suolo è stato violentissimo e gli operatori del 118 accorsi per soccorrerlo hanno chiesto l’intervento di una eliambulanza per trasferirlo d’urgenza al policlinico Umberto I di Roma.

Le sue condizioni sono gravi e la sua prognosi è riservata. Le indagini su quanto avvenuto sono in corso da parte dei carabinieri della stazione di Monte San Giovanni Campano.

27 Settembre 2018 0

Padre, madre e figlio gestivano supermarket bunker per spaccio droga, cinque arresti

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e crack, questo il reato contestato a B.G., 41 anni, V.T. donna di 52 anni, B.M., 55 anni, C.F., 43 anni, S.S., 40 anni cittadino albanese, tutti domiciliato a Monte San Giovani Campano per il quale tutti sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri della Compagnia di Sora che hanno dato  esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Frosinone, su richiesta della Procura della Repubblica di Frosinone (PM Dott. Adolfo Coletta)

L’attività di indagine ha consentito di appurare che gli indagati avevano allestito in Monte San Giovanni Campano una vera e propria piazza di spaccio presso la loro abitazione, trasformandola in un “bunker” non facilmente espugnabile da parte delle Forze dell’Ordine.

L’operazione conclusa questa mattina con l’esecuzione di 5 misure di custodia cautelare agli arresti domiciliari e numerose perquisizioni, rappresenta il risultato di una complessa e articolata attività d’indagine, condotta con l’ausilio di strumenti tecnici e l’esecuzione di numerosi servizi di O.C.P.,   iniziata da qualche tempo dalla Compagnia Carabinieri di Sora, finalizzata a disarticolare il sodalizio, radicato a Monte San Giovanni Campano e dedito allo spaccio di sostanza stupefacente. I carabinieri hanno accertato che presso l’abitazione di tre degli arrestati (coniugi e figlio) in Monte San Giovanni Campano si svolgeva da mesi una continuativa attività di “vendita al minuto di stupefacenti”, localizzando una vera e propria “base di spaccio” munita di videosorveglianza, presso la quale gli assuntori delle sostanze illecite avevano agio di recarsi a qualunque ora del giorno e della notte, senza necessità di preventivi contatti o quantomeno “appuntamenti”, per acquistarvi dosi di cocaina, crack ed hashish, dietro pagamento di danaro in contante. La gestione del “supermarket” era curata principalmente dai coniugi, già tratti in arresto a febbraio 2018 nella flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti poiché trovati in possesso di 33 dosi già confezionate di cocaina e 31 di crack, mentre il figlio e glia altri due collaboravano fattivamente alla “fiorente attività” (uno degli arrestati aveva compiti di intermediario e fornitore delle sostanze proibite destinate allo spaccio al minuto).

L’indagine rientra in una vasta attività di monitoraggio disposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, tesa ad individuare anche attraverso un capillare controllo del territorio tutti quei soggetti dediti allo spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

In totale nel corso dell’attività sono stati tratti in arresto in flagranza di reato nr.6 persone, segnalati alla Prefettura quali assuntori nr.18 persone, sequestrati complessivamente grammi 360 di sostanze stupefacenti del tipo “marjuana, hashish, crack e cocaina”, nonché bilancini di precisione e materiale atto al confezionamento.

27 Settembre 2018 0

Casa degli spacciatori trasformata in bunker a Monte S. Giovanni C. 5 arresti

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Piazza dello spaccio con la casa dei pusher trasformata in bunker a Monte san Giovanni Campano dove, questa mattina, i carabinieri della Compagnia di Sora hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Frosinone, su richiesta della Procura della Repubblica di Frosinone (PM Dott. Adolfo Coletta), a carico di 5 (cinque) persone, tutte ritenute responsabili del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e crack”.

L’attività di indagine ha consentito di appurare che gli indagati avevano allestito in Monte San Giovanni Campano (FR) una vera e propria piazza di spaccio presso la loro abitazione, trasformandola in un “bunker” non facilmente espugnabile da parte delle Forze dell’Ordine.

Maggiori dettagli saranno resi noti nella conferenza stampa che si terrà alle ore 11,30 di oggi 27 settembre 2018 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone.

8 Aprile 2018 0

Ruba l’auto al fratello e rapina un 17enne, arrestato 24 enne a MSGC

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Erano da poco trascorse le 10 di ieri quando R.P., 24enne originario di Monte San Giovanni Campano, con piccoli precedenti per furto, guida senza patente, consumo di sostanze stupefacenti,  ha iniziato la sua folle giornata.

Dapprima ha pensato bene di impossessarsi dell’autovettura in uso al fratello, dandosi alla fuga nei comuni limitrofi, facendo perdere le proprie tracce, nonostante le ricerche immediatamente avviate. Poi è ricomparso  nel primo pomeriggio a Sora, dove dopo aver fermato un ragazzo 17enne, lo ha costretto a salire con lui sull’auto rubata.

Ripartito repentinamente ha indotto il minore, con minacce, a farsi consegnare circa cinquanta euro, probabilmente per poter acquistare della droga. Lasciata scendere la vittima dall’auto ha proseguito  il suo vagare senza meta per le strade della zona, finché non è stato notato e fermato da una pattuglia del NORM della Compagnia Carabinieri di Sora. Accompagnato in caserma, il reo ha confessato quanto perpetrato e, pertanto, è stato deferito in stato di libertà per il reato di rapina.

L’autovettura è stata prontamente restituita al legittimo proprietario. Per la giovane vittima nessun danno fisico ma solo un grande spavento per il pericolo scampato.

12 Marzo 2018 0

Latte per indigenti gettato tra i rifiuti insieme a water e amianto

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – “Fare Verde Monte San Giovanni Campano ha rinvenuto rifiuti che definisce ‘immorali’ in località Colli”.

Lo si legge in una nota dell’associazione Fare Verde di Frosinonee Fare Verde Monte San Giovanni Campano.

“Il giorno 11.3.2018 (domenica) sono stati rinvenuti rifiuti speciali pericolosi e numerose confezioni di latte con la scritta Aiuto Nazionale Prodotto non Commercializzabile. Lo Stato aveva destinato quel latte alle persone indigenti di Monte San Giovanni Campano ma qualcosa deve essere andato storto ed infatti il latte è stato trovato abbandonato come rifiuto sia in località Laoria nei giorni scorsi che ieri in località Colli. Fare Verde come al solito ne ha fatto comunicazione dapprima alla Polizia Locale ma poi visto che continuava la sfida alle Istituzioni Locali che ultimamente avevano bonificato tutto il territorio dai rifiuti, ne ha fatto comunicazione anche ai Carabinieri Forestale. Sono state fornite indicazioni utili e precise  vista la presenza anche di rifiuti speciali pericolosi rappresentati da una canna fumaria in eternit e da rifiuti speciali non pericolosi come una tazza wc”.

19 Dicembre 2017 0

Monte San Giovanni Campano: Incontro all’istituto comprensivo. Sicurezza in rete con la Polizia di Stato

Di redazione

Oltre 200 genitori si sono confrontati con l’esperto della Polizia di Stato, il Responsabile della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Frosinone Sostituto Commissario Tiziana Belli, per la navigazione sicura dei giovanissimi.

Una numerosissima platea di genitori – oltre 200 – ha partecipato all’incontro dibattito organizzato dall’Istituto Comprensivo di Monte San Giovanni Campano per una navigazione sicura della generazione online. L’esperto della Polizia di Stato, il Responsabile della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Frosinone Sostituto Commissario Tiziana Belli, ha evidenziato i pericoli della “rete” a cui i minori possono andare incontro, soffermandosi sull’importanza del ruolo genitoriale che, con l’istituzione scuola, è chiamato a sensibilizzare i giovanissimi utenti del web. “#essercisempre”

13 Novembre 2016 0

Un’intera famiglia in manette. Madre e figlio per droga, il padre per violenza ai carabinieri

Di admin

Monte San Giovanni Campano – Madre, padre e figlio arrestati dai carabinieri a Monte San Giovanni Campano.

I militari della Compagnia di Sora hanno effettuato una perquisizione personale e domiciliare a casa della madre 50enne e del figlio 23 enne rinvenendo droga di vario genere, già confezionate e divise in dosi.

In vari nascondigli dell’abitazione i carabinieri hanno trovato 82 grammi di marijuana, 19 grammi di hashish, 24 grammi di crack diviso in 80 dosi, 15 grammi di cocaina divisi in 49 dosi, 1.185 euro  banconote di vario taglio e tutto il materiale occorrente per il confezionamento.

Durante le operazioni di perquisizione, è rientrato in casa il padre del giovane il quale,  all’improvviso, si è scagliato violentemente contro i carabinieri procurando ad un militare lesioni tali da richiedere le opportune cure presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sora.

L’aggressore, è stato comunque immobilizzato ed arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Madre e figlio, invece, sono stati arrestati per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Ai tre sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Ermanno Amedei

3 Novembre 2016 0

Ritrovato sul Grande Raccordo Anulare il 61enne scomparso da Sora

Di redazione

È stato ritrovato nella giornata di oggi l’uomo di 61 anni che era scomparso lo scorso primo novembre. Il pensionato aveva trascorso la giornata fuori casa per dedicarsi alla raccolta delle olive, ma alla sera non aveva fatto ritorno dalla sua famiglia. Non vi erano tracce neppure della sua auto, una Fiat Punto. Immediatamente i familiari avevano dato l’allarme ed erano partite le ricerche per ritrovarlo. Finalmente oggi la brutta vicenda ha avuto un epilogo sereno. La Polizia ha infatti ha trovato l’uomo sul grande raccordo anulare di Roma. Si trovava con la sua auto in una posizione pericolosa e la stessa era rimasta senza carburante. Il 61enne era in evidente stato confusionale. Ha potuto dunque riabbracciare i suoi cari e far ritorno a casa. N.Costa

22 Luglio 2016 0

Sradicano bancomat ma fuggono a piedi abbandonando il mezzo e la refurtiva

Di admin

Monte San Giovanni Campano – Hanno abbandonato refurtiva e mezzi i ladri che questa notte hanno sradicato il bancomat con il carroattrezzi alla filiale della Banca Intesa San Paolo nella frazione Chiaiamari a Monte San Giovanni Campano.

I malviventi hanno agito prima delle 3 secondo un sistema ormai collaudato. Hanno imbragato lo sportello automatico con delle catene e lo hanno sradicato usando un carro attrezzi che avevano rubato in provincia di Roma.

Nella fuga, però, hanno dovuto abbandonare la struttura sradicata e il prezioso contenuto recuperato dai carabinieri di Sora e sono fuggiti. Ad Alatri, però, sono stati intercettati da un’altra pattuglia di militari e a quel punto hanno dovuto abbandonare il mezzo e fuggire a piedi per le campagne.

Er. amedei