Per uccidersi tenta di far saltare l’intera palazzina e altre 12 famiglie. Anziano arrestato per tentata strage a Ferentino

5 Gennaio 2012 Off Di Ermanno Amedei

Ha tentato di farla finita progettando un sistema criminale ed eclatante. Il suo progetto era di morire tra le macerie del palazzo in cui viveva facendolo saltare in aria nonostante fosse abitato da altre 12 famiglie.
D.V. 74 anni di Ferentino è un pensionato che soffre di crisi depressive e nella tarda serata di ieri, ha posizionato all’interno della propria cantina, che ha chiuso poi con un grosso lucchetto, 2 bombole di gas aperte, peraltro manomettendole appositamente per non consentirne la chiusura. In quel modo ha tentato di creare un grosso innesco per far esplodere l’intera struttura immobiliare e mettendo così in pericolo la vita di tutti gli inquilini.


Questi ultimi, però, avvertito il forte odore di gas, hanno allertato i carabinieri ed i Vigili del Fuoco che, intervenuti, hanno scoperto l’origine della fuga della sostanza combustibile.
Le operazioni di messa in sicurezza dell’immobile, tuttavia, si sono rivelate complesse e rischiose per i militari dell’Arma e per i Vigili del Fuoco proprio a causa della serie di difficoltà create dall’arrestato al fine di non consentire ad alcuno un rapido disinnesco del rudimentale quanto estremamente pericoloso ordigno.
La frenetica attività attuata dagli operanti per individuare il luogo di provenienza del gas, nonché per allontanare le bombole, ha richiesto anche l’evacuazione, per alcune ore, dell’intero stabile.
Le indagini dei militari sono proseguite fino a notte fonda per accertare le esatte responsabilità e la dinamica dell’accaduto. Sono stati quindi ascoltati numerosi testimoni fino ad individuare il responsabile, il quale, rintracciato, ha ammesso di aver meticolosamente predisposto l’insano gesto per togliersi la vita e distruggere anche l’intero palazzo con tutti i residenti. Per questo è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

Condividi