Alimentazione e sport, dimagrire velocemente fa male?

Alimentazione e sport, dimagrire velocemente fa male?

11 Settembre 2018 0 Di admin

ATTUALITA’ – Quando abbiamo bisogno di perdere peso spesso ci dimentichiamo che perderlo troppo rapidamente può avere ripercussioni negative sul nostro corpo, infatti, una perdita di peso troppo veloce, può portare ad alcuni scompensi significativi, anche non visibili esternamente.

Tante persone vanno alla ricerca di diete dimagranti veloci ed efficaci gratis, questo fa si che si vada su internet a cercare delle soluzioni suggerite da dubbi esperti, in questo caso il danno potrebbe essere doppio: il primo è conseguente alla perdita di peso veloce e il secondo e il non essersi affidato a un vero esperto, ma aver seguito una dieta non ben organizzata per assicurare tutti i nutrienti necessari all’organismo.

Iniziamo a fare il punto della situazione: ogni cambiamento di regime alimentare o stile di vita stressa e destabilizza l’organismo, ma se gli apporti nutrizionali sono male indirizzati, c’è il rischio di auto intossicarsi.

Inoltre, si può incorrere verso un’ossidazione delle cellule che porta a un invecchiamento precoce della pelle e provoca uno squilibrio della flora intestinale, con varie disfunzioni all’interno dell’organismo.

Solitamente, durante una dieta ipocalorica, si cerca di preservare i muscoli e favorire la perdita di grasso, bisogna sapere però che il corpo prima attinge dai muscoli e poi dal grasso, quindi, per non perdere troppa muscolatura, si consiglia di assumere molte proteine; attenzione, però, non tutte le proteine vanno bene.

Infatti, bisogna compensare introducendo proteine ma devono avere un alto valore biologico con amminoacidi essenziali, in caso contrario, i pazienti si limitano non solo a perdere la muscolatura ma il corpo diventa più fragile e anche se praticano più sport, sono esposti alla sarcopenia.

 Si tratta di una malattia che determina un cambiamento del tessuto muscolare con una riduzione delle fibre muscolari, avviene così una perdita di forze e una ripercussione funzionale maggiore.

Quindi, avere un basso apporto proteico è paragonabile all’effetto che ha l’anoressia e la malnutrizione sull’organismo, per cui è importante saper scegliere le proteine e la giusta dose.

Per una perdita di peso intelligente la prima cosa è assicurarsi di non mettersi in pericolo cercando di perdere troppo peso e troppo velocemente; i pazienti in grado di perdere 30 kg in un anno sono quelli che solitamente hanno subito una piccola operazione ed hanno un anello gastrico, inoltre, sono seguiti da medici e psicologi.

Perdere dieci chili in un mese è un atto incosciente, questo perché, per raggiungere tale obiettivo, il paziente si espone a problemi di salute più o meno a lungo termine, ovvero, nel momento in cui avviene la perdita di peso sembra andare tutto liscio, ma successivamente, si potrebbero iniziare ad avere scompensi vari.

In conclusione, se si desidera perdere peso è sempre bene rivolgersi a un nutrizionista, che saprà indicare il tipo di regime alimentare da seguire, poi, successivamente, è importante scegliere bene gli alimenti, optando per quelli ricchi di Omega 3, di lattobacilli e prodotti biologici, senza tralasciare una buona cura a base di integratori alimentari antiossidanti, fondamentali per il perfetto equilibrio intestinale e per la salute dell’epidermide.