Giorno: 10 Settembre 2019

10 Settembre 2019 0

Villa Santa Lucia, attivo il semaforo sulla Casilina

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da oggi è in funzione il semaforo sulla Casilina incrocio bivio Villa Santa Lucia. Da tanto tempo se ne attendeva la messa in funzione considerata la pericolosità del tratto sul quale numerosi sono stati gli incidenti stradali anche mortali. Una necessità, dunque, di garantire maggiore sicurezza agli automobilisti in transito sull’importante arteria. Il bacino di utenza è considerato tra l’altro estremamente vasto. Nelle ore di punta, in particolare, sono tantissime le auto che utilizzano la via Casilina. In concomitanza, tra l’altro dell’apertura di molte scuole, si è provveduto finalmente ad attivare il semaforo. A questo punto, con la regolazione del traffico, l’auspicio di tutti è che non si verifichino più sinistri.

10 Settembre 2019 0

Come Robinson Crusoe, per due giorni prigionieri del mare nelle Grotte del Circeo

Di admin

TERRACINA – Per quasi due giorni sono rimasti bloccati in una delle Grotte del Circeo. E’ l’odissea vissuta da una coppia di escursionisti in canoa, marito e moglie entrambi di 41 anni.

Nella giornata di domenica, i due si erano avventurati in canoa in prossimità del promontorio del Circeo, per vedere le belle grotte, nonostante le stesse siano interdette per il pericolo di caduta massi. Ma i due improvvidi canoisti, si facevano sorprendere dal peggioramento delle condizioni del mare, che con onde di quasi 3 metri, bloccava la coppia in una spiaggetta sottostante la scogliera che rendeva impossibile il passaggio via terra.

Dopo aver atteso e sperato, invano, che il mare si calmasse, decidevano di passare la notte accampati nella Grotta dei Prigionieri.

Il giorno dopo, nel tardo pomeriggio,dopo una notte all’addiaccio e una giornata sotto il sole, i due turisti hanno deciso di chiedere aiuto, chiamando i Carabinieri e la Guardia Costiera di Terracina.

La motovedetta in servizio di ricerca e soccorso, sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Terracina raggiungeva la spiaggetta, dove avevano trovato rifugio i coniugi,ma la forte risacca ed il mare sempre più agitato ne impediva l’avvicinamento ed il recupero dei due malcapitati.

I vari tentativi effettuati dai militari si sono interrotti con il sopraggiungere della notte e la conseguente mancanza di luce in un tratto di mare particolarmente insidioso per la presenza di scogli.  Accertatisi delle buone condizioni di salute dei due malcapitati e della disponibilità di viveri, i militari rinviavano le operazioni di recupero a questa mattina.

Alle prime luci dell’alba, il Gommone della Guardia Costiera di San Felice Circeo con l’ausilio della Motovedetta di Terracina, sono riusciti a recuperare la coppia di coniugi, nonostante il permanere di un mare agitato che rischiava di far infrangere le unità navali della Guardia Costiera sulla vicina scogliera: i militari recuperavano subito il marito con l’ausilio della Speed Line, una cima che viene sparata da bordo a terra per circa 250 mt..

Per salvare la signora, ormai terrorizzata dalla forza del mare, invece si è reso necessario l’intervento di un sergente della Guardia Costiera di Terracina che, vistala criticità della situazione, si è gettato in mare, con le dotazioni di sicurezza,per raggiungere la spiaggia. Dopo aver fatto indossare le dotazioni di sicurezza alla donna ed averla rassicurata, si lanciavano in mare e riusciva a trarla in salvo accompagnandola a bordo dell’unità navale della Guardia Costiera.

Sebbene molto provati dalla avventura che poteva avere un diverso epilogo, i due coniugi risultavano in buono stato di salute

10 Settembre 2019 0

Incendio sterpaglie arriva alla stalla delle capre, è strage

Di admin

POMEZIA – Un incendio di sterpaglie si è esteso fino a raggiungere una rimessa agricola con annessa stalla di capre uccidendone una mezza dozzina.

E’ accaduto oggi pomeriggio nella località Macchiozza a Pomezia sulla via del mare. L’incendio di sterpaglie e macchia era esteso e, nonostante sul posto siano intervenute quattro squadre di vigili del fuoco, le fiamme sono arrivate alla rimessa agricola uccidendo anche gli animali da cortile che l’agricoltore allevava nella zona.

Tra queste alcune capre. L’incendio è stato domato solamente dopo alcune ore.

10 Settembre 2019 0

Cantiere irregolare, denuinciato il committente e i responsabili delle ditte

Di admin

CASSINO – Ieri, a seguito dell’ispezione ad un cantiere edile sito nel  Cassinate, e in particolare in una località dei Monti Aurunci, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Frosinone hanno riscontrato e contestato una serie di illeciti di natura amministrativa e soprattutto penale. In particolare la committente del cantiere monitorato è stata denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino per non aver verificato l’idoneità tecnico-professionale della ditta affidataria  e  per non aver designato il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori,  ai sensi del testo unico per la sicurezza sul lavoro. Allo stesso tempo, in forza dello stesso decreto, sono stati denunciati anche  il responsabile della S.R.L. affidataria ed esecutrice di parte dei lavori per non aver redatto il cosiddetto P.O.S. – piano operativo di sicurezza-, essenziale per disciplinare in concreto e in relazione alle esigenze del singolo cantiere, gli accorgimenti e le cautele necessarie per evitare incidenti sul lavoro, per non aver verificato l’idoneità tecnico – professionale delle ditta cui aveva subappaltato parte dei lavori e per non aver recintato l’area di cantiere, nonché il legale rappresentante della ditta subappaltatrice per non aver redatto il P.O.S. – piano operativo di sicurezza-e  per non aver recintato l’area di cantiere.

 

Per le violazioni di cui sopra sono state irrogate ammende per circa 1.000 euro, nonchè applicata la maxi-sanzione per lavoro nero, pari a 1.800 euro, in quanto all’interno del cantiere veniva trovato anche un lavoratore privo di regolare assunzione.