Tag: 49enne

9 Ottobre 2019 0

Terracina, arrestato 49enne per maltrattamenti nei confronti della compagna

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TERRACINA (LT) – Nella giornata del ieri gli agenti del Commissariato di Terracina, nell’ambito di preordinati servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali plurime con l’utilizzo di un’arma impropria e minacce aggravate, S.M. 49enne terracinese. Gli Agenti del Commissariato erano intervenuti su richiesta formulata al 113 dalla compagna del predetto che riferiva di trovarsi presso il luogo di lavoro ove gestisce un’impresa agricola. La donna, terrorizzata, descriveva una violenta aggressione in atto, in cui era rimasta vittima da parte del compagno e che secondariamente aveva visti coinvolti il proprio figlio, avuto da una precedente relazione, ed un amico di questi. Sul posto intervenivano equipaggi della Squadra Volante e della Squadra Anticrimine che a fatica riuscivano a contenere l’uomo dai suoi propositi nei confronti dei due giovani, colpevoli di essere accorsi in difesa della donna. L’uomo annovera precedenti per gli stessi reati per i quali già in passato era stato destinatario di un allontanamento dalla casa familiare. Per quanto ricostruito dagli investigatori, avendo udito le grida della madre, il figlio era accorso a verificare cosa stesse accadendo accompagnato da un amico con cui si trovava in quel momento in azienda. Non appena i due giovani raggiungevano la donna la trovavano dolorante e terrorizzata mentre l’uomo sfasciava ogni suppellettile ed arredo scaraventando a terra prodotti e cassette. Alla vista dei due soccorritori l’aggressore incentrava le sue violente condotte sugli stessi che si difendevano come potevano cercando d’impedire all’uomo, armatosi di un piccone, di avvicinarsi nuovamente alla donna. Non appena veniva ristabilita la sicurezza, gli operatori di polizia garantivano a tutti le cure mediche mentre ascoltavano la testimonianza dei numerosi presenti e repertavano la scena del crimine sequestrando il piccone utilizzato. Stante la manifesta pericolosità sociale evidenziata dal soggetto, concordemente con il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Latina, veniva arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Latina ove tuttora si trova a disposizione dell’A.G. giudicante.

Foto di repertorio

27 Maggio 2019 0

Incidente stradale sulla superstrada Cassino Sora, donna 49enne muore dopo alcune ore

Di Ermanno Amedei

SANT’ELIA FIUMERAPIDO – E’ diventato mortale l’incidente che oggi pomeriggio ha visto coinvolto sulla superstrada Cassino Sora a Sant’Elia due coppie di coniugi.

La vittima è una donna di 49 anni di Broccostella che viaggiava insieme al marito sulla Hyundai.

La loro vettura ha impattato frontalmente con la Bmw sulla quale viaggiava un’altra coppia di Atina. La Hyundai è stata sbalzata e rimasta in bilico sul ciglio della strada. Gli occupanti: la 49enne e il marito sono stati trasportati in ospedale a Cassino.

La donna è stata immediatamente sottoposta ad un intervento chirurgico per arginare le emorragie interne ma alcune ore dopo è sopraggiunta la morte. Ferito gravemente anche il marito che ha una frattura scomposta alla gamba. L’atra coppia è stata trasportata in ospedale a Sora.

Ermanno Amedei

17 Marzo 2018 0

False dichiarazioni di ospitalità, denunciata 49enne di Aquino

Di Ermanno Amedei

 

AQUINO – False dichiarazioni di ospitalità per permettere a cittadini stranieri extracomunitari di avere un domicilio per poter ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno.

Gli agenti del Commissariato di Cassino diretti dal vice questore Alessandro Tocco, indagando su alcuni casi sospetti, hanno denunciato una donna 49enne di Aquino.

Troppe le dichiarazioni di residenza; gli agenti di polizia hanno verificato che i beneficiari “dichiarati” dalla 49enne all’Ufficio Anagrafe del Comune di residenza e ernao falsamente alloggiati presso il suo domicilio.

30 Gennaio 2018 0

Cassinate: Molestie telefoniche, nei guai un 55enne e una 49enne

Di Comunicato Stampa

I Carabinieri della Stazione di Cervaro, a conclusione di indagini, hanno deferito in stato di libertà, un 55enne residente nel cassinate, il reato di molestie a mezzo telefono. Gli operanti, dall’analisi dei tabulati telefonici, acquisivano inconfutabili elementi di reità a carico del predetto circa continue molestie telefoniche effettuate nei confronti di una 50enne di San Vittore del Lazio, allorquando quest’ultima si trovava sul luogo di lavoro. Nelle continue telefonate effettuate alla donna, il predetto cercava di metterla in guardia circa uno “stretto rapporto di amicizia” venutosi a creare tra il marito ed una sua collega di lavoro. Gli stessi militari, in un’altra distinta indagine, denunciavano per il medesimo reato, una 49enne, residente ad Aquino, poiché dall’analisi dei tabulati telefonici, acquisivano inconfutabili elementi reità a carico della predetta circa continue molestie telefoniche effettuate nei confronti di una 64enne, residente nel Cassinate, al fine di ostacolare la relazione sentimentale che quest’ultima aveva intrapreso con un suo figlio.

30 Giugno 2017 0

Sorpreso con due chili di droga, 49enne di Alatri arrestato nel pontino

Di Ermanno Amedei

Alatri – Un 49enne di Alatri è stato arrestato dai carabinieri di Roccagorga perché trovato in possesso di oltre due chili di droga.

I militari nel corso delle perquisizioni personale, veicolare e domiciliare, hanno trovato complessivamente 1.980 grammi di marijuana, 22 grammi di cocaina e 2 grammi di eroina, nonchè 2 bilancini di precisione e vario materiale per il taglio e confezionamento delle dosi.

Lo stupefacente ed il materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro. Mentre l’uomo è stato arrestato e portato in carcere a latina

2 Gennaio 2017 0

Morto il 49enne di Alatri ricoverato a Capodanno, non è meningite, forse tetano

Di Ermanno Amedei

Alatri – Allarme meningite rientrato ad Alatri per il malore che ha stroncato la vita ad un noto ristoratore del posto. La sera del 31 dicembre, il 49enne è stato ricoverato in ospedale con sintomi assimilabili a quello della meningite.

Le autorità sanitarie hanno disposto quindi, oltre al trasferimento presso Umberto I di Roma dell’uomo, un trattamento di profilassi antibiotica a tutti coloro che per vari motivi erano stati a suo contatto.

L’allarme contagio non ha tardato a diffondersi tra la cittadinanza e oggi, oltre alla diffusione della triste notizia del suo cedesso, anche le rassicurazioni delle autorità sanitarie del territoiro, in primis del sindaco Morini il quale in una nota stampa ha detto: “Il batterio responsabile non è la Neisseria menigitidis, per cui si fa la famosa campagna vaccinale. In questo caso specifico si tratta di uno streptococco o pneumococco, un batterio che normalmente determina mal di gola, polmonite etc”.

Si tratterebbe, insomma, non di meningite ma più probabilment di tetano. Una ipotesi che, però, deve essere ancora verificata.

Il sindaco ha espresso vicinanza e condoglianze alla famiglia del ristoratore e, anche se non si è trattato di meningite, ha comunque invitato alla vaccinazione.

28 Giugno 2016 0

49enne finisce in manette a Villa Latina. Aveva appiccato il fuoco lungo il costone della montagna

Di Comunicato Stampa

49enne in manette. Aveva appiccato il fuoco in montagna e aveva predisposto anche un’alimentazione idonea per il rogo, ma è stato sorpreso dai carabinieri. Nello specifico ieri sera è stato arrestato a Villa Latina dai militari della Stazione Carabinieri di Picinisco. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso mentre appiccava il fuoco con un accendino lungo il costone di montagna adiacente la SR 627, tra l’altro nei pressi di un traliccio dell’alta tensione, alimentandolo in più punti della strada, con cartoni e plastica. Il focolaio veniva domato dai Vigili del Fuoco di Sora intervenuti su richiesta dei militi. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva trattenuto nelle camere di sicurezza su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.