Tag: aperto

12 Aprile 2019 0

Cervaro, brucia rifiuti ‘a cielo aperto’, denunciato dai carabineri un 53enne

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CERVARO – Nella giornata di ieri i militari della locale Stazione Carabinieri deferivano in stato di libertà un 53enne del posto, incensurato, per “combustione illecita di rifiuti”.

Gli operanti, a richiesta di alcuni cittadini del luogo, intervenivano presso il giardino attiguo all’abitazione del predetto, sorprendendolo mentre stava bruciando rifiuti vari, consistenti in parte di mobilio, erbacce, carta e materiale in plastica.

L’incendio aveva provocato una grossa e densa nube di fumo nero.

Lo stesso veniva intimato ad adoperarsi per spegnere immediatamente il fuoco.

foto di repertorio

5 Dicembre 2017 0

Archivio storico della Provincia di Frosinone aperto alle scuole per il 91° anniversario dell’istituzione

Di admin

FROSINONE – “In occasione del 91° anniversario dell’istituzione, la Provincia di Frosinone apre le sue porte e il suo archivio storico alle scuole del capoluogo”.

Lo si legge in una nota della Provincia di Frosinone.

“Da domani, 6 dicembre, e per tutto l’anno scolastico, grazie alla collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, i ragazzi potranno visitare la sede del Palazzo provinciale, una delle più belle e prestigiose dell’intero territorio e rendersi conto di persona della storia e delle attività dell’ente.

Le visite alla sede della Provincia sono possibili per tutte le scuole che ne facciano richiesta, contattando l’Archivio storico.

‘Ritengo fondamentale che si coinvolgano i giovani in una giornata importante come quella di domani che ricorda l’istituzione della Provincia di Frosinone – ha spiegato il Presidente Antonio Pompeo – non solo la data della costituzione di un ente fondamentale che gestisce servizi per i cittadini, ma anche la nascita della nostra comunità provinciale’.

‘Due aspetti che vanno sottolineati e irrobustiti: il primo attraverso un ripristino delle possibilità organizzative delle Province per dare risposte al territorio, il secondo per rilanciare il valore della collaborazione e della sinergia e avviare un reale e concreto percorso di rilancio’.

‘Un ringraziamento all’Ufficio Scolastico provinciale, e al dottor Pierino Malandrucco, per aver sostenuto questo nuovo progetto – ha concluso il Presidente Pompeo –  Colgo l’occasione della giornate del 6 dicembre, infine, per esprimere gratitudine del lavoro svolto e ricordare tutti gli amministratori che in questi novant’anni hanno dato il loro contributo per questa bellissima terra’.

‘Una ricorrenza fondamentale – ha aggiunto il consigliere Luigi Vacana – in cui ricordare non solo la storia del nostro ente ma di un intero territorio, proprio coinvolgendo le scuole e i ragazzi, che rappresentano il nostro futuro'”.

27 Settembre 2017 0

Depositavano rifiuti a cielo aperto, sanzionati dai Carabinieri due uomini

Di redazionecassino1

Acuto – Avevano depositato alcuni sacchi di rifiuti organici all’interno di una piazzola di sosta, i militari della locale Stazione durante mirati servizi di controllo del territorio e contrasto alle violazioni sulle norme per la tutela dell’ambiente, individuavano due discariche abusive. Al riguardo, nella mattina odierna, al termine dei necessari accertamenti, i militari dell’Arma individuavano i responsabili, un 69enne ed un 78enne residenti in paesi limitrofi, ai quali veniva contestata la prevista sanzione amministrativa pecuniaria consistente in Euro 600,00, con contestuale intimazione alla immediata bonifica dell’area interessata.

22 Giugno 2017 0

Asl informa: Sabato aperto al centro prelievi di Ceccano

Di admin

Ceccano – “Si comunica – si legge in una nota della Asl di Frosinone – che la Direzione del Distretto B di Frosinone (Direttore Dott. Francesco Carrano), nell’ambito della riorganizzazione delle attività distrettuali c/o le Case della Salute, ha disposto l’apertura del Centro Prelievi di Ceccano anche nella giornata del sabato con orario 08.00-10.00. Il pannel di offerte è stato incrementato con l’inserimento di nuovi esami diagnostici (tra cui l’esame Mantoux, l’esame citologico urinario, la Proteina S e la Proteina C, ecc.). Il sabato possono anche essere ritirati i referti dalle ore 11.30 alle 13.00.

Si informa inoltre che l’attività di monitoraggio segnala un costante incremento delle prestazioni che, riferite al periodo 01 aprile a tutt’oggi, riporta l’erogazione di n. 2170 prestazioni con una media di n. 100 prelievi al giorno. Infine si fa presente che, visto il forte incremento degli accessi, la Direzione del Distretto B ha in programma la ristrutturazione dei locali con l’intento di creare un ambiente più confortevole per l’accoglienza dei cittadini utenti”.

 

7 Luglio 2010 0

“A Viso Aperto”, il Movimento si presenta alla stampa

Di redazione

Si presenterà oggi alla stampa, presso il Bar del Corso di Cassino, il movimento “A Viso Aperto”. “Non siamo un’associazione, Noi siamo un laboratorio, un cantiere di idee, di sogni, di progetti da portare avanti, da realizzare”. Così si definiscono i promotori del movimento di cui, però, ancora non si conoscono i nomi. “Visto il preoccupante stato in cui versa la nostra città, pensiamo che non sia più il tempo di aspettare, che non sia più possibile rassegnarsi al pessimismo o alla pigrizia, tra lo scegliere di restare davanti un bar a lamentarsi perché le cose non vanno o peggio ancora immaginare che tutto vada bene, e la strada invece di tentare qualcosa di nuovo, Noi scegliamo la seconda, scegliamo di non delegare ad altri i nostri sogni, i nostri desideri, i nostri progetti; Noi scegliamo di metterci in gioco, non lasciando il domani agli altri, vogliamo cercare di cambiare, davvero. Pensiamo che una città non può essere amministrata senza amore, così come una città non potrà mai crescere se chi ha l’onore di amministrarla non è riuscito a darle un senso, una missione, uno scopo. Il nostro modo “a viso aperto”vuole essere anche un atteggiamento provocatorio, Noi vogliamo suscitare un dibattito, una discussione, ricevere critiche; Noi vogliamo uscire dal dibattito tutto politico,spesso stanco e stantio, degli addetti ai lavori; Noi vogliamo confrontarci con la gente, con quelli della nostra generazione, perché il confronto schietto ti costringe a riflettere. A spiegarti e a cercare di capire. Ti impone di vivere il rapporto tra te e gli altri…a viso aperto, senza maschere e ipocrisie! Per questo motivo presenteremo i primi 10 punti per Cassino, e le prime 5 iniziative concrete che metteremo in campo da qui a Febbraio prossimo. Questi primi 10 punti sono nati dal confronto e dalle discussioni che in queste settimane abbiamo fatto insieme a decine di ragazzi.Sono solo l’inizio, i forum tematici che abbiamo strutturato nel nostro movimento e che partiranno da settembre svilupperanno e arricchiranno le tematiche che a noi ci stanno a cuore e che come tale vorremmo che la prossima amministrazione porti a compimento. Pensiamo alla linea wi-fi nelle piazze,alla villa comunale,una Città Universitaria per ritenersi tale deve offrire tutti quei servizi utili ai ragazzi nello svolgimento dei propri anni di studio. Pensiamo alla biblioteca, la nostra città non è dotata di una vera biblioteca, quella esistente viene definita più una sala studio che altro.Per questo presenteremo un programma dettagliato di rilancio della biblioteca, che parta prima di tutto dallo svecchiamento del patrimonio librario che possiede attualmente, così come è importante la creazione di un OPAC per la biblioteca. Siamo convinti che le risorse da destinare alla cultura non siano da ritenere, così come le ha ritenute l’attuale amministrazione, dei semplici costi che gravano sulla spesa comunale, bensì sono per noi un investimento, il valore culturale che una città può offrire rende molto di più di un affitto. Altro tema che abbiamo sviluppato in queste settimane di incontri è stato quello della mobilità sostenibile: Roma l’ha affrontato e ci sta riuscendo, Cassino ha bisogno di un piano integrato della mobilità ciclistica, che sensibilizzi l’uso della bicicletta per gli spostamenti quotidiani in ambito urbano,così da congestionare non solo il traffico nel centro ma soprattutto a rendere più vivibile, dal punto di vista ambientale, la città. Presenteremo il progetto di realizzazione del sistema Bike Sharing (condivisione delle biciclette), uno degli strumenti di mobilità sostenibile a disposizione dei Comuni, il Comune di Roma ha avviato da un anno con successo il progetto. Insomma Noi abbiamo iniziato un cammino, e lo abbiamo fatto partendo da una considerazione: siamo la generazione Erasmus, la generazione Google; quelli di Google sono quelli che hanno creduto a un sogno impossibile, quelli che 15anni fa non esistevano, ma che oggi capitalizzano più di qualunque impresa americana. Fu un’idea folle ma vincente,Google oggi è un modello,una realtà dove vince chi ha un’idea e non chi aspetta di salire un gradino in base all’anzianità di servizio. Siamo la generazione Google, e dovremmo esserlo sempre di più, nel nostro impegno nella società e nella politica. Ma l’unico modo per crederci è quello di confrontarsi davvero sui progetti, sui sogni e sulle idee. Un sogno arrogante, si potrà pensare.Un sogno troppo grande forse. Ma proprio la difficoltà di provare a fare sogni grandi è uno dei limiti della nostra generazione. E allora ci siamo chiesti, perché non provare a cambiare?….magari facendolo A viso aperto!!!”

26 Giugno 2010 0

Mercato settimanale del sabato, problema sempre aperto…e mai risolto

Di redazionecassino1

Che il mercato settimanale del sabato a Cassino sia un problema è ormai un dato di fatto, sia sotto l’aspetto igienico che di traffico caotico. Le proteste dei residenti del quartiere Fraschette, quello dove si svolge il tradizionale mercato ortofrutticolo del sabato, sono cosa nota e soprattutto rappresentano un problema mai affrontato seriamente e risolto dalle amministrazioni comunali che si sono avvicendate a piazza De Gasperi. Non sono nuove le lamentele dei residenti sull’occupazione di strade, cortili, addirittura degli androni dei fabbricati di quel quartiere. Non è diversa la situazione nelle vie in cui si svolge quello delle calzature. Sporcizia, rifiuti di ogni tipo, degrado. Ma non basta anche il parcheggio di campo Miranda, o piazzale Benedetto XVI che dir si voglia, dopo il mercato del sabato è un vero e proprio cumulo di rifiuti. Buste di plastica, carta, cartoni, stampelle per gli abiti, scatoloni tutti allegramente sparsi per il piazzale e, nelle giornate di vento, a riempire  i cortili delle abitazioni adiacenti. Se poi ci aggiungiamo anche quell’infernale macchinario che dovrebbe spostare i rifiuti dalle aree verdi di piazzale Miranda verso le spazzatrici, la misura è davvero colma. Già perché proprio quel macchinario oltre al rumore assordante manda i rifiuti, specialmente buste e cartacce, nei cortili delle abitazioni adiacenti all’area.  Proteste, petizioni, richieste di ogni tipo rivolte agli assessori competenti tutte cadute nel dimenticatoio. Tante promesse, tanti ‘faremo..’ ‘stiamo studiando la situazione…’ ma in realtà nulla di concreto e di definitivo. Senza contare che le zone, soprattutto campo Miranda, sono prive di servizi igienici e acqua. Allora ogni cortile, ogni bar e, a volte anche qualche androne di fabbricato nelle vicinanze, diventa bagno pubblico per gli ambulanti.  E’ possibile continuare in questo modo? E’ quello che ormai da tempo si chiedono, rassegnati e sfiduciati, i residenti delle zone interessate. Ma soprattutto sarebbe ora di punire gli ambulanti che lasciano i rifiuti per terra senza controllo, come del resto avviene in altri comuni, ritirando loro l’autorizzazione al posto. Sarebbe ora di affrontare seriamente e definitivamente il problema ‘mercato settimanale’, cominciando a fornire i servizi necessari a chi macina chilometri per vendere e far crescere l’economia cittadina, ma allo stesso tempo cominciare a dare regole chiare, controlli e sanzioni severe agli ambulanti sul modo di lasciare i luoghi in cui svolgono i loro commerci.

F. Pensabene

4 Ottobre 2009 0

Discarica a cielo aperto, sequestrata area di 1500 metri

Di redazione

Una discarica a cielo aperto è stata rinvenuta dai carabinieri di Pontecorvo ad Esperia (Fr). Nel pomeriggio di ieri, i militari agli ordini del capitano PierFrancesco Di Carlo, a conclusione di un servizio finalizzato alla repressione di reati ambientali, hanno deferito in stato di liberta’ due individui F.A. classe 1964 e Z.L. classe 1966, poiché ritenuti responsabili del reato di “abbandono incontrollato di rifiuti pericolosi”. Dagli accertamenti effettuati dai militari operanti è stata individuata un’area di mq. 1.500 utilizzata come discarica abusiva di rifiuti speciali pericolosi e pertanto è stata sequestrata preventivamente.

28 Maggio 2009 0

Aperto il primo sportello provinciale “Tutela dei consumatori”

Di redazione

E’ stato ufficialmente aperto presso la sede decentrata di via Cimarosa a Cassino dell’Amministrazione provinciale di Frosinone, il primo dei quindici sportelli per la “tutela dei consumatori”. Nel giro di pochissimi giorni apriranno al pubblico anche altri tre uffici del genere che andranno a servizio delle cittadinanze di Pontecorvo, Sora e San Giorgio a Liri. Ad inaugurare il neonato servizio sono stati, nella mattinata di ieri, il consigliere provinciale cassinate Tullio Di Zazzo e il presidente provinciale dell’Adoc (Associazione per l’Orientamento e la Difesa dei Consumatori), Mario Pirri. L’iniziativa, resa possibile grazie ad un finanziamento ad hoc stanziato dalla Regione Lazio, sarà coordinata su tutto il territorio provinciale direttamente da quelle realtà che si occupano specificatamente di tutela e diritti dei consumatori. Lo sportello cassinate sarà diretto dai componenti di due importanti realtà che operano da anni non solo in provincia di Frosinone, ma su tutto il territorio nazionale: la Lega Consumatori e la stessa Adoc. A gestire lo sportello “tutela del consumatore” di Cassino, ci saranno tre operatrici a disposizione tutte le mattine in orario d’ufficio, servirà soprattutto per raccogliere le istanze e le segnalazioni che provengono direttamente dai cittadini.