Tag: arrestato

28 Novembre 2019 0

Tenta di violentare una commessa del centro commerciale di Latina, arrestato 27enne straniero

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Latina – Un 27enne cittadino nigeriano è stato arrestato, oggi pomeriggio a Latina, per violenza sessuale ai danni di una commessa.

La polizia è intervenuta alle 15 circa in un centro commerciale dove era stata segnalata una presunta violenza sessuale. Da quanto è emerso la commessa, in procinto di cominciare il suo turno lavorativo pomeridiano, è stata bloccata all’esterno dell’attività commerciale dal 27enne palpeggiandola nelle parti intime.

La malcapitata vittima, inerme, ha provato a divincolarsi, ma l’uomo le impediva con forza la fuga e quindi, impaurita, ha cominciato a gridare e a chiedere aiuto cercando di attirare le attenzioni di qualche passante.

La disperata richiesta di aiuto della donna ha indotto l’aggressore a desistere ma non prima di aver minacciato di ucciderla qualora avesse confidato a qualcuno quello che era appena successo. In sede di denuncia la donna, che ha rifiutato le cure mediche, ha riferito inoltre che l’uomo da diversi giorni si appostava di fronte al negozio dove lei lavora, guardandola in maniera insistente attraverso le vetrate.

L’uomo, regolare sul territorio, ma con pregiudizi di polizia, è stato arrestato per violenza sessuale e portato presso la casa circondariale di Latina.

26 Novembre 2019 0

Arrestato ad Aquino il pirata della strada che ieri ha ucciso un pedone a Castrocielo

Di Comunicato Stampa

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo e della Stazione di Aquino hanno sottoposto a fermo di P.G. un 53enne residente ad Aquino, sondaggista, incensurato, per il reato di “omicidio stradale”.

Le indagini effettuate dai militari operanti consentivano di appurare che il fermato nella serata del 24 novembre, transitando con la sua autovettura sulla S.R. 6 Casilina, nel comune di Castrocielo, urtava un pedone che camminava sul ciglio della strada facendolo cadere all’interno della cunetta di scolo dell’acqua, venendo ritrovato solo la mattina del 25 novembre da un cittadino che vive in prossimità del luogo. Giunti sul posto gli operanti procedevano alla identificazione del cadavere, un marocchino di 62 anni, ambulante, che da tempo viveva a Castrocielo, procedendo a repertare i frammenti di un’autovettura, quali uno specchietto retrovisore lato passeggero, un pezzo di fanale e dei frammenti di plastica, che subito hanno lasciato intendere che il cadavere fosse stato investito da un’autovettura. Gli accertamenti esperiti sui numeri seriali rinvenuti sui frammenti, hanno permesso di individuare il tipo di veicolo e grazie all’acquisizione di immagini di alcune telecamere e dall’incrocio di centinaia di targhe associate al tipo di veicolo, è stato possibile identificare il veicolo. Nella tarda serata di ieri i Carabinieri rintracciavano l’uomo presso la sua abitazione nonché l’autovettura all’interno del garage che presentava tutti i segni di danneggiamento compatibili con l’investimento. Il soggetto, dopo l’interrogatorio delegato dall’AG di Cassino veniva dichiarato in stato di fermo e sottoposto agli arresti domiciliari. Giovedì 28 p.v. verrà conferito l’incarico al medico legale per l’esame autoptico.

22 Novembre 2019 0

Furti nelle scuole, arrestato un 26enne a Ferentino

Di Ermanno Amedei

Anagni – I furti nei plessi scolastici della zona a no d di Frosinone hanno fatto salire l’allerta e i carabinieri della compagnia di Anagni a Ferentino, nel prosieguo dell’attività info-investigativa connessa ai recenti furti consumati tra la fine del mese di ottobre e la prima decade di novembre, in danno di diverse scuole e attività commerciali della città, quali la Scuola elementare “Lolli Ghetti”, l’Istituto professionale “Per parrucchieri” e l’Istituto elementare I° Circolo, in relazione ai quali nei giorni scorsi erano già state deferite l’arrestato odierno ed altre due persone (sempre residenti in provincia di Frosinone), traevano in arresto in flagranza un 26enne del luogo (già censito per reati contro la persona ed il patrimonio), poiché responsabile di rapina, furto aggravato continuato e danneggiamento.

Nello specifico i militari, nel corso del predisposto servizio, mentre transitavano in quel centro, notavano il 26enne mentre si allontanava velocemente dalla zona adiacente l’Istituto professionale “Per parrucchieri” ubicato in quella Via Acropoli. Pertanto, gli operanti, insospettitisi, procedevano a fermare il prevenuto e dopo accurate verifiche accertavano che lo stesso si era reso responsabile poco prima della forzatura della porta di ingresso del predetto Istituto, danneggiando conseguentemente i distributori automatici di bevande ivi installati ed asportando dal loro interno la somma contante di circa 170 euro. Era chiaro, quindi, che il suo allontanarsi in maniera repentina era dovuto al tentativo, rimasto vano grazie alla tempestività dei militari intervenuti, di assicurarsi la fuga, l’impunità e la refurtiva asportata, che nella circostanza veniva interamente restituita all’avente diritto.

Inoltre, da ulteriori approfondimenti emergeva che il giovane prima di essere fermato, nelle ore precedenti aveva già tentato di asportare denaro sia dall’interno di un distributore di carburante della zona, che da alcuni distributori di bevande presenti in un altro plesso scolastico cittadino.

5 Novembre 2019 0

Sorpreso a Cassino con due etti di hashish e soldi, arrestato 52enne di Piedimonte

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Un uomo di 52 anni è stato arrestato a Cassino perchè sorpreso in possesso di due panetti di hashish.

S. G. 52 anni di Piedimonte San Germano è finito nella rete dei controlli dai carabinieri di Cassino comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo e coordinati dal capitano Ivan Mastromanno impegnati in una azione di controllo all’uscita del casello autostradale della cittá martire.

La droga era occultata nell’auto e aveva un peso complessivo di due etti. Trovati anche 775 euro in contanti che si considerano frutto dello spaccio. L’uomo, quindi, è stato arrestato per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti e dopo le formalitá di rito è stato tradotto in casa in regime degli arresti domiciliari.

25 Ottobre 2019 0

Sorpreso in auto con oltre 60 chilogrammi di Hashish, arrestato dalla Polizia Stradale

Di Antonio Nardelli

Durante un normale controllo nell’auto di un trentasettenne barese sono stati scoperti oltre 60 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo Hashish. Arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.Nel pomeriggio di ieri, lungo l’autostrada A/1, durante lo svolgimento della normale attività di vigilanza e prevenzione dei reati in genere, gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone hanno proceduto al fermo di una Fiat Panda con targa italiana, con una sola persona a bordo.Durante le operazioni di controllo il conducente ha manifestato un certo nervosismo, più esasperato nel momento in cui gli veniva chiesto cosa trasportasse; questo atteggiamento ha insospettito gli agenti ed infatti proprio nel bagagliaio dell’auto sono stati trovati due sacchi in iuta plastica, contenenti a loro volta vari involucri avvolti in imballaggi di colore marrone e cellophane trasparente, contenenti della sostanza stupefacente, risultata poi essere hashish, per un peso di oltre kg.60.L’uomo, un trentasettenne barese, è stato arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

18 Ottobre 2019 0

Si scaglia contro il padre e la madre prendendoli a pugni, arrestato 22enne

Di Ermanno Amedei

VEROLI – Pesta i genitori fino a costringerli alle cure ospedaliere. E’ accaduto ieri pomeriggio a Veroli dove sono dovuti intervenire i carabinieri della locale Stazione. I militari hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, minaccia e restistenza a P.U. un 22enne del luogo, già censito per uso personale di sostanze stupefacenti.

In particolare, grazie all’immediato intervento dei Carabinieri, sono state evitate conseguenze ben più gravi a seguito di una lite in famiglia avvenuta tra i genitori ed il figlio che, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, ha minacciato di morte la madre ed il padre aggredendo quest’ultimo con dei pugni al volto, con una furia tale da costringerlo a rinchiudersi in casa fino all’arrivo della pattuglia.

Il giovane anche alla presenza dei militari, prontamente giunti presso l’abitazione teatro dell’episodio di violenza, ha continuato a minacciare di morte i propri genitori, inveendo poi anche all’indirizzo dei Carabinieri apostrofandoli in malo modo ed opponendo resistenza al loro invito di seguirli in caserma.

Il padre del giovane per i colpi ricevuti è stato costretto a ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale Civile di Alatri, mentre l’arrestato, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia Alatri, in attesa del rito direttissimo previsto mattinata odierna.

14 Ottobre 2019 0

Il dipendente si distrae e cliente ruba 300 euro dalla cassa, arrestato 45enne

Di Ermanno Amedei

SAN GIORGIO A LIRI -I carabinieri di San Giorgio a Liri, hanno arrestato un 45enne del posto per furto aggravato. L’uomo, approfittando di un momento di distrazione dei dipendenti di un centro commerciale del luogo, ha sottratto da una delle casse la somma di 300 Euro in contatti per poi darsi alla fuga con la sua bicicletta.

Poco dopo si è recato presso lo stesso esercizio commerciale il Comandante della locale Stazione Carabinieri il quale, libero dal servizio, appurato quanto accaduto poco prima si è messo immediatamente alla ricerca del malfattore riuscendo a rintracciarlo poco dopo e recuperando l’intera somma restituendola all’avente diritto.

Il 45enne dichiarato in arresto e, come disposto dal Pubblico Ministero di turno, ristretto presso la camera di sicurezza della Compagnia di Pontecorvo, in attesa del rito direttissimo.

14 Ottobre 2019 0

Violenta sessuale sulla ex mentre l’accompagna a casa, arrestato 35enne di Velletri

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Le offre un passaggio per tornare a casa ma la porta in montagna e la violenta. Con l’accusa di violenza sessuale, la scorsa settimana è stato arrestato un 35enne di Velletri, ex compagno della presunta vittima, anche lei italiana e 35enne.

I fatti sarebbero avvenuti al termine dell’orario di lavoro di lei, dipendente di un ristorante di velletri. Alle 2 di notte circa, l’uomo le avrebbe offerto un passaggio per tornare a casa e la donna ha accettato. La convivenza tra i due era finita alcune settimane prima.

L’uomo, strada facendo, avrebbe cambiato percorso dirigendosi verso monte Artemisio dove avrebbe tentato un approccio violento con la donna la quale si è opposta reagendo con veemenza e graffiando al petto il presunto aggressore.

Appena le è stato possibile la 35enne si è recata in ospedale a Velletri dove i medici del Pronto soccorso l’hanno visitata e refertata informando dell’accaduto i carabinieri della compagnia di Velletri.

Gli uomini del capitano Tommaso Angelone hanno avviato le indagini che in poche ore hanno portato all’arresto del presunto violentatore. Arresto che, dopo la convalida del gip del tribunale di Velletri si è trasformato in arresti domiciliari in attesa del processo.

9 Ottobre 2019 0

Terracina, arrestato 49enne per maltrattamenti nei confronti della compagna

Di Comunicato Stampa

TERRACINA (LT) – Nella giornata del ieri gli agenti del Commissariato di Terracina, nell’ambito di preordinati servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali plurime con l’utilizzo di un’arma impropria e minacce aggravate, S.M. 49enne terracinese. Gli Agenti del Commissariato erano intervenuti su richiesta formulata al 113 dalla compagna del predetto che riferiva di trovarsi presso il luogo di lavoro ove gestisce un’impresa agricola. La donna, terrorizzata, descriveva una violenta aggressione in atto, in cui era rimasta vittima da parte del compagno e che secondariamente aveva visti coinvolti il proprio figlio, avuto da una precedente relazione, ed un amico di questi. Sul posto intervenivano equipaggi della Squadra Volante e della Squadra Anticrimine che a fatica riuscivano a contenere l’uomo dai suoi propositi nei confronti dei due giovani, colpevoli di essere accorsi in difesa della donna. L’uomo annovera precedenti per gli stessi reati per i quali già in passato era stato destinatario di un allontanamento dalla casa familiare. Per quanto ricostruito dagli investigatori, avendo udito le grida della madre, il figlio era accorso a verificare cosa stesse accadendo accompagnato da un amico con cui si trovava in quel momento in azienda. Non appena i due giovani raggiungevano la donna la trovavano dolorante e terrorizzata mentre l’uomo sfasciava ogni suppellettile ed arredo scaraventando a terra prodotti e cassette. Alla vista dei due soccorritori l’aggressore incentrava le sue violente condotte sugli stessi che si difendevano come potevano cercando d’impedire all’uomo, armatosi di un piccone, di avvicinarsi nuovamente alla donna. Non appena veniva ristabilita la sicurezza, gli operatori di polizia garantivano a tutti le cure mediche mentre ascoltavano la testimonianza dei numerosi presenti e repertavano la scena del crimine sequestrando il piccone utilizzato. Stante la manifesta pericolosità sociale evidenziata dal soggetto, concordemente con il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Latina, veniva arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Latina ove tuttora si trova a disposizione dell’A.G. giudicante.

Foto di repertorio

2 Ottobre 2019 0

Arrestato dai carabinieri un 43enne per rapina e sequestro di persona

Di Comunicato Stampa

FERENTINO –  La scorsa notte i militari del NORM della Compagnia di Anagni hanno tratto in arresto un 43enne residente nella provincia di Roma (già censito per reati inerenti gli stupefacenti, la persona ed il patrimonio), resosi responsabile dei reati di “sequestro di persona e rapina”. Il predetto allo scopo di ottenere una grossa somma di denaro da un cittadino del luogo, lo conduceva in una località impervia ove, dopo averlo minacciato e colpito alla testa con un oggetto contundente, si impossessava del suo portafogli contenente la somma di più di 2.000 euro. Successivamente il malfattore si recava presso l’abitazione del malcapitato ove, allertati dalla moglie di quest’ultimo, veniva sorpreso dai militari operanti mentre tentava di entrare al fine di impadronirsi di un’altra somma di denaro presente in casa. Nella circostanza il ferentinese faceva ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale di Frosinone e riscontrato affetto da trauma cranico con ferita L.C, venendo dimesso con giorni 10 di prognosi.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone in attesa del rito direttissimo.

foto di repertorio