Tag: arrestato

14 Ottobre 2019 0

Il dipendente si distrae e cliente ruba 300 euro dalla cassa, arrestato 45enne

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SAN GIORGIO A LIRI -I carabinieri di San Giorgio a Liri, hanno arrestato un 45enne del posto per furto aggravato. L’uomo, approfittando di un momento di distrazione dei dipendenti di un centro commerciale del luogo, ha sottratto da una delle casse la somma di 300 Euro in contatti per poi darsi alla fuga con la sua bicicletta.

Poco dopo si è recato presso lo stesso esercizio commerciale il Comandante della locale Stazione Carabinieri il quale, libero dal servizio, appurato quanto accaduto poco prima si è messo immediatamente alla ricerca del malfattore riuscendo a rintracciarlo poco dopo e recuperando l’intera somma restituendola all’avente diritto.

Il 45enne dichiarato in arresto e, come disposto dal Pubblico Ministero di turno, ristretto presso la camera di sicurezza della Compagnia di Pontecorvo, in attesa del rito direttissimo.

14 Ottobre 2019 0

Violenta sessuale sulla ex mentre l’accompagna a casa, arrestato 35enne di Velletri

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Le offre un passaggio per tornare a casa ma la porta in montagna e la violenta. Con l’accusa di violenza sessuale, la scorsa settimana è stato arrestato un 35enne di Velletri, ex compagno della presunta vittima, anche lei italiana e 35enne.

I fatti sarebbero avvenuti al termine dell’orario di lavoro di lei, dipendente di un ristorante di velletri. Alle 2 di notte circa, l’uomo le avrebbe offerto un passaggio per tornare a casa e la donna ha accettato. La convivenza tra i due era finita alcune settimane prima.

L’uomo, strada facendo, avrebbe cambiato percorso dirigendosi verso monte Artemisio dove avrebbe tentato un approccio violento con la donna la quale si è opposta reagendo con veemenza e graffiando al petto il presunto aggressore.

Appena le è stato possibile la 35enne si è recata in ospedale a Velletri dove i medici del Pronto soccorso l’hanno visitata e refertata informando dell’accaduto i carabinieri della compagnia di Velletri.

Gli uomini del capitano Tommaso Angelone hanno avviato le indagini che in poche ore hanno portato all’arresto del presunto violentatore. Arresto che, dopo la convalida del gip del tribunale di Velletri si è trasformato in arresti domiciliari in attesa del processo.

9 Ottobre 2019 0

Terracina, arrestato 49enne per maltrattamenti nei confronti della compagna

Di Comunicato Stampa

TERRACINA (LT) – Nella giornata del ieri gli agenti del Commissariato di Terracina, nell’ambito di preordinati servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali plurime con l’utilizzo di un’arma impropria e minacce aggravate, S.M. 49enne terracinese. Gli Agenti del Commissariato erano intervenuti su richiesta formulata al 113 dalla compagna del predetto che riferiva di trovarsi presso il luogo di lavoro ove gestisce un’impresa agricola. La donna, terrorizzata, descriveva una violenta aggressione in atto, in cui era rimasta vittima da parte del compagno e che secondariamente aveva visti coinvolti il proprio figlio, avuto da una precedente relazione, ed un amico di questi. Sul posto intervenivano equipaggi della Squadra Volante e della Squadra Anticrimine che a fatica riuscivano a contenere l’uomo dai suoi propositi nei confronti dei due giovani, colpevoli di essere accorsi in difesa della donna. L’uomo annovera precedenti per gli stessi reati per i quali già in passato era stato destinatario di un allontanamento dalla casa familiare. Per quanto ricostruito dagli investigatori, avendo udito le grida della madre, il figlio era accorso a verificare cosa stesse accadendo accompagnato da un amico con cui si trovava in quel momento in azienda. Non appena i due giovani raggiungevano la donna la trovavano dolorante e terrorizzata mentre l’uomo sfasciava ogni suppellettile ed arredo scaraventando a terra prodotti e cassette. Alla vista dei due soccorritori l’aggressore incentrava le sue violente condotte sugli stessi che si difendevano come potevano cercando d’impedire all’uomo, armatosi di un piccone, di avvicinarsi nuovamente alla donna. Non appena veniva ristabilita la sicurezza, gli operatori di polizia garantivano a tutti le cure mediche mentre ascoltavano la testimonianza dei numerosi presenti e repertavano la scena del crimine sequestrando il piccone utilizzato. Stante la manifesta pericolosità sociale evidenziata dal soggetto, concordemente con il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Latina, veniva arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Latina ove tuttora si trova a disposizione dell’A.G. giudicante.

Foto di repertorio

2 Ottobre 2019 0

Arrestato dai carabinieri un 43enne per rapina e sequestro di persona

Di Comunicato Stampa

FERENTINO –  La scorsa notte i militari del NORM della Compagnia di Anagni hanno tratto in arresto un 43enne residente nella provincia di Roma (già censito per reati inerenti gli stupefacenti, la persona ed il patrimonio), resosi responsabile dei reati di “sequestro di persona e rapina”. Il predetto allo scopo di ottenere una grossa somma di denaro da un cittadino del luogo, lo conduceva in una località impervia ove, dopo averlo minacciato e colpito alla testa con un oggetto contundente, si impossessava del suo portafogli contenente la somma di più di 2.000 euro. Successivamente il malfattore si recava presso l’abitazione del malcapitato ove, allertati dalla moglie di quest’ultimo, veniva sorpreso dai militari operanti mentre tentava di entrare al fine di impadronirsi di un’altra somma di denaro presente in casa. Nella circostanza il ferentinese faceva ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale di Frosinone e riscontrato affetto da trauma cranico con ferita L.C, venendo dimesso con giorni 10 di prognosi.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone in attesa del rito direttissimo.

foto di repertorio

22 Settembre 2019 0

Scippatore alla Notte Bianca di Ferentino, arrestato dopo rocambolesca fuga

Di Ermanno Amedei

FERENTINO – Alle 3:30 di questa notte, durante la ‘notte bianca’ di Ferentino è stato arrestato dai carabinieri dopo un rocambolesco inseguimento a piedi Belahbdouni El Mehdi 23enne maricchino residente Arnara, responsabile di 5 furti con destrezza in cui sottraeva portafogli e un telefono cellulare. Dopo l’ultimo furto si era dileguato per le vie circostanti venendo inseguito da personale locale Stazione carabinieri che riusciva a bloccarlo con non poche difficoltà dopo circa trecento metri. Seppur ammanettato è riuscito a liberare una mano e tentare nuovamente la fuga e per cui con l’ausilio di 3 allievi marescialli della scuola di Firenze e di un poliziotto, liberi dal servizio, bloccato. refurtiva recuperata e restituita aventi diritto. Militari Staz Ferentino riportavano lesioni guaribili in giorni 3 s.c. Prevenuto dopo formalità di rito associata casa circondariale Frosinone a disposizione A.G. Per reati furto resistenza lesioni ed altro.

21 Settembre 2019 0

Cassino, egiziano 24enne, investito, picchiato e derubato di 20 euro, arrestato tunisino 47enne

Di felice pensabene

CASSINO – Il 19 settembre scorso, i militari del NORM della locale Compagnia intervenivano in viale Pertini in quanto pochi minuti prima era stata consumata una rapina. Giunti sul posto i militari operanti constatavano che un 24enne di nazionalità egiziana, residente nella Città Martire, era stato prima investito da un’autovettura e successivamente preso a pugni e rapinato della somma di 20 euro da un cittadino extracomunitario viaggiante a bordo di una utilitaria condotta da una donna identificata successivamente in D.L., 38enne del cassinate già censita per stupefacenti. La vittima veniva soccorsa e trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino ove veniva riscontrata affetta da “trauma del volto e contusione multiple” e giudicata guaribile in dieci giorni.

I Carabinieri si mettevano alla ricerca degli autori dell’investimento e nel corso delle indagini appuravano che la citata utilitaria aveva successivamente tamponato un’altra autovettura parcheggiata in Piazza Vigili del Fuoco, riportando ingenti danni, e gli occupanti si erano dati alla fuga, a piedi, per le strade adiacenti. Dalle immediate ricerche diramate i militari rintracciavano nelle adiacenze del cimitero comunale la 38enne che veniva riconosciuta dal 24enne egiziano come la conducente dell’autovettura che poco prima lo aveva investito e che successivamente, dopo averlo rapinato, si era data alla fuga unitamente a un complice. La donna veniva tratta in arresto e sottoposta al regime degli arresti domiciliari, così come disposto dall’A.G., nella successiva convalida di arresto il GIP del Tribunale di Cassino disponeva che la stessa venisse sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza. Decorsa notte, a conclusione di una incessante attività di indagine, in Cassino presso l’abitazione di un noto pregiudicato del posto, ove aveva trovato rifugio, i Carabinieri del NORM rintracciavano e operavano il fermo di Polizia Giudiziaria emesso dall’A.G. nei confronti di M.A., 47enne tunisino, residente nella Città Martire, riconosciuto responsabile della rapina consumata il 19 settembre scorso unitamente alla donna 38enne. Al termine delle formalità di rito M.A., già censito per stupefacenti, furto, immigrazione clandestina, falso in atto pubblico e resistenza a pubblico ufficiale, veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

FOTO DI REPERTORIO

21 Settembre 2019 0

Latina: Deposito di stupefacenti scoperto dal N.A.S, arrestato e condannato un 30enne

Di felice pensabene

LATINA – I Carabinieri del N.A.S. di Latina , nel corso di attività di contrasto agli illeciti perpetrati contro la salute pubblica ed  al termine di approfondite indagini espletate anche nell’ambito farmaceutico, eseguivano recentemente, con la collaborazione dei militari delle Stazioni Carabinieri di Vitinia e Tor de Cenci, una perquisizione presso l’abitazione di un trentenne di Roma.

Nell’ambito di tale provvedimento,  il personale operante rinveniva consistenti quantitativi di sostanze stupefacenti (hashish e cocaina), un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento di oltre 700 dosi pronte per essere immesse nel circuito dello spaccio clandestino. Venivano rinvenuti altresì oltre 1.800 euro in contanti, sicuro provento dell’attività di spaccio. Quanto rinvenuto veniva quindi sottoposto a sequestro ed il detentore tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’arrestato è stato quindi ristretto temporaneamente presso le camere di sicurezza del Comando Gruppo Carabinieri di Roma – Ostia  in attesa della celebrazione del rito del  giudizio  per direttissima presso il Tribunale di Roma, al termine del quale, veniva giudicato colpevole  e condannato alla pena detentiva di 1 anno e  4 mesi di reclusione ed al pagamento di 1.400 euro di multa.

14 Settembre 2019 0

Sorpreso a Frosinone con 1 chilo di cocaina, arrestato corriere romano

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Trovato in possesso di un chilo di cocaina. Ad arrestare il romano D. M. sono stati i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Frosinone che hanno fermato per controllo sulla via Monti Lepini la sua Lancia Ypsilon. La perquisizione dell’auto ha permesso di rinvenire nell’abitacolo cocaina per un peso complessivo di circa un chilo.

Inevitabili, quindi l’arresto dell’uomo e il sequestro della sostanza stupefacente che, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato oltre 60mila euro. Sono in corso, inoltre, indagini dei carabineiri comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo, per individuare la provenienza e la destinazione della droga.

Ermanno Amedei

foto repertorio

13 Settembre 2019 0

Vendeva la figlia 14enne allo spacciatore e poi lo minacciava, arrestato 50enne e denunciatala madre

Di Ermanno Amedei

SEZZE – I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Latina, in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip presso il tribunale di Roma, concordando con le risultanze investigative prodotte dal predetto reparto, hanno arrestato, P.G. 50 enne di Sezze (LT), in quanto ritenuto responsabile dei reati di prostituzione minorile e cessione di stupefacenti nei confronti di minori.

Gli stessi militari hanno notificato inoltre la misura cautelare del divieto di avvicinamento a tutti i luoghi frequentati dal predetto, ad una donna 40 enne di Sezze, ritenuta responsabile del reato di estorsione aggravata.

Le indagini, svolte anche mediante l’ausilio di attività tecniche ed audizioni protette, effettuate dal reparto analisi criminologiche del Racis di Roma, hanno consentito di accertare che: l’uomo, previo pagamento di denaro e la cessione di sostanza stupefacente del tipo hashish, compiva in più circostanze atti sessuali con una minore, all’epoca dei fatti quattordicenne;

La donna, invece, madre della minore, dapprima ometteva il dovere giuridico genitoriale di denunciare gli atti sessuali di cui sopra, e successivamente induceva l’uomo ad avere ulteriori rapporti con la ragazza, ricevendo da quest’ultimo dazioni di denaro previa minaccia di rivolgersi ai carabinieri qualora non avesse ottemperato al pagamento.

L’arrestato, al termine delle operazioni di rito è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione

27 Agosto 2019 0

Dai domiciliari al letto della vicina di casa, 31enne arrestato per evasione

Di Ermanno Amedei

ROMA – I Carabinieri della Compagnia di Frascati impegnati nei controlli ai detenuti nei domicili, ne hanno sorpreso due al di fuori delle mura domestiche, in violazione delle prescrizioni. Per loro sono scattate di nuovo le manette ai polsi con l’accusa di evasione. Si tratta di un 31enne romano e di un 40enne originario di Andria (BA).

Durante una verifica nell’abitazione di una 44enne in largo Ferruccio Mengaroni, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno sorpreso il 31enne all’interno dell’armadio della camera da letto. L’uomo, che doveva trovarsi nella sua abitazione, nello stesso stabile, agli arresti domiciliari per precedenti reati, non ha fornito il motivo del suo allontanamento. E’ stato arrestato e portato in caserma dove è stato trattenuto in attesa di rito direttissimo.

Poco dopo, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Frascati hanno “pizzicato” il 40enne all’interno di un’abitazione di una palazzina popolare, in via Agostino Mitelli, diversa da quella prevista per la detenzione. Anche in questo caso l’uomo si era allontanato arbitrariamente e senza autorizzazione ed è stato arrestato.

E’ stato ricondotto presso il suo domicilio agli arresti, in attesa del processo.