Tag: arrestato

9 Agosto 2019 0

Minaccia di morte la ex, 43enne arrestato per possesso illegale di pistole e balestre

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VELLETRI – La perquisizione domiciliare a casa di un 43enne di Velletri ha dimostrato che le minacce di morte che l’uomo poco prima aveva rivolto alla ex compagna, erano tutt’altro che irrealizzabili.

Nella sua abitazione, infatti, gli agenti del commissariato di velletri hanno trovato una pistola Glock, camerata con una cartuccia e rifornita con un caricatore con 17 cartucce, una pistola ad aria compressa munita di pallini, due balestre, 6 frecce, un pugnale di colore nero, due kit per la pulizia delle armi. Nella camera da letto poi, sono stati trovati 9.60 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e sostanze dopanti.

Altri proiettili di cui uno calibro 257 magnum, 55 proiettili calibro 9×21 e quattro caricatori, erano all’interno di un borsello poggiato sulla rete di recinzione del giardino.

Alla sua abitazione i polizioti sono arrivati dopo la segnalazione fatta loro dai colleghi di Ostia dove, ieri, sono dovuti intervenire perchè il 43enne, oltre ad aver minacciato di morte la sua ex, ha sferrato un pugno al volto del nuovo compagno della donna.

Inoltre il veliterno era già destinatario di un divieto di detenzione armi e munizioni emesso dal Prefetto di Roma nel 2009. E stato arrestato e dovrà rispondere dinanzi all’autorità giudiziaria dei reati di detenzione di armi clandestine e spaccio di sostanze stupefacenti.

6 Agosto 2019 0

Ruba un costoso cellulare a Frosinone. Rintracciato con un app di geolocalizzazione e arrestato

Di redazione

Guai per un 56enne che ieri è stato arrestato dai carabinieri in flagranza di reato. L’uomo, di origine polacca, dovrà rispondere di furto aggravato. Il fatto si sarebbe consumato tra Fiuggi e Frosinone. L’uomo, infatti, avrebbe rubato un telefono cellulare del valore di 600 euro in negozio di Frosinone e sj sarebbe allontanato rapidamente con la propria auto. Sfortunatamente per lui, il promoter del centro telefonico, utilizzando un’applicazione di geolocalizzazione presente sul telefono rubato, si è messo immediatamente all’inseguimento dell’uomo, finchè lo stesso, dopo aver attraversato il territorio di Ferentino, si è fermato in un piazzale a Fiuggi. La vittima ha chiamato quindi il 112, cosicchè la Centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Alatri si è messa subito in azione. Il 56enne una volta bloccato e perquisito, è stato trovato in possesso della refurtiva che veniva restituita al legittimo proprietario.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’A.G..

Foto d’archivio

5 Agosto 2019 0

Frosinone, la madre non lo sopporta in casa e lui evade dai domiciliari. Arrestato un 54enne

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella tarda notte di ieri il personale del Reparto Volanti ha tratto in arresto un 54enne del capoluogo perché evaso dai domiciliari.

Gli uomini della squadra volante intensificando i controlli alle persone sottoposte agli arresti domiciliari, nel perlustrare le zone più a rischio del capoluogo, individuano un pluripregiudicato, il quale era evaso dai domiciliari perchè la madre 70enne ormai esausta, mal sopportava la sua presenza in casa.

Il 54 enne scovato dalla volante è stato tratto in arresto e in attesa del rito direttissimo trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura.

 

 

2 Agosto 2019 0

Bastonate tra fratelli per la proprietà ad Aquino, arrestato 45enne

Di admin

AQUINO – Hanno litigato per un fatto di proprietà e si sono picchiati fino a coinvolgere nella loro violenza anche i carabinieri intervenuti per calmarli. E’ accaduto ieri ad Aquino quando i militari della Compagnia di Pontecorvo unitamente ai colleghi della locale Stazione hanno arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali un 45enne del luogo, già censito per reati contro la persona e rissa.

La lite tra i due era stata segnalata alla centrale e sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno trovato entrambi i fratelli in escandescenza. Immediatamente i militari cercavano di calmare gli animi, ma nel corso dell’identificazione dei due fratelli il 45enne, in evidente stato di agitazione, si scagliava contro il fratello brandendo un grosso bastone di legno.

Immediatamente i Carabinieri bloccavano il soggetto che opponeva una forte resistenza, tanto che i due militari riportavano lievi lesioni, riuscendo comunque a disarmarlo e bloccarlo.

L’uomo veniva dichiarato in arresto ed unitamente al fratello, veniva trasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino ove venivano riscontrati affetti da “traumi, ferite escoriate e lesioni”con prognosi di 3 giorni per l’arrestato e 10 giorni per il fratello.

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato veniva trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Pontecorvo in attesa del rito direttissimo.

30 Luglio 2019 0

Frosinone, arrestato dai carabinieri un 38enne per “tentato omicidio e minaccia con l’utilizzo anche di armi”

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella tarda serata di ieri, a Frosinone, i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Frosinone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, su richiesta del locale Procura, dott. Samuel Amari, nei confronti di B.E., originario di Frosinone, cl. 81, disoccupato, pluricensurato, nei cui confronti vengono ipotizzati i reati di “tentato omicidio e minaccia con l’utilizzo anche di armi”.

L’odierno provvedimento restrittivo è l’esito dell’attività di indagine, condotta dai sopra citati reparti, da circa tre mesi, all’indomani del danneggiamento ad opera di ignoti di un’attività commerciale, sita in Frosinone, a scopo tipicamente intimidatorio mediante deflagrazione di una bomba carta e successiva esplosione di colpi di arma da fuoco, ha consentito di acquisire a carico dell’arrestato gravi indizi di reità in ordine ai gravi delitti su richiamati ed in particolare di far emergere la sua responsabilità, in concorso con altri soggetti da individuare, su precedenti aggressioni fisiche e minacce, anche con l’utilizzo di armi, in danno dei proprietari dell’attività commerciale.

Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Frosinone.

foto di repertorio

27 Luglio 2019 0

Cervaro, coltivava piante di marijuana per fini di spaccio, arrestato dai carabinieri un 50enne

Di redazionecassino1

CERVARO –  I carabinieri della Compagnia Cassino hanno tratto in arresto L. D., censito per analoga tipologia di reato, per coltivazione, detenzione ai fini di spaccio.

L’uomo è stato sorpreso mentre coltivava una piantagione di marijuana.

Sono state sequestrate 93 piante per un’altezza da 30 cm a 1.70 jr. per un peso complessivo di circa 18 kg. Sequestrato anche un bilancino per il confezionamento delle dosi.

Foto di repertorio

23 Luglio 2019 0

Picchia la moglie davanti alla figlia a Gaeta, arrestato 50enne

Di admin

GAETA – Ieri pomeriggio gli agenti del commissariato di Gaeta sono intervenuti su richiesta di  una donna che era sta aggredita dal proprio marito, unitamente alla propria figlia minore. Sul posto gli operatori hanno trovato la donna straniera che, con la propria figlia in lacrime, ha raccontato delle violenze subite.

In pratica l’uomo ogni qualvolta si ubriacava la ingiuriava, le sputava, colpendola con schiaffi e pugni. Solo all’ennesima lite, avvenuta alla presenza della minore, la donna si era fatta coraggio denunciando i fatti. Mamma e figlia sono state riuncuorate ed accompagnate in ospedale, affinché si accertassero le loro condizioni fisiche.  Successivamente,  la donna e la bambina sono state poste al sicuro presso gli uffici di polizia, ove sono state raccolte le dichiarazioni in merito.

Le ricerche  dell’uomo si sono estese prima presso l’abitazione, poi nei luoghi solitamente da lui frequentati, infine è stato rintracciato presso un bar nelle vicinanze della propria abitazione. L’autore, L.H di anni 50, è stato fermato, fotosegnalato e tratto in arresto per i fatti denunciati dalla donna. E’ emerso inoltre che non era nuovo a fatti simili, in quanto condannato già per altri atti commessi nei confronti di un’altra precedente moglie.  Al termine dell’attività di rito, l’uomo  è stato portato in carcere a disposizione dell’A.G. di Cassino.

22 Luglio 2019 0

Piromane sorpreso ad appicare il fuoco in una ditta di Casalvieri, arrestato

Di admin

CASALVIERI – I Carabinieri delle stazioni di Alvito e Casalvieri hanno arrestato un 20enne incensurato di Casalvieri, sorpreso ad appiccare un incendio all’interno del sito dell’ex ditta “Cava S.Maria”, di Alvito, in località Santa Maria.

Il piromane era da qualche tempo “attenzionato” dai militari, in quanto sospettato di aver dato fuoco a diversi terreni negli ultimi mesi, senza per fortuna causare grossi danni solo grazie alla pronta reazione dei proprietari nello spegnimento.

Durante la stesura degli atti, il reo ha confessato di essere l’autore di altri analoghi episodi incendiari.

4 Luglio 2019 0

Pontecorvo: In debito con Acea di 11.000 euro, manomette i sigilli e monta un contatore. Arrestato

Di redazione

A Pontecorvo, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un uomo di origini marocchine 53enne. L’uomo si è reso responsabile del reato di “violazione di sigilli e furto aggravato di acqua”. Dagli accertamenti svolti dai militari operanti, unitamente al personale Acea Ato 5 di Frosinone, è emerso che l’uomo, previa manomissione dell’impianto idrico e manomissione dei sigilli, ha installato un contatore non omologato, in luogo di quello rimosso per morosità, in quanto debitore di 11.000 euro. Dopo le formalità di rito il 53enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Foto d’archivio

3 Luglio 2019 0

Posti di lavoro in Fiat in cambio di voti, divieto di dimora a Piedimonte San Germano per il sindaco. Arrestato il vicesindaco

Di admin

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Secondo sindaco a finire ne guai nel Cassinate in più chi mesi. Dopo il sindaco di Cervaro, sempre con l’accusa di voto di scambio, è finito coinvolto nell’indagine dei carabinieri di Cassino anche il sindaco di Piedimonte San Germano Gioacchino Ferdinandi. Arrestato e ai domiciliari il suo vicesindaco.

Sono tre le misure cautelari eseguite questa mattina dagli uomini del colonnello Fabio Cagnazzo e del Capitano Ivan Mastromanno  2 con applicazione agli arresti domiciliari e 1 con applicazione del divieto di dimora nel comune di residenza, emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cassino su richiesta della locale procura della repubblica, siccome tutti ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale ” (c.d voto di scambio), posti in essere da politici ed imprenditori locali.

Il provvedimento custodiale verrà eseguito nei confronti dell’attuale sindaco (divieto di dimora) e del vice-sindaco (arresti domiciliari) del comune di Piedimonte San Germano nonchè di un imprenditore del luogo (arresti domiciliari). l’attività di indagine, condotta dal nucleo investigativo, ha permesso di stabilire che gli indagati avevano promosso ed organizzato un consolidato sistema corruttivo finalizzato al voto di scambio a fronte di promesse, in vari casi concretizzatesi, di assunzioni a tempo determinato presso alcune società compiacenti dell’indotto Fiat/Fca, turbando i meccanismi elettorali democratici e agevolando così fraudolentemente il successo elettorale dei politici coinvolti nelle elezioni amministrative.