Tag: bellici

19 Aprile 2019 0

San Vittore del Lazio, scavi in un cantiere riportano alla luce ordigni bellici della II Guerra Mondiale

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SAN VITTORE del LAZIO – Il Secondo Conflitto Mondiale riporta alla luce, a distanza di settantacinque anni, ancora reperti che ne testimoniano il pssaggio sul territorio del cassinate e del Paese.

Nel comune di San Vittore del Lazio, durante i lavori di scavo in un cantiere comunale sono emerse alcune bombe a mano, sicuramente risalenti al Secondo conflitto. Gli ordigni sono riaffiorati durante lo scavo nell’area di un cantiere aperto.

Le bombe a mano non si sa se siano ancora cariche.

Sul posto i carabinieri della locale stazione per transennare la zona e adottare tutti i provvedimenti necessari per metterla in sicurezza, in attesa dell’arrivo degli artificieri.

Un ennesimo ritrovamento, la storia che riemerge dalla terra. Ordigni che testioniano, a distanza di molti anni, quanto sia stato drammatico il Conflitto per il nostro territorio.

F. Pensabene

.

7 Febbraio 2019 0

Paura all’aeroporto di Ciampino, ritrovati tre ordigni bellici della II Guerra mondiale

Di redazionecassino1

ROMA/CIAMPINO –  Paura questo pomeriggio all’aeroporto romano di Ciampino.

Per tre ore lo scalo romano è stato evacuato dal personale di servizio, dai passeggeri in partenza, molti dei quali pronti allla partenza e già sugli aerei. Il motivo dell’allarme il ritrovamento, durante i lavori di rifacimento di alcune delle piste di decollo, di tre ordigni bellici della II Guerra mondiale. L’allarme per il ritrovamento è scattato intorno alle ore 14.

L’aeroporto di Ciampino è rimasto chiuso per oltre tre ore per consentire agli artificieri di prelevare gli ordigni.

I passeggeri, il personale della torre di controllo, personale di terra, i cittadini del comune romano, circa tremila persone,  nel raggio di oltre trecento metri  sono stati fatti allontanare per precauzione fino al completamento delle operazioni di recupero e disinnesco degli ordigni.

Le operazioni si xono concluse intorno alle ore 17.30 tutte le persone sono potute rientrare nello scalo romano.

Inevitabili i disagi e le ripercussioni si sono avute nelle partenze e negli arrivi.

Al momento l’aeroporto ha ripreso l’attività, anche se molto lentamente, è tornato alla normalità.

1 Dicembre 2016 0

Ordigni bellici nel cantiere della nuova chiesa a Cassino

Di Antonio Nardelli

Cassino – Continuano a rimergere anche a distanza di settant’anni dalla guerra ordigni bellici inesplosi a Cassino. Tre proiettili inesplosi della seconda guerra mondiale sono stati rinvenuti in Via Garigliano nel primo pomeriggio di oggi. Sono riaffiorati durante lolo scavo nell’area antistante l’istituto magistrale dove è in costruzione la nuova chiesa cattolica. Si tratta di tre bombe, cariche, da 75 millimetri.

Gli ordigni bellici sono carichi e per questo è intervenuta la ditta B. M. Service per effettuare la bonifica. E’ il secondo ritrovamento di ordigni bellici che viene fatto nel cantiere in questione da quadno sono iniziati i lavori qualche mese fa.

20 Ottobre 2016 0

Spedisce residuati bellici in Inghilterra e detiene a casa armi della Seconda Guerra Mondiale

Di admin

Santi Cosma e Damiano – Ha tentato di spedire in Inghilterra una bomba a mano MK II inglese della Seconda guerra Mondiale.

Un oggetto ambito da collezionisti ma comunque considerato arma da guerra anche se sprovvisto di detonatore e carica esplosiva.

A rinvenirla in un pacco postale è stato l’ufficio di Frontiera Aerea di Roma a Ciampino spedita da G.M. di Santi Cosma e Damiano.

Informata la polizia di Formia, è scattata la perquisizione della casa dove sono stati trovati bombe a mano, tre ogive, più di cento bossoli di grosse e piccole dimensioni inertizzati perché privo di polveri, una baionetta, 2 pistole antiche con carica a polvere da sparo, anche loro prive di qualsiasi innesco o polveri. Tutto l’armamento è stato sequestrato e l’uomo è stato arrestato.

28 Maggio 2010 0

Residuari bellici sui binari, ripreso il traffico ferroviario

Di redazione

Qualche minuto dopo le 19, i treni sono tornati a circolare sull linea ferroviaria Cassino Napoli. La circolazione ferroviaria era stata fermata questa mattina alle 11.40 a cuasa della presenza, vicino alle rotaie, di ben nove bombe a grappolo di fabbricazione inglese. I residuati bellici risalenti al secondo conflitto mondiale sono stati trovati dalla pollizia ferroviaria nei pressi della stazione di fontana Rosa a Cervaro. Oggi pomeriggio gli artificieri sono intervenuti rimuovendoli e permettendo il ripristino del traffico ferroviario. ermadei@libero.it

4 Febbraio 2010 0

Ordigni bellici di ogni misura abbandonati sul costone di Montecassino

Di redazione

Sono trascorsi esattamente 66 anni dalla tragica “Seconda Battaglia di Montecassino”, ma il passato non è ancora completamente sepolto. Anzi, una parte di esso è stato dissepolto da ignoti sconsiderati che, nel corso di lavori di sbancamento a Villa S. Lucia (Fr), hanno rinvenuto cinque potenti ordigni bellici inesplosi dell’ultima guerra mondiale, hanno omesso di denunciarli all’Autorità di Pubblica Sicurezza e li hanno abbandonati su un costone di Montecassino, adiacente ad una strada sterrata ed accessibile a tutti. Gli ordigni, in uso alle Forze Armate Tedesche nel…

corso delle terribili vicende belliche che hanno visto la distruzione dell’Abbazia, erano in buono stato di conservazione, sebbene ossidati, e sarebbero potuti esplodere in qualsiasi momento. Si tratta, nello specifico, di due proiettili di mortaio, due proietti d’artiglieria contraerea e di una bomba d’artiglieria pesante campale o costiera della lunghezza di oltre 80 centimetri. Dal primo sommario esame svolto da tecnici artificieri antisabotatori della Guardia di Finanza e da appassionati delle vicende belliche del Cassinate, le bombe sono presumibilmente assimilabili ai seguenti modelli: – 1 granata da mortaio da 50 mm (presumibilmente Granatwerfer 36); – 1 granata da mortaio da 80 mm (presumibilmente Granatwerfer 35); – 2 proietti da artiglieria contraerea da 88 mm (presumibilmente German 88mm Flak); – 1 bomba da artiglieria pesante campale da 250 libbre. Gli artifizi sono stati rinvenuti da una pattuglia delle Fiamme Gialle della compagnia di Cassino comandata dal capitano Vincenzo Ciccarelli. Appena riconosciuta la pericolosità della situazione, i finanzieri hanno provveduto a delimitare l’area, salvaguardando la popolazione da possibili esplosioni, facendo scattare tutte le necessarie procedure di protezione e difesa civile in attesa del brillamento e della bonifica e mettendo in sicurezza la zona adiacente. Le Fiamme Gialle, inoltre, hanno fatto rilievi fotografici ed hanno proceduto a documentare formalmente le bombe, in quanto le modalità di ritrovamento fanno pensare che siano state depositate recentemente in quel luogo, a seguito di attività umana (lavori di movimento terra e sbancamento): la segnalazione è stata inviata all’Autorità Giudiziaria, e i militari continuano le indagini per scoprire i responsabili dell’omessa denuncia. La Guardia di Finanza invita la cittadinanza a segnalare tempestivamente all’Autorità statale il ritrovamento di ordigni di ogni tipo, allo scopo di evitare che, a distanza di decenni dalle vittime dei Gurkha indiani e dei Diavoli Verdi germanici, se ne aggiungano altre in tempo di pace.