Tag: cambia

13 Settembre 2019 0

Sanità regionale, accesso ai Pronto soccorso: via il sistema dei codici ‘a colori’ si passa a quelli numerici

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Sanità si cambia tutto, addio ai codici rosso, giallo, verde e bianco. Ora i pronto soccorso del Lazio ragioneranno su cinque livelli di emergenza, che saranno rappresentati dai numeri. In ordine decrescente, il codice 1 sarà l’emergenza più alta mentre il codice 5 rappresenterà la non urgenza. Una vera e propria rivoluzione per la Regione, prima fra gli enti di tutta Italia ad approvare il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore con i codici numerici. A presentare la novità è l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, che parla di “un passaggio che non è un semplice adempimento o spacchettamento del sistema dei codici a colori, ma rappresenta un nuovo processo di codifica nel quale si ridefiniscono i tempi massimi di attesa, la definizione clinica del paziente e i parametri vitali per l’attribuzione finale del codice numerico”. Un lavoro molto complesso, che ha coinvolto oltre 100 operatori di tutte le strutture pubbliche e accreditate lo ha definito l’assessore D’Amato che dovrebbe cambiare radicalmente la presa in carico dei pazienti nella rete dell’emergenza e la catena di responsabilità. I lavori di adeguamento informatico dei sistemi dei Pronto soccorso dovranno essere completati entro l’anno e le Asl, le Aziende Ospedaliere e i policlinici universitari di tutte le sedi di Ps stanno predisponendo la formazione del personale entro il prossimo 31 ottobre. Sarà assicurata inoltre la massima divulgazione del manuale operativo tra gli operatori, il personale infermieristico e i cittadini. Adesso scatta il conto alla rovescia poiché dal prossimo anno si dovrà adottare il nuovo sistema.

foto di repertorio

27 Maggio 2019 0

Elezioni Europee, Salvini sfonda il 30%… ma cambia poco o nulla

Di Ermanno Amedei

DALL’ITALIA – La Lega vola al 34,3%, il Pd diventa il secondo partito con il 22,7 e il Movimento 5 Stelle crolla al 17,07%. Le elezioni Europee hanno confermato ciò che già si ipotizzava e cioè che la Lega di Matteo Salvini viaggia con il vento in poppa. Se dalle urne chiuse ieri sera alle 23 fosse uscito il risultato delle elezioni Politiche, ciò avrebbe significato un cambio di Governo nel Paese con Salvini Primo Ministro a cui sarebbe bastato l’appoggio di Forza Italia e Fratelli d’Italia per fare un Governo senza gli amici/nemici del M5S. Ma quelle di ieri sono consultazioni Europee e lo stravolgente risultato di Salvini può servirgli per “mostrare i muscoli”, ma che nella sostanza delle cose cambia poco o nulla.

In Europa le forze salviniane si collocano in uno schieramento che resta comunque all’opposizione, quindi impossibilitate a dare quella sterzata al più alto istituto del vecchio Continente.

In Italia Invece… la stessa cosa.

I numeri in Parlamento restano quelli sanciti dalle elezioni Politiche di Maggio, con i parlamentari della Lega insufficienti, come lo erano la scorsa primavera, per muoversi in autonomia senza i pentastellati che, invece, hanno una maggioranza, anche loro non sufficiente per governare da soli.

Anche se il segretario della lega ha confermato il rispetto del contratto di Governo con Di Maio senza voler chiedere rimpasti o riequilibri, è altrettanto vero che ha anche puntualizzato la necessità di rimuovere i “no” che bloccano alcuni suoi cavalli di battaglia, e ciò suona come un… “altrimenti” e quindi una minaccia.

Ma ai fini pratici, probabilmente, cambia che Salvini possa dire, rispolverando un vecchio detto Leghista, di “avercelo più duro” minacciando, con questo risultato ottenuto, un ritorno alle urne quando non trovano accordi con gli alleati di Governo. Sa anche, però, che i risultati delle elezioni Politiche non sarebbero necessariamente identici a quelli scaturiti dalle urne questa notte; sa anche che ipotetiche nuove elezioni si svolgerebbero tra mesi se non addirittura un anno e se questo periodo per la politica di un tempo era esiguo, all’epoca dei social non lo è più; sa anche che la sua politica aggressiva, sempre sul filo del rasoio, così come tanto gli ha dato in un anno, alla stessa maniera potrebbe strappargli nello stesso periodo. Inoltre, guardando i dati di questa mattina e immaginando la costituzione di un governo che si formasse con essi, sarebbe facile ipotizzare un ritorno in maggioranza, magari con un ministero, per Silvio Berlusconi; a quanti leghisti, ma soprattutto, a quanti di coloro che si sono astenuti al voto questa prospettiva piacerebbe?

Ermanno Amedei  

12 Novembre 2017 0

Dalla piazza al parco, a Cassino cambia la geografia dello spaccio

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Dalle piazze ai parchi, l’attuvitá di spaccio a Cassino sembra canbiare continuamente geografia e protagonisti. Da piazza Labriola al parco Baden Powell, da italiani a stranieri. É quanto sembra emergere dagli ultimi esiti investigativi delle forze dell’ordine. L’ultima in particolare dei carabinieri, raccontano di un 31enne cittadino ghanese residente nella città martire, già censito per resistenza a P.U., violenza privata e rapina sorpreso a spacciare nel parco Baden Powell. Il servizio, svolto unitamente ai colleghi del Nucleo Operativo ha permesso di rinvenire nella disponibilità di un 44enne e un 34enne calabresi, incensurati, di transito in città, due dosi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, del peso complessivo di grammi 3,8 circa. Grazie anche alle testimonianze dei due soggetti, le indagini immediatamente attivate dai Carabinieri hanno permesso di risalire al cittadino straniero, residente in città da diversi anni e già noto ai militari operanti. Lo stupefacente rinvenuto é stato sottoposto a sequestro, mentre i due soggetti controllati, sono stati segnalati alla Prefettura competente quali assuntori di sostanze stupefacente e lo straniero denunciato.

20 Settembre 2017 0

Cambia sede la stazione dei carabinieri di Piglio, per lavori di adeguamento sismico al vecchio edificio

Di felice pensabene

Piglio– – Dopo anni di permanenza in pieno centro, in attesa dei previsti e programmati interventi di adeguamento sismico sulle strutture dell’edificio, si è reso necessario trasferire temporaneamente la sede della Stazione Carabinieri di Piglio, da Via Circonvallazione n.2 a Via Stazione nr.1 dello stesso centro, presso lo stabile ceduto in comodato d’uso gratuito dall’Amministrazione Comunale locale.  In data odierna, la sede temporanea è operativa e pronta a rendere alla popolazione un servizio adeguato alla realtà locale e garantire alla cittadinanza una presenza costante dell’Arma per poter far fronte alle esigenze dei cittadini che costantemente si rivolgono anche per esigenze di carattere privato, divenendo vero e proprio punto di riferimento degli stessi, soprattutto nei piccoli paesi dove li vedono a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica siccome unica autorità presente.

7 Luglio 2017 0

La stazione di Cassino cambia immagine, avviati i lavori di restyling

Di felice pensabene

Cassino – “La stazione ferroviaria di Cassino cambia immagine. Sono iniziati i lavori di restyling della parte esterna che prevedono la ristrutturazione delle pareti mentre continua l’ammodernamento interno della comunicazione con nuovi monitor ma soprattutto, finalmente, l’eliminazione delle barriere architettoniche attraverso nuovi e comodi accessi”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale Marino Fardelli. Da alcuni giorni infatti la stazione ferroviaria di Cassino è divenuta un cantiere, con le pareti chiuse da impalcature. “Le pareti verranno ritinteggiate e messe in sicurezza e l’esterno sarà reso più accogliente. Basti pensare che quattro ani fa, quando si insediò il Governo Zingaretti, i pendolari segnalavano che l’orologio esterno era fermo alle 12.15 da ben sei anni.  – afferma Fardelli – All’interno verrà innovata la comunicazione con nuovi monitor, ma quello che più mi rende soddisfatto di questi investimenti messi in atto da Regione Lazio e Trenitalia, è che finalmente verrà abolita la vergogna delle barriere architettoniche. Non è più pensabile che un luogo non sia accessibile a chi non ha la possibilità di districarsi tra gradini marciapiedi scale e scalinate”. La ristrutturazione della stazione ferroviaria di Cassino fa parte di una progettualità messa in atto di concerto tra Regione Lazio e Trenitalia e che riguarda anche altre stazioni ferroviarie della FL6. “Anche Frosinone, Ferentino e Roccasecca rientrano nel progetto di ristrutturazione. La Regione Lazio del Presidente Zingaretti sta cambiando volto e sostanza ai trasporti. Dopo l’arrivo di nuovi treni che hanno migliorato le condizioni di viaggio, si punta anche alla fruibilità delle stazioni. Continuo a pressare la Regione Lazio affinchè si trovino soluzioni anche ai tempi di percorrenza che restano troppo lunghi rispetto alle necessità dei pendolari e soprattutto alla competitività di un intero territorio e su questo si sta lavorando” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.

 

24 Giugno 2010 0

L’acqua del fiume cambia colore, è mistero e preoccupazione in località Solfegna Cantoni

Di Comunicato Stampa

Misterioso fenomeno in località Solfegna Cantoni a Cassino. La località in questione è attraversata da un corso d’acqua proveniente da Villa Santa Lucia che, spesso, ha fatto registrare episodi di inquinamento ambientale. A colte schiuma, a volte un colore opaco e un forte lezzo dell’acqua, questa volta il canale è divenuto rossiccio. La fanghiglia tipica del canale ha acquistato l’inusuale colorazione che è stata ben presto segnalata alle forze dell’ordine che hanno dato il via alle indagini per stabilire le cause del fenomeno.

30 Maggio 2010 0

Slot machine e macchinette cambia soldi gettate in un campo, erano state svuotate dopo un furto, recuperate dalla polizia provinciale

Di Natalia Costa

Gli uomini della Polizia provinciale, agli ordini del Comandante Massimo Belli, hanno rinvenuto abbandonate nei pressi del cimitero di Sant’Apollinare, nel Cassinate, tre slot machine e una macchina cambia soldi.

Visibilmente scassinati i macchinari sono risultati trafugati qualche tempo fa da un esercizio commerciale del posto, il bar-pizzeria “Incas”.

Il furto delle slot machine era stato denunciato ai carabinieri della locale stazione.

La vittima del furto è tornata in possesso dei macchinari.

Tamara Graziani

15 Aprile 2010 0

Giunto alla 21esima edizione il premio “Rocca d’oro” cambia sede

Di Comunicato Stampa

Cambia sede il Premio Internazionale Professionalità “ Rocca D’Oro”, quest’anno si svolgerà nel corso principale della città di Paliano. Il Premio è stato dedicato all’anno internazionale delle Donne ed avrà come presidente di Giuria il dott. Bruno Ferraro, (Presidente del Tribunale di Tivoli già presidente di Cassino e Velletri), direttore artistico per gli spettacoli è Claudio Marini, direttore di scena Alessandro Galiano ( scenografo di Renato Zero) direttore di riprese e regista Alessandro Di Filippo ( regista Sky). Con questa iniziativa, si pensa di coinvolgere tantissimi personaggi come è stato fatto negli anni scorsi, che potranno scoprire la cità di Paliano al fine di creare nuovo turismo per quanti hanno a cuore la città di Paliano, che ha cambiato volto amministrativo e che sta cercando una nuova immagine. Quindi, il prestigioso premio, giunto alla 21 edizione, sicuramente porterà alla città di Paliano, una grande visibilità televisiva, che a Paliano non si era mai vista prima e soprattutto c ‘è da augurarsi che questa novità sia ben accettata dai palianesi e dalle attività del posto. Un premio, che comunque va a trasferirsi nella casa del Principato dei Colonna, che praticamente hanno fatto la storia, non solo di Paliano, ma anche dei paesi vicini. “ Mi costa davvero molto abbandonare la caratteristica” piazzitella” di Serrone, però credo che Fontana bellezza, la piazzetta su cui insiste questo monumento – ha detto il patron del premio Giancarlo Flavi- non sia da meno. Paliano, poi ci consente di avere molto più pubblico. Sembra giusto che il premio esca da Serrone, perché è bene integrare sempre più culture Paliano e Serrone sono praticamente segnate dalla stessa storia, insieme possono, come è stato fatto di recente, creare l’opportunità turistiche necessarie al rilancio dell’economia della zona, di questo noi vorremmo essere un piccolo granellino che possa servire a qualcosa nell’interesse però non solo di Paliano, ma di tutto il comprensorio ed io aggiungerei anche di Piglio, zona che deve essere più amalgamata nel senso turistico enogastronomico, considerato che si hanno gli stessi prodotti che sono di ottima qualità. Insomma- aggiunge Flavi- anche con il premio si vuole contribuire a dare quel piccolo contributo necessario per far evidenziare non solo Paliano, ma tutto il comprensorio a nord della ciociaria”. Le modalità, la composizione della giuria è in corso di definizione, anche perché sono state avanzate domande a diversi enti. IL logo sarà una grande e graditissima sorpresa.

2 Febbraio 2010 0

Il Cassino cambia guida, presentato mister Sanderra

Di Comunicato Stampa

E’ stato presentato alle ore 14 il nuovo allenatore della S.S. Cassino. E’ il romano Stefano Sanderra, classe ’67, ex tecnico (tra le altre) di Barletta, Gela, Tivoli, Frosinone e L’Aquila. “Ho dell’ottimo materiale a disposizione – ha detto la neo guida del cassino – sono convinto che qui si possa lavorare bene”. Il resto dell’intervista e la presentazione ufficiale nella rubrica “Il Bar dello Sport”.

14 Novembre 2009 0

Digitale terrestre, da lunedì nel Lazio la televisione cambia “canale”

Di Comunicato Stampa

Dal 16 al 30 novembre il Lazio passa definitivamente alla televisione digitale terrestre, con l’esclusione di alcune aree della provincia di Viterbo. Con il passaggio al digitale il segnale analogico verrà definitivamente spento e per la prima volta in Europa un’area così vasta, con 357 comuni e un totale di oltre 4.600.000 cittadini, riceverà il segnale televisivo esclusivamente tramite televisori dotati di un decoder digitale. Più offerta di canali, migliore qualità delle immagini e del suono saranno a disposizione di tutti senza alcun abbonamento aggiuntivo. In particolare dal 16 al 18 novembre le trasmissioni passeranno al digitale nella città di Roma, in tutti i comuni della provincia di Roma e in alcuni delle province di Latina, della Sabina e della Ciociaria. Dal 19 al 21 novembre il passaggio verrà effettuato a Frosinone e nel resto della provincia, mentre tra il 23 e il 24 novembre a Rieti e provincia. Completeranno il quadro, dal 25 al 30 novembre, il sud pontino e le Isole Ponziane. Dal momento dello switch-off, anche se si ha già installato in casa un decoder digitale, sarà necessario sintonizzare di nuovo i canali televisivi sul proprio televisore. E per ricevere i programmi, ogni televisore presente in casa dovrà avere installato un suo decoder. La vecchia televisione analogica non trasmetterà più alcun programma. Per rendere più semplice il passaggio alla televisione digitale, la Regione Lazio ha programmato una serie di iniziative per aiutare i cittadini ad adeguarsi alla nuova tecnologia. Oltre alla campagna di comunicazione, prevista fino al 15 dicembre, l’assessorato alla Tutela dei consumatori della Regione Lazio ha dato vita a un accordo con gli antennisti per installare impianti a prezzi calmierati, a 35 euro per intervento. Per i cittadini con più di 65 anni e un reddito al di sotto dei 10mila euro (in regola con il pagamento del canone televisivo) è previsto inoltre un contributo pubblico di 50 euro per l’acquisto di un decoder. Infine, nei giorni del passaggio al digitale, i volontari della Regione Lazio raggiungeranno i centri anziani, le scuole e gli uffici pubblici del Lazio per aiutare le strutture a effettuare correttamente il trasferimento al digitale. Per tutte le informazioni è a disposizione un numero verde (800-022000) insieme ai siti internet www.portaleconsumatori.it e www.decoder.comunicazioni.it.