Tag: cambia

10 Novembre 2009 0

Energia elettrica, con una truffa il Comune cambia gestore

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una truffa da lasciare di sasso anche i maestri Totò e Peppino. Una cosa semplice semplice ma efficace e che, comunque, prima o poi sarebbe venuta alla luce. All’insaputa di tutti, un 32enne di Avellino ha fatto cambiare gestore di energia elettrica all’intero comune di Cassino. Le prese di corrente di tutti gli uffici comunali sono passati dalla gestione dell’Enel a quella della Edison. Per fare questo, pare addirittura dal mese di maggio, il 32enne ha adoperato lettere del sindaco con firme apocrife, false carte intestate del comune, falsi timbri di funzionari e falsi documenti personali. Tutto questo per dimostrare alla Edison di aver stipulato un contratto sostanzioso e per percepire la ricca provvigione. Dopo alcuni mesi, però, la società fornitrice di corrente, ha dovuto accorgersi che il comune di Cassino era un cattivo pagatore dato che non aveva saldato nessuna delle bollette. Un conto energia che è lievitato fino a 20 mila euro e quando l’ufficio legale della società ha minacciato le vie legali, qualcuno, da piazza De Gasperi, ha fatto loro sapere di non aver mai autorizzato al passaggio da una società all’altra. Quando sono state tirate fuori i documenti, è emersa la truffa e quindi è stata informata la polizia. Il nucleo informativo del Commissariato di Cassino coordinato dal sostituto commissario Crescenzo Pittiglio, quindi, è risalito al 32enne e lo ha denunciato per truffa, sostituzione di persona, falso e uso di sigilli falsi. A questo punto resta da capire chi pagherà la bolletta del Comune. Ermanno Amedei

1 Settembre 2009 1

Codice della strada più severo: ecco cosa cambia

Di redazione

Il codice della strada diventa più severo in particolar modo per le infrazioni commesse durante la notte. Il nostro esperto spiega come de cosa cambia in seguito alle modifiche apportate dal Ministero dell’Interno. Controlli notturni della polizia stradale Multe più salate per chi commette alcune infrazioni al codice della strada dopo le 22 e fino alle 7 di mattina; ma anche multe che vanno da 500 a 1.000 euro per chi getta dai veicoli – in sosta o in movimento – rifiuti o altri oggetti che sporcano le strade pubbliche. Sono due delle principali novità del Codice della strada (CdS), così come modificato dalla legge n. 94/2009 (cosiddetto “pacchetto sicurezza”) pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio e in vigore dall’8 agosto 2009. Il provvedimento sul decoro delle strade è stato introdotto nel CdS con l’articolo 34bis insieme a tante altre novità che riassumiamo. Alcol e droga: sanzioni più pesanti Per chi guida un veicolo non di proprietà con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l la durata della sospensione della patente viene raddoppiata (passando da 1-2 anni a 2-4 anni) visto che il mezzo non può essere confiscato. La stessa sanzione si applica anche in caso di guida sotto effetto di sostanze stupefacenti. Sospensione di patente e patentino Come già accade per la patente di guida anche il certificato di idoneità per ciclomotori potrà essere ritirato, sospeso o revocato in base alle infrazioni. Anche al patentino si applicherà il meccanismo della patente a punti per le violazioni al codice che prevedono la decurtazione di punti. Non solo. Le sanzioni amministrative accessorie del ritiro, della sospensione e della revoca sono applicabili – come previsto dal nuovo articolo 219bis – anche nel caso in cui le violazioni che le prevedono siano commesse alla guida di un veicolo che non richiede la patente. Ad esempio se si guida un ciclomotore in stato di ebbrezza può essere sospesa la patente se il conducente ne è titolare. Lo stesso vale per i punti patente. Rilascio patente: regole più severe Per quanto riguarda i requisiti morali per ottenere il rilascio della patente di guida di veicoli e del cosiddetto patentino per ciclomotori, nel CdS si ribadisce che non possono conseguire l’abilitazione le persone sottoposte a misure di sicurezza, delinquenti abituali, professionali o per tendenza. I controlli saranno effettuati prima del rilascio della patente, a differenza di quanto accedeva fino ad oggi. È prevista pertanto anche una sanzione pecuniaria – da 1.000 a 3.000 euro – per chi rilascia titoli alle persone che non ne hanno diritto. La disposizione non è subito operativa: bisogna attendere un regolamento. Inoltre coloro che fino ad oggi hanno guidato un ciclomotore senza essere in possesso del “patentino”, o di una patente di guida, dal 1 ottobre 2009 dovranno sottoporsi all’esame che attesta i requisiti fisici e psichici necessari per la patente di categoria A. Certificati assicurativi falsi o contraffatti Per chi circola con documenti assicurativi falsi o contraffatti è previsto il sequestro e la confisca del veicolo. Quest’ultima si applica solo quando il veicolo con assicurazione falsa è condotto dal suo intestatario. Di notte le multe aumentano Le sanzioni amministrative per chi supera i limiti di velocità, per chi non rispetta l’obbligo di precedenza, per chi passa il semaforo con il rosso, per chi compie manovre pericolose, per chi non mantiene la distanza di sicurezza e per i conducenti professionali che non rispettano i tempi di guida e di riposo sono aumentate di un terzo quando sono commesse tra le 22 e le 7. Analogo aumento delle multe di un terzo è previsto per chi guida in stato di ebbrezza da alcol o da sostanze stupefacenti. Gli introiti delle infrazioni commesse nelle ore notturne andranno ad alimentare il Fondo di incidentalità notturna, istituito nel 2007 per finanziare e potenziare il controllo delle strade durante la notte.

26 Agosto 2009 1

Autovelox, si cambia gestione

Di redazione

Il ministro dell’Interno Roberto Maroni ha emanato una direttiva che modifica sensibilmente l’uso degli autovelox. Tra le novità più rilevanti spicca lo stop a società private alla gestione degli apparecchi per il rilevamento della velocità e la massima tutela della privacy. Ora spetterà ai Prefetti e agli organi di polizia stradale il compito di disciplinare l’utilizzo degli autovelox ispirandosi a criteri di efficienza e trasparenza. L’obiettivo infatti è la prevenzione sulle strade in vista del traguardo fissato dalla Commissione Europea di dimezzare entro il 2010 il numero delle vittime per incidenti stradali. Il provvedimento affida ora ai Prefetti il compito di monitorare il territorio e di pianificare attività di controllo sulla velocità avvalendosi delle Conferenze Provinciali Permanenti dove sono rappresentati tutti i soggetti pubblici interessati alla materia. In particolare dovranno essere individuati i punti critici per la circolazione dove si registrano più incidenti, facendo riferimento al biennio precedente, e quindi installare apparecchi, come tutor e autovelox con eventuale contestazione successiva alla violazione. Alla Polizia stradale, proprio per via della sua specializzazione in materia è affidato il compito di coordinamento operativo dei servizi e il monitoraggio dei risultati dell’attività di controllo svolta da tutte le forze di polizia e dalle polizie locali. In breve ecco le novità principali contenute della direttiva: -gestione delle apparecchiature solo dagli operatori di Polizia· -controllo periodico di funzionalità degli apparecchi -modalità di segnalazione della presenza delle postazioni di controllo improntate alla massima trasparenza -modalità di accertamento e contestazione delle violazioni in materia di velocità (non è sempre richiesto il fermo del veicolo per contestare la violazione) -tutela della riservatezza (le foto o le riprese video devono essere trattate solo da personale degli organi di polizia incaricati al trattamento e alla gestione dei dati).

19 Giugno 2009 0

Cambia il vescovo: mons. Iannelli sostituisce mons. Brandolini

Di redazione

Cambio al vertice della diocesi di Sora, Aquino, Pontecorvo. Monsignor Filippo Iannone è il nuovo vescovo e sostituisce monsignor Luca Brandolini che ha raggiunto i limiti di età per il pensionamento. Mons. Iannone, nato il 13 dicembre 1957, lascia la carica di vescovo ausiliare di Napoli. Ha studiato teologia alla Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, dove ha conseguito il Baccalaureato in Teologia e, in seguito, alla Pontificia Università Lateranense, presso la quale ha ottenuto il Dottorato in Utroque Iure. Da Vescovo Ausiliare di Napoli ha collaborando con i cardinali Giordano e Sepe. Al neo Vescovo sono giunti gli auguri dell’assessore regionale Francesco Scalia che in una lettera scrive: “Desidero esprimere all’eletto le mie più profonde felicitazioni e i migliori auguri per la sua missione alla guida della Diocesi, e per un’intensa e proficua attività pastorale. Colgo l’occasione per presentare a S.Ecc. Mons. Luca Brandolini, Vescovo emerito, il ringraziamento sincero per la paternità esercitata”.

27 Febbraio 2009 1

Cambia le lettere alla targa dell’auto, denunciato un 28enne

Di redazione

Sembra un gioco ma invece, si tratta di una falsificazione che ha portato un 28 a beccarsi una denuncia. “JJ” trasformato in “UU”, gli agenti di polizia stradale se ne sono accorti e, oggi pomeriggio, hanno denunciato per “falsificazione, manomissione di targhe e uso di targhe false”, un cosentino di 28 anni. Il controllo della sua auto, un’Audi A2 in transito sull’autostrada Roma Napoli direzione sud, è scattato nel territorio di Castrocielo (Fr). Per gli agenti della Sottosezione di Cassino agli ordini del Sostituto commissario Italo Acciaioli è stato facile accorgersi della falsificazione dato che la carata di circolazione portava infatti …..JJ. Il 28enne inoltre non ha saputo dare una spiegazione all’anomalia e, oltre alla denuncia, la sua auto è stata sottoposta a fermo amministrativo mente la targa è stata sequestrata.