Tag: cervaro

7 Agosto 2019 0

Cervaro, scoperta e sequestrata dai carabinieri una discarica abusiva su terreno comunale

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CERVARO – Non conosce sosta il malcostume di depositare rifiuti in modo incontrollato e a cielo aperto. Ieri a Cervaro, i militari della locale Stazione, nel corso di un servizio teso alla tutela ambientale, rinvenivano in un fossato adiacente al parco Vallicelle, su un terreno comunale, una discarica abusiva di rifiuti speciali consistenti in materiale plastico e ferroso (vecchi pneumatici, carcasse di elettrodomestici e rifiuti di vario genere).

L’area interessata di circa 20 mq è stata circoscritta e sottoposta a sequestro nonché segnalata al Comune di Cervaro per la relativa bonifica.

Sono in corso indagini per addivenire all’identificazione degli autori dell’abbandono dei rifiuti. 

27 Luglio 2019 0

Cervaro, coltivava piante di marijuana per fini di spaccio, arrestato dai carabinieri un 50enne

Di redazionecassino1

CERVARO –  I carabinieri della Compagnia Cassino hanno tratto in arresto L. D., censito per analoga tipologia di reato, per coltivazione, detenzione ai fini di spaccio.

L’uomo è stato sorpreso mentre coltivava una piantagione di marijuana.

Sono state sequestrate 93 piante per un’altezza da 30 cm a 1.70 jr. per un peso complessivo di circa 18 kg. Sequestrato anche un bilancino per il confezionamento delle dosi.

Foto di repertorio

22 Giugno 2019 0

Cervaro, si dimette il sindaco D’Aliesio

Di redazionecassino1

CERVARO – Il sindaco di Cervaro Angelo D’Aliesio si dimette. Lo si legge in una nota inviata alla stampa n cui spiega la sua decisione: “Pur esprimendo apprezzamento, al Dott. Ignazio Portelli – Prefetto di Frosinone, per il provvedimento di revoca della mia sospensione dalla carica di Sindaco del Comune di Cervaro, dopo attenta e sofferta riflessione, è prevalsa in me l’esigenza di sentirmi libero di difendermi nel procedimento a mio carico, nel corso del quale, confermando la piena fiducia nella giustizia, sono certo, che verrà fatta totale chiarezza sulla mia posizione e verranno riconosciute la mia assoluta innocenza ed estraneità ai fatti che mi sono contestati. In questi giorni la mia esistenza è stata segnata da alcuni fattori negativi, primo tra tutti quello di non poter essere utile, in qualità di medico, ai miei pazienti, l’altro il tourbillon dei media e dei social network di cui sono stato bersaglio, in maniera offensiva e denigratoria, io e la mia famiglia” .”scelgo di fare un passo doloroso – prosegue nella sua nota D’Aliesio – ma necessario: dimettermi dall’incarico di Sindaco della Città di Cervaro. So che in politica non è una prassi consueta, ma non ho mai sentito come prioritario, a parte il rispetto alla stima e all’amicizia dei miei concittadini, l’attaccamento alla poltrona da sindaco. Ho sempre vissuto del mio lavoro e intendo continuare a farlo anche in futuro. Conclude con un ringraziamento a tutti i suoi collaboratori ed ai cittadini di Cervaro che nel 2012 e nel 2017 gli hanno consentito di amministrare la città di Cervaro, “Ho avuto e avrò sempre rispetto per tutti e continuerò a servire la collettività come medico con dedizione e passione per la mia professione”.

19 Giugno 2019 0

Il Prefetto reintgra il sindaco di Cervaro, ma D’Aliesio si autosospende

Di redazionecassino1

 

CERVARO – Revocata dal prefetto di Frosinone, Ignazio Portelli, la sospensione dalla carica di sindaco di Cervaro al dottor Angelo D’Aliesio. Il primo cittadino, tuttavia, ha deciso di autosospendersi fino a quando la sua posizione non sarà chiarita. “Pur esprimendo grande soddisfazione per la decisione del Prefetto di Frosinone – scrive D’Aliesio in una nota – di revoca della sospensione dalla carica di Sindaco del Comune di Cervaro, ho comunque intrapreso la sofferta decisione di autosospendermi. Tale scelta – prosegue il sindaco D’Aliesio –  dettata anche dal profondo rispetto nei confronti della magistratura, perdurerà fino a quando non sia pienamente chiarita la mia assoluta estraneità ai fatti. Non ho deciso di dimettermi dalla carica di Sindaco perché nutro altrettanto rispetto per la cittadinanza di Cervaro che, democraticamente, mi ha eletto”.

 

Il sindaco era stato arrestato due settimane fa dai Carabinieri Forestali di Frosinone nell’ambito dell’indagine “Malaffare”. E’ indagato, a vario titolo, insieme ad altri due amministratori, al tecnico comunale, all’imprenditore Alfredo Coratti e due cittadini di corruzione, turbativa d’asta e voto di scambio.

 

4 Giugno 2019 2

Sindaco amministratori e tecnici arrestati a Cervaro, pilotavano la gara e chiedevano assunzioni

Di admin

CERVARO – “Nelle prime ore della mattinata odierna i militari del N.I.P.A.A.F. (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone coordinati dal Maggiore Vitantonio MASI, coadiuvati nella sola esecuzione del provvedimento da militari del Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, hanno eseguito una ordinanza di applicazione di misure cautelari personali, consistenti in arresti domiciliari, emanata dal G.I.P. presso il Tribunale di Cassino D.ssa Vittoria SODANI, su richiesta del Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Cassino Emanuele DE FRANCO, nei confronti di 3 amministratori del Comune di Cervaro, tra cui il Sindaco, il tecnico comunale ed un imprenditore di Veroli ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione, turbativa d’asta e voto di scambio”.

Lo si legge in una nota del Gruppo Forestale Carabinieri di Frosinone. “D’ALIESIO Angelo, attuale Sindaco, CANALE Gino, vicesindaco all’epoca dei fatti e attuale assessore con delega a Trasporto, Pubblica Istruzione, Beni demaniali e patrimoniali, Manutenzione, RICCIARDELLI Vincenzo, attuale assessore con delega allo Sport, Attività Produttive, Commercio, Assistenza e Manifestazioni, PUCCI Enzo, Tecnico comunale, e CORATTI Alfredo, titolare della società TAC ECOLOGICA SRL, operante nel settore dello smaltimento rifiuti urbani, amministratori pubblici ed imprenditori destinatari dei provvedimenti restrittivi. Nei primi mesi dell’anno 2017 la TAC ECOLOGICA sarebbe stata favorita nell’aggiudicazione dell’appalto sullo smaltimento dei rifiuti urbani indetta dal Comune di Cervaro, per un importo di circa 1 milione di euro; come controprestazione la Ditta avrebbe assunto personale segnalato dai politici indagati, con la promessa del voto a favore dei politici in occasione delle elezioni per il rinnovo dell’amministrazione comunale avvenute nel giugno 2017. In particolare il D’ALIESIO, il RICCIARDELLI e il CANALE si adoperavano affinché la società del CORATTI, esclusa alle prime due gare indette si aggiudicasse l’appalto alla terza gara, pur avendo presentato un’offerta ritenuta anomala dalla Commissione di Gara. Il PUCCI, RUP della gara, pur a conoscenza dell’offerta anomala segnalata dalla Commissione, evitava di attivare le dovute procedure finalizzate alla contestazione dell’irregolarità, procedendo all’affidamento dell’appalto alla società TAC ECOLOGICA. Il D’ALIESIO, inoltre, si adoperava per dissuadere altre società dal presentare offerte per la gara. In cambio il CORATTI ha assunto presso la propria società personale segnalato dai politici indagati, a favore dei quali espressamente richiedeva il voto in vista delle elezioni comunali che si sarebbero tenute di lì a breve. Le richieste di assunzione da parte di personale segnalato dal D’ALIESIO si sono protratte anche dopo l’elezione a Sindaco. In tali casi il CORATTI ha richiesto l’annullamento di alcune multe applicate dal Comune di Cervaro per i disservizi causati alla cittadinanza nell’espletamento della raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani. Nell’indagine sono coinvolti altri due soggetti, allo stato solo indagati ma non destinatari di misure restrittive.

20 Maggio 2019 0

Cervaro, lavorava in nero in un ristorante, ma percepiva assegno di disoccupazione, denunciato dai carabinieri

Di redazionecassino1

CERVARO –   Personale del locale Comando Stazione Carabinieri unitamente a personale del NAS di Latina, a conclusione di specifica attività info-investigativa correlata ad un controllo eseguito presso un esercizio di ristorazione avvenuto alcuni giorni addietro, deferivano in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Cassino un 24enne di nazionalità Bengalese, residente a Castrocielo, (incensurato) poiché resosi responsabile del reato di  “Truffa” e  Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato”. Lo stesso,  nel corso del controllo, alla vista dei militari, tentava di allontanarsi per eludere la sua identificazione, in quanto stava svolgendo attività lavorativa in  nero

Inoltre dai controlli eseguiti, risultava che lo stesso, nei giorni precedenti al controllo, era stato impiegato “in prova – a nero”nello stesso esercizio percependo la somma di € 120,00, in contanti (priva di tracciabilità) e che, in tale nel periodo di lavoro a nero, aveva percepito anche la NASPI (disoccupazione INPS), in quanto non aveva provveduto a darne comunicazione all’ente assistenziale, percependo, pertanto, un ingiusto profitto erogato da parte dello Stato.

Nei confronti del proprietario sarà elevata  una sanzione amministrativa di Euro 1.500. per aver assunto personale in prova – a nero.

13 Maggio 2019 0

Grave incidente sulla Casilina tra Cassino e Cervaro, tre feriti

Di admin

CASSINO – Grave incidente stradale oggi pomeriggio alle sulla via Casilina tra Cervaro e Cassino. Tre i mezzi coinvolti: un camper un’auto e una moto.

Ad avere la peggio è stato il conducente di una Bmw che, a bordo di una eliambulanza atterrata sul posto, è stato trasportato d’urgenza al policlinico Tor Vergata di Roma.

Feriti anche i conducenti degli altri due mezzi entrambi trasportati in ambulanza in ospedale a Cassino. Sul posto, per i rilievi del caso, gli agenti della polizia stradale della sottosezione di Cassino e i carabinieri.

Il traffico bloccato per permettere di soccorrere i feriti e per effettuare i rilievi ha causato lunghe code da e per Cassino.

Ermanno Amedei

12 Aprile 2019 0

Cervaro, brucia rifiuti ‘a cielo aperto’, denunciato dai carabineri un 53enne

Di redazionecassino1

CERVARO – Nella giornata di ieri i militari della locale Stazione Carabinieri deferivano in stato di libertà un 53enne del posto, incensurato, per “combustione illecita di rifiuti”.

Gli operanti, a richiesta di alcuni cittadini del luogo, intervenivano presso il giardino attiguo all’abitazione del predetto, sorprendendolo mentre stava bruciando rifiuti vari, consistenti in parte di mobilio, erbacce, carta e materiale in plastica.

L’incendio aveva provocato una grossa e densa nube di fumo nero.

Lo stesso veniva intimato ad adoperarsi per spegnere immediatamente il fuoco.

foto di repertorio

1 Aprile 2019 0

Cervaro, la primavera fa “sbocciare” le minidiscariche

Di admin

CERVARO – Con la primavera iniziano i lavori per sistemare i giardini nelle case di campagna e nelle villette.

Si provvede a sostituire vecchie sedie in resina e magari fare qualche lavoretto di muratura in economia. Chiaramente il buon senso ed il senso civico porta questi bricoman a smaltire nel modo più semplice ed immediato.

Basta una strada poco illuminata o malmessa (magari con qualche griglia di raccolta delle acque piovane fatta sparire e sostituita con un lamierino) e il piccolo muratore di provincia o della domenica scarica secchiate di calcinacci lungo le scarpate vicino gli orti e le vigne.

L’area viene del resto utilizzata per svariate funzioni tra le quali conferimento e carico scarico rifiuti urbani, trasbordo veicoli tra bisarche e parcheggio autobus privati… in tale contesto così confuso ci si adopera e ci ci ingegna. Scaricando calcinacci e sedie rotte. W il furbo che ridacchia in tutti.

18 Marzo 2019 0

Canceglie torna alla vittoria contro Cervaro che perde la terza posizione in classifica

Di redazionecassino1

 

Nella 22esima giornata del torneo di Eccellenza se il vertice e la seconda posizione in classifica rimangono invariate, il cambiamento si registra nella terza piazza. Caira, infatti, la riconquista battendo l’Atletico Pontecorvo, 3 a 1, e sfruttando la sconfitta subita da Cervaro ad opera dei padroni di casa del Canceglie (nella foto) per 4 a 3. La capolista Tordoni supera agevolmente i padroni di casa del DS Dodici per 4 a 1, mentre la Longobarda ha ragione di Tibia e Peroni per 3 a 0. Il Borussia conquista i tre punti battendo il Moscuso per 2 a 0.

Nel girone “A” di Promozione Janula continua la sua corsa in vetta alla classifica con la vittoria per 3 a 0 sui padroni di casa di Terzo Tempo incrementando il vantaggio su Amatori Aquino che subisce una pesante sconfitta esterna da parte di Autoricambi Daniele per 3 a 1. Sconfitta anche per la terza in classifica, Friends for Football a Villa Santa Lucia per 3 a 0.

Nel girone “B” resta in vetta al torneo con tre lunghezze di vantaggio Belmonte che non ha difficoltà a superare i padroni di casa del Monticelli per 4 a 2. Nello scontro diretto fra Piedimonte e Castelnuovo a conquistare i tre punti sono i padroni di casa di Piedimonte per 3 a 1. Nello scontro diretto fra Real Castelnuovo e Viticuso gli ospiti aurunci superano per 3 a 1 i padroni di casa. Brutta sconfitta, invece, per Colfelice a Terelle per 4 a 2.

F. Pensabene