Tag: force

26 Luglio 2019 0

Una task force per la bonifica di Nocione e di tutte le altre bombe ecologiche sul territorio

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO –  “Ci eravamo impegnati a far partire in poco tempo una task force operativa sui siti inquinati – si legge in una nota dell’amministrazione comunale – e il punto di partenza non poteva che essere il sito del Nocione”. L’impegno sembra essersi concretizzato questa mattina quando la task force è cominciata a delinearsi. In queste settimane il sindaco Enzo Salera, l’assessore Emiliano Venturi e l’ex assessore all’ambiente Riccardo Consales, hanno lavorato per avviarla task force e questa mattina si è riunito un tavolo tecnico presso la sede dell’ARPA Lazio tra il Comune di Cassino, la Regione Lazio, la provincia di Frosinone e l’ARPA Lazio proprio sul problema di NOCIONE. Nei giorni scorsi con i tecnici della Regione Lazio si è riusciti a convocare il tavolo tecnico che ha messo a confronto i vari enti preposti per avviare l’iter autorizzativo per la bonifica di Nocione. Si tratterà di mettere in campo le azioni necessarie alla bonifica del sito attraverso l’impiego del finanziamento regionale di 214 mila euro assegnato al comune di Cassino.

“Un lavoro proficuo che porterà all’avvio delle indagini nei prossimi mesi sul sito da bonificare. Ringrazio la Regione Lazio, la provincia e l’ARPA Lazio – ha dichiarato il sindaco Enzo Salera – per la disponibilità e professionalità che hanno mostrato nel riunire oggi questo tavolo tecnico Da parte nostra siamo pronti per mettere in campo le nostre competenze e il nostro contributo tecnico e politico perché si avvii questa importante fase di indagine su Nocione utile a comprendere i volumi di rifiuti presenti e la necessaria predisposizione degli interventi di messa in sicurezza del sito. Un ringraziamento va – ha cotinuato il sindaco – al dirigente dell’area tecnica l’Ing Mario La Storia e il geom Francesco Donati che in questi mesi hanno seguito e avviato l’iter autorizzativo del Piano delle indagini della discarica del Nocione”.

“La strada è ancora lunga ma è nostro dovere dare risposte a chi da anni vive e soffre con i veleni sotterrati vicino casa. Nei prossimi giorni – ha concluso Salera – coinvolgeremo le associazioni ambientaliste e i cittadini che in questi anni hanno cercato di denunciare le bombe ecologiche che sono presenti nel territorio e li terremo aggiornati su ogni sviluppo del caso.  Assieme a loro, assieme all’ottimo lavoro della Procura della Repubblica di Cassino e della Guardia di Finanza, messo in campo, vogliamo avviare ogni azione che ci permetta di porre in sicurezza il nostro territorio da queste emergenze ecologiche”.

Foto di reoertorio

5 Luglio 2019 0

Frosinone, Task force della Questura. Controlli a tappeto in zona scalo

Di Comunicato Stampa

Nella giornata di ieri la Questura ha messo in campo più forze per garantire maggiore sicurezza ai cittadini in una delle zone calde della città; in azione diversi uffici tra squadra volanti, ufficio immigrazione, unità cinofile, polizia stradale e polizia ferroviaria. Circa 100 le persone controllate nelle zone a rischio; stazione ferroviaria, capolinea Bus, Zona Asi, controlli e perquisizioni: Linea dura anche contro la recrudescenza del fenomeno dell’accattonaggio nei pressi dei semafori e all’ingresso delle attività commerciali. Diversi cittadini stranieri sono stati accompagnati negli uffici della Questura per identificazione e rimossi coattivamente dai luoghi monopolio sovente di mendicanti e lavavetri. 25 i controlli domiciliari nei confronti di persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale; sorveglianze speciali, arresti domiciliari, libertà vigilata. L’attività della Polizia di Stato non da tregua: l’attenzione resta alta e l’obiettivo è l’assidua presenza sul territorio contrastando ogni genere di illecito. Foto d’archivio

12 Aprile 2019 0

Task force della polizia nel capoluogo, nel mirino “zona stazione”

Di felice pensabene

FROSINONE – Il territorio del capoluogo, nella serata di ieri, è stato interessato da un servizio straordinario di controllo del territorio per prevenire e contrastare i reati di natura predatoria e relativi allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Per l’occasione il Questore, dr. Leonardo Biagioli, ha spiegato un massiccio dispositivo di uomini e mezzi: il personale della Questura – Volanti, Polizia Scientifica, Ufficio immigrazione – è stato affiancato dai colleghi  del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, delle unità cinofili provenienti da Nettuno.

Al già compatto schieramento si sono aggiunti gli “specialisti” della Polizia Ferroviaria dello scalo frusinate, zona attenzionata nello specifico, in quanto teatro, negli ultimi tempi, di un’escalation di attività illecite.

Nella circostanza sono state controllate 76 persone, delle quali 45 cittadini extracomunitari, verificata la regolarità di 18 veicoli.

Un quarantenne è stato segnalato all’Autorità Amministrativa per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale, mentre 2 cittadini stranieri, rispettivamente un ghanese ed un brasiliano, non in regola sul territorio nazionale, sono stati sottoposti ad espulsione.

L’attività della Polizia di Stato proseguirà costantemente  nella lotta all’illegalità, nell’impegno continuo a garantire tutela e sicurezza alla collettività.

12 Luglio 2018 0

Impianti pubblicitari abusivi, la Prefettura costituisce una task force

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – “Si è tenuta oggi, presso l’UTG di Frosinone, una riunione sul fenomeno dilagante degli impianti pubblicitari abusivi, riunione nell’ambito della quale, il Prefetto Emilia Zarrilli, ha portato all’esame delle Forze di Polizia presenti e degli Enti interessati,  le possibili misure da intraprendere in materia di prevenzione e contrasto a tale fenomeno”.

Lo si legge in una nota della Prefettura di Frosinone.

“L’incontro è stato un’utile occasione per esaminare la questione nei suoi molteplici aspetti, con lo scopo di focalizzare le criticità ed individuare iniziative volte a favorirne il superamento.

La dottoressa Zarrilli ha sottolineato, altresì, l’importanza delle azioni di prevenzione e contrasto ai fenomeni in questione, operate dalle Forze dell’ Ordine, dai corpi di Polizia Locale e dagli altri Enti preposti.

In sede di riunione, si è deciso di costituire una Task Force al fine di prevenire e contrastare il fenomeno dell’abusivismo pubblicitario su tutte le strade della Provincia,  attraverso il più ampio coinvolgimento delle Forze dell’ Ordine, con particolare riguardo al ruolo e alle competenze specifiche dei diversi corpi.

Per sollecitare l’implementazione di un più efficace dispiegamento delle strategie di contrasto, sarà predisposta apposita circolare, che verrà trasmessa a tutti gli Enti interessati e ai Sindaci del territorio, affinché vengano effettuati costantemente servizi sempre più mirati e diretti ad un’azione di vigilanza e controllo”.

4 Giugno 2010 0

I reduci della First Special Force sui luoghi delle battaglie di San Vittore

Di Comunicato Stampa

In questa settimana sono stati ospiti del cassinate, del venafrano e dell’alto casertano 75 reduci della First Special Service Force che hanno combattuto nel 1943-44 lungo la linea Winter Line, sulle pendici di Monte Sammucro, Monte Aquilone, Monte Maio, Monte La Defensa. L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Winterline Venafro, ha una rilevanza straordinaria in considerazione dei forti legami che i canadesi hanno con la nostra terra, dovuti anche alla presenza di un grande numero di emigrati ciociari nel Nord America. EVENTI PROGRAMMATI A SAN VITTORE DEL LAZIO in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, a cura dell’ Associazione Winter Line Venafro – Presidente Dott. Luciano Bucci, coordinatore dell’evento e visita nei luoghi delle battaglie Prof. Gianni Blasi. A conclusione delle visite che in questi giorni sono state effettuate presso le località delle battaglie ed i cimiteri di guerra, i reduci ed i loro familiari saranno ospiti del Comune di San Vittore del Lazio dove si terrà una significativa cerimonia con l’inaugurazione di una lapide commemorativa sul pianoro della forcella di Monte Sammucro. SABATO 5 GIUGNO 2010 – MONTE SAMMUCRO ore 10,30: inaugurazione della targa commemorativa degli eventi bellici del 25 dicembre 1943 dedicata alla First Special Service Force. In quella data durante l’attacco a quota 720 sono morti 62 soldati canadesi. Alla cerimonia parteciperanno 75 reduci veterani e loro familiari, autorità militari canadesi, gli organizzatori dell’Associazione Winterline di Venafro, il Vice Sindaco del Comune di San Vittore del Lazio. Subito dopo, alle ore 11,30 circa gli ospiti scenderanno nel centro storico dove i veterani saranno ricevuti presso la Sede Municipale di via Santa Croce dal Vice Sindaco Prof. Vittorio Casoni, nell’occasione delegato espressamente dal Sindaco Francesco Paolo Pirollo, perché a sua volta nella stessa mattinata è impegnato in rappresentanza istituzionale a Frosinone. Parteciperà alla cerimonia di saluto il Cavaliere Ufficiale Vittore Spennato, reduce dei campi di concentramento tedeschi e autore del Martirologio delle vittime delle guerre del XX secolo di San Vittore del Lazio. La visita dei reduci canadesi si concluderà domenica 6 giugno con la scalata di Monte La Defensa per riportare i veterani dopo 66 anni sul luogo del loro battesimo del fuoco avvenuto il 3 dicembre 1943. Sul web informazioni sulla First Special Service Force e sull’Associazione Winterline Venafro.

19 Gennaio 2010 0

Lavoro nero, una task force per setacciare i cantieri

Di Comunicato Stampa

Una task force composta dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato Lavoro e dai funzionari dell’Ispettorato della Direzione Provinciale del Lavoro di Isernia sta battendo al tappeto tutti i cantieri della provincia di Isernia Negli ultimi due giorni con il coordinamento diretto della Direzione Provinciale del Lavoro, sono state ispezionate complessive quindici aziende del settore edile ed impiantistico i cui titolari a vario titolo sono stati segnalati alla competente autorità giudiziaria per complessive 27 infrazioni penalmente rilevanti alle norme del Codice Tutela Lavoro introdotte dal Decreto Legislativo n.81 del 2008. Nel medesimo contesto sono state anche accertate e contestate infrazioni amministrative allo stesso testo normativo per un ammontare di Euro 25.000 e l’adozione di due contestuali provvedimenti di “sospensione” dell’attività nei confronti di due aziende, per la rilevata presenza di lavoratori in nero.