Tag: ladri

11 Maggio 2018 0

Ladri di Rolex latitanti, due arresti sull’A1 a Cassino

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Finisce a Cassino la latitanza di due uomini ricercati perchè accusati di furto di orologi. Questa notte, una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, durante il servizio di vigilanza autostradale, al  km.669 Sud dell’ A/1 nel  territorio del comune di Cassino, ha intercettato una Lancia Musa a velocità sostenuta e che, alla vista della Polizia, si è nascosta tra due mezzi pesanti con l’intento di non farsi notare.

La manovra però non è sfugge agli uomini del sostituto commissario Giovanni Cerilli che sono riusciti a bloccarla nei pressi dello svincolo del casello di Cassino: a bordo tre persone.

Il conducente sprovvisto di documento di riconoscimento, è stato successivamente identificato;  è un 30enne nato e residente a Napoli, mentre i due passeggeri sono un 48enne nato e residente a Napoli ed un 27enne nato a Napoli ma residente a Pompei.

Da accertamenti presso la banca dati è risultato che i due passeggeri sono destinatari di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari poiché responsabili di furto di orologi Rolex presso una gioielleria di Napoli.

Dopo gli accertamenti di rito, è stata data esecuzione all’ordinanza e la Lancia Musa sequestrata poiché  priva di documentazione e di copertura assicurativa.

10 Aprile 2018 0

Ladri di scooter a Roma, sgominata banda che faceva razzie di Honda Sh

Di Ermanno Amedei

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone misure cautelari nei confronti di 8 persone: 6 arrestate (4 in carcere e 2 agli arresti domiciliari) e 2 sottoposte all’obbligo di presentazione in caserma con obbligo di dimora nel comune di Roma e di permanenza in abitazione in orari notturni. Gli indagati, in totale sono 12, ai quali sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere finalizzata al furto, ricettazione e riciclaggio di motoveicoli, nonché spaccio di sostanze stupefacenti.

L’ordinanza è stata emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma, a conclusione di una complessa attività investigativa denominata “GRAND THEFT MOTO”, con il costante coordinamento della Procura della Repubblica di Roma – Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti – diretto dal Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti, che ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di tutti gli indagati a vario titolo emersi dalle investigazioni.

L’indagine, avviata nel mese di dicembre del 2016, dai Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, è scaturita dall’analisi delle denunce acquisite aventi come oggetto il furto di motoveicoli e da alcuni arresti in flagranza di reato eseguiti dagli stessi Carabinieri nel centro storico di Roma.

Nello specifico, le numerose denunce di furto presentate dalle vittime ai Carabinieri di San Lorenzo in Lucina, avevano come comune denominatore luogo (il centro storico), fascia oraria (dalle 10.00 alle 12.00) e soprattutto il modello di moto (Honda SH).

Gli immediati approfondimenti, partendo inizialmente dall’analisi dei tabulati del traffico telefonico, incrociando i dati estratti con le denunce di furto acquisite, hanno consentito di individuare in breve tempo il potenziale ladro di almeno 11 moto.

I successivi sviluppi investigativi, resi possibili grazie anche alle attività tecniche di intercettazione telefonica nonché dai tradizionali servizi di osservazione, controllo e pedinamento svolti, hanno consentito di disarticolare l’odierno gruppo criminale, composto dai 12 indagati, 6 dei quali agivano in stabile associazione tra di loro, nel furto, ricettazione, smontaggio e quindi riciclaggio dei motoveicoli asportati mediante l’utilizzo di transponder, centraline modificate e chiavi alterate.

Nel corso delle indagini è poi emerso il coinvolgimento dei complici e di altri soggetti gravitanti attorno agli stessi, dediti allo spaccio al dettaglio di cocaina e hashish.

Nel corso delle indagini, i Carabinieri hanno arrestato altre 7 persone, in flagranza di reato (6 per spaccio di stupefacenti e 1 per furto di motoveicolo); denunciate in stato di libertà 2 persone per ricettazione e riciclaggio di motoveicoli; segnalate al Prefetto altre 2 persone, in qualità assuntori di stupefacenti; denunciate in stato di libertà 2 persone per ricettazione e riciclaggio di motoveicoli; sequestrato centinaia di dosi di hashish e cocaina; sequestrato e restituito moto e parti di esse rubate.

In solo 3 mesi di indagine, si è proceduto ad investigare su decine e decine di furti di moto, quasi tutti commessi nel centro storico della Capitole.

29 Marzo 2018 0

Furto in abitazione a Cassino, ladri rubano soldi gioielli e permessi di soggiorno

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Hanno rubato tutto, sia le cose preziose che quelle essenziali. Il colpo messo a segno oggi pomeriggio dai ladri in una abitazione di Cappella Morrone a Cassino ha messo in ginocchio una famiglia di cittadini albanesi che da anni vivono e lavorano a Cassino.

Alle 16 circa, approfittando dell’assenza dei padroni di casa, i malviventi sono entrati comodamente aprendo la porta principale grazia alla chiave che hanno trovato nascosta sotto lo zerbino. Hanno così arraffato circa 700 euro in contanti e vari monili in oro che erano custodita all’interno dell’armadio della camera da letto per un valore quantificato in 2.700 euro.

Come se non bastasse i ladri hanno portato via i passaporti e i permessi di soggiorno. Un furto singolare per la precisione chirurgica dei ladri. A quanto pare i malviventi sapevano perfettamente dove mettere le mani.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Cassino comandati dal capitano Ivan Mastromanno e coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale di Frosinone.

Ermanno Amedei

23 Marzo 2018 0

Ladri di Rolex, i tre riconosciuti da vittime mietute in tutto il Lazio

Di Ermanno Amedei

CASSINO – La tappa cassinate sembra essere stata, per la banda dei Rolex, oltre che quella per loro fatale, anche l’ultima di un lungo percorso durante il quale i tre hanno mietuto vittime in diverse città. Piovono da tutto il Lazio le segnalazioni che riconoscono come autori di furti con destrezza, i tre cittadini rumeni arresti qualche giorno fa dai carabinieri di Cassino. Oltre ai due derubati nella città martire, altre persone, oltre che dalla stessa Cassino, anche da Frosinone e Roma, hanno riconosciuto tramite le foto diffuse dai carabinieri, gli autori raggiunti ed arrestati a Tor Vergata mercoledì scorso.

Un indagine lampo, quella compiuta dagli uomini del capitano Ivan Mastromanno, che ha inchiodato alle loro responsabilità Paun Leonard, 28enne, Mihai Moise Florian, 25enne e la donna Mihai Zinca 28enne.

Per i tre oggi è prevista la convalida ma il fascicolo che li riguarda sembra arricchirsi di ulteriori informazioni. Tutti i furti sarebbero stati messi a segno con le stesse modalità: richiesta di informazione, ringraziamento e stretta di mano con furto dell’orologio.

Ermanno Amedei

21 Marzo 2018 0

Ladri di Rolex, ecco come sono finiti nella rete dei carabinieri

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Paun Leonard, 28enne romeno (con precedenti specifici) – Mihai Moise Florian, 25enne nato in Germania ed una donna Mihai Zinca 28enne romena (con precedenti specifici), sono loro i ladri specializzati in furti di Rolex. Non spaccavano vetrate a rivenditori, neanche adoperava armi per minacciare le loro vittime. Usavano semplicemente l’inganno e la capacità manipolatoria di sganciare la fibbia dell’orologio durante una calorosa stretta di mano. Lo sanno bene almeno due cassinati ma, probabilmente, saranno molte di più le loro vittime. Ecco perché i carabinieri hanno reso pubbliche anche i volti degli arrestati. Se qualcuno che ha subito un furto simile li dovesse riconoscere, può presentare denuncia ai carabinieri di Cassino. Ma come hanno fatto i carabinieri comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo e coordinati dal capitano Ivan Mastromanno ad inchiodarli alle loro responsabilità?

Dopo l’ennesimo furto di “Rolex” consumato nella tarda mattinata di ieri a Cassino, i militari hanno fatto scattare il piano di prevenzione predisposto proprio per arginare tale fenomenologia di reato.

Nella circostanza sono state posizionate pattuglie sui principali snodi viari della città martire ed in particolare è stata vigilata la strada regionale Cassino – Sora sospettata di essere la via di fuga dei malviventi. L’autoradio di turno infatti, ha intercettato una Ford Focus segnalata come auto sospetta nei giorni scorsi, che stava lasciando la città in direzione di Sora.

Dal controllo degli occupanti del citato automezzo, ovvero di un uomo ed una giovane donna di nazionalità rumena, è emerso che entrambi avevano precedenti specifici per furto con destrezza commessi in varie località della penisola. Dopo aver effettuato una attenta perquisizione, che ha dato esito negativo, l’effige dei due è stata mostrata alle vittime dei furti, che però non li riconoscevano quali autori del furto dei loro Rolex, ma tuttavia, alcuni testimoni riferivano della presenza dell’uomo nei pressi dell’avvenuto furto di ieri. I militari operanti a questo punto, avendo fondato sospetto che i due facessero parte della banda, dopo averli rilasciati, con i dovuti accorgimenti li hanno seguiti fino al loro domicilio posto in un noto quartiere popolare di Roma. Appena fatto rientro a casa i Carabinieri, con l’ausilio di personale del Gruppo di Frascati, facevano irruzione all’interno dell’abitazione procedendo all’identificazione degli occupanti ed alla loro perquisizione. Nel corso dell’identificazione degli occupanti dell’abitazione, i Carabinieri viste le loro caratteristiche somatiche che riconducevano a quelle denunciate dalle vittime nei giorni del 19 e 20 marzo, procedevano quindi all’invio delle loro foto alle vittime che riconoscevano senza ombra di dubbio. Considerando anche il pericolo di fuga, per i tre è scattato l’arresto.

21 Marzo 2018 0

Ladri di Rolex a Cassino, tre fermi a Roma. Tra loro la “maestra” del furto

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Gli appartenenti ad un gruppo specializzato in furti di orologi preziosi sono stati arrestati questa mattina a Tor Vergata dai carabinieri della compagnia di Cassino in collaborazione con quelli del gruppo di Frascati.

Le indagini sono nate il 19 marzo quando a Cassino, due persone hanno subito il “furto con destrezza” dell’orologio Rolex che portavano al polso. In entrambi i casi, le vittime sono state avvicinate da una donna che si fingeva spagnola e persa per la città e cercava indicazioni per orientarsi. Nel ringraziare, stringeva calorosamente la mano alle vittime e sfilava loro il Rolex.

Le indagini condotte dal capitano Ivan Mastromanno e dal comandante provinciale di Frosinone il colonnello Fabio Cagnazzo hanno portato i militari a Tor Vergata dove questa mattina hanno eseguito tre  fermi di indiziato di delitto a carico di due uomini e una donna, tutti cittadini rumeni.

Ermanno Amedei

19 Febbraio 2018 0

Ladri sull’Autostrada, razziavano nelle auto della stazione di Servizio a Castrocielo

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Razziavano nelle auto all’interno della stazione di servizio Casilina Ovest a Castrocielo sull’autostrada Roma Napoli. Ad Arrestare il 65enne calabrese e il 69enne campano, entrambi residenti a Napoli, a bordo di una Fiat 500 L  di colore grigio, sono stati gli agenti della sottosezione di Cassino diretta dal sostituto commissario Giovanni Cerilli.

Il sistema adoperato dai malviventi per le loro malefatte era collaudatissimo. I due affiancano un’auto parcheggiata, uno dei due occupanti segue il proprietario nell’autogrill mentre il complice con un cacciavite forza la serratura, asportando dalla una borsa porta PC il portatile e lasciando la borsa per ritardare la sgradita scoperta da parte del proprietario.

Con una tempistica precisa, i due si sono dati alla fuga ma ad attendere i due all’ uscita dell’area di servizio c’erano gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino. Per loro scatta l’arresto per furto aggravato.

19 Febbraio 2018 0

Furto in tabaccheria ad Alatri, ladri incastrati dalle telecamere

Di Ermanno Amedei

ALATRI –  Questa mattina i Carabinieri della stazione di Alatri, insieme ai colleghi del NORM della Compagnia, comandati dal maggiore Gabriele Argirò, hanno denunciato in stato di libertà per furto aggravato un 26enne ed un 24enne, entrambi di Frosinone e già censiti per analogo reato perché ritenuti autori del furto perpetrato mercoledì scorso all’interno di una  tabaccheria della contrada Tecchiena.

Le indagini condotte hanno consentito di acquisire concordi elementi di colpevolezza a carico dei predetti, suffragati anche dall’esame di alcuni filmati estrapolati dalle telecamere di sorveglianza della suddetta attività commerciale, che li ritraevano durante il furto insieme ad una terza persona che è in via di identificazione.

 

12 Febbraio 2018 0

Inseguimento e colpi di pistola a Ferentino, ladri scappano dopo furto a tabaccheria

Di Ermanno Amedei

FERENTINO – Inseguimento con sparatoria a Ferentino dove, questa notte, i carabinieri della radiomobile della Compagnia di Anagni sono intervenuti nel centro storico della cittadina dove era stato segnalato un furto ai danni di una nota tabaccheria.

Al loro arrivo i militari hanno intercettato una autovettura di grossa cilindrata con a bordo 4 individui travisati con tute e passamontagna ai quali hanno intimato inutilmente l’alt.

Uno dei malviventi, allo scopo di assicurarsi la fuga, dall’interno dell’abitacolo ha puntato una pistola contro i carabinieri che hanno esploso un colpo di arma da fuoco attingendo il cofano motore dell’autovettura in fuga la quale, avendo la strada sbarrata dall’autovettura militare, ha cambiato repentinamente il senso di marcia percorrendo in retromarcia un tratto della centralissima via XX Settembre danneggiando, nella spericolata manovra, alcuni paletti delimitanti la carreggiata.

I malfattori quindi si sono allontanati ad altissima velocità riuscendo a dileguarsi malgrado l’inseguimento dei carabinieri.

11 Febbraio 2018 0

Frosinone, incursione notturna nel vecchio ospedale: ladri inseguiti sui tetti

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Sono stati sorpresi dalla volante mentre, in piena notte, uscivano dai locali della Asl del vecchio ospedale di Frosinone. In due, ancora incappucciati, si sono dati alla fuga inseguiti dagli agenti di polizia.

La fuga, per uno dei due fuggitivi di 19 anni, è durata poco dato che è stato catturato all’interno di un casolare in disuso lungo viale Mazzini mentre l’altro è riuscito a dileguarsi scappando sui tetti delle case ma non prima di essere smascherato e riconosciuto dai poliziotti.

Si tratta, infatti, di un noto malvivente del luogo, 26enne, già autore di diversi furti nelle precedenti notti e sempre identificato e denunciato dagli uomini della squadra volante attraverso le immagini di videosorveglianza dei vari locali dove ha fatto vista.