Tag: lesioni

4 Luglio 2019 0

Cassino: Minacce, estorsione e lesioni. Due persone in manette

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Emesso dalla Procura della Repubblica il fermo di indiziato di delitto nei confronti di due persone, un 18enne ed un 47enne di Cassino. Dalle risultanze investigative dei carabinieri del Norm, emerge che in particolare il 18enne sia responsabile di spaccio di stupefacenti in concorso, estorsione aggravata in concorso, danneggiamento a seguito di incendio, aggravato e in concorso, danneggiamento aggravato e in concorso, incendio aggravato e in concorso e detenzione e porto in luogo pubblico di bottiglia incendiaria. Invece per il 47enne accusa di estorsione aggravata in concorso e lesioni personali aggravate. I due costringevano due vittime a consegnare loro la somma di euro 200 a fronte di un debito di euro 420 con violenze e minacce come incendiare la porta d’ingresso dell’appartamento e danneggiare l’auto. La vittima veniva anche colpita con un pugno. I due malviventi sono stati rintracciati a Cassino dopo alcuni giorni di ricerche. Foto d’archivio

22 Agosto 2018 0

Genova insegna (e fa paura), chiuso per lesioni il ponte tra San Giorgio e Pignataro

Di Ermanno Amedei

SAN GIORGIO A LIRI – Genova e la vicenda del suo ponte insegna e, per questo, nessun si assume il rischio di lasciare inascoltate le minacce fatte da lesioni su ponti o strutture anche in Ciociaria.

Per questo, oggi, l’amministrazione provinciale competente del tratto di strada che collega San Giorgio a Liri a Pignataro Interamna, ha chiuso il ponte con cui la strada attraversa un piccolo fiume. Il provvedimento è stato preso in seguito alla segnalazione di alcune lesioni sulla struttura portante del manufatto in cemento.

7 Agosto 2018 0

Bambina investita a Velletri davanti al nido, indagata per lesioni stradali la donna alla guida dell’auto

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – La bambina di 18 mesi investita questa mattina a Velletri nel parcheggio di un nido per l’infanzia in via del Marco Finlandese è in condizioni disperate. Nella tarda mattinata, al Bambino Gesù di Roma dove è stata trasferita d’urgenza, è stata sottoposta ad un delicato intervento per tentare di limitare i danni procuratole dallo schiacciamento della scatola cranica. Le sue condizioni sono molto gravi.

Ad investirla sarebbe stata nel parcheggio del nido, una Bmw guidata da una mamma che stava portando al nido il proprio figlio. Immediatamente soccorsa la piccola è stata trasportata in ospedale a Velletri. Sedata, intubata, la piccola in stato di incoscienza è stata trasferita a Roma. Del caso se ne stanno occupando gli agenti del commissariato di Polizia di Velletri che hanno indagato per lesioni stradali la donna alla guida della Bmw. L’auto è stata sequestrata e si indaga per tentare di capire cosa ci facesse la piccola, di appena 18 mesi, all’esterno della struttura.

Ermanno Amedei

2 Febbraio 2018 0

Formia: Rapine e lesioni, due giovani vengono arrestati

Di redazione

Nella mattinata odierna gli agenti del Commissariato di PS di Formia hanno notificato la misura degli arresti domiciliari a carico di un 22enne di Formia e di un 21 enne di Pontecorvo, responsabili in concorso tra loro dei reati di rapina e lesioni personali. I due sono stati protagonisti di due distinti episodi di furto con strappo. Il primo è accaduto ai danni di un giovane formiano nei pressi di una palestra sita in Penitro di Formia. In quella circostanza una persona alta circa m. 1.80 dell’età di circa 20/25 anni, travisato da un cappuccio, chiedeva alla propria vittima di offrirgli una sigaretta. Approfittando di un attimo di distrazione, in maniera fulminea, afferrava la catena d’oro indossata dal ragazzo, staccandola e dandosi precipitosamente alla fuga. Il secondo episodio, avvenuto pochi giorni dopo, in pieno centro a Formia, precisamente in Piazza Marconi, alle 05.50, ai danni di una badante che si apprestava a prendere servizio presso i propri datori di lavoro. Anche in quella circostanza due giovani di età apparentemente intorno ai 20 anni, parzialmente travisati, avvicinavano la propria vittima e dopo averla minacciata, si impossessavano della borsa contenente 300 euro. Le indagini immediatamente partite sulla base delle descrizioni fornite dalle vittime delle rapine, hanno visto anche l’utilizzo di alcuni filmati raccolti dagli impianti di videosorveglianza posti in alcune attività della zona. Si è riusciti ad individuare una telecamera che era riuscita ad immortalare gli autori del secondo episodio sopra descritto, nel momento in cui gli autori del reato, avvistavano la loro vittima per poi seguirla e commettere la rapina. Dalla visione delle immagini si aveva una indicazione più precisa dei due malviventi e permetteva di restringere la rosa delle persone sospettate. Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, gli Agenti del Commissariato di Formia, avevano modo di controllare numerose persone e tra queste, quelle che più si avvicinavano per conformazione fisica, colore dei capelli ed età ai due giovani sospettati. La fotografie di uno di loro, con precedenti specifici per rapina, unitamente a quella di un coetaneo solito frequentarlo, venivano sottoposte alla visione delle vittime, le quali non avevano esitazione a riconoscerli come gli effettivi autori dei reati commessi ai loro danni. Le conclusioni investigative sono state sottoposte al vaglio del Sost. Procuratore De Franco del Tribunale di Cassino, il quale, valutati gli elementi forniti dalla Polizia , ha richiesto un’ordinanza restrittiva della libertà al G.I.P. di Cassino. Il provvedimento a firma del Giudice Scalera è stato eseguito nella mattinata odierna. I due episodi, per i quali gli odierni fermati sono stati posti in regime degli arresti domiciliari e controllati tramite braccialetto elettronico, si affiancano ad ulteriori tre denunce per reati analoghi, verosimilmente commessi dagli stessi nello stesso periodo e per i quali è stata opportunamente informata l’Autorità Giudiziaria. Foto d’archivio

12 Novembre 2017 0

la Polizia di Stato denuncia per lesioni aggravate un quarantenne del capoluogo

Di felice pensabene

Frosinone – Durante il fine settimana sono stati effettuati, in ambito provinciale, i consueti servizi straordinari di prevenzione e controllo del territorio ad opera delle Volanti della Questura e dei Commissariati di Cassino, Sora e Fiuggi, con il fattivo intervento delle pattuglie della Polizia Stradale.

Nel corso di attuazione di specifici servizi di prevenzione e  contrasto in materia di stupefacenti, i poliziotti delle Volanti della Questura hanno controllato una trentaseienne del capoluogo trovandola in possesso di una modica quantità di sostanza stupefacente tipo marijuana detenuta per uso personale ed è stata segnalata alla Prefettura.

Gli stessi poliziotti hanno poi denunciato per lesioni aggravate un quarantenne del capoluogo, già noto alle forze dell’ordine il quale, a seguito di una lite avuta con un extracomunitario, gli procurava una ferita alla mano sinistra utilizzando un seghetto da falegname.

I due viaggiavano a bordo di un autobus di linea di una nota ditta del capoluogo quando hanno iniziato ad insultarsi per cause in corso di accertamento e, scesi a terra, hanno proseguito la lite, che è terminata solo con l’intervento dei poliziotti giunti sul posto dell’immediatezza dei fatti.

Nelle ore notturne della scorsa notte,  nel territorio ricadente nel comune di Ceccano, i poliziotti della Stradale hanno effettuato i controlli finalizzati alla verifica della guida in  stato di ebrezza alcolica o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Per la circostanza sono stati controllati  n.41 conducenti di veicoli, sono state elevate n.6 infrazioni al Codice della Strada ed un’autovettura è stata sequestrata.

Risultati conseguiti: 7 posti di controllo effettuati, 305 persone identificate, 186 veicoli controllati, 7 contestazioni per infrazioni al Codice della Strada.

5 Agosto 2017 0

Lesioni al personale Cotral: la Polizia di Stato identifica e denuncia gli autori

Di redazione

Presso il capolinea degli autobus in Piazzale Pertini ai poliziotti intervenuti, i due controllori hanno riferito che, durante il servizio a bordo di un autobus della linea extraurbana sulla tratta Veroli – Frosinone, finalizzato ad accertare il possesso del titolo di viaggio da parte dei passeggeri, alla richiesta di esibire il biglietto, venivano improvvisamente travolti da una ventina di occupanti del mezzo che cercavano di raggiungere velocemente le uscite, verosimilmente per sottrarsi alla sanzione amministrativa prevista per coloro che sono sprovvisti di biglietto. L’autista dell’autobus, nonostante il parapiglia creatosi all’interno, riusciva a condurre il mezzo fino al capolinea di Piazzale Pertini e a mantenere le porte chiuse fino all’arrivo delle Volanti. Uno dei due controllori, visibilmente dolorante, veniva fatto accompagnare presso il locale Pronto Soccorso dove gli veniva riscontrata la frattura della clavicola con prognosi di 25 giorni; l’altro addetto riferiva che, durante il tentativo di fuga dei passeggeri, era stato completamente danneggiato il computer palmare in suo possesso utilizzato per l’emissione delle copie cartacee delle sanzioni amministrative. Per procedere alla compiuta identificazione delle venti persone che viaggiavano sull’autobus, tutti cittadini stranieri, si decideva di accompagnarle in Questura, utilizzando lo stesso mezzo del Cotral. Gli uomini delle Volanti, coordinati dal Commissario Capo Flavio Genovesi, oltre a provvedere alla identificazione con l’ausilio della Squadra Mobile e della Polizia Scientifica, raccoglievano numerose testimonianze che permettevano di individuare coloro che materialmente, nel tentativo di scendere dall’autobus, avevano investito violentemente i due controllori. Si tratta di un 22enne della Costa d’Avorio, un 22enne del Mali e un 19enne della Guinea, tutti richiedenti asilo politico. I tre giovani sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per i reati di lesioni e danneggiamento aggravato. Per tutti e venti gli occupanti dell’autobus, richiedenti asilo politico, risultati sprovvisti di titolo di viaggio, il personale Cotral ha emesso la prevista sanzione amministrativa.

2 Luglio 2016 0

In manette un 24enne a Cassino per detenzione di sostanza stupefacente, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

Di redazione

Ieri sera a Cassino, i militari del N.O.R.M. della locale Compagnia, unitamente al personale del locale Commissariato di P.S., nel corso di predisposti servizi finalizzati al controllo del territorio, traevano in arresto un 24enne del luogo per il reato di “resistenza e lesioni a pubblico ufficiale”, nonché detenzione di sostanza stupefacente”. Il predetto, mentre era alla guida del proprio furgone nel centro cittadino, alla vista della pattuglia dei carabinieri, cambiava repentinamente direzione di marcia, dirigendosi verso le  Terme Varroniane. I militari operanti  si ponevano immediatamente all’inseguimento del furgone e  giunti all’ingresso delle Terme notavano l’automezzo parcheggiato senza alcuna persona a bordo. Pertanto,  si mettevano alla ricerca del conducente che veniva rintracciato poco dopo in evidente stato di agitazione. Visto l’atteggiamento, gli stessi militari tentavano di procedere alla sua identificazione nonché al controllo del veicolo, operazione resa difficoltosa però dal giovane che al  fine di evitare le operazioni colpiva violentemente alla schiena uno dei componenti della pattuglia che, con l’ausilio dell’altro collega, riusciva a bloccare l’esagitato. Nel contempo sopraggiungeva una pattuglia del locale commissariato di P.S. che dava manforte ai militari operanti, procedendo congiuntamente, alla perquisizione personale, veicolare e successivamente anche alla sua abitazione. Nel corso delle operazioni di polizia gli operanti rinvenivano: –       un bilancino di precisione; –       un grosso coltello con lama annerita e imbrattata di materiale resinoso di colore scuro; –       due vasi ove erano state coltivate due piantine di “marijuana” alte circa 10 cm; –       grammi 5,300 di sostanza stupefacente del tipo “hashish”; –       grammi 2,490 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”. Stante la flagranza di reato, si  procedeva a trarlo in arresto ed accompagnarlo presso gli Uffici per le ulteriori incombenze di legge. L’arrestato veniva ristretto in regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione. Nella mattinata odierna il Giudice convalidava l’arresto operato e concedeva i termini a difesa richiesti dal difensore, disponendo l’obbligo di presentazione giornaliera alla P.G.

10 Dicembre 2009 0

Rapina, truffa, spaccio, lesioni e minacce, 29enne arrestato per espiazione di pena

Di redazione

Nella serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo hanno rintracciato e tratto in arresto un 29enne della provincia Isernina destinatario di un provvedimento di esecuzione emesso dall’Autorità Giudiziaria del capoluogo Pentro. L’uomo è stato associato presso la Casa Circondariale di via Ponte S.Leonardo ove dovrà espiare una pena definitiva di anni 4 e due mesi di reclusione cumulativa di varie condanne conseguite per reati di rapina, stupefacenti, truffa, lesioni e minacce, commessi nel territorio provinciale dal 2001 al 2006 e per i quali è stato definitivamente condannato. Dovrà rispondere all’autorità giudiziaria del reato di ricettazione un napoletano 41enne residente in quella provincia, denunciato dai Carabinieri di Venafro, al termine di una rapida indagine attivata dalla denuncia di furto del proprio cellulare ivi presentata da una impiegata della cittadina della piana del Volturno.

7 Agosto 2009 0

Teremoto in ciociaria, decine le chiamate per le lesioni ai muri

Di redazione

Sono state decine le richieste di verifiche strutturali giunte questa mattina al centralino dei vigili del fuoco dopo la scossa di terremoto che ieri ha seminato il panico nella provincia di Frosinone. La maggior parte delle richieste sono giunte dal comune di Arpino, dove, secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 17.36, c’è stato l’epicentro della scossa di magnitudo 3.9. Alcune lesioni sulle pareti di case ed edifici pubblici, però, dopo il sopralluogo dei vigili del fuoco, non sono state ritenute tali da mettere a rischio la stabilità degli edifici. Er. Am.