Tag: malore

16 Novembre 2017 0

Si accascia per un malore in via del Foro a Cassino, muore parroco di San Giovanni

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Il corpo del parroco della chiesa di San Giovanni, don Antonio Colella, 63 anni, è stato trova to esanime, questa mattina in via del Foro. Ad uccidere il sacerdote, sembra essere stato un malore. Sul postop sono immediatamente accorsi, su segnalazione di passanti, oltre ad una ambulanza, anche gli uomini delle forze dell’ordine. Per l’uomo non c’era nulla da fare. Pare non vi siano dubbi che la causa del decesso sia un malore. Ermanno Amedei

31 Ottobre 2017 Off

Elicottero Militare in volo a Ponza per salvare donna colta da malore

Di Ermanno Amedei

PONZA – Una donna di 73 anni, in imminente pericolo di vita, è stata trasportata urgentemente a bordo di un elicottero HH-139 dell’85° Centro SAR di Pratica di Mare dall’Isola di Ponza a Latina ​​Nel cuore della notte, su richiesta della Prefettura di Latina, è decollato dall’aeroporto di Pratica di Mare un elicottero HH-139 dell’85° Centro SAR per prelevare sull’isola di Ponza una donna di 73 anni affetta da una grave patologia e bisognosa di urgenti cure specialistiche. L’elicottero militare ha prima effettuato uno scalo presso l’aeroporto di Latina, dove ha caricato una equipe medica per assistere la paziente. L’equipaggio, giunto sull’isola di Ponza, ha caricato la donna a bordo per far poi ritorno presso lo scalo di Latina, dove la paziente e l’equipe medica sono stati scaricate e successivamente trasferite immediatamente con un’ambulanza presso l’ospedale del capoluogo pontino. L’85° Centro CSAR di Pratica di Mare è uno dei Centri del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà e che concorre ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato circa 7.300 persone in pericolo di vita.

16 Settembre 2017 0

Emanuele morto per lo spavento, autopsia individua malore naturale come causa del decesso

Di Ermanno Amedei

SANT’ANDREA DEL GARIGLIANO – Sarebbe morto per cause naturali. Il decesso di Emanuele Bove, il 40enne di Sant’Andrea del Garigliano, non sarebbe da attribuire a un colpo subito ma ad un malore. Sarebbe questa l’indiscrezione trapelata a fine dell’autopsia che si è svolta ieri sul suo corpo a Cassino.

Resta indagato, per omicidio volontario il 50enne di San Giorgio a Liri reo confesso di aver danneggiato, martedì sera la sua auto in Via Roma sospettando che Emanuele avesse una relazione con sua moglie. Alle 23, quando Emanuele è tornato a riprendere l’auto, l’ha trovata con parabrezza e lunotto termico sfasciati da ciò che sembravano colpi di ascia. Non è chiaro se vi fosse anche il 50enne di San Giorgio e se con lui vi sia stato un litigio ma il suo corpo è stato ritrovato esanime ad un centinaio di metri dalla sua auto ucciso, a quanto pare, dal un malore causato dallo spavento. Ermanno Amedei

Omicidio o malore? Indagini a 360 gradi sulla morte di Emanuele Bove – FOTO

Uomo morto a Sant’Andrea, è ancora mistero

 

Emanuele Bove ucciso per gelosia, 50enne indagato per omicidio

13 Settembre 2017 0

Omicidio o malore? Indagini a 360 gradi sulla morte di Emanuele Bove – FOTO

Di Ermanno Amedei

SANT’ANDREA DEL GARIGLIANO – E’ sul trama al volto e alle condizioni del cuore di Emanuele Bove che si concentrano le indagini dei carabinieri

del reparto operativo di Frosinone comandati dal Colonnello Andrea Gavazzi

Il 40enne di Sant’Anderea del Garigliano è stato trovato morto ieri sera in via Roma non molto distante dalla sua autovettura danneggiata.

Il parabrezza della Peugeot 208 parcheggiata era stato sfondato da quello che poteva sembrare un colpo d’ascia, così come il lunotto posteriore. Lui era uscito di casa dicendo ai familiari che sarebbe andato a prendere un caffè con gli amici, poi, alle 23 circa, qualcuno lo ha trovato agonizzante sull’asfalto e ha avvisato l’ambulanza. Gli operatori giunti sul posto non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. Sul volto era evidente la ferita al setto nasale ferita ma non è certo che sia stata quella la causa del decesso. Ancora troppi i punti oscuri della vicenda ad iniziare dai danneggiamenti alla sua vettura.

Emanuele è descritto da tutti come un uomo per bene, senza problemi di sorta. Non aveva a che fare con droga o alcool. Il danneggiamento della sua auto, però deve avere una spiegazione.

Chi e perché gli ha danneggiato l’auto?

Le ipotesi sono due: lo scambio di persona o qualcosa legata alla vita privata della vittima, magari una relazione. Comunque pare che lui non fosse presente mentre qualcuno gli rompeva parabrezza e lunotto dell’auto e che si sia accorto dei danni solamente al suo ritorno poco prima delle 23.

Come si è ferito e perché è morto?

Le ipotesi, anche in questo caso sono due: un malore nel vedere l’auto danneggiata con conseguente caduta oppure, data la lontananza dall’auto, l’inseguimento di qualcuno che riteneva responsabile con conseguente scontro fisico. Il medico legale che ha svolto l’ispezione cadaverica non avrebbe trovato altri traumi oltre a quello facciale ma per accertare le cause del decesso si dovrà attendere l’esito dell’autopsia.

Ermanno Amedei

Foto Antonio Nardelli

 

24 Agosto 2017 0

Giovane prostituta 24enne, residente a Frosinone, muore per un malore sulla Monti Lepini

Di felice pensabene

Prossedi – Una giovane donna 24enne di Frosinone è morta la notte scorsa lungo la via dei Monti Lepini, in prossimità del comune di Prossedi. Dai primi accertamenti sembra trattarsi di una prostituta residente a Frosinone. Un primo esame esterno sul corpo della giovane ha evidenziato la presenza di diverse ecchimosi. Il sospetto è che la donna possa essere stata picchiata durante un incontro con un cliente, come lei stessa avrebbe raccontato ai parenti quando si è sentita male. La giovane si trovava in auto con due parenti, una donna e il suo convivente di nazionalità egiziana, e stava tornando verso Frosinone quando ha avvertito un malore, probabilmente in seguito alle percosse subite, non è riuscita più a respirare ed è morta. I sanitari del 118 allertati dai parenti e dal personale di un hotel del luogo, intervenuti sul posto non hanno potuto fare altro che accertarne la morte. Gli inquirenti indagano su tutte le possibili ipotesi del decesso

 

5 Luglio 2017 0

Pontecorvo: Auto in fiamme in via 24 maggio. Malore per una donna

Di Comunicato Stampa

Pontecorvo- Nel primissimo pomeriggio di oggi un’auto modello Citroen Saxo è andata completamente distrutta dalle fiamme. È accaduto in via 24 maggio. Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco del distaccamento di Cassino e i carabinieri. È stato necessario prestare soccorso anche alla signora, proprietaria dell’auto che ha accusato un malore lieve fortunatamente. Probabilmente ad innescare l’incendio un corto circuito. I vigili del fuoco hanno dovuto anche rimettere in sicurezza la zona e raffreddare i tubi del gas. Sono risultati danneggiati alcuni lampioni e i vetri di negozio adiacente e di un’abitazione. N. C.

8 Giugno 2017 0

Tragedia a Cassino, muore il lavoratore colto da malore

Di felice pensabene

Cassino– Non ce l’ha fatta il lavoratore colto da malore questa sera in una pizzeria, nel centro di Cassino. L’uomo, purtroppo è morto poco fa. A nulla sono valsi i tentativi di ranimarlo, prima, e di salvargli la vita sccessivamente da parte dei sanitari e degli opratori del 118 intervenuti. Le sue condizioni sono apparse subito molto serie già all’arrivo dei soccorritori.Gli operatori hanno tentato per oltre un’ora di salvargli la vita anche attraverso la ventilazione assistita, ma senza successo.  Sul posto anche una pattuglia della polizia del Commissariato di Cassino, mentre si attende l’rrivodel magistrato. Il dramma, purtroppo, si è trasformato in tragedia.

F.P.

25 Ottobre 2016 0

Tribunale evacuato a Cassino dopo decine di malori, si teme sostanza tossica

Di Ermanno Amedei

Cassino – Tribunale evacuato a Cassino dopo il sospetto malore di una decina di persone tra cui giudici e avvocati. L’evacuazione è in corso e in piazza Labriola si sono raccolte già diverse ambulanze oltre ai vigili del fuoco che stanno facendo acceso al palazzo di giustizia con gli autorespiratori. Pare che l’aria che ha irritato le mucose e le vie respiratorie sia arrivata direttamente dal sistema di areazione. Sul posto stanno arrivando anche gli esperti dell’Nbcr dei vigili del fuoco.

Ermanno Amedei

Articolo successivo

26 Settembre 2016 0

Maratoneta di Ferentino colta da malore sui monti della Meta, recuperata dal Soccorso Alpino

Di Antonio Nardelli

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) è intervenuto nella giornata di ieri per recuperare una partecipante alla gara “Monti della Meta SkyMarathon” in provincia di Frosinone. La donna di 47 anni, originaria di Ferentino, era partita alle ore 8:30 per percorrere i 34 chilometri del tracciato; intorno alle ore 14:30, a circa metà percorso, la donna ha accusato un malore richiedendo i soccorsi. Ad intervenire per il recupero i tecnici del CNSAS presenti nei due presidi allestiti dallo stesso Soccorso Alpino lungo il tracciato della maratona. La squadra di terra del CNSAS, dopo aver prestato le prime cure sanitarie, ha trasportato in barella la maratoneta al punto di arrivo, dove sono sopraggiunti intorno alle ore 17:30. Per la donna non è stato necessario il ricovero.

Questo intervento conferma l’importanza di predisporre presidi del Soccorso Alpino in eventi sportivi o manifestazioni che si sviluppano in ambiente impervio, presidi che garantiscono soccorsi tempestivi in caso di necessità.

foto di repertorio

8 Agosto 2010 0

Muore in piscina, ipotesi malore

Di Comunicato Stampa

Era in piscina con un nipote il 36enne di origini marocchine morto oggi a Piedimonte San Germano. Una morte che al momento appare inspiegabile e che potrebbe essere giustificata da un malore avvenuto in acqua che lo avrebbe portato all’affogamento. L’uomo è arrivato in Italia da pochi mesi raggiungendo la moglie e il figlio di pochi anni. In questo periodo stava cercando un’occupazione stabile ma, nel frattempo, svolgeva lavori saltuari. Er. Amedei