Tag: ospedale

4 Dicembre 2019 2

L’ospedale di Cassino ai vertici della chirurgia italiana, intervento in diretta mondiale

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – In occasione del 30° Congresso di Chirurgia dell’Apparato Digerente, organizzato a Roma dal Professor Giorgio Palazzini il 29 Novembre 2019 e che ormai rappresenta uno dei più grandi eventi scientifici di chirurgia in diretta a livello mondiale, l’Equipe chirurgica del Santa Scolastica di Cassino guidata dal Professor Roberto Santoro è stata invitata a partecipare e ad eseguire un intervento di chirurgia oncologica epatica maggiore. L’intervento, lo si legge in una nota della Asl di Frosinone, ha riscosso molto successo ed il paziente è già in via di guarigione.

“Essere stati coinvolti in un evento di così grande rilevanza a livello nazionale ed anche internazionale è stata una grande soddisfazione per tutto l’Ospedale oltre che ovviamente mia personale – ha commentato nella nota il Professor Roberto Santoro – E’soprattutto il risultato di tre anni di grande lavoro dedicato alla chirurgia oncologica per i cittadini di questo territorio che riceve un riconoscimento di alto prestigio dalla comunità scientifica”.

La UOC di Chirurgia Generale diretta dal Professor Roberto Santoro è ormai diventata un centro riferimento regionale per la chirurgia oncologica attestandosi tra i primi posti come volume di attività per il trattamento del cancro colorettale. La chirurgia epatica maggiore viene eseguita spesso per metastasi epatiche proprio cancro colorettale e solo in pochi centri del nostro paese.

“Poter proporre questi trattamenti altamente specialistici al Santa Scolastica – sottolinea nella nota il Direttore Generale Stefano Lorusso –  è una grande opportunità per tutta la Provincia. Poter portare le sale operatorie di Cassino in diretta a confrontarsi con gli altri grandi centri italiani ed esteri su interventi di così alta specializzazione e grande complessità è un risultato eccezionale che dimostra che anche in Provincia è possibile fornire prestazioni di eccellenza in questo campo”.

12 Settembre 2019 0

Il Punto nascita nell’Ospedale di Anzio-Nettuno resta aperto grazie a convenzione con il Bambino Gesù

Di Ermanno Amedei

ANZIO NETTUNO – “La grave carenza di medici specialisti in Pediatria già da diverso tempo ha messo in crisi soprattutto l’Ospedale Riuniti di Anzio e Nettuno. Negli ultimi mesi abbiamo potuto garantire la piena operatività solo grazie a una convenzione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Oggi abbiamo ricevuto conferma che detta convenzione, che ci garantisce pediatri di elevata professionalità, proseguirà”, Lo annuncia in una nota stampa Narciso Mostarda, Direttore generale della Asl Roma 6.  “Possiamo rassicurare le future mamme e tutte le famiglie che il punto nascita della struttura ospedaliera continuerà a svolgere la normale attività, pur rilevando che il numero dei parti annuali è inferiore agli standard definiti dal Ministero. E’ nostro impegno monitorare con attenzione il fabbisogno del territorio in termini di natalità, per rispettare tutte le indicazioni dettate dal DM 70/2015 che sancisce le linee guida per l’appropriatezza dei punti nascita”.

“Vogliamo precisare che”, continua Mostarda, “la causa principale alla base dell’ipotesi di disattivazione delle unità operative di Pediatria e Ostetricia era l’impossibilità di arruolare pediatri. Si tratta di una criticità di sistema, che riguarda l’intera rete nazionale dei professionisti. Negli ultimi anni il contingente di pediatri a disposizione del sistema sanitario nazionale è diminuito drammaticamente”.

16 Agosto 2019 0

Finge malore ed evade durante la visita in ospedale, è caccia al detenuto di Rebibbia

Di Ermanno Amedei

ROMA – E’ caccia all’uomo a Roma per ritrovare un detenuto del carcere di Rebibbia evaso questa mattina mentre era in ospedale al Sandro Pertini per una visita.

L’omo, Vincenzo Sigigliano, 47 anni Campano, ha approfittato di un momento di distrazione di chi lo sorvegliava per fuggire ancora con le manette ai polsi e i vestiti da detenuto. Sono in corso nella zona dei Monti Tiburtini  ricerche con l’ausilio anche di un elicottero della polizia.

Il 47enne era stato arrestato un mese fa in Messico perchè, insieme ad altri conterranei, comprava grossi quantitativi di attrezzi da cantiere prodotti da sottomarche cinesi e li rivendeva dopo avervi apposto marchi più costosi.

16 Luglio 2019 0

Frosinone, Ospedale Spaziani: in arrivo 9 medici. Nota della Asl

Di Comunicato Stampa

Una buona notizia per l’ospedale Spaziani di Frosinone. Una novità particolarmente attesa e che sicuramente porterà benefici alla struttura. Presto nove medici prenderanno servizio presso l’ospedale. A darne notizia in una nota, il commissario straordinario Asl, Luigi Macchitella “La problematica relativa alla carenza del personale medico è in via di risoluzione: con deliberazione n. 1316 del 28.6.2019 è stata conclusa la procedura per il reclutamento di 9 dirigenti Medici anche per le esigenze del Pronto Soccorso “Spaziani” di Frosinone (concorso bandito per estratto sulla Gazzetta Ufficiale n. 7 del 25.1.2019). I 9 vincitori, con un ulteriore ampliamento di altri 2 Medici, sono già stati convocati per la stipula dei relativi contratti di lavoro a tempo indeterminato. L’immissione in ruolo risulta imminente”.

10 Giugno 2019 0

Frosinone, malmena gli anziani genitori ricoverati in ospedale; denunciato dalla polizia un 54enne

Di felice pensabene

FROSINONE – Nella giornata di ieri la squadra volante è intervenuta presso il locale nosocomio dove era ricoverato con il femore fratturato un anziano 85enne residente a Ceccano. Sul posto anche la consorte 78enne, la quale riferiva che nella mattinata il proprio figlio, 54enne, con problemi di alcool, nel rincasare aveva dapprima malmenato il padre e successivamente si era scagliato contro la stessa.

L’aggressione al padre, tra l’altro, in uno stato di salute già precario, ne provocava varie lesioni e soprattutto la frattura del femore, arrecando allo stesso 30 giorni di prognosi.

Dopo la feroce violenza il 54 enne si sarebbe allontanato dall’abitazione facendo perdere le proprie tracce.

All’accaduto hanno comunque assistito diverse persone, le quali hanno cercato di salvare l’anziano dalla furia ceca del proprio figlio.

Immediata la ricostruzione da parte degli uomini delle volanti dell’episodio delittuoso e le ricerche dell’aggressore che è stato in breve tempo intercettato, fermato e trasferito in Questura.

Ricostruito l’evento il soggetto ha confessato il gesto rabbioso ed è stato deferito all’A.G.

4 Giugno 2019 0

Frosinone, furto tra le corsie dell’ospedale, denunciato un degente

Di felice pensabene

FROSINONE – Durante l’ordinario controllo del territorio, nella giornata di ieri, intorno alle ore 11,00 la squadra volante è intervenuta presso il locale nosocomio dove alcuni degenti avevano lamentato il furto di effetti personali.

Tempestivo l’arrivo degli operatori che constatano l’ammanco di un portafogli e di un telefono di un ricoverato nella struttura e di una borsa di un’addetta alle pulizie dei locali.

Scatta l’attività di rintraccio del responsabile e attraverso una meticolosa attività di osservazione e diverse testimonianze individuano il responsabile dei furti; si tratta di un 40enne del capoluogo, degente in un reparto dell’ospedale. Deferito all’A.G.

Gli uomini delle Volanti continuano nell’intensa attività di controllo del territorio ed ogni attività illecita, anche nelle zone e nei luoghi più insospettabili.

 

15 Maggio 2019 0

Ospedale Sora, operaio 20enne cade dal lucernario e rimane gravemente ferito

Di Ermanno Amedei

SORA – “Nel pomeriggio di ieri un ragazzo di soli 20 anni che eseguiva lavori presso l’ospedale di Sora è involontariamente precipitato da un’altezza di circa 6 metri”.

Lo si legge in una nota del consigliere provinciale Gianluca Quadrini.

“Causa della caduta è stato uno dei tanti oblò (lucernari) situati nei perimetri esterni del complesso ospedaliero. Diverse sono state finora le segnalazioni, purtroppo sempre ignorate, fatte alla Asl affinché tali oblò venissero messi in sicurezza.  Il ragazzo dopo i primi soccorsi è stato elitrasportato a Roma in quanto le sue condizioni sono apparse dal primo istante abbastanza serie.

C’è da aggiungere che sono presenti ancora altri lucernari pericolosi privi della messa in sicurezza come quelli sul terrazzo della struttura,sprovvisti di parapetti,  dove i manutentori sono costretti ad andare per eseguire la manutenzione agli impianti di climatizzazione, pur senza le dovute precauzioni. Il consigliere provinciale e presidente della XV Comunità Montana Gianluca Quadrini fa appello agli organi preposti della Asl competente: È necessario intervenire con urgenza per la messa in sicurezza dei tombini, per salvaguardare la sicurezza degli operai evitando il ripetersi di altri incidenti”.
25 Marzo 2019 0

Aggrediti dal proprio pitbull a Lanuvio, padre e figlio in ospedale

Di Ermanno Amedei

LANUVIO – Momenti di terrore, ieri pomeriggio in via Passo della Corte a Lanuvio quando un pitbull maschio si è rivoltato contro i padroni azzannandoli e costringendoli al ricovero in ospedale. Tutto è accaduto alle 18 circa quando il proprietario degli animali, un 60enne, è intervenuto per salvare un molosso femmina dall’aggressione del maschio.

L’animale ha mollato la cagna e ha aggredito il 60enne azzannandolo più volte. In difesa dell’uomo è arrivato il padre 80enne rimediando anche egli zannate, fino a cercare riparo, insieme alla nuora, in un box. Sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri di Lanuvio e la radiomobile di Velletri, oltre agli operatori del 118.

Con il cane ancora libero, e l’anziano chiuso nel box con la donna, sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del distaccamento di Velletri che hanno forzato la serratura permettendo ai sanitari di soccorrere il ferito. L’80enne ha riportato ferite per 30 giorni di prognosi, il figlio per 10 giorni. Il cane è stato prelevato dai veterinari della Asl e sottoposto a profilassi in un canile a Marino.

 

12 Febbraio 2019 0

Da 24 ore Black out in ospedale a Velletri, colpa di un corto circuito

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – L’ospedale di Velletri è in black out da oltre 24 ore. Da ieri mattina, infatti, Il Paolo Colombo è parzialmente senza energia elettrica.

Una situazione che si protrae ormai da tempo e, a quanto si apprende, il guasto è dovuto ad un corto circuito le cui cause sono ancora da accertare.

I tecnici stanno cercando di riparare il guasto che però sembra essere molto complesso. Al momento pare che l’ospedale funzioni tranne il reparto chirurgia. Il pronto soccorso non avrebbe risentito del problema energetico.

13 Dicembre 2018 0

Rubano soldi ai visitatori in ospedale a Cassino, arrestate tre donne

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Tre donne sono state dai Carabinieri di Cassino per furto aggravato in concorso. Si tratta di  F.C. 55enne, F.R. 56enne e D.C. 41enne tutte campane, l’ultima già censita per reati finanziari.

Le tre sono state bloccate dai militari nel piazzale antistante l’ospedale Santa Scolastica di Cassino dopo aver asportato la somma di 60 euro dal portafoglio contenuto all’interno di una borsa che una 33enne di Pontecorvo aveva poggiato su un comodino di una stanza dell’ospedale, per accompagnare in bagno la nonna gravemente malata. Nel rientrare nella stanza la 33enne notava le tre donne allontanarsi celermente, accorgendosi che dalla propria borsa rovistata mancava il denaro sottratto dal portafoglio.

Prontamente la malcapitata chiedeva aiuto ai presenti rincorrendo le tre donne autrici del furto che nel frattempo procedevano speditamente in direzione dell’uscita dell’ospedale ma venivamo bloccate dai Carabinieri ivi giunti con sollecitamente. Accompagnate presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Cassino, le tre campane venivano sottoposte a perquisizione personale e trovate in possesso della somma asportata alla 33enne denunciante. Stante la flagranza del reato le indagate sono state tratte in arresto e dopo le formalità di rito trattenute presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri della città martire, in attesa del rito direttissimo. Sono in corso indagini per addivenire all’identificazione di eventuali altre vittime.