Tag: studentessa

7 Giugno 2018 0

Studentessa palpeggiata in pieno giorno a Cassino, indagini in corso

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Sono in corso indagini per verificare il racconto di una studentessa universitaria che nella tarda mattinata di Ieri sarebbe stata avvicinata e palpeggiata da un ragazzo che poi si è allontanato.

L’aggressione sarebbe avvenuta nella tarda mattinata di ieri lungo il percorso che la ragazza copre dal rione Colosseo alla facoltà universitaria che frequenta alla Folcara.

La giovane ha raccontato di essere stata avvicinata da un ragazzo che improvvisamente le avrebbe messo le mani sul seno, palpeggiandola ripetutamente prima di scappare quando la studentessa ha iniziato ad urlare. Gli agenti del commissariato cittadino hanno raccolto la descrizione del giovane, a quanto pare italiano, e lo starebbero cercando.

Ermanno Amedei

24 Aprile 2018 0

Studentessa acquista su internet I-Phone, ma il telefono non arriva. In due denunciati per truffa

Di redazionecassino1

SANT’APOLLINARE –  I militari della locale Stazione, a conclusione di articolate indagini, hanno deferito in stato di libertà per “truffa in concorso”, un 26enne residente a Verona ed un 33enne residente a Crotone, risultati entrambi già censiti per analoghi reati. L’attività investigativa è scaturita a seguito della querela effettuata nel mese di gennaio scorso da una studentessa del luogo che, dopo aver letto un annuncio sul sito internet “Subito.it”, aveva concordato l’acquisto di un I-Phone modello 7 con il 33enne crotonese. L’uomo, ricevuto dalla vittima della truffa il versamento di un anticipo di euro 165,00, su una carta Poste Pay intestata al 26enne di Verona, non provvedeva alla consegna del telefono cellulare alla malcapitata studentessa.

22 Maggio 2016 0

Trovati morti madre e figlio di 5 mesi, erano in vacanza a Montefiascone

Di admin

Montefiscone (Vt) – Madre e figlio sono stati ritrovati morti questa mattina non molto lontano dal camping dove stavano trascorrendo una vacanza con la madre della donna. Maria Cecilia Fassine, studentessa 22enne e il figlio di 5 mesi Matteo Arion, erano scomparsi la sera di sabato da Montefiascone.

Erano arrivati nel campeggio dall’Austria e parlavano solo tedesco. Le ricerche si sono immediatamente attivate ma solamente questa mattina sono state ritrovate le due salme. Il piccolo senza vita ad una decina di metri dall’albero dove si è tolta la vita la madre.

Er. amedei

21 Maggio 2016 0

Giovane madre scompare con figlio di 5 mesi. Ricerche in corso

Di admin

Montefiascone (Vt) – Timori a Montefiascone per le sorti di Maria Cecilia Fassine, studentessa 22enne e il figlio di 5 mesi Matteo Arion. Da ieri sera a mezzanotte sono scomparsi entrambi e sono iniziate subito le ricerche coordinate dai carabinieri, a cui partecipano vigili del fuoco e volontari di protezione civile.

I carabinieri hanno diffuiso la descrizione della ragazza: magra, capelli lunghi castani, 165 cm di altezza, indossa un paio di jeans chiari, una maglietta grigio scura, giubbotto nero, segni caratteristici piercing al labbro. Porta con se un bimbo di cinque mesi. “Nel caso di rintracci – si legge in una nota dell’Arma – contattare i carabinieri di Montefiascone 0761/832200”.

Er. Amedei

22 Aprile 2009 0

Studentessa di 18 anni scappa con barbone 45enne

Di redazione

Ha mollato tutto per seguire quello che lei definisce l’uomo della sua vita: non un principe azzurro sul suo destriero bianco, o un ricco imprenditore sulla sua Ferrari, ma un senza tetto che ha l’età di suo padre. Una storia contemporanea che vede protagonista una giovanissima studentessa di Cassino di appena 18 anni. Sua madre, disperata, chiede di mantenere l’anonimato, e sostinene che la figlia ha perso completamente il senno, oppure è stata drogata o plagiata, e ha bisogno di cure. Per questo ha sporto denuncia alla polizia del commissariato di Cassino. Lei, la diciottenne, che fino a qualche mese fa viveva a Cassino, raggiunta telefonicamente ha detto che un principe azzurro o un imprenditore non avrebbero certo il cuore del suo amato Bruno. Così si chiama il clochard che ha conosciuto alcuni mesi fa mentre portava a spasso il cane della zia. Le loro strade si sono incontrate proprio per i cani, quello della zia e i due del barbone che “alloggiava” in un ricovero fatto di cartone e tavole in legno in piazza ex campo Miranda. “Una parola tira l’altra – ha dichiarato al telefono la 18enne – e ci siamo fidanzati. Lui mi ha anche tatuato una stella sul polso e io gli ho chiesto di tatuarmi il suo nome sull’altro”. A febbraio però, la loro storia è venuta fuori e sono iniziati i problemi. Bruno è stato “sfrattato” anche perché il largario è stato interessato da una serie di lavori di riqualificazione in vista della visita del Papa (24 maggio) e lei lo ha seguito a Frosinone. “Siamo stati un mese davanti ad un supermercato a fare le ‘collette’ tra la gente, poi abbiamo litigato e a fine marzo sono tornata a Cassino per un giorno. Lui mi ha telefonato e mi ha detto che la sua vita senza di me non aveva senso, che stava per partire e se io avessi voluto, sapevo dove cercarlo. Non ci ho pensato due volte e l’ho raggiunto”. Al telefono ieri, la ragazza ha detto che adesso vivono in una casa e che vogliono una famiglia, ma, su cosa faccia la coppia per vivere e dove vivono non vi è certezza. Insomma cambiano i tempi, una volta le ragazze aspettavano l’arrivo del principe azzurro, oggi si va via con il clochard.

21 Aprile 2009 1

Studentessa fa pipì in strada; beccata e multata

Di redazione

Fare pipì, per strada, a Trieste, costa circa 500 euro. E’ il contro presentato ad una studentessa Croata di 25 anni, sorpresa dai vigili urbani accovacciata in un angolo buio. La ragazza, evidentemente, proprio non riusciva a trattenerla, anche perché la movida degli studenti solletica la vescica e costringe a contravvenire all’ordinanza del sindaco che vieta la “lordatura della pubblica via mediante residui fisiologici”: insomma urinare per strada. La ragazza quindi è stata multata di 500 euro.

17 Marzo 2009 1

Studentessa aggredita nel bagno della stazione

Di redazione

Ha seguito una studentessa di 21 anni di Frosinone fin dentro al bagno della stazione ferroviaria di Cassino. Ha aspettato che riaprisse la porta e l’ha aggredita. Si tratta di un 50enne residente nel cassinate che ieri pomeriggio ha tentato la violenza ai danni della ragazza proprio a pochi passi dall’ufficio di polizia ferroviaria di Cassino. Ad accorgersi di quanto stesse accadendo è stato il comandante della Polfer, Maria Di Fruscia. La donna ha visto la studentessa fuggire in lacrime. Ha quindi chiamato i suoi uomini e raggiunto la vittima sul treno. Nel frattempo altri poliziotti hanno bloccato il 50enne mentre tentava di fuggire a bordo di un autobus. L’uomo è stato denunciato per lesioni e violenza sessuale.