Tag: testate

4 Giugno 2019 0

Si scaglia contro i poliziotti colpendoli con calci e testate, rumeno pregiudicato finisce in manette

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CISTERNA di LATINA – Personale della Polizia di Stato – Questura di Latina – Commissariato di Cisterna  ha tratto in arresto Cojocaru Adrian, nato in Romania nel 1967, pregiudicato, rintracciato presso un’abitazione in stato di abbandono, sita in Cisterna  via Frosinone s.n.c .

Il soggetto pochi mesi or sono, era gia’ stato arrestato per aver procurato lesioni ad un altro straniero, che gli contendeva l’occupazione del manufatto, ed aver opposto resistenza al personale della volante accorso anche per scongiurare una fuga di gas . Il giudice, all’epoca dei fatti, aveva disposto l’obbligo di firma presso il Commissariato, ma il pregiudicato si era nuovamente recato presso la vecchia dimora, occupandola nuovamente in forma abusiva.  In ragione di cio‘ è stato richiesto nei confronti del rumeno all’ A.G., un inasprimento della misura cautelare e, prevedendosi il verificarsi di nuovi episodi cruenti, l’emissione della misura di prevenzione dell’Avviso Orale del Questore, anche a carico degli altri soggetti occupanti quella abitazione.

Nella serata di ieri si è data esecuzione alla notifica misura dell’avviso orale. Alla vista dei poliziotti pero’, il Cojocaru  si scagliava contro, colpendoli con pugni e testate, non risparmiando di danneggiare con calci, l’auto di servizio. Ingaggiata una violenta colluttazione, solo a fatica il Cojocaru veniva immobilizzato dagli agenti, che hanno riportato alcune lesioni con gg 2 e gg 8 di prognosi.  A seguito di ciò il Cojocaru è stato ristretto in cella di sicurezza e quindi condotto per la direttissima al Tribunale di Latina ove l’arresto è stato convalidato con la traduzione in carcere .

foto di repertorio

25 Settembre 2017 0

Pestaggio tra mura domestiche, calci pugni e testate alla ex moglie

Di admin

TORRICE – Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Torrice hanno tratto in arresto per il reato di lesioni personali, un 50enne residente in quel centro, pregiudicato per reati specifici e contro la persona. I militari, infatti, sono intervenuti a seguito della richiesta di aiuto da parte di una donna che era stata violentemente percossa dal marito separato. L’uomo, nonostante con la vittima fossero separati oramai da tempo, non aveva mai accettato di doversi allontanare lasciando il tetto coniugale. Per tali motivazioni il marito violento, proprio in quelle mura domestiche in cui egli non avrebbe dovuto essere, si rendeva spesso protagonista di scenate di isteria e violenza. Fino, quindi, al precipitare della situazione dell’ultimo episodio al quale anche degli amici della coppia sono stati costretti ad assistere. Preso da un ennesimo momento di ira nei confronti della ex, la percuoteva ripetutamente con calci e pugni al ventre sferrandole infine una testata in pieno volto che la tramortiva. Solo l’intervento da parte degli amici in suo soccorso permetteva che la situazione non precipitasse verso conseguenze irreparabili. I militari, giunti tempestivamente sul posto immobilizzando l’uomo affinché non potesse più nuocere alla consorte.

24 Luglio 2010 0

Rapina a… colpi di testate. Arrestato un 35enne

Di redazione

Ha preteso soldi e, difronte al no, ha sferrato una testata in faccia al malcapitato rompendogli il setto nasale. I fatti sono accaduti lo scorso mese di giugno nel quartiere san Bartolomeo di Cassino e l’autore dell’aggressione è un 35enne, del posto individuato e denunciato dalla polizia del commissariato di cassino dopo circa un mese di indagini. In quell’occasione il 35enne, con vari precedenti penali alli spalle, avrebbe prima minacciato e poi duramente colpito un coetaneo che si rifiutava di consegnare i soldi che aveva indosso. Dope le percosse, l’aggressore è stato messo in fuga da un passante. A distanza di un mese gli uomini del vice questore Gianfranco Simeone lo hanno rintracciato anche grazie a riscontri fotografici e lo hanno denunciato. Ermanno Amedei