Tag: trasporto

16 Luglio 2019 0

Nuove corse per il trasporto locale verso la Folcara e regionale verso la Capitale

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Incontro importante ieri fra l’assessore regionale alla mobilità, Mauro Alessandri, il sindaco di Cassino, Enzo Salera e l’assessore comunale ai trasporti per trattare i problemi della mobilità locale e regionale.

L’attenzione, in particolare, è stata rivolta nei confronti del collegamento tra la stazione e l’Università in via Folcara. Già oggi c’è una corsa ogni mezz’ora ma è nostra intenzione, ha spiegato il sindaco Salera, con la collaborazione della Regione e di Magni implementare ancora di più questo servizio. “Riuscire a collegare la zona della Folcara con la stazione e il centro di Cassino, significa offrire concretamente un servizio a tutti coloro che studiano e lavorano all’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, e significa anche decongestionare il traffico cittadino, in particolare nel collegamento viario che come tutti sappiamo non è eccelso. Solo attraverso un trasporto migliore e più strutturato, Cassino può divenire davvero città universitaria”. Cassino è una città universitaria ed ha notevole richiesta di miglioramento del servizio. Sono oltre tremila gli utenti che ogni giorno usufruiscono del servizio.

La Regione Lazio utilizzerà, infatti, per l’assegnazione dei fondi del TPL e che andranno a ricadere pienamente gli elementi che oggi abbiamo posto sul tavolo tra cui emerge un numero alto di utenza per singola corsa, visto che Cassino è una città universitaria ed ha notevole richiesta soprattutto da parte di ragazzi. E stiamo parlando di oltre 3.000 persone che ogni giorno usufruiscono del servizio.

Si è discusso anche di pendolarismo nell’incontro di ieri. Sotto questo aspetto, l’altra importante notizia è il via libera ufficiale alla corsa bis di Cotral, un collegamento diretto Cassino – Anagnina via autostrada con partenza alle ore 6, per il mese di agosto. Tale collegamento sarà effettuato su autobus bipiano e si andrà ad aggiungere alle corse abituali di Cotral. La necessità della richiesta è dovuta ai lavori, nel mese di agosto sulla linea Cassino-Roma, tra Colleferro e Ciampino con il blocco della circolazione ferroviaria. Questo autobus sostitutivo, come richiesto dall’associazione dei pendolari, sarà un servizio ulteriore rispetto al servizio sostitutivo tra Colleferro e Ciampino che Trenitalia ha predisposto per tutto il mese ed è un servizio molto più comodo e veloce con la capitale.

Soddisfazione per l’esito dell’incontro è stata espressa dal sindaco Enzo Salera e dall’assessore Delli Colli: “Cominciano a vedersi i risultati concreti del nostro lavoro – spiega l’assessore al commercio e trasporti del Comune di Cassino Chiara Delli Colli. “Dopo aver risolto la questione relativa al collegamento con gli uffici dell’Inps, altre due importanti notizie per tutti coloro che sia nella città di Cassino, che all’interno della nostra Regione si muovono con i mezzi pubblici sia per studio o per lavoro.”

F.P.

13 Gennaio 2018 0

La Provincia abbandona il trasporto disabili, la Regione Lazio lo finanzia con 28mila euro

Di felice pensabene

Cassino – Il comune di Cassino- Assessorato ai servizi Sociali e della Famiglia ha ottenuto ulteriori due finanziamenti da parte la Regione Lazio per quanto concerne il trasporto dei disabili.

“Un anno fa ricevemmo improvvisamente la comunicazione da parte dell’ente Provincia di Frosinone dei tagli ai trasporti scolatici per i diversamente abili. – ha detto l’assessore alle Politiche sociali e della famiglia, Benedetto Leone – Non potevamo come Amministrazione lasciare da soli questi ragazzi speciali. Da lì l’idea, avendo due pulmini in affidamento con la PMG grazie agli sponsor, di rendeteli ancor più utili alla nostra Comunità. Abbiamo, quindi, presentato un progetto al Consorzio dei servizi sociali per il trasporto dei ragazzi.

Ieri ci è arrivata la notizia, anzi la doppia notizia, di un primo rimborso del progetto da parte della Regione Lazio che ha valutato positivamente l’idea proposta dall’amministrazione D’Alessandro, assegnando quasi 28 mila euro per l’anno appena concluso. Ma c’è di più. La seconda bella notizia è, infatti, legata al fatto che ci è stato comunicato il finanziamento del progetto anche per l’anno in corso con l’assegnazione della prima rata già in questo periodo.

Da Assessore ai Servizi sociali avevo preso un impegno con le famiglie di questi ragazzi straordinari. Nessuno li lascerà soli, oggi fa piacere che la nostra scelta progettuale sia stata valutata positivamente e rimborsata al Comune. Continuiamo su questa strada, come dico sempre, pancia a terra a lavorare per la Città, con l’obiettivo di valorizzare, passo dopo passo, il senso di comunità”. Ha concluso l’assessore alle Politihe Sociali e della Famiglia, Benedetto Leone.

9 Settembre 2017 0

Frosinone, novità per il trasporto pubblico. Da lunedì 11 settembre arriva il nuovo orario

Di felice pensabene

Frosinone – Dall’11 settembre a Frosinone entrerà in vigore il nuovo orario invernale del TPL. Diverse le migliorie apportate al servizio in vista dell’inizio dell’anno scolastico 2017/2018.

Per quanto riguarda, invece, il trasporto extraurbano gestito dal Cotral, dopo l’ordinanza sindacale di divieto di transito degli automezzi non conformi alla vigente normativa di emissioni in atmosfera, la direzione di esercizio della compagnia ha garantito, per l’inizio del nuovo anno scolastico, il transito all’interno dell’area ZTL di mezzi conformi alla normativa senza, quindi, dover effettuare collegamenti con bus navette verso gli istituti scolastici.

Il provvedimento emanato lo scorso anno dal sindaco di Frosinone, infatti, prevedeva l’ingresso in città, almeno nella zona a traffico limitato, soltanto degli autobus del Cotral di tipo ecologico, ossia quelli diversi dalle dotazioni euro 0, 1 e 2 diesel, che spesso costituiscono uno dei fattori inquinanti di maggiore criticità. Del resto, l’amministrazione Ottaviani, già da oltre un anno, aveva introdotto l’utilizzo di automezzi del trasporto pubblico urbano, gestito dalla Geaf, riqualificando completamente la flotta dei veicoli, attraverso l’adozione, esclusivamente, di autobus euro 5, euro 6, a metano e a batteria. Non avrebbe avuto, quindi, alcun senso rigenerare, come avvenuto, integralmente il trasporto pubblico locale e permettere, contemporaneamente, l’ingresso in città di oltre 300 corse extraurbane, del servizio regionale Cotral, non in regola con i parametri ambientali imposti dalla normativa sulle emissioni in atmosfera.

E’ stata istituita per la prima volta, inoltre, la linea 21 che, partendo dal capolinea di piazza Pertini, raggiungerà il centro commerciale “Le Sorgenti”: tale percorso – di fatto, mai realizzato prima, se non all’interno di alcuni prolungamenti di linea – è stato ideato per offrire un servizio migliore e più capillare ai cittadini.

 

13 Dicembre 2016 0

Trasporta ferro eppure brucia, denunciato camionista per trasporto di rifiuti illegali

Di Ermanno Amedei

Ceprano – Il ferro non brucia, eppure quel camion che dai documenti trasportava materiale ferroso, era avvolto dalle fiamme.

Una singolare circostanza che ha portato gli agenti della polizia stradale della sottosezione di Frosinone ad effettuare controlli sul reale carico trasportato dal mezzo pesante. Gli agenti sono intervenuti venerdì pomeriggio sul tratto autostradale Roma Napoli, direzione sud, nel territorio di Ceprano per l’incendio del camion. Dalla documentazione di carico risultava  che il mezzo trasportasse rifiuti consistenti in residui di materiale ferroso diretti ad una ditta di smaltimento situata nell’hinterland partenopeo. L’incendio, però, come costatato dai Vigili del Fuoco, era stato attivato da un fenomeno di autocombustione.

Inoltre, al fine di procedere ad un più accurato controllo, si richiede la presenza dei tecnici dell’Arpa Lazio.

Sul rimorchio, salvato dalle fiamme, perché staccato dalla motrice, sono stati rinvenuti rifiuti di vario tipo, da elettrodomestici a  pneumatici.

L’autotreno,   unitamente al carico,  è stato sequestrato, mentre l’autista  denunciato per trasporto di rifiuti in difformità a quanto riportato nell’apposito formulario.

Sono in corso gli accertamenti della ASL per verificare l’esatta natura del carico di rifiuti.

10 Dicembre 2012 0

Trasporto pubblico, riparte Pendolaria di Legambiente: la Roma Viterbo tra le peggiori linee d’Italia

Di Ermanno Amedei

Dall’Ufficio stampa Legambiente Lazio riceviamo  e pubblichiamo:

Fare il pendolare tra Roma e Viterbo rappresenta ormai un’avventura sia che si scelga la linea ATAC Roma Nord, sia che si prenda la ferrovia regionale FR3 di Trenitalia. La situazione peggiore la vivono i passeggeri sulla linea ATAC, 75.000 ogni giorno, che si ritrovano con treni sovraffollati, vecchi e in ritardo. E’ la Roma Viterbo a rappresentare il Lazio tra le peggiori tratte ferroviarie d’Italia, con la Circumvesuviana, la Padova-Venezia, la Palermo-Messina, tra riduzioni delle corse, lentezza, disservizi e sovraffollamento. Una triste classifica presentata da Legambiente, che lancia una settimana di mobilitazione fino al 18 dicembre per chiedere più treni per i pendolari, nuove carrozze e servizi migliori.

 “La vita dei pendolari non migliora, anzi si fa sempre più incerta, tra tagli del servizio, aumenti dei biglietti e disattenzione -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Nel Lazio i pendolari si trovano troppo spesso a piedi, a fronte di tagli del servizio e aumenti del prezzo dei biglietti, con disagi che aumentano di giorno in giorno. Da tempo diciamo che bisogna mettere mano alla qualità dei binari, delle stazioni, dei treni, dei mezzi, ora è venuto il momento di scegliere di investire in questa direzione. La Regione ha un ruolo fondamentale, chiediamo a gran voce che gli investimenti per i pendolari siano al centro dei programmi di governo di chi si candida a governare.”

 Nel 2012 nel Lazio abbiamo registrato un tagli al servizio del 3,7%, mentre nel frattempo il prezzo del biglietto, invece, è cresciuto del 15%. Aumenti che in Toscana sono stati del 20% e in Liguria del 10% per il biglietto semplice e del 5% per gli abbonamenti e che si vanno a sommare a quelli del 2011, come in Lombardia dove le tariffe erano già state incrementate del 23,4% l’anno passato. Complici i mancati trasferimenti da parte del Governo, il Lazio ha accumulato un debito di 220-230 milioni nei confronti delle Ferrovie.

 “Torniamo a lanciare un grido dall’allarme per i trasporti pubblici nel Lazio, le risorse diminuiscono per treni e bus, si tratta di scegliere in favore dei pendolari e spostare gli investimenti -afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. La Regione deve mettere in atto un programma per aumentare i servizi, con risorse aggiuntive, ridefinendo le priorità e trovando le soluzioni. Bisogna ripensare la mobilità in favore del mezzo pubblico, puntare sui nodi intermodali di scambio tra autobus extraurbani e treni, creare subito corsie protette e riservate per separare i bus dal traffico privato. Per la Regione, ormai definita la data delle elezioni, è ora che si incominci a parlare delle cose da fare, questi temi devono essere la priorità dei programmi di chi si candida a governare.”

Tagli e aumenti tariffari negli anni 2011 e 2012

Regioni

2011

2012

Taglio ai servizi

Aumenti tariffe

Taglio ai servizi

Aumenti tariffe

Abruzzo

-10%

+20%

-10%

+4,5%

Calabria

-10%

Campania

-10%

+12,5%

-10%

+10%

Emilia-Romagna

-3%

+10%

Lazio

-3,7%

+15%

Liguria

-12%

+20%

-10%

+10%

Lombardia

+23,4%

Marche

-13%

Piemonte

-5%

+10%

-5%

+12,5%

Puglia

-15%

+4%

Toscana

-3,3%

+1,5%

-3%

+20%

Umbria

-3%

+25%

Veneto

-3,35%

+15%

Elaborazione Legambiente su dati Regioni e Trenitalia

La classifica delle linee peggiori sul sito www.legambiente.it

5 Dicembre 2012 0

La Commissione Europea aggiorna la lista nera delle compagnie aeree che sostituisce la precedente che risale allo scorso aprile

Di Ermanno Amedei

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: È estremamente importante per i viaggiatori conoscere anticipatamente le condizioni di rischio cui vanno incontro specie se si viaggia in aereo. Un settore quello dei trasporti aerei dove le norme per la sicurezza vigenti sono assai rigorose e le limitazioni all’ordine del giorno se non si rispettano le stringenti regole.

Per tali ragioni, la Commissione Europea provvede ad aggiornare periodicamente la “lista nera” delle compagnie aeree considerate poco sicure e quindi bandite dallo spazio aereo dell’UE.

L’ultima black list che sostituisce la precedente che risale all’aprile 2012, arriva in data odierna e viene annunciata e diffusa in anteprima in Italia nell’allegato .pdf da Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, che rileva come l’istituzione con sede in Bruxelles abbia deciso fra l’altro di imporre il divieto “ai vettori aerei certificati in Eritrea, a causa di gravi criticità riscontrate in materia di sicurezza”.

Al contrario, in virtù dei miglioramenti riscontrati per ciò che concerne la sicurezza nel settore in Mauritania e in Giordania, Bruxelles ha rimosso dalla classifica tutti “i vettori aerei certificati in Mauritania e la compagnia Jordan Aviation”.

La Libia rimane nello speciale elenco, anche se sono stati rilevati progressi, ma sono state le stesse autorità del paese ad accettare il mantenimento per i loro vettori del divieto operativo nell’Ue fino a quando quest’ultimi saranno completamente in grado di soddisfare le richieste delle nostre istituzioni.

Significativi, in tal senso sono gli sforzi della Commissione Europea che nell’annunciare la decisione per bocca del vicepresidente Siim Kallas, responsabile per i trasporti, ha sottolineato che “la Commissione è pronta a compiere ogni sforzo possibile per aiutare i paesi colpiti dal divieto, a dotarsi della capacità tecnica e amministrativa necessaria per superare le difficoltà nel settore della sicurezza con la massima rapidità ed efficienza”. Tuttavia – ha specificato – “la sicurezza deve sempre avere la precedenza e non intendiamo accettare compromessi su questo punto”.

Come non essere d’accordo con lui.

11 Maggio 2010 0

Mille nuovi treni per il trasporto dei pendolari

Di felice pensabene

Più mezzi per gli spostamenti su rotaia. La commissione Trasporti ha approvato all’unanimità il testo di una proposta di legge che consente l’acquisto di mille treni con lo scopo di rinnovare il materiale rotabile per il trasporto dei pendolari. La prossima settimana il provvedimento, che attende il parere della commissione bilancio sulla copertura, sarà esaminato in commissione in sede redigente per poi ricevere il via libera dall’aula di Montecitorio. Il provvedimento è fatto da due articoli e prevede – a partire dal 2011 – un contributo quindicennale alle Ferrovie dello Stato di 300 milioni di euro all’anno per l’acquisto di nuovi treni. Alla fine saranno 4,5 miliardi di euro, coperti tramite un aumento di 10 euro ogni mille litri delle aliquote di accisa, ovvero 10 euro per mille chili qualora si tratti di aliquota di accisa su gas di petroli o liquefatti usati come carburanti. L’importo sarà assegnato annualmente a un Fondo per il rinnovo del materiale rotabile del ministero delle Infrastrutture. Successivamente ogni anno un decreto Infrastrutture fisserà gli interventi da realizzare con le risorse messe a disposizione, nell’ambito del trasporto pubblico locale interregionale, regionale e locale. In particolare il rinnovo interesserà prioritariamente le tratte a più intenso traffico pendolare, considerando anche l’entità complessiva del traffico passeggeri delle singole tratte.

9 Settembre 2009 0

Trasporto pubblico esteso fino alla zona univesitaria della Folcara

Di Comunicato Stampa

A partire da metà settembre il servizio di trasporto pubblico urbano sarà esteso fino al Polo Didattico della Folcara. Lo annuncia l’assessore ai trasporti del Comune di Cassino, l’architetto Giulio Mastronardi, dopo l’incontro avuto a Roma con l’assessore regionale ai trasporti Franco Dalia alla presenza dell’assessore provinciale ai trasporti Gabriele Picano. Durante l’incontro Mastronardi e Picano hanno evidenziato la crescente domanda di trasporto pubblico verso il Polo Didattico della Folcara che nei prossimi giorni vedrà accrescere notevolmente la popolazione scolastica quando sarà formalizzato il trasferimento anche del Liceo Scientifico Pellecchia, che conta oltre mille presenze tra studenti, personale docente e non docente. “La Regione – afferma Mastronardi – si impegnata ad incrementare il chilometraggio delle linee urbane in occasione della delibera di pianificazione del trasporto pubblico locale che sarà adottata nei prossimi giorni. Ormai il Polo Folcara è una realtà ed è destinato ancora a crescere, per questo il potenziamento dei collegamenti pubblici con la città e l’apertura, speriamo a breve, del nuovo svincolo sulla SS 630 costituiscono due risposte importanti per le popolazioni scolastiche interessate e cioè Università, Istituto per Geometra, Liceo Scientifico, Itis. Con l’occasione, insieme al collega Picano, abbiamo esposto altre esigenze e problematiche legate all’ottimizzazione del nostro TPL che presto dovrebbero costituire tema di confronto in un tavolo tecnico tra Comune di Cassino, Amministrazione Provinciale di Frosinone e Regione Lazio”.