Un bando da 650 mila euro per ottimizzare l’energia negli ospedali

5 agosto 2009 0 Di redazione

E’ partito nei giorni scorsi il bando regionale, rivolto alle aziende specializzate nella gestione dell’energia, per l’efficientamento delle strutture ospedaliere che consentirà agli ospedali della Regione Lazio di incominciare a riqualificare il proprio patrimonio immobiliare sotto al profilo energetico. “Con lo stanziamento di 650 mila euro destinati alla diagnosi energetica e alla progettazione esecutiva degli interventi di riqualificazione energetica- – afferma Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio – in 12 strutture ospedaliere identificate in tutto il Lazio, intendiamo stimolare l’innovazione nella gestione dell’energia in un settore, come quello del terziario, che ha un grande peso sul fronte dei consumi energetici della nostra Regione. Al bando possono partecipare i grandi distributori obbligati di energia elettrica e gas e le società operanti nel settore dei servizi energetici (E.S.Co) accreditate presso l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG). – continua Zaratti – Sviluppare questo tipo di interventi nelle aziende ospedaliere della nostra regione ha una doppia valenza. In primo luogo andiamo ad aggredire in senso positivo uno dei settori del terziario più energivoro, quello ospedaliero, che è in funzione a pieno regime 24 ore su 24, mentre al tempo stesso mettiamo in moto un meccanismo di risparmio virtuoso che alleggerirà i conti della sanità pubblica, consentendo di spostare risorse dal consumo dell’energia ai servizi al cittadino. Il piano di rientro regionale attribuisce agli ospedali almeno un 20% di risparmio dei consumi energetici e ciò significa che è possibile risparmiare almeno 13 milioni di euro l’anno, ma da una serie di analisi emerge che questa cifra può crescere”.
“Per implementare con efficacia queste metodologie è necessario operare alcune scelte di carattere generale come: la piena applicazione della normativa che prevede l’individuazione degli energy manager, oggi spesso mancanti e con poco potere, rivitalizzandone il ruolo e coordinandoli, indirizzare i progetti per le nuove realizzazioni; la definizione di modalità definite perché tutto o parte del risparmio ottenuto possa essere speso dalle ASL per incrementare i servizi. – conclude Zaratti – Inoltre all’interno dei capitolati per i nuovi ospedali sono stati inseriti tutti gli elementi per aumentare l’uso efficiente dell’energia e si dovrebbero anche dare degli obiettivi di risparmio”.
Il bando è attivo dal 28 luglio, data della pubblicazione sul Burl e rimarrà aperto per 90 giorni da questa data.