La provincia di Chieti vicina allo stato di predissesto finanziario

29 giugno 2010 0 Di redazione

“L’amministrazione provinciale di Chieti prossima allo stato di predissesto finanziario”. Lo ha detto a chiare note il presidente Enrico Di Giuseppantonio, questa mattina a Lancino, rispondendo “picchè” alla proposta di miglioramento della rete stradale della città frentana fatta da una associazione di cittadini. Non è una novità che il presidente della provincia riferisce di una situazione economica allarmante dell’ente che amministra da poco più di un anno, questa mattina però, la sensazione avuta è che i nodi sembrano arrivare al pettine. “Lo stato di predissesto finanziario – ha spiegato Di Giuseppantonio – implicherebbe una forma di amministrazione controllata della Provincia”. Ciò significa che sarà possibile solo l’ordinario. A proposito di possibili finanziamenti, il presidente ha spiegato che la provincia ha solo un sistema, l’indebitamento attraverso i mutui e non può essere superata la somma 3,5 milioni di euro; soldi che però sono necessari per la gestione e manutenzione delle scuole di competenza e della rete stradale esistente. Altre possibilità potrebbero arrivare dalla Regione Abruzzo? Ma nemmeno per sogno. L’amministrazione Chiodi che io non ho votato ma che sto apprezzando, ha detto Di Giuseppantonio, sta lavorando al risanamento delle casse come è giusto che sia. “E’ necessario che finalmente anche noi uniamo le forze al di la dei colori politici lavorando sullo stesso binario: comune, provincia, regione” ha detto il presidente citando il sistema Lega Nord.
Ermanno Amedei
ermadei@libero.it